Presentazione Orlando Per Sito

1,163 views

Published on

Il laboratorio “Diamo un volto ai personaggi dell’Orlando Furioso”
è stato proposto alla classe 2^A
con l’intento di avvicinare i ragazzi al poema di Ariosto in modo giocoso e accattivante.
La lettura del poema aveva seguito alcuni percorsi tematici legati ai personaggi più evocativi:
Orlando, Angelica, Rinaldo, Carlo Magno, e in seguito Ferraù, Bradamante, Ruggero, il giovane Medoro, la maga Alcina, Melissa, Olimpia, Cimoso e l’archibugio…Ci è sembrato naturale tentare di dare un volto a questi personaggi, andando a cercare proprio nell’arte del Rinascimento un aiuto alla nostra immaginazione…Così è nata questa presentazione, frutto delle ricerche attraverso svariato materiale iconografico, con una precisa attenzione alla “psicologia” di ciascun personaggio. Le immagini e i dettagli sono stati scelti durante ricerche in piccolo gruppo, e in seguito proposte, discusse e condivise all’interno della classe. Un modo anche per verificare la comprensione da parte degli alunni, dei molteplici intrecci di questo magnifico, grande gioco letterario che è il “Furioso”.
Le scelte musicali sono rimaste nell’ ambito dell’ opzione personale di ciascun alunno ed hanno coperto un ampio ventaglio di sonorità, dalle note dell’”Orfeo” di Monteverdi a quelle più inusitate, ma di grande effetto, di “Satisfaction” dei Rolling Stones: con ampia libertà di scelta individuale e ancora di gioco.



Cremona, giugno 2007

Daniela Bardella

insegnante di Italiano

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,163
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
31
Actions
Shares
0
Downloads
28
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Presentazione Orlando Per Sito

  1. 1. Diamo un volto ai personaggi dell’Orlando Furioso Giochiamo con l’arte del Rinascimento
  2. 2. Le donne
  3. 3. I cavallieri
  4. 4. L’armi
  5. 5. Gli amori
  6. 6. Le cortesie, le audaci imprese io canto, che furo al tempo che passaro i mori…
  7. 7. D’Africa il mare e in Francia nocquer tanto, seguendo l’ire e i giovenil furori d’Agramante lor re, che si diè vanto di vendicar la morte di Troiano
  8. 8. sopra re Carlo imperator romano.
  9. 9. Dirò d’Orlando in un medesmo tratto cosa non detta in prosa mai né in rima, che per amor venne in furore e matto
  10. 10. d’uom che sì saggio era stimato prima.
  11. 11. Nata pochi dì inanzi era una gara tra il conte Orlando e il suo cugin Rinaldo
  12. 12. Che ambi avean per la bellezza rara d’amoroso disio l’animo caldo.
  13. 13. Carlo, che non avea tal lite cara, che gli rendea l’aiuto lor men saldo,
  14. 14. Questa donzella, che la causa n’era, tolse, e diè in mano al duca di Baviera
  15. 15. In premio promettendola a qual d’essi ch’in quel conflitto, in quella gran giornata, degli infedeli più copia uccidessi.
  16. 16. Timida pastorella mai sì presta non volse piede inanzi a serpe crudo
  17. 17. Come Angelica tosto il freno torse che del guerrier, ch’a piè venìa, s’accorse.
  18. 18. Era costui quel paladin gagliardo, figliuol d’Amon, signor di Montalbano
  19. 19. A cui pur dianzi il suo destrier Baiardo per strano caso uscito era di mano
  20. 20. Su la riviera Ferraù trovosse di sudor pieno e tutto polveroso…
  21. 21. Dentro letto vi fan tenere erbette, ch’invitano a posar chi s’appresenta.
  22. 22. Se mi domanda alcun chi costui sia, …io dirò ch’egli è il re di Circassia, quel d’amor travagliato Sacripante
  23. 23. …fu Bradamante quella che t’ha tolto quanto onor mai tu guadagnasti al mondo
  24. 24. Non tanto il palazzo era escellente perché vincesse ogn’altro di ricchezza
  25. 25. Quanto ch’avea la più piacevol gente che fosse al mondo e di più gentilezza
  26. 26. La bella Alcina venne un pezzo inante verso Rugger fuor de le prime porte
  27. 27. Di persona era tanto ben formata, con bionda chioma lunga et annodata
  28. 28. Fece l’annel palese ancor, che quanto di beltà Alcina avea, tutto era estrano: estrano avea, e non suo, dal piè alla treccia; il bel ne sparve e ne restò la feccia.
  29. 29. …poi che Melissa fece ch’a riveder se ne tornò la fata con quell’annello davanti a cui non lece usar opra incantata…
  30. 30. Pallido, crespo e macilente avea Alcina il viso, il crin raro e canuto: sua statura a sei palmi non giungea..
  31. 31. Volgendosi ivi intorno, vide scritti molti arbuscelli in su l’ombrosa riva…
  32. 32. Tosto che fermi v’ebbe gli occhi e fitti…
  33. 33. Fu certo esser di man de la sua diva… Fu certo esser di man de la sua diva..
  34. 34. • Q Questo era un di quei lochi già descritti
  35. 35. Ove sovente con Medor veniva
  36. 36. Da casa del pastor indi vicina
  37. 37. La bella donna del Catai regina
  38. 38. Angelica e Medor con cento nodi legati insieme, e in cento lochi vede
  39. 39. Quante lettere son, tanti son chiodi coi quali Amore il cor gli punge e fiede
  40. 40. lascia Brigliadoro a un discreto garzon che n’abbia cura
  41. 41. Orlando, da gran furor commosso, e maglie e piastre si stracciò di dosso.
  42. 42. Ludovico Ariosto
  43. 43. Diamo un volto ai personaggi dell’Orlando Furioso • è stato realizzato dalla classe 2^A della Scuola Media Statale “M.G.Vida” scolastico 2006/2007
  44. 44. Riferimenti Iconografici • Le donne Guido Reni “ Il ratto di Elena” Parigi,

×