SEAGRUPPO - 3. dpi

647 views
469 views

Published on

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
647
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

SEAGRUPPO - 3. dpi

  1. 1. TITOLO IV D.lgs. 626/94 USO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (D.P.I.) I dispositivi di protezione si suddividono in: COLLETTIVI INDIVIDUALI Mezzi e sistemi di tipo organizzativo Dispositivi destinati all’uso personale
  2. 2. PRINCIPI FONDAMENTALI Art.3 D.lgs.626/94 ELIMINAZIONE DEL RISCHIO ISOLAMENTO DEL RISCHIO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE COLLETTIVA ALLONTANAMENTO DELL’OPERATORE In presenza di RISCHIO RESIDUO PREVEDERE L’IMPIEGO DEI DPI Per Dispositivo di Protezione Individuale (DPI) si intende (art.40 D.Lgs.626/94): qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo contro uno o più rischi suscettibili di minacciare la sicurezza o la salute durante il lavoro, nonché ogni complemento o accessorio destinato a tale scopo. Ogni altro normale indumento di lavoro o attrezzatura che non sia specificatamente adibita alla protezione del lavoratore non è un DPI
  3. 3. NON SONO DPI (esclusioni): Non sono compresi tra i DPI, gli indumenti di lavoro ordinari e le uniformi non specificamente destinati a proteggere il lavoratore da eventuali rischi PRESENTI nel luogo di lavoro. Alla luce di quanto sopra esposto, non sono dunque da considerare DPI, ad esempio, le uniformi dei camerieri od i copricapi che i cuochi devono indossare durante il lavoro per motivi igienici, in quanto non destinati a proteggere tali categorie di lavoratori dai rischi connessi alla loro attività. REQUISITI DPI (art.42 D.Lgs.626/94) I DPI per essere a norma di legge devono soddisfare i seguenti requisiti generali: possesso della marcatura CE (D.lgs. 475/1992) e di tutte le certificazioni previste; presenza di istruzioni di utilizzo chiare, in lingua italiana o comunque in lingua comprensibile dal lavoratore; adeguatezza del DPI al rischio da prevenire (si deve evitare, in sostanza, che il DPI sia un rischio maggiore di quello che deve prevenire); adeguatezza del DPI alle esigenze ergonomiche e di salute del lavoratore.
  4. 4. OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO (art.43 D.Lgs.626/94) Individuare, sulla base della valutazione dei rischi e dei DPI disponibili, i DPI più: idonei a proteggere i lavoratori; Fornire i DPI con marchio CE; Fissare le condizioni d’uso e manutenzione ; Verificare che le istruzioni d’uso siano in lingua comprensibile dal lavoratore; Verificare il corretto utilizzo dei DPI in base alle istruzioni fornite; Aggiornare la scelta dei DPI in funzione della variazione dei rischi presenti nel luogo di lavoro. OBBLIGHI DEL LAVORATORE (art.44 D.Lgs.626/94) I lavoratori hanno i seguenti obblighi: devono utilizzare i DPI messi a loro disposizione, in base alle modalità fornite nel corso di formazione, informazione ed addestramento; devono avere cura dei DPI, senza modificarne le caratteristiche di propria iniziativa; devono segnalare prontamente al datore di lavoro, al dirigente o al preposto, qualunque rottura o difetto dei DPI messi a loro disposizione; devono attenersi alle procedure aziendali riguardo la riconsegna dei DPI, al termine dell’orario di lavoro.
  5. 5. CATEGORIE DEI DPI D.lgs.n.475/1992 I dispositivi di protezione sono suddivisi in tre grandi categorie, secondo il grado di rischio che devono eliminare I categoria II categoria III categoria Ogni DPI oltre al marchio CE deve riportare la sua marcatura specifica che lo identifica sotto il profilo della classe di appartenenza. PRIMA CATEGORIA Appartengono a questa categoria i DPI di progettazione semplice destinati a salvaguardare la persona da rischi di danni fisici di lieve entità Alcuni esempi: Guanti per giardinaggio Filtri per protezione dai raggi solari
  6. 6. TERZA CATEGORIA - SALVAVITA Appartengono a questa categoria i DPI di progettazione complessa destinati a salvaguardare da rischi di morte o lesioni gravi e di carattere permanente Alcuni esempi: Dispositivi contro le cadute dall’alto Gli apparecchi di protezione delle vie respiratorie (autorespiratori) SECONDA CATEGORIA Appartengono a questa categoria i DPI che non rientrano nelle categorie precedenti Alcuni esempi: Protettori auricolari Guanti per rischi meccanici Guanti in maglia metallica
  7. 7. SCELTA DEI DPI La scelta per un certo DPI piuttosto che per un altro scaturisce da un raffronto fra: requisiti richiesti in conseguenza dell’analisi dei rischi lavorativi; caratteristiche delle sostanze; modalità di impiego e di esposizione degli addetti. Oltre alla marcatura CE ogni DPI deve poter essere identificabile attraverso la sua marcatura specifica La marcatura deve riportare: Il nome, il marchio o altro elemento che identifichi il fabbricante Il codice o il nome commerciale di riferimento Qualsiasi riferimento opportuno per l’identificazione del DPI. (taglia, pittogrammi, prestazioni etc.) La marcatura deve essere indelebile per tutta la durata del DPI
  8. 8. CRITERI DI SCELTA E CARATTERISTICHE DA INDIVIDUARE La scelta dei DPI non deve essere casuale: il datore di lavoro deve individuare "il meglio" in commercio in relazione allo specifico rischio da evitare o ridurre. Si ricorda, in proposito, che l’art. 2087 c.c. dispone l’obbligo di adottare tutte le misure che, secondo l’esperienza e la tecnica, sono necessarie a tutelare l’integrità fisica del lavoratore; i concetti così espressi sono anche ripresi dall’art. 4 c. 5 lettera "b" del D.Lgs 626/94 allorché viene evidenziata la necessità di aggiornamento della scelta delle misure di prevenzione (e quindi anche dei DPI) in relazione all’evoluzione delle conoscenze tecniche. Per situazioni non particolarmente complesse sono da ritenere d’ausilio, ai fini della scelta del DPI, gli Allegati III e IV del D.Lgs 626/94
  9. 9. UTILIZZAZIONE DEI DPI Normalmente, secondo quanto previsto dalla normativa, l’uso dei DPI non può essere previsto ed imposto per tutta la durata del turno lavorativo. E’ da sottolineare che, per meglio assolvere i propri compiti, i datori di lavoro devono avvalersi del medico competente per esprimere parere sull’adeguatezza o meno dei DPI adottati in relazione all’utente che li indossa. In caso di intolleranza la soluzione migliore è quella che, appunto, comporta il ricorso dell’utilizzatore al medico competente; questi potrà anche disporre - in casi particolari - eventuali accertamenti specialistici (es.: visita ortopedica per individuare scarpe di protezione più adeguate nel caso specifico) e dovrà comunque assicurare il datore di lavoro, nell’ambito della sorveglianza da lui effettuata, sulla compatibilità del DPI infine selezionato con le esigenze dell’utilizzatore. ADDESTRAMENTO DPI TERZA CATEGORIA La norma prevede addestramento obbligatorio per i DPI di III categoria e, oltre a questi, per gli otoprotettori (per i quali sono stati segnalati problemi legati a tollerabilità e compatibilità con gli utilizzatori). Tuttavia, nonostante la limitazione normativa, è altamente consigliabile che l’addestramento venga effettuato anche per altre tipologie di DPI al fine di completare la "formazione" all’utilizzazione di tali dispositivi. Si raccomanda infine che l’avvenuto addestramento venga testimoniato in modo idoneo, per esempio mediante registri firmati anche dai preposti o attraverso altri metodi.
  10. 10. ADDESTRAMENTO L’informazione e la formazione debbono essere ovviamente comprensibili (termine questo che si estende anche agli eventuali lavoratori stranieri nell’impresa) e, indipendentemente dall’esibizione di documenti, attestazioni o altro che accertino il formale assolvimento dell’obbligo, nella logica del sostanziale rispetto della norma potranno essere individuati anche altri elementi di verifica che confermino l’efficacia dell’informazione ovvero della formazione e dell’addestramento. Per esempio potrebbe essere utile disporre di schede di verifica sull’apprendimento e campagne di valutazione e verifiche sull’uso prima e dopo l’effettuazione di momenti formativi. Per quanto riguarda il controllo sull’addestramento potrà essere assai semplicemente effettuato mediante richiesta al lavoratore di indossare il DPI secondo le istruzioni e l’addestramento ricevuti. TIPOLOGIE DI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE
  11. 11. DPI sono classificati in base alle parti del corpo che devono proteggere (allegato IV del D.Lgs. n. 626/94): dispositivi di protezione della testa; dispositivi di protezione dell'udito; dispositivi di protezione degli occhi e del viso; dispositivi di protezione delle vie respiratorie; dispositivi di protezione delle mani e delle braccia; dispositivi di protezione dei piedi e delle gambe; dispositivi di protezione della pelle; dispositivi di protezione del tronco e dell'addome; dispositivi di protezione dell'intero corpo; indumenti di protezione. PROTEZIONE DEL CAPO
  12. 12. PROTEZIONE DEL CAPO Gli “elmetti“e i “caschi” sono destinati a proteggere le zone parietali, la sommità del capo e la nuca. Sono generalmente realizzati con materiale plastico resistente (policarbonato) e nel contempo leggero. Servono a proteggere da: Rischi da agenti meccanici (cadute di oggetti, urti e impigliamento dei capelli Rischi chimici (gocciolamenti o spruzzi di prodotti chimici…) PROTEZIONE DEL CAPO Norma EN 397 La norma EN397, relativa agli "elmetti di protezione per le industrie", esige quanto segue per la marcatura: Ogni elmetto deve avere un marchio stampato o impresso che riporti le seguente indicazioni: a) il numero della presente norma europea, b) il nome o la marca del fabbricante, c) l'anno e il trimestre di fabbricazione, d) il tipo di elmetto e) la taglia o la scala taglie 24
  13. 13. PROTEZIONE DEL VISO E OCCHI Norma EN 166 PROTEZIONE DEL VISO E OCCHI Gli occhiali insieme agli schermi e alle visiere sono finalizzati a proteggere viso e occhi e sono i più importanti DPI, utilizzabili in molteplici situazioni. Devono essere conformati in modo da garantire un ampio campo visivo; ottima trasparenza, assenza di effetti sferici, astigmatici o prismatici. Devono proteggere da: Rischi da agenti meccanici ( urti, schegge…) Rischi da esposizione a radiazioni (laser, fiamme ossiacetileniche…) Rischi chimici (polveri, liquidi corrosivi, sostanze tossiche…)
  14. 14. PROTEZIONE ARTI SUPERIORI PROTEZIONE ARTI SUPERIORI In determinate lavorazioni che comportano dei rischi per mani e braccia, è necessario utilizzare dei mezzi di protezione come i guanti. A) B) C) D) Agenti fisici meccanici e termici Elettricità Guanti per protezione da agenti chimici Guanti per protezione da agenti biologici
  15. 15. PROTEZIONE ARTI SUPERIORI Pittogramma Norma di riferimento Livelli di prestazione EN 388 Rischi meccanici a resistenza all’abrasione b resistenza al taglio da lama c resistenza allo strappo d resistenza alla perforazione EN 388 Rischi meccanici Rischi di impatto EN 388 Rischi meccanici indice Elettricità statica EN 374 Rischi Resistenza alla penetrazione di microchimici e micro- organismi attraverso materiali porosi, organismi cuciture, ecc. EN 374 Rischi Resistenza a danni chimici chimici e micro- (tempo di permeazione) organismi 0-4 0-5 0-4 0-4 1-3 1-6 PROTEZIONE ARTI SUPERIORI Pittogramma Norma di riferimento EN 407 Rischi da calore EN 511 Protezione dal freddo EN 421 Protezione da radiazioni ionizzanti e contaminazione radioattiva Livelli di prestazione indice -Resistenza all’infiammabilità -Resistenza al calore di contatto -Resistenza al calore convettivo -Resistenza al calore radiante - Resistenza a spruzzi di materiale fuso -Resistenza a grandi quantità di materiale fuso 0-4 0-5 0-4 0-4 -resistenza al freddo di convenzione -resistenza al freddo di contatto - resistenza all’acqua (0 perm.30’) 0-4 0-4 0-1
  16. 16. PROTEZIONE ARTI INFERIORI PROTEZIONE ARTI INFERIORI La protezione interessa tutta la parte della gamba, dal ginocchio al piede compreso e viene effettuata con l’ausilio di dispositivi diversi. Le calzature antinfortunistiche si differenziano in funzione del pericolo da cui si devono preservare. Caratteristiche: Puntale in acciaio (rischi meccanici) Lamina metallica antiperforazione Impermeabilizzazione (rischi chimici) Resistenza al calore (rischi termici)
  17. 17. PROTETTORI AURICOLARI PROTETTORI AURICOLARI I mezzi di protezione auricolare rappresentano una soluzione efficace per la protezione dei lavoratori dal danno provocato da rumore (ipoacusia) quando i mezzi tecnici di abbattimento delle sorgenti di rumore si rivelano insufficienti o non praticabili. I protettori auricolari interrompono la pressione a livello dell’orecchio esterno, generando una riduzione dell’intensità rumorosa
  18. 18. PROTETTORI AURICOLARI CUFFIE Sono costituite da conchiglie che coprono le orecchie e creano un contatto ermetico con la testa per mezzo di cuscinetti morbidi solitamente riempiti con liquido o espanso. Le conchiglie sono solitamente rivestite con materiale fonoassorbente. Tipi di archetti che collegano le conchiglie Le cuffie sono disponibili con archetti di sostegno che passano sopra alla testa, dietro la nuca, sotto il mento, sul naso e universali. Le cuffie con archetto di sostegno dietro alla nuca e sotto il mento consentono di indossare contemporaneamente un elmetto di sicurezza. Gli archetti universali possono essere indossati sulla testa, dietro alla nuca e sotto il mento. Gli archetti universali, gli archetti di sostegno dietro alla nuca e sotto il mento possono essere integrati da cinghie di sostegno che assicurino un adattamento affidabile alla cuffia. INSERTI AURICOLARI Si tratta di protettori auricolari che vengono inseriti nel meato acustico esterno oppure posti nella conca del padiglione auricolare per chiudere a tenuta l’imbocco del meato acustico esterno. Talvolta sono provvisti di un cordone o di un archetto di interconnessione. Gli inserti auricolari si suddividono in due categorie: inserti monouso: destinati ad essere utilizzati una sola volta; inserti riutilizzabili: destinati ad essere utilizzati più volte. Inserti auricolari prestampati Inserti auricolari modellabili dall’utilizzatore Inserti auricolari realizzati su misura Inserti auricolari con archetto norma EN 458 : fornisce i criteri per la valutazione del grado di protezione necessario (SNR) 35 PROTEZIONE DELLE VIE RESPIRATORIE RESPIRATORI Dipendenti dall’atmosfera Indipendenti dall’atmosfera RESPIRATORI A FILTRO RESPIRATORI ISOLANTI • ossigeno < 19.5% * • concentrazione dei contaminanti > limiti del respiratore a filtro (FPO) • gas e vapori con soglia olfattiva > TLV (esaurim. filtro) 36
  19. 19. Selezione del Respiratore Respiratori a filtro I respiratori a filtro si suddividono in tre categorie: Respiratori a Filtro Contro polveri Contro gas e vapori Combinati: contro gas, vapori e polveri 37 Selezione del Respiratore Respiratori per gas e vapori Le sostanze sono trattenute mediante l’azione chimico-fisica di carboni attivi presenti nel filtro. L’azione del filtro può essere associato al funzionamento di una spugna che assorbe l’acqua. 38
  20. 20. Selezione del Respiratore Respiratori antipolvere Per i respiratori o filtri antipolvere sono state definite 3 classi (EN 149- EN 143) in funzione dell’efficienza filtrante* (FPO) del dispositivo: FPO P1 4 P2 10 - 16 P3 30 - 400 * In relazione al fattore di protezione cioè il rapporto tra la concentrazione del contaminante nell’ambiente e la sua concentrazione all’interno del facciale. 39 Selezione del Respiratore Classificazione dei filtri antigas Le principali tipologie di filtro definite dalla normativa UNI EN 141 e 405 sono le seguenti: A A Gas e vapori organici con punto di ebollizione superiore a 65°C B B Gas e vapori inorganici E E Gas acidi K K Ammoniaca e derivati 40
  21. 21. Selezione del Respiratore Classificazione dei filtri speciali antigas Esistono poi dei filtri speciali, specifici per le sostanze qui indicate: AX Gas e vapori organici con punto di ebollizione inferiore a 65°C (EN371) SX Sostanze specificatamente indicate (EN 372) Hg-P3 Mercurio (EN 141) Form Formaldeide 41 Selezione del Respiratore Filtri antigas: Per ogni tipo di filtro esistono tre classi di protezione in base alla capacità cioè la quantità di contaminante che il filtro è in grado di assorbire e quindi la durata (e non l’efficienza filtrante che è 100%). CLASSE CAPACITA’ LIMITE DI UTILIZZO 1 BASSA 1000 ppm 2 MEDIA 5000 ppm 3 ALTA 10000 ppm L’efficienza filtrante totale per un dispositivo antigas è determinata dal tipo di maschera e non dal filtro utilizzato. DISPOSITIVO FPO Semimaschera 30 Pieno facciale 400 42

×