Your SlideShare is downloading. ×
0
Ricerca di Barbara Mussini
La British Petroleum Bp
La BP affitta la  Deepwater Horizon   dalla Svizzera   Transocean ,  la più grande compagnia al mondo nel settore delle tr...
La piattaforma La Deepwater Horizon è stata realizzata sulla base di Deepwater Nautilis, meno evoluta perché incapace di o...
TUTTI I NUMERI 8000 barili  estratti ogni g iorno grande come   due campi da calcio il pozzo di idrocarburi  più profondo ...
L’incidente
<ul><li>20 aprile 2010 </li></ul><ul><li>Deepwater Horizon, esplosione del Pozzo Macondo </li></ul><ul><li>11 morti </li><...
Dopo l’incidente
Le coste colpite dal disastro  Questa immagine è stata pubblicata il  1 maggio 2010 ,quando ormai la Marea Nera minacciava...
Diffidenze nei confronti  della compagnia
Mettiamoli a confronto Lo SLOGAN originale della compagnia petrolifera “ Beyond Petroleum” (“Al di là del petrolio”, oppur...
Mettiamoli a confronto SLOGAN IRONICI DI PROTESTA “ Biggest Polluter” “ Big Problem”
Mettiamoli a confronto Il logo originale della compagnia petrolifera
Loghi diffusi dopo l’incidente
 
I fluidi fuoriescono Ci sono almeno  tre falle  da cui fuoriescono petrolio e metano, riconoscibili perché assumono colori...
Cos’è successo alla piattaforma? 4°parte
<ul><li>Due giorni dopo  la </li></ul><ul><li>piattaforma si  </li></ul><ul><li>Rovescia, affondando e </li></ul><ul><li>d...
Sforzi per bloccare la fuoriuscita di greggio
Diversi tentativi  Come fermare il petrolio? <ul><ul><ul><ul><li>1.   4  ROV :robot filoguidati. </li></ul></ul></ul></ul>...
1. ROV: robot filoguidati <ul><li>cercano di chiudere le valvole  di sicurezza in una delle tre falle </li></ul><ul><li>sp...
5. Tappo di spazzatura <ul><li>Si prendono  detriti di varia natura  (pneumatici triturati,residui di </li></ul><ul><li>pa...
<ul><li>Un  quotidiano russo  propone di fermare la perdita con  un’esplosione nucleare </li></ul><ul><li>controllata.  </...
5. “siringa telecomandata” <ul><li>La “siringa telecomandata”ha un  diametro di  15 cm  ed è </li></ul><ul><li>inserita ne...
La “siringa telecomandata”
6. Top Kill: camera di contenimento <ul><li>Chiamata è alta  18 metri </li></ul><ul><li>(un edificio di  4 piani ),  </li>...
6. Top Kill: camera di contenimento <ul><li>La temperatura dell’acqua, di circa  6 gradi Celsius , e le pressioni di </li>...
Top Kill fallisce <ul><li>Si formano  idrati , simili a  ghiaccio , che costringono i tecnici a </li></ul><ul><li>interrom...
Troviamo una soluzione !
Pozzi  di sfogo <ul><li>È prevista la trivellazione di  due pozzi ad un miglio di </li></ul><ul><li>distanza , che  tolgan...
Operazione “Static Kill” <ul><li>Comincia il  3 agosto 2010 . </li></ul><ul><li>Obiettivo:tappare </li></ul><ul><li>defini...
Intervento del Pentagono <ul><li>Migliaia di metri di  reti </li></ul><ul><li>speciali (boom)  sono state </li></ul><ul><l...
Quanto petrolio è stato riversato in mare?
Mille barili di petrolio in mare?  FALSO! 1.   Inizialmente  la BP ha tentato di nascondere l’entità del disastro all’opin...
I petrolio non aspirato <ul><li>È stato bruciato in  incendi controllati  con una mistura di kerosene e gel </li></ul><ul>...
<ul><li>BIC:batteri idrocarburoclastici </li></ul><ul><li>Mangiano solo idrocarburi e non hanno le capacità enzimatiche pe...
I disperdenti I  disperdenti (tra cui il  Corexit , il butossietanolo)sono utilizzati per  disperdere  gli idrocarburi  in...
Impatto sulla salute A breve e medio termine Esacerbazione di malattie respiratorie e patologie alla pelle.  Le contaminaz...
Impatto ambientale <ul><li>Effetti  complessi e difficili da valutare .  </li></ul><ul><li>Prime vittime: plancton  nella ...
Impatto ambientale <ul><li>Nella costa del Golfo ci sono  2 milioni di zone umide, 400 specie </li></ul><ul><li>a rischio ...
Uragani e “piogge tossiche ”  <ul><li>Per fortuna  l’uragano Alex  non </li></ul><ul><li>ha minacciato direttamente la </l...
<ul><li>I primi segni di pioggia </li></ul><ul><li>tossica sono stati rilevati </li></ul><ul><li>nel  Tennessee :  macchie...
Come è potuto succedere?
<ul><li>Cause dell’incidente </li></ul><ul><li>cupidigia,convenienza,incuria  delle lobby petrolifere,oltre che  l’errore ...
Questione di profondità <ul><li>Nel  1994 , la profondità a cui si trivellava era </li></ul><ul><li>inferiore ai mille met...
Questione di sicurezza <ul><li>L’azienda sapeva che la  miscela di cemento  della struttura non </li></ul><ul><li>fosse a ...
Reazioni della popolazione
Interesse in alcuni paesi del mondo
La BP in Pakistan Dopo il terremoto del  2005  proprio la BP ha impegnato  un milione di dollari , a cui si sono aggiunte ...
Negli USA il livello d’interesse della popolazione per il fenomeno ha raggiunto il picco nel giugno 2010, ma successivamen...
Grafico interesse regionale
Interesse nelle singole città
Houston-Texas:
Houston-Texas <ul><li>Questa città non solo è coinvolta nel disastro </li></ul><ul><li>perché situata vicino alla costa, m...
<ul><li>Alcuni cittadini avevano  </li></ul><ul><li>acquistato rilevatori di </li></ul><ul><li>benzene nell’aria e facevan...
<ul><li>Per eliminare questi pericoli, combattere il cambiamento </li></ul><ul><li>climatico e l’acidificazione degli ocea...
FINE
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Marea nera nel golfo del messico

587

Published on

Realizzato da un alunno della Scuola Media Pertini di Reggio Emilia, classe 3°, con la supervisione delle insegnanti Amedea Ghirardini e Irene Russo.

Published in: Education
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
587
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
6
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "Marea nera nel golfo del messico"

  1. 1. Ricerca di Barbara Mussini
  2. 2. La British Petroleum Bp
  3. 3. La BP affitta la Deepwater Horizon dalla Svizzera Transocean , la più grande compagnia al mondo nel settore delle trivellazioni off-shore
  4. 4. La piattaforma La Deepwater Horizon è stata realizzata sulla base di Deepwater Nautilis, meno evoluta perché incapace di operare in posizionamento dinamico . Questo è un requisito fondamentale a causa delle acque burrascose del Golfo del Messico
  5. 5. TUTTI I NUMERI 8000 barili estratti ogni g iorno grande come due campi da calcio il pozzo di idrocarburi più profondo al mondo a circa 80 km dalla costa della Louisiana può ospitare circa 130 persone 9100 m = profondità della trivella
  6. 6. L’incidente
  7. 7. <ul><li>20 aprile 2010 </li></ul><ul><li>Deepwater Horizon, esplosione del Pozzo Macondo </li></ul><ul><li>11 morti </li></ul><ul><li>17 feriti su 126 persone </li></ul>Dinamiche dell’incidente
  8. 8. Dopo l’incidente
  9. 9. Le coste colpite dal disastro Questa immagine è stata pubblicata il 1 maggio 2010 ,quando ormai la Marea Nera minacciava seriamente le coste. La chiazza è grande come l’isola di Giamaica .
  10. 10. Diffidenze nei confronti della compagnia
  11. 11. Mettiamoli a confronto Lo SLOGAN originale della compagnia petrolifera “ Beyond Petroleum” (“Al di là del petrolio”, oppure “Non solo petrolio&quot;)
  12. 12. Mettiamoli a confronto SLOGAN IRONICI DI PROTESTA “ Biggest Polluter” “ Big Problem”
  13. 13. Mettiamoli a confronto Il logo originale della compagnia petrolifera
  14. 14. Loghi diffusi dopo l’incidente
  15. 16. I fluidi fuoriescono Ci sono almeno tre falle da cui fuoriescono petrolio e metano, riconoscibili perché assumono colori diversi.
  16. 17. Cos’è successo alla piattaforma? 4°parte
  17. 18. <ul><li>Due giorni dopo la </li></ul><ul><li>piattaforma si </li></ul><ul><li>Rovescia, affondando e </li></ul><ul><li>depositandosi sul </li></ul><ul><li>fondale a mezzo chilometro </li></ul><ul><li>più a nord-ovest del pozzo. </li></ul><ul><li>Parte del petrolio sale </li></ul><ul><li>in superficie per </li></ul><ul><li>la minor densità rispetto </li></ul><ul><li>a quella dell’acqua. </li></ul><ul><li>È evidente che le valvole di </li></ul><ul><li>sicurezza per la chiusura </li></ul><ul><li>del pozzo non hanno </li></ul><ul><li>funzionato. </li></ul>La piattaforma affonda
  18. 19. Sforzi per bloccare la fuoriuscita di greggio
  19. 20. Diversi tentativi Come fermare il petrolio? <ul><ul><ul><ul><li>1. 4 ROV :robot filoguidati. </li></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><li>FALLITO! </li></ul></ul></ul></ul>2. Trivellazione adiacente al punto di fuoriuscita per intercettare la perdita e iniettarvi cemento FALLITO! 3. Detrit i di varia natura sparati nel pozzo per intasare la conduttura FALLITO! 4. Piattaforme galleggianti FALLITO! 5. 4 maggio :una “siringa telecomandata” all’origine di una delle tre perdite per chiudere la valvola. FALLITO! 6. 7 maggio: Top Kill , camera di contenimento sulla perdita primaria. FALLITO! 7. 30 maggio: Lower Marine Riser Package(LMRP), “minivalvola” posizionata sulla “supervalvola” precedente, collegata ad un nave in superficie. FALLITO!
  20. 21. 1. ROV: robot filoguidati <ul><li>cercano di chiudere le valvole di sicurezza in una delle tre falle </li></ul><ul><li>spargono agenti disperdenti insieme ad aerei e navi di supporto </li></ul>I ROV sono veicoli sottomarini che operano in remoto
  21. 22. 5. Tappo di spazzatura <ul><li>Si prendono detriti di varia natura (pneumatici triturati,residui di </li></ul><ul><li>palline da golf usate..) e ad una pressione molto alta si sparano nella </li></ul><ul><li>bocca del pozzo per tentare di intasare la conduttura e fermare la </li></ul><ul><li>perdita (tentativo disperato e insensato, degno di un film d’azione). </li></ul>
  22. 23. <ul><li>Un quotidiano russo propone di fermare la perdita con un’esplosione nucleare </li></ul><ul><li>controllata. </li></ul><ul><li>In passato questo metodo è stato usato cinque volte : la prima volta nel settembre </li></ul><ul><li>1996 a 6 km di profondità. </li></ul><ul><li>Sarebbero le rocce spinte dall’esplosione a chiudere la falla. </li></ul><ul><li>Il metodo non è mai stato testato sott’acqua e le probabilità di fallimento sono </li></ul><ul><li>solo del 20% . Tuttavia non viene preso in considerazione come soluzione. </li></ul>Un suggerimento estremo
  23. 24. 5. “siringa telecomandata” <ul><li>La “siringa telecomandata”ha un diametro di 15 cm ed è </li></ul><ul><li>inserita nel tubo da 53 cm all’origine della perdita. </li></ul><ul><li>Dovrebbe risucchiare il petrolio come una cannuccia per </li></ul><ul><li>immagazzinarlo in una petroliera in superficie. </li></ul>
  24. 25. La “siringa telecomandata”
  25. 26. 6. Top Kill: camera di contenimento <ul><li>Chiamata è alta 18 metri </li></ul><ul><li>(un edificio di 4 piani ), </li></ul><ul><li>pesa 100 tonnellate </li></ul><ul><li>e inizialmente è progettata </li></ul><ul><li>per coprire le due falle </li></ul><ul><li>rimanenti. </li></ul><ul><li>Avrebbe dovuto raccogliere </li></ul><ul><li>l’ 85% del petrolio e </li></ul><ul><li>incanalarlo, sempre tramite </li></ul><ul><li>un tubo flessibile, a una </li></ul><ul><li>cisterna in superficie </li></ul>
  26. 27. 6. Top Kill: camera di contenimento <ul><li>La temperatura dell’acqua, di circa 6 gradi Celsius , e le pressioni di </li></ul><ul><li>170 Kg per cm 2 potrebbero renderebbero facile l’intasamento dei </li></ul><ul><li>tubi . </li></ul><ul><li>Per evitarlo la PB vuole far circolare intorno acqua e antigelo . </li></ul><ul><li>I rischi dell’operazione sono notevoli. </li></ul>
  27. 28. Top Kill fallisce <ul><li>Si formano idrati , simili a ghiaccio , che costringono i tecnici a </li></ul><ul><li>interrompere l’installazione dell’imbuto, ormai posizionato con </li></ul><ul><li>successo. </li></ul><ul><li>Fin dall’inizio si temeva che per l’occlusione del ghiaccio sulla sommità, </li></ul><ul><li>o per la successiva separazione di acqua, petrolio e gas si avesse una </li></ul><ul><li>nuova esplosione. </li></ul>
  28. 29. Troviamo una soluzione !
  29. 30. Pozzi di sfogo <ul><li>È prevista la trivellazione di due pozzi ad un miglio di </li></ul><ul><li>distanza , che tolgano pressione a quello in perdita e lo </li></ul><ul><li>cementino , senza lasciare perdite sottostanti. </li></ul><ul><li>Ciò fa parte del nuovo piano che sarà attuato. </li></ul>
  30. 31. Operazione “Static Kill” <ul><li>Comincia il 3 agosto 2010 . </li></ul><ul><li>Obiettivo:tappare </li></ul><ul><li>definitivamente il pozzo </li></ul><ul><li>mediante un’iniezione di </li></ul><ul><li>fango e cemento dai </li></ul><ul><li>pozzi sussidiari per </li></ul><ul><li>deviare il greggio in un </li></ul><ul><li>bacino sicuro </li></ul><ul><li>profondo 4 km . </li></ul><ul><li>La cementificazione </li></ul><ul><li>termina il 19 settembre </li></ul><ul><li>2010. </li></ul>Static Kill funziona !
  31. 32. Intervento del Pentagono <ul><li>Migliaia di metri di reti </li></ul><ul><li>speciali (boom) sono state </li></ul><ul><li>posizionate dall’ esercito , </li></ul><ul><li>come barriera di </li></ul><ul><li>contenimento </li></ul>Il Pentagono mobilita 17500 uomini della Guardia Costiera Federale nelle zone interessate dal disastro ecologico.
  32. 33. Quanto petrolio è stato riversato in mare?
  33. 34. Mille barili di petrolio in mare? FALSO! 1. Inizialmente la BP ha tentato di nascondere l’entità del disastro all’opinione pubblica stimando una perdita di 1000 barili al giorno. 2 . Stima in maggio NOAA:5000 barili al giorno 4. Tra i media: - Wall Street Journal: 25000 barili al giorno - la stessa BP: 150000 barili al giorno 3. 5 maggio: molti scienziati sostengono 50000 e alcuni 70000 al giorno All’inizio la BP ha nascosto la verità
  34. 35. I petrolio non aspirato <ul><li>È stato bruciato in incendi controllati con una mistura di kerosene e gel </li></ul><ul><li>La maggio parte è finita sul fondale formando laghi di petrolio destinati a solidificarsi </li></ul><ul><li>È evaporato ,in parte dissolto grazie a solventi (ne sono stati versati 7 milioni di litri nelle prime settimane) e disperdenti chimici . </li></ul><ul><li>È stato ingerito dai batteri </li></ul>
  35. 36. <ul><li>BIC:batteri idrocarburoclastici </li></ul><ul><li>Mangiano solo idrocarburi e non hanno le capacità enzimatiche per altre sostanze organiche più semplici e più ricche d’energia,come zuccheri e proteine. </li></ul><ul><li>Quando,finito il petrolio, smettono di riprodursi,essendo particolarmente saporiti vengono degradati da altri organismi unicellulari. Il petrolio così entra nella catena alimentare e arriva nel pesce sulla nostra tavola </li></ul><ul><li>Si trovano in tutti gli ambienti marini dal mondo (anche ai poli). Ciò favorisce le pratiche di biorisanamento. </li></ul><ul><li>In presenza di fosforo e azoto i primi risultati si verificano dopo meno di una settimana. </li></ul><ul><li>Alcanivorax Borkumensis,il più efficiente della famiglia,conta 45 geni specializzati nella degradazione del petrolio </li></ul><ul><li>Biopile:tecnologie in cui questi batteri bonificano terreni inquinati da idrocarburi. Per agevolare la loro crescita e attività il materiale contaminato è assemblato ai nutrienti dei batteri. </li></ul>I batteri “mangia petrolio”
  36. 37. I disperdenti I disperdenti (tra cui il Corexit , il butossietanolo)sono utilizzati per disperdere gli idrocarburi in parti più piccole, legarli chimicamente e farli precipitare sul fondale ad oltre 1600 m di profondità. In questo modo non dovrebbero costituire pericolo per uomo e navi. Corexit 9500 : quattro volte più tossico del petrolio, non è tra i dieci primi più efficaci , è proibito in Europa e causa infertilità e malformazione dei feti. La NALCO ne è produttrice
  37. 38. Impatto sulla salute A breve e medio termine Esacerbazione di malattie respiratorie e patologie alla pelle. Le contaminazioni avvenute per via inalatoria. Aumento dell’incidenza di tumori, aborti spontanei, anomalie dei neonati. Le contaminazioni avvenute per via orale. A lungo termine
  38. 39. Impatto ambientale <ul><li>Effetti complessi e difficili da valutare . </li></ul><ul><li>Prime vittime: plancton nella colonna d’acqua. </li></ul><ul><li>A seguire specie sempre più grandi , per cause dirette o </li></ul><ul><li>indirette (cioè alimentandosi). </li></ul><ul><li>Inoltre ogni anno il Mississippi porta eccessivi nutrienti ,diminuendo </li></ul><ul><li>l’ossigeno disponibile e causando “Dead Zones”. </li></ul>
  39. 40. Impatto ambientale <ul><li>Nella costa del Golfo ci sono 2 milioni di zone umide, 400 specie </li></ul><ul><li>a rischio e la Marea Nera ha minacciato 14 aree protette . </li></ul><ul><li>I metodi di pulizia invasivi (ruspe, disperdenti ecc..) rischiano di </li></ul><ul><li>causare il collasso di questi sensibili ecosistemi. </li></ul>
  40. 41. Uragani e “piogge tossiche ” <ul><li>Per fortuna l’uragano Alex non </li></ul><ul><li>ha minacciato direttamente la </li></ul><ul><li>zona del disastro, ma i lavori </li></ul><ul><li>hanno dovuto affrontare </li></ul><ul><li>grosse complicazioni. Si </li></ul><ul><li>temeva un’intercettazione </li></ul><ul><li>della Marea, che avrebbe </li></ul><ul><li>causato una pioggia d’acqua </li></ul><ul><li>mista a petrolio molto </li></ul><ul><li>infiammabile nel ciclone </li></ul><ul><li>tropicale carico d’ elettricità . </li></ul>
  41. 42. <ul><li>I primi segni di pioggia </li></ul><ul><li>tossica sono stati rilevati </li></ul><ul><li>nel Tennessee : macchie </li></ul><ul><li>biancastre che hanno </li></ul><ul><li>sterminato coltivazioni </li></ul><ul><li>ovunque. Sono anche </li></ul><ul><li>stati trovati uccelli morti , </li></ul><ul><li>si temeva di una </li></ul><ul><li>catastrofe. </li></ul><ul><li>Grazie al riscaldamento </li></ul><ul><li>delle acque del Golfo le </li></ul><ul><li>molecole di Corexit </li></ul><ul><li>sarebbero diventate gassose </li></ul><ul><li>e poi assorbite e liberate </li></ul><ul><li>dalle nuvole . </li></ul>Piogge tossiche
  42. 43. Come è potuto succedere?
  43. 44. <ul><li>Cause dell’incidente </li></ul><ul><li>cupidigia,convenienza,incuria delle lobby petrolifere,oltre che l’errore umano ed altri imprevisti frequenti. </li></ul><ul><li>Il fatto che il petrolio “facile” (a poca profondità) al largo della Louisiana e del Texas si stia esaurendo, spingendo le compagnie a ricercarlo a grandi profondità. </li></ul>
  44. 45. Questione di profondità <ul><li>Nel 1994 , la profondità a cui si trivellava era </li></ul><ul><li>inferiore ai mille metri, oggi si e’ passati ad </li></ul><ul><li>almeno 5 volte di più: </li></ul><ul><li>3.5 Km sotto la superficie del fondale marino </li></ul>
  45. 46. Questione di sicurezza <ul><li>L’azienda sapeva che la miscela di cemento della struttura non </li></ul><ul><li>fosse a norma ed il e l’ultimo test fallito era stato fatto pochi </li></ul><ul><li>giorni prima della scoppio. </li></ul><ul><li>L’industria petrolifera ha approntato da tempo strumenti per </li></ul><ul><li>riparare strutture difettose , ma qui nessuno ha mosso un dito. </li></ul>
  46. 47. Reazioni della popolazione
  47. 48. Interesse in alcuni paesi del mondo
  48. 49. La BP in Pakistan Dopo il terremoto del 2005 proprio la BP ha impegnato un milione di dollari , a cui si sono aggiunte le donazioni dei dipendenti, per sostenere gli sforzi del Paese. Ora in Pakistan BP si concentra principalmente sulle attività di esplorazione nella provincia del Sindh . Ancora oggi aiuta la popolazione locale sostenendo progetti per sanità, istruzione e sviluppo delle infrastrutture.
  49. 50. Negli USA il livello d’interesse della popolazione per il fenomeno ha raggiunto il picco nel giugno 2010, ma successivamente è andato calando. Il grafico mostra la frequenza a siti associati alla parola chiave British Petroleum BP. (fonte:Google statistica)
  50. 51. Grafico interesse regionale
  51. 52. Interesse nelle singole città
  52. 53. Houston-Texas:
  53. 54. Houston-Texas <ul><li>Questa città non solo è coinvolta nel disastro </li></ul><ul><li>perché situata vicino alla costa, ma gestisce </li></ul><ul><li>buona parte del commercio petrolifero degli </li></ul><ul><li>USA. </li></ul>
  54. 55. <ul><li>Alcuni cittadini avevano </li></ul><ul><li>acquistato rilevatori di </li></ul><ul><li>benzene nell’aria e facevano </li></ul><ul><li>test fai-da –te nelle spiagge. </li></ul><ul><li>Un’organizzazione </li></ul><ul><li>californiana </li></ul><ul><li>ha raccolto duecentomila </li></ul><ul><li>chili di capelli umani </li></ul><ul><li>e peli animali, che ha poi </li></ul><ul><li>stivato in collant, </li></ul><ul><li>per realizzare barriere </li></ul><ul><li>galleggianti di contenimento </li></ul><ul><li>“ naturali “. </li></ul>Capelli come barriera
  55. 56. <ul><li>Per eliminare questi pericoli, combattere il cambiamento </li></ul><ul><li>climatico e l’acidificazione degli oceani(causati </li></ul><ul><li>dall’aumento di CO2) l’unica soluzione è smettere di </li></ul><ul><li>cercare, trasportare e usare questi prodotti passando a </li></ul><ul><li>energie rinnovabili. </li></ul>E allora
  56. 57. FINE
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×