“ATEX”
VALUTAZIONE DEL RISCHIO
DI ATMOSFERE ESPLOSIVE

ATMOSFERE ESPLOSIVE
Direttiva 94/9/CE - ATEX in
materia di prodotti...
Titolo XI del D.Lgs. 81/2008:
PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE
Definizione di Esplosione (UNI EN 1127-1) :
Brusca reazion...
Titolo XI del D.Lgs. 81/2008:
PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE
La teoria del triangolo del fuoco rimane valida:

TRIANGOL...
Titolo XI del D.Lgs. 81/2008:
PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE
Definizione zone pericolose
LEL: Limite Inferiore d’Esplod...
Titolo XI del D.Lgs. 81/2008:
PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE
Definizione (art.288):
“atmosfera esplosiva”
Una miscela c...
Titolo XI del D.Lgs. 81/2008:
PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE
ESCLUSIONI (art.287)
Aree utilizzate direttamente per le c...
Titolo XI del D.Lgs. 81/2008:
PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE
ESCLUSIONI (art.287)
Produzione, manipolazione, uso, stocc...
Titolo XI del D.Lgs. 81/2008:
PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE
ESCLUSIONI (art.287)
Mezzi di trasporto terrestre, maritti...
Titolo XI del D.Lgs. 81/2008:
PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE
Fossano (CN),
esplosione del
Molino Cordero:
morto un
45en...
Titolo XI del D.Lgs. 81/2008:
PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE
ESPLOSIONI DI POLVERI
Perché sia possibile un’esplosione d...
Titolo XI del D.Lgs. 81/2008:
PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE
Esempi di sostanze infiammabili ed alcune proprietà
Sostan...
Titolo XI del D.Lgs. 81/2008:
PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE
ESPLOSIONI DI POLVERI

Titolo XI del D.Lgs. 81/2008:
PROTE...
Titolo XI del D.Lgs. 81/2008:
PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE
1) PRESENZA DI SOSTANZE INFIAMMABILI
2) SORGENTI DI EMISSI...
Titolo XI del D.Lgs. 81/2008:
PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE
Classificazione delle aree a rischio di esplosione per la ...
Titolo XI del D.Lgs. 81/2008:
PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE
Esempio classificazione polveri

Titolo XI del D.Lgs. 81/2...
Titolo XI del D.Lgs. 81/2008:
PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE
e) ai rischi connessi alla manipolazione ed al travaso di
...
Titolo XI del D.Lgs. 81/2008:
PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE
Limitazione degli effetti delle esplosioni (misure di
prot...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

SEAGRUPPO - Atex protezione dalle atmosfere esplosive

807

Published on

Published in: Education
0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
807
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "SEAGRUPPO - Atex protezione dalle atmosfere esplosive"

  1. 1. “ATEX” VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI ATMOSFERE ESPLOSIVE ATMOSFERE ESPLOSIVE Direttiva 94/9/CE - ATEX in materia di prodotti destinati ad essere utilizzati in atmosfere potenzialmente esplosive Direttiva 1999/92/CE relativa alle prescrizioni minime per il miglioramento della tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori esposti al rischio di atmosfere esplosive STORIA Decreto Presidente Repubblica 23/03/1998 n° 126 D.Lgs. 12/06/2003 n° 233 Modifica D.Lgs. 626/94 Titolo XI D.Lgs. 81/2008 1
  2. 2. Titolo XI del D.Lgs. 81/2008: PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE Definizione di Esplosione (UNI EN 1127-1) : Brusca reazione di ossidazione o decomposizione che produce un aumento della pressione e/o della temperatura (onda di pressione e gradiente di temperatura). Titolo XI del D.Lgs. 81/2008: PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE Deflagrazione (UNI EN 1127-1) : Esplosione che si propaga a velocità subsonica. Detonazione (UNI EN 1127-1) : Esplosione che si propaga a velocità supersonica e caratterizzata da un’onda d’urto 2
  3. 3. Titolo XI del D.Lgs. 81/2008: PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE La teoria del triangolo del fuoco rimane valida: TRIANGOLO DEL FUOCO : Combustibile Comburente Temperatura/calore Titolo XI del D.Lgs. 81/2008: PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE La teoria del triangolo del fuoco rimane valida: TRIANGOLO DELL’ESPLOSIONE Gas, Vapori, Nebbie, Polveri, infiammabili Combustibile Comburente Temperatura/calore 3
  4. 4. Titolo XI del D.Lgs. 81/2008: PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE Definizione zone pericolose LEL: Limite Inferiore d’Esplodibilità (Lower Esplosive Limit) UEL: Limite Superiore d’Esplodibilità (Upper Esplosive Limit) Titolo XI del D.Lgs. 81/2008: PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE Sorgenti di IGNIZIONE O INNESCO - superfici calde (es. surriscaldamento); - fiamme o gas caldi, particelle incandescenti; - scintille di origine meccanica (es. attrito, urto, abrasione, ecc.), comprese quelle provenienti dalle attrezzature di lavoro (es. cacciaviti, chiavi, martelli, seghe, mole, saldatrici, ecc.); - impianti elettrici (archi, scintille o temperature elevate); - correnti elettriche vaganti e di protezione catodica; - cariche elettrostatiche con resistenza superficiale, comprese quelle che provengono dai lavoratori; - fulmini; - campi elettromagnetici con frequenza tra 9 kHz e 300 GHz; - onde elettromagnetiche a radiofrequenza da 300 GHz a 3·106 GHz - radiazioni ionizzanti (es. raggi X); - ultrasuoni; - compressioni adiabatiche, onde d’urto, fuoriuscita di gas; - reazioni chimiche (reazioni esotermiche), compresa l’autocombustione di polveri; 4
  5. 5. Titolo XI del D.Lgs. 81/2008: PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE Definizione (art.288): “atmosfera esplosiva” Una miscela con l'aria, a condizioni atmosferiche, di sostanze infiammabili allo stato di gas, vapori, nebbie o polveri in cui, dopo accensione, la combustione si propaga nell’insieme della miscela incombusta Titolo XI del D.Lgs. 81/2008: PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE Per CONDIZIONI ATMOSFERICHE si intendono condizioni nelle quali la concentrazione di ossigeno nell’atmosfera è approssimativamente del 21% e che includono variazioni di pressione e temperatura al di sopra e al di sotto dei livelli di riferimento, denominate condizioni atmosferiche normali (pressione pari a 101325 Pa, temperatura pari a 293 K), purché tali variazioni abbiano un effetto trascurabile sulle proprietà esplosive della sostanza infiammabile o combustibile 5
  6. 6. Titolo XI del D.Lgs. 81/2008: PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE ESCLUSIONI (art.287) Aree utilizzate direttamente per le cure mediche dei pazienti, nel corso di esse Titolo XI del D.Lgs. 81/2008: PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE ESCLUSIONI (art.287) Apparecchi a gas di cui al decreto del Presidente della Repubblica 15 novembre 1996, n. 661; 6
  7. 7. Titolo XI del D.Lgs. 81/2008: PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE ESCLUSIONI (art.287) Produzione, manipolazione, uso, stoccaggio e trasporto di esplosivi o di sostanze chimicamente instabili; Titolo XI del D.Lgs. 81/2008: PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE ESCLUSIONI (art.287) Industrie estrattive a cui si applica il decreto legislativo 25 novembre 1996, n. 624 7
  8. 8. Titolo XI del D.Lgs. 81/2008: PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE ESCLUSIONI (art.287) Mezzi di trasporto terrestre, marittimo, fluviale e aereo Titolo XI del D.Lgs. 81/2008: PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE ESPLOSIONI DI POLVERI 8
  9. 9. Titolo XI del D.Lgs. 81/2008: PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE Fossano (CN), esplosione del Molino Cordero: morto un 45enne, 4 feriti gravi deceduti successivamente Lunedì, 16 luglio 2007 Titolo XI del D.Lgs. 81/2008: PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE ESPLOSIONI DI POLVERI Le esplosioni di polveri industriali che causano danni estesi restano fenomeni eccezionali, ma esplosioni meno devastanti sono assai frequenti. Attualmente avvengono in Europa più di un’esplosione di polveri al giorno. Su 400 esplosioni registrate in industrie agroalimentari, i tipi di impianti coinvolti sono qui di seguito rappresentati: • Trasportatori (elevatori) 26,7% • Sili 22,9% • Frantoi (mulini) 18,1% • Depolverazione (filtri) 9,5% • Essiccatoi 7,6% • Setacciatura 2,8% • Camera dei forni 1,9% • Altri 10,5% 9
  10. 10. Titolo XI del D.Lgs. 81/2008: PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE ESPLOSIONI DI POLVERI Perché sia possibile un’esplosione da polveri devono realizzarsi contemporaneamente le seguenti condizioni: • la polvere deve essere combustibile; • la polvere deve poter formare una nube; • la polvere deve avere una idonea granulometria; • la concentrazione della polvere deve essere nel campo di esplodibilità; • la nube di polvere deve contattare un innesco di sufficiente energia; • l’atmosfera entro la quale si genera la nube di polvere deve contenere sufficiente comburente (ossigeno). Titolo XI del D.Lgs. 81/2008: PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE CARATTERISTICHE DELLE POLVERI a. Granulometria µm b. MIE (Minima energia di innesco) mJ c. MIT (Minima temperatura di innesco della nube) °C d. LIT (Temperatura di innesco dello strato di 5mm) °C e. Temperatura di auto accensione in volume confinato f. Pmax (Massima pressione di esplosione) bar g. Kst (Costante di deflagrazione) bar*m/s h. St (Classe di esplosione) i. LEL (Limite inferiore di esplosività) g/m3 j. Classe di infiammabilità (Classi 1–2–3–4–5–6) k. Resistività Ωm l. LOC Limite di concentrazione ossigeno 10
  11. 11. Titolo XI del D.Lgs. 81/2008: PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE Esempi di sostanze infiammabili ed alcune proprietà Sostanza T infiam. °C LEL % vol Metano <0 4,4 17 537 Idrogeno <0 4 75 500 Etanolo 12 3,50 15 363 UEL % vol T autoacc. °C Benzina <0 < 0,70 5,90 280 Acetone -20 2,5 13 465 Gasolio 55-65 1 6 330 Polvere di Legno 60 g/mc 490 Caffè 60 g/mc 470 60 g/mc 360 15 mg/mc 420 Zucchero Polietilene Titolo XI del D.Lgs. 81/2008: PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE ESPLOSIONI DI POLVERI Esplosione primaria: esplosione che coinvolge la porzione di polvere aerodispersa e provoca, a seguito di turbolenza, espansione e moti convettivi che portano non solo a danni strutturali diretti, ma anche al sollevamento delle polveri eventualmente depositate nei condotti o negli ambienti coinvolti. Esplosione secondaria: esplosione in cui le polveri sollevate dall’esplosione primaria partecipano a loro volta alla reazione esplosiva, amplificando anche sostanzialmente gli effetti distruttivi dell'esplosione primaria. 11
  12. 12. Titolo XI del D.Lgs. 81/2008: PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE ESPLOSIONI DI POLVERI Titolo XI del D.Lgs. 81/2008: PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE Obblighi del datore di lavoro valuta i rischi specifici derivanti da atmosfere esplosive: 1) Sorgenti di emissione 2) Classificazione delle zone 3) Presenza delle fonti di ignizione Se la natura dell'attivita' non consente di prevenire la formazione di atmosfere esplosive, il datore di lavoro deve: • evitare l'accensione di atmosfere esplosive; • attenuare gli effetti pregiudizievoli di un'esplosione in modo da garantire la salute e la sicurezza dei lavoratori. 12
  13. 13. Titolo XI del D.Lgs. 81/2008: PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE 1) PRESENZA DI SOSTANZE INFIAMMABILI 2) SORGENTI DI EMISSIONE 3) PORTATA DELLE SORGENTI DI EMISSIONE 4) GRADO DI VENTILAZIONE 5) DEFINIZIONE ZONE PERICOLOSE 6) ESTENSIONE ZONE PERICOLOSE Titolo XI del D.Lgs. 81/2008: PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE Sorgenti di EMISSIONE Un punto o una parte di impianto da cui può essere emessa nell’atmosfera un gas, un vapore o un liquido infiammabile o una polvere infiammabile con modalità tale da originare un’atmosfera esplosiva emissione di grado continuo: emissione continua o che può avvenire frequentemente o per lunghi periodi; emissione di primo grado: emissione che può avvenire periodicamente od occasionalmente durante il funzionamento normale; emissione di secondo grado: emissione che non è prevista durante il funzionamento normale e che se avviene è possibile 13
  14. 14. Titolo XI del D.Lgs. 81/2008: PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE Classificazione delle aree a rischio di esplosione per la presenza di gas, vapori o nebbie - Allegato XLIX D.Lgs. 81/08 (direttiva 99/92/CE) ZONA 0 ZONA 1 ZONA 2 Area in cui è presente in permanenza o per lunghi periodi o frequentemente un'atmosfera esplosiva consistente in una miscela di aria e di sostanze infiammabili sotto forma di gas, vapore o nebbia. Area in cui la formazione di un'atmosfera esplosiva, consistente in una miscela di aria e di sostanze infiammabili sotto forma di gas, vapori o nebbia, è probabile che avvenga occasionalmente durante le normali attività. Area in cui durante le normali attività non è probabile la formazione di un'atmosfera esplosiva consistente in una miscela di aria e di sostanze infiammabili sotto forma di gas, vapore o nebbia o, qualora si verifichi, sia unicamente di breve durata. Titolo XI del D.Lgs. 81/2008: PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE Classificazione delle aree a rischio di esplosione per la presenza di polvere combustibile - Allegato XLIX D.Lgs. 81/08 (direttiva 99/92/CE) ZONA 20 ZONA 21 ZONA 22 Area in cui è presente in permanenza o per lunghi periodi o frequentemente un'atmosfera esplosiva sotto forma di nube di polvere combustibile nell'aria. Area in cui la formazione di un'atmosfera esplosiva sotto forma di nube di polvere combustibile nell'aria, è probabile che avvenga occasionalmente durante le normali attività. Area in cui durante le normali attività non è probabile la formazione di un'atmosfera esplosiva sotto forma di nube di polvere combustibile o, qualora si verifichi, sia unicamente di breve durata. 14
  15. 15. Titolo XI del D.Lgs. 81/2008: PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE Esempio classificazione polveri Titolo XI del D.Lgs. 81/2008: PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE Il datore di lavoro provvede affinché i lavoratori vengano informati e formati in relazione al risultato della Valutazione dei Rischi, riguardo: a) alle misure adottate relativamente alla protezione da atmosfere esplosive; b) alla classificazione delle zone; c) alle modalità operative necessarie a minimizzare la presenza e l'efficacia delle sorgenti di accensione; d) ai rischi connessi alla presenza di sistemi di protezione dell'impianto; 15
  16. 16. Titolo XI del D.Lgs. 81/2008: PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE e) ai rischi connessi alla manipolazione ed al travaso di liquidi infiammabili e/o polveri combustibili; f) al significato della segnaletica di sicurezza e degli allarmi ottico/acustici; g) agli eventuali rischi connessi alla presenza di sistemi di prevenzione delle atmosfere esplosive, con particolare riferimento all'asfissia; h) all’uso corretto di adeguati dispositivi di protezione individuale e alle relative indicazioni e controindicazioni all’uso. Titolo XI del D.Lgs. 81/2008: PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE Capo II - Obblighi del datore di lavoro Art. 289. - Prevenzione e protezione contro le esplosioni 1. Ai fini della prevenzione e della protezione contro le esplosioni, …, il datore di lavoro adotta le misure tecniche e organizzative adeguate alla natura dell'attività; in particolare il datore di lavoro previene la formazione di atmosfere esplosive. 2. Se la natura dell'attività non consente di prevenire la formazione di atmosfere esplosive, il datore di lavoro deve: a) evitare l'accensione di atmosfere esplosive; b) attenuare gli effetti pregiudizievoli di un'esplosione in modo da garantire la salute e la sicurezza dei lavoratori. 16
  17. 17. Titolo XI del D.Lgs. 81/2008: PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE Limitazione degli effetti delle esplosioni (misure di protezione costruttive contro le esplosioni): 1. Progettazione resistente alle esplosioni 2. Scarico della pressione di esplosione 3. Soppressione delle esplosioni 4. Prevenzione della propagazione dell'esplosione (isolamento dell'esplosione) Titolo XI del D.Lgs. 81/2008: PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE D.Lgs. 126/98 Marcatura ATEX 17

×