La società industriale

  • 2,828 views
Uploaded on

 

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
2,828
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
4

Actions

Shares
Downloads
20
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. LA SOCIETÁ INDUSTRIALELa rivoluzione industriale introdusse dei cambiamenti, ma la prima fonte di guadagno rimaseancora l’agricoltura. Per questo l’aristocrazia terriera mantenne intatta la sua ricchezza.In questo periodo, nacque la nuova borghesia agraria che considerava la terra come un bene dasfruttare il più possibile.Nel mondo contadino: o piccoli proprietari terrieri (coltivavano e vendevano i loro prodotti) o contadini senza terra (lavoravano le terre dei signori)Nelle città: o i contadini andarono a lavorare come operai o altri contadini andarono a lavorare come domesticiLe condizioni della classe operaia non erano cambiate e, spesso, per indicare questa classe socialesi utilizzava il termine di proletariato (ricorda: G. Pelizza da Volpedo, Il Quarto stato).Nelle città e nelle campagne persisteva la categoria degli artigiani.Nacque anche una nuova èlite economica e sociale: la borghesia industriale, cioè banchieri eimprenditori, che investivano i capitali nelle attività produttive.Questa borghesia industriale: o investiva i capitali o matrimoni con la nobiltà per ottenerne il titolo o nuova mentalità: il lavoro visto positivamente, senso del risparmio e dello sforzo personale.La borghesia industriale si divideva in media borghesia (intellettuali, avvocati, medici e ingegneri)e piccola borghesia (artigiani, piccoli commercianti e impiegati).La CONDIZIONE DEGLI OPERAI diede vita a proteste e rivendicazioni. Inizia, così, un dibattito sullagiustizia sociale (o questione sociale).
  • 2. I partiti socialisti erano i rappresentanti dei lavoratori in politica. Tanto che, nel 1864, fufondata a Londra l’Associazione internazionale dei lavoratori, detta PRIMAINTERNAZIONALE. Poi, nel 1876, la Prima Internazionale fu sciolta per le polemiche e nel 1889venne fondata a Parigi la SECONDA INTERNAZIONALE. Anche questa volta ci furono moltediscussioni, tanto che i partiti socialisti si divisero in: o massimalisti (che poi prenderanno il nome di comunisti): volevano raggiungere l’obiettivo con la rivoluzione. o riformisti (che poi prenderanno il nome di socialisti o socialdemocratici): volevano le riforme. SOCIALISMO COMUNISMO SOCIALISTI UTOPICIIDEE Tendenza politica che Erano socialisti “integralisti” Erano ancora dei socialisti chiedeva maggiori QUINDI QUINDI tutele e salari. Tendenza politica che Tendenza politica che chiedeva maggiori tutele e chiedeva maggiori tutele e salari. salari.COSA Volevano l’uguaglianza Volevano l’uguaglianza Volevano l’uguaglianzaVOLEVANO? sociale e una società sociale e una società più sociale e una società più più giusta. giusta. giusta.COSA Criticavano il diritto alla Criticavano il diritto alla Criticavano il diritto allaCRITICAVANO proprietà. proprietà, volevano abolire la proprietà.COSA proprietà privata, volevano Elaborarono delle teorieVOLEVANO? eliminare la società borghese troppo irreali, dette utopie. e il sistema capitalisticoCOME Volevano raggiungere i Volevano raggiungere i loroVOLEVANO loro obiettivi attraverso obiettivi attraverso unaRAGGIUNGERE l’intervento dello necessaria rivoluzione.GLI OBIETTIVI? Stato; solo lo Stato poteva eliminare l’ingiustizia sociale attraverso delle riforme.TEORIZZATORI Più importante teorico Karl Uno dei teorici fu Robert Marx Owen
  • 3. Nascono anche altre tendenze politiche e sociali, come l’anarchia, che rifiutava qualsiasi forma di comando o governo e rivendicava la libertà. Secondo gli anarchici, era necessaria una rivoluzione spontanea, senza una guida. La chiesa cattolica stessa prende una posizione politica. I cattolici volevano sia la libertà sia la giustizia sociale. Nel 1891, Leone XIII pubblicò l’enciclica Rerum Novarum, che sosteneva la cooperazione e la proprietà privata. La democrazia era l’ideologia della piccola borghesia. Essi vennero chiamati radicali perché credevano che tutti avessero gli stessi diritti politici; perciò volevano il suffragio universale. Ma per poter votare bisognava essere istruiti, quindi i radicali volevano che lo Stato si occupasse dell’istruzione di tutte le persone. Oltre a ciò, lo Stato doveva impegnarsi per rendere le tasse equamente distribuite. Il liberalismo era seguito dalla borghesia ricca. L’idea fondamentale era la libertà sia in ambito economico (detto liberismo) sia politico. Secondo il liberalismo, ogni uomo nasce libero, ma la sua libertà finisce dove inizia quella degli altri. Lo Stato non si deve occupare delle questioni economiche e deve essere ben equilibrato nei suoi tre poteri: legislativo, esecutivo, giudiziario. I liberali erano a favore del suffragio censitario. La questione del voto, censitario o universale, toccava soprattutto le donne, che erano escluse dai seggi. Per questo motivo, nacquero gruppi di donne, femministe, che chiedevano gli stessi diritti degli uomini. Le prime femministe si chiamavano suffragette, perché volevano il suffragio universale.Dal XIX (‘800) si formano anche i sindacati, cioè associazioni nate per difendere gli interessi deilavoratori che per protestare non lavoravano: sciopero.Grazie ai sindacati i lavoratori si erano uniti e riuscirono a ottenere: o aumento dei salari o diminuzione dell’orario di lavoro. Ma
  • 4. Allo sciopero i capitalisti rispondevano con le serrate, cioè chiudevano le fabbriche e non facevanolavorare nessuno.A volte, per fermare le proteste lo Stato interveniva con la repressione violenta (Chicago, 1maggio 1886). La società di massaLa società di massa è la nostra società, che si è formata durante la seconda rivoluzione industriale.Produzione di prodotti in massa UrbanizzazioneCiò ha portato ad un’uniformità nei comportamenti e nei costumi, siamo una massa e perciòquesta società è anche detta società dei consumi.In passato due erano le opinioni sulla società di massa: 1) Preoccupazione: la persona si annulla e diventa uguale alle altre 2) Opportunità: c’è un miglioramento per tuttiDal punto di vista culturale la società di massa è migliore, perchéEra necessario che le persone avessero Attraverso l’istruzione lo Stato potevastudiato e avessero anche competenze diffondere i valoriteoricheLa maggior scolarizzazione avveniva attraverso i mezzi di comunicazione di massa (mass media),cioè la radio, il cinematografo, …Il settore terziario divenne quello maggiormente sviluppato.Nella società di massa si diffonde maggiormente la democrazia, perciò tra Ottocento e Novecentosi raggiunse il suffragio universale.La democrazia e il suffragio universale portarono alla nascita dei partiti di massa o partiti dimilitanti. Essi sono organizzazioni diffuse nello Stato, con una direzione centrale, che hannol’obiettivo di diffondere particolari ideali politici.
  • 5. I primi partiti di massa furono i socialisti.I rappresentanti dei partiti, una volta eletti sedevano in Parlamento: PARLAMENTO PARLAMENTO SINISTRA CENTRO DESTRA Democratici Moderati Conservatori PRESIDENTENella società di massa gli Stati diventano molto aggressivi: 1) Protezionismo 2) Nuove colonie