• Save
Cenerontola, principessa all'arrembaggio - ANTEPRIMA
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Cenerontola, principessa all'arrembaggio - ANTEPRIMA

on

  • 1,740 views

Anteprima di "Cenerontola, principessa all’arrembaggio" di Davide Nonino, l’avventura della prima principessa con le curve nel mondo delle fiabe. ...

Anteprima di "Cenerontola, principessa all’arrembaggio" di Davide Nonino, l’avventura della prima principessa con le curve nel mondo delle fiabe.

Per scaricare un minisodio del libro (dai 6 ai 99 anni, per i bimbi ma anche gli adulti che vogliono sognare) e scoprire il mondo di Cenerontola c’è il sito dedicato

http://www.cenerontola.it

Statistics

Views

Total Views
1,740
Views on SlideShare
1,144
Embed Views
596

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

7 Embeds 596

http://alpeggiononcemaifine.wordpress.com 322
http://progettowonderland.wordpress.com 260
http://mycaffeletterario.blogspot.com 8
http://mycaffeletterario.blogspot.it 2
http://cantafiabesmemorato.wordpress.com 2
http://webcache.googleusercontent.com 1
https://progettowonderland.wordpress.com 1
More...

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Cenerontola, principessa all'arrembaggio - ANTEPRIMA Document Transcript

  • 1. INDICEIntroduzione pag.7Premessa pag.9Il fantastico mondo della Cene pag.11Il messaggero tascabile pag.15Indovina chi pag.21Nel bosco incantato pag.24Le sfidanti pag.31Che profumino! pag.36Principessa bagnata… pag.49Questioni di cuore pag.58Magia pag.69Torta al cioccolato pag.79Le vere principesse pag.90Minisodi pag.101Il maiale volante pag.103Vandalo pag.109Arturo pag.115Ringraziamenti pag.121Cenerontola principessa all’arrembaggio pag.123per la Fondazione Francesca Rava
  • 2. INTRODUZIONE Il mio bambino numero uno, che ha i capelli comeun casco di banane e cento fidanzate, da grande vuolediventare un dottore per guardare i coccodrilli che abi-tano nelle orecchie dei suoi pazienti. Il mio bambino numero due, che ha i capelli pazzi eun amico che si chiama Marìotereso e vive dentro il murodella cucina, da grande vuole diventare un poliziotto acavallo dentro un parco, così, se fa caldo, può fermarsial baracchino dei gelati e comprare un cornetto allapanna per sé e una coppetta al caffè per il suo cavallo. Il mio bambino numero tre, che ha i capelli ricci emangia ogni giorno quattro yogurt gusto banana, è trop-po piccolo per dire cosa vuol fare da grande ma io credoche voglia diventare un signore delle pulizie perché tratutti i giocattoli sceglie sempre la scopa e lo straccetto. Il loro papà, che ha i capelli neri e gli occhialitondi, da grande vuole diventare suonatore il tamburel-lo, mangiare le cicorie che sono verdure verdi e amaris-sime, e leggere tutti i fumetti del mondo. Io, che ho i capelli come un carciofo e sono unaprincipessa, anche se è un segreto, da grande vogliodiventare Cenerontola. Perché Cenerontola ha mani grandi e forti e segioca a braccio di ferro vince. Perché sta bene anche senza un fidanzato. Perché ha la corona. Perché balla da sola mentre pulisce il castello. 7
  • 3. Perché sa che le scarpette di vetro fanno sudare ipiedi e preferisce le ballerine color amaranto. Perché non si fa fregare e nemmeno intimidire. Perché sa lavorare a maglia. Perché è spettinata, non usa il phon e non le vieneil torcicollo. Perché sa fare il minestrone che piace ai sette nani. Perché va pazza per il cioccolato. Perché è amica del Gatto con gli Stivali, del cocco-drillo Arturo e del drago rosso che quando è preoccupa-to lancia le pietre contro le montagne. Perché è gentile anche con i nemici. Perché non ha paura di perdere. Io da grande voglio diventare Cenerontola perchélei sì che è una vera principessa. Grazie a Davide che ha cambiato una vocale e hascoperto un tesoro, il tesoro della folle, eroica, nobile estraordinaria normalità di tutte noi. Grazie aCenerontola che ci dà il coraggio di sconfiggere le tantePrunelle del mondo, creature false, antipatiche, senzabrufoli, che hanno amiche streghe e controllano la stam-pa. Alle Cenerontole e ai Cenerontoli, ai dottori, aipoliziotti a cavallo, ai signori delle pulizie, ai suonatoridi tamburello e a tutti gli altri, buona lettura! Claudia de Lillo alias Elasti www.nonsolomamma.com8
  • 4. PREMESSA Cenerontola è nata come nelle migliori fiabe perun colpo di fantasia. È bastato cambiare una letteranei laboratori di scrittura creativa che condivido coibimbi nelle scuole ed ecco nascere un nuovo personag-gio, diverso nella forma e scintillante nel saper sorri-dere della vita. Le principesse insomma non devonoessere per forza come ce le immaginiamo da sempre omoderne eroine combattive da cartone in tre dimen-sioni. Dietro una principessa c’è prima di tutto unadonna “normale” che, come Cenerontola, può viverein un castello in affitto, sognare un’occasione percambiare le cose e magari, con l’aiuto di chi si fa con-tagiare dalla sua passione, riuscire nella più rocambo-lesca delle imprese. Trascinato da un gioco di parole, dalla galassia dipersonaggi spericolati che mi spuntavano in mente eda una pagina Facebook che ha raccolto l’entusiasmodi una vita con la prospettiva di una lettera diversa, ènato così questo libro, una vera e propria avventuratutta per Cenerontola. La storia che state per leggere è pensata a strati,un po’ come le torte di cui sono goloso, per esseregustata sia dai più piccoli che dai più grandi, per esse-re letta in compagnia o anche su un dolce cuscinodella sera. Alla fine non aspettatevi la solita pagina 9
  • 5. bianca dopo la conclusione, troverete infatti dei mini-sodi, delle piccole storie dedicate ad alcuni personag-gi del libro che si meritavano uno spazio tutto loro peroffrire nuovi punti di vista e di fantasia. Buona lettura! Davide Nonino www.cenerontola.it10
  • 6. Capitolo 1IL FANTASTICO MONDO DELLA CENE 11
  • 7. Cenerontola principessa all’arrembaggio era una volta una principessa... e il suo C nome era Cenerontola. Sì, proprio con la “o” in mezzo. E per questo non era né altané bionda, né bella né magra e non aveva neppure gliocchi azzurri. Abitava, più o meno felice e contenta,in affitto in un castello di soli due piani alla periferiadel villaggio e odiava le scarpe di vetro che le faceva-no sudare i piedi. Come tutte le principesse ancheCenerontola aveva un pretendente innamorato allafollia del suo buon cuore, ma il Principe Buzzurro nonera uomo particolarmente desiderabile. Famoso per lasua pancetta e per non aver regalato mai neppure unfiore rinsecchito alle giovani donne del regno,Buzzurro passava le sue giornate alIa locanda “I qua-rantaquattroladroni in fila per due” chiedendo invanodi essere ricevuto dalla sua amata. Cenerontola d’al-tronde di uomini, per lo più buzzurri, non ne volevasapere. Era già abbastanza impegnata a gestire esoprattutto a pulire il castello. Con i pochi soldi che le aveva lasciato la nonnaMargherita non poteva permettersi né una cameriera né una bacchetta magica spolverina. Così facevatutto da sola, comprese le calze a righine azzurre everdi di cui andava fierissima. Lavorare a maglia erainfatti il suo hobby preferito: la sera si spaparanzavasul divano di fronte al caminetto e ci passava delleore. Sui piedi, per tenersi al calduccio, ci distendevail Gatto con gli Stivali, che si era rifugiato nel suocastello alla ricerca di un posto tranquillo dove riceve-12
  • 8. “CENERONTOLA, PRINCIPESSA ALL’ARREMBAGGIO” PER LA FONDAZIONE FRANCESCA RAVA N.P.H. ITALIA ONLUS Questa avventura principesca vuole regalare un sorri-so a chi non ha la fortuna di poter anche solo sognare unfuturo da principessa. Con “Cenerontola, principessa all’arrembaggio” hoscelto infatti di continuare un percorso di solidarietà e digrande soddisfazione intrapreso con la FondazioneFrancesca Rava N.P.H. Italia Onlus già con il manuale discrittura creativa per giovani scrittori “Chi ha vistoCenerontola?” che supporta il progetto Francisville. La Fondazione Francesca Rava aiuta l’infanzia in con-dizioni di disagio in Italia e nel mondo tramite adozioni adistanza, progetti, attività di sensibilizzazione sui dirittidei bambini, volontariato e rappresenta in Italia N.P.H. –Nuestros Pequeños Hermanos (I nostri piccoli fratelli),organizzazione umanitaria internazionale, che da oltre 50anni salva i bambini orfani e abbandonati nelle sue caseorfanotrofio ed ospedali in Messico, Guatemala, Nicaragua,Honduras, El Salvador, Repubblica Dominicana, Haiti,Bolivia, Perù. N.P.H. lavora in paesi del Terzo e Quarto mondo doveil primo problema è salvare i bambini dalla morte per famee malattia. Ma per N.P.H. è solo l’inizio: aiutare veramen-te questi bambini significa dare loro gli strumenti per svi-luppare il loro potenziale secondo capacità e propensionepersonali, e tornare ad amare e vivere come cittadiniresponsabili del paese. Nelle case N.P.H., come pure nelle 123
  • 9. Scuole di strada, i bambini accolti trovano cibo, cure medi-che, vestitini, un tetto, ma soprattutto un’educazione sco-lastica e professionale per spezzare il circolo di povertà. Ipequeños lasciano N.P.H. quando hanno imparato una pro-fessione e sono pronti ad affrontare la vita con le proprieforze. Il 10% dei proventi della vendita di questo libro andràquindi a supportare l’operato della Fondazione FrancescaRava per il programma Maternità Sicura che ha comeobiettivi la riduzione del tasso di mortalità materna einfantile in seguito al parto, tra i più alti al mondo in Haiti,la riduzione delle disabilità infantile, del tasso di infezioneda HIV e altre patologie dalla mamma al feto, l’incremen-to dell’accesso alle cure primarie e preventive Ad Haiti oltre 520 donne ogni 100.000 parti muoionoper complicazioni durante la gravidanza o il parto, un tassodi mortalità materno di 20 volte superiore a quello deipaesi industrializzati che è anche conseguente causa di unaltra drammatica realtà: ad Haiti il 16% della popolazioneminorenne è orfana dalla nascita. Ogni anno, 74 bambini ogni 1.000 nati vivi, non rag-giungono il primo anno di vita. Su 10.000 donne gravide approssimativamente il 4%sono sieropositive e trasmettono il virus al bambino. Sonomoltissimi i bambini che nascono con malformazioni o disa-bilità legate a parti mal gestiti, infezioni e patologie neo-natali non diagnosticate. Le mamme sono giovanissime, appena raggiungonol’età fertile (11/12 anni) molte sperimentano la prima gra-vidanza. Non si sottopongono a controlli né hanno i mezzi124
  • 10. e la possibilità di modificare le loro abitudini alimentari.La malnutrizione e l’assenza di integratori, come l’acidofolico, incidono drammaticamente sulle condizioni e sullacrescita del feto. Il programma di Maternità sicura N.P.H. si articola nelreparto di Maternità all’interno dell’Ospedale SaintDamien, in un Centro ambulatoriale materno e infantile aWharf Jeremie e nella clinica Manitaine a Tabarre, nellevicinanze dell’Ospedale. La scelta di abbinare il libro ad un singolo progetto èstata fatta per garantire la trasparenza e la certezza che ifondi raccolti vadano alla giusta destinazione e siano quan-to prima operativi. Per maggiori informazioni sui progetti e le iniziativepassate e future della Fondazione: www.nphitalia.org tel. 02.541.229.17 125