Mantova

951
-1

Published on

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
951
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
7
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Mantova

  1. 1. MANTOVALA CITTÀ DEI TRE LAGHI CLASSE 2I S.M.S. PEYRON FERMI
  2. 2. I giorni 8 e 9 marzo dell’anno 2010 sono stati indimenticabili. Siamo stati in gita a Mantova, insieme alla III B, alla IIIG e III H.Il mattino dell’8 marzo aspettavamo tutti ansiosamente il momento della partenza: era la prima volta che partivamo per una gita di due giorni tutti insieme. Salendo sul pullman ci siamo portati, oltre al bagaglio, mille emozioni: felicità, ansia, curiosità… Si parte!
  3. 3. Un bel panorama della città,circondata interamente dall’acqua.
  4. 4. Le tre Grazie
  5. 5. A bordo del battello sul fiume Mincio Donzelle felici…
  6. 6. Il lupo solitario…
  7. 7. Mal dimare…
  8. 8. Un mulino ad acqua
  9. 9. La vegetazione invernale del lago
  10. 10. Il Castello di San Giorgio visto dal battello
  11. 11. Le professoresse surgelate
  12. 12. Romeo e Giulietta…
  13. 13. PALAZZO TEPalazzo Te è opera di Giulio Romano, che nel 1525 lo ideòsu commissione del marchese Federico II Gonzaga. Egli lo utilizzò per i suoi svaghi e vi fece dimorare lamante"ufficiale" Isabella Boschetti. Il "Palazzo dei lucidi inganni" sorgeva al centro di unisola ricca di boschi e circondata dalle acque di un lago, ora prosciugato: misterioso, riccodi simboli e di miti che risaltano nelle sale stupendamente affrescate anche dallo stesso Giulio Romano, come la celeberrima sala dei giganti e quella di Amore e Psiche e, non ultima, la sala dei cavalli che celebra le scuderie gonzaghesche allepoca famose in tutta Europa.
  14. 14. L’esedra vista dall’esterno, mentre ci avviamo all’ingresso del palazzo Facce da… turisti
  15. 15. Il cortile interno
  16. 16. Le colonne di Palazzo Teimitano la roccia naturale
  17. 17. Particolare
  18. 18. Il cortile: le colonne sono finte, non sorreggono ma decorano
  19. 19. Siamo una squadra…
  20. 20. L’esedra
  21. 21. SALA DEI GIGANTI Rappresenta la caduta dei giganti dall’Olimpodopo che essi, ribellatisi a Giove, vennero fulminati
  22. 22. SALA DEI GIGANTI Particolare
  23. 23. Sala dei cavalli: qui FedericoGonzaga ha rappresentato i suoi amati cavalli
  24. 24. Cena in hotel: il meritato pasto!
  25. 25. A spasso per Mantova nelle ore piccole
  26. 26. Castello di San Giorgio
  27. 27. Castello di San GiorgioLa costruzione della possente mole del Castello ebbe inizio nel 1395 aopera di Bartolino da Novara. Il Castello sorse in città e unisce lanecessità di creare una valida difesa a quella di manifestare la propriapotenza.Bartolino decise di far sorgere il Castello presso lentrata del ponte pergarantirne la sua protezione, per essere un punto di avvistamentosullintero bacino lacustre e per diventare un rifugio sicuro in caso disommosse interne ed esterne.Il Castello è stato progettato a pianta quadra, con quattro torri angolari econtrotorri che difendono le tre porte di ingresso munite di ponti levatoi.Il Castello non fu adibito solo a scopo difensivo, ben presto cominciò adiventare parte integrante del più ampio Palazzo DucaleLarchitetto fiorentino Luca Fancelli realizzò lelegante porticorinascimentale che cinge il Castello sui due lati settentrionali che cingonoil cortile del Castello di San Giorgio.
  28. 28. Il Duomo
  29. 29. Un particolare della facciata
  30. 30. Palazzo Ducale
  31. 31. PALAZZO DUCALE Per il Palazzo Ducale di Mantova è forse più giusto parlare di città-palazzo, in quanto il complesso architettonico è costituito danumerosi edifici collegati tra loro da corridoi e gallerie, ed arricchito da cortili interni, alcunipensili, e vasti giardini. Già prima dellavvento al potere dei Gonzaga erano stati edificati i primi nuclei del Palazzo, ma la storia delcomplesso si identifica soprattutto con quelladella famiglia che governò la città fino al 1707.
  32. 32. PALAZZO DUCALE LA CAMERA PICTA Conosciuta comunemente come “Camera degli Sposi” si trova nel torrione nord est del Castello di San Giorgio. Fu dipinta da Andrea Mantegna negli anni dal 1465 al 1474. Nelle due pareti più buie sono dipinti dei tendaggi dorati, nelle duepiù luminose i finti tendaggi si aprono, rivelando i personaggi della corte dei Gonzaga.
  33. 33. Camera picta: il marchese Ludovico II e lamoglie Barbara di Brandeburgo sono attorniatida figli, familiari e consiglieri
  34. 34. PALAZZO DUCALEUn particolare dellascena precedente:Ludovico parla con il segretarioRaimondo dei Lupi, che gli sta consegnando una lettera.
  35. 35. PALAZZO DUCALE Particolare dellaScena dell’incontro,che rappresenta ungruppo di servitori con cavalli e cani.
  36. 36. PALAZZO DUCALE Scena dell’incontro: ai due lati Ludovico e Federico I, al centro, di fronte, il cardinaleFrancesco tiene per mano il fratello Ludovico, che tiene per mano Sigismondo, che a suavolta diventerà cardinale. Così è indicata la linea dei Gonzaga destinataalla carriera ecclesiastica.
  37. 37. L’oculo: per una illusione ottica, sembra che ilsoffitto sia aperto e che vari personaggi osservino quello che accade nella stanza.
  38. 38. Da questo arco si entra nella città antica
  39. 39. La chiesa di Sant’Andrea
  40. 40. Un dipinto della chiesa di Sant’Andrea
  41. 41. Piazza delle Erbe Il palazzo della Ragione realizzato nel 1250
  42. 42. Piazza delle Erbe Torre dell’orologio
  43. 43. La casa del mercante Nel Quattrocento, Boniforte da Concorezzo accumulò a Mantova una notevole fortuna, continuandonella professione del padre, cioè nelcommercio di lana e tele. In ereditàegli aveva ricevuto la "bèla botega", nella casa dove aveva sempreabitato, in Piazza delle Erbe, proprio nel centro della città. L’ambizioso, Boniforte volle che la sua bottegafosse diversa dalle altre e non badò a spese nella ristrutturazione dell’edificio. Fu incaricato uno deipiù famosi architetti del tempo: Luca Fancelli. Il lavoro fu eseguito nel1455, come attestano due iscrizioni poste sotto gli architravi della facciata. La casa divenne ilmassimo esempio delle ricche case di abitazione della Mantova di quel tempo.
  44. 44. Un particolare del fregio decorativo
  45. 45. L’interno delTeatroScientifico. Fucostruito daAntonioBibiena perordine di MariaTeresad’Austria. Ainaugurarlo fuMozart, all’etàdi soliquattordicianni!
  46. 46. Teatro scientifico: i palchi
  47. 47. Il monumento a Dante Alighieri
  48. 48. Sulla via del ritorno… Bla, bla, bla…
  49. 49. Amici per sempre…
  50. 50. ciao Mantova!

×