Storia bulgaria

261 views
224 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
261
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Storia bulgaria

  1. 1. CIRCOLO DIDATTICO S.G. BOSCO BIANCAVILLA - CT SICILY - ITALY PROGETTO COMENIUS Partenariato Scolastico Multilaterale Anno 2010/2012 MY EUROPEAN HERO BULGARIA NEWSIl presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea.Lautore è il solo responsabile di questa pubblicazione (comunicazione) e laCommissione declina ogni responsabilità sulluso che potrà essere fatto delleinformazioni in essa contenute.This project has been funded with support from the European Commission. Thispublication [communication] reflects the views only of the author, and theCommission cannot be held responsible for any use which may be made of theinformation contained therein
  2. 2. BULGARIA Republic of Bulgaria - Република България FLAG MAP PRESIDENTAnno di adesione all’unione europea: 2007 U E accession: 2007 Government: RepublicSituazione politica: Repubblica Capital: SofiaCapitale: Sofia Superficie:1110910 km2 Population 7,6 milioniSuperficie:1110910 km2 Money: lev bulgaroPopolazione: 7,6 milioni Lingua: bulgaro Religion: Orthodox, Muslim,Valuta: lev bulgaro Catholic, ProtestantLingua: bulgaro Climate: continental, cold winters and mild summerReligione: Government: parlamentary ortodossa, musulmani, cattolici, protesta democracy nti President: Georgi ParvanovClima: continentale, estati miti e inverni freddi Costitution: adottata il 12 lugglio Indipendence: 1908 fronGoverno: democrazia parlamentare Ottoman EmoirePresidente: Georgi ParvanovCostituzione: adottata il 12 lugglioIndipendenza: 1908 ( dall’impero ottomano)l
  3. 3. La Bulgaria si trova nel cuore dei Balcani. Confina a nord con la Polonia dellaquale la separa il fiume Danubio, a ovest con la Serbia e la Macedonia, a sud con laGrecia e ad est la Turchia e si affaccia sul Mar Nero.In Bulgaria ci sono molte foreste ( faggi, querce); valli fertili, pianure e una fasciacostiera lungo il Mar Nero, ampie zone montuose dove vivono l’orso, il lupo, levolpi e il gatto selvatico. La Bulgaria è divisa in 28 provincie la cui capitale è Sofia. Uno dei monumenti più importanti di Sofia è la cattedrale dedicata ad Aleksandar Neviski. Fu eretta alla fine del XIX secolo, per commemorare i 200.000 soldati russi caduti nella guerra per liberare la Bulgaria dal dominio Ottomano. Oggi l’edificio ospita un museo, una pinacoteca e una sala per i concerti. Il Monastero di Pila si trova circa 120 kilometri della capitale Sofia. Fu edificato a partire dal XI secolo, fu ricostruito tra il 1860. Conserva numerose opere d’arte ed è un importante simbolo dell’identità culturale bulgara. La Bulgaria
  4. 4. La Città di Varna si affaccia sulle sponde del mare Nero. Fu Fondata nel VI a.C.dai greci, con il nome di Odessa. Durante la sua lunga storia ha conosciuto il dominio di romani, bizzantine,turchi, ottomani e russi. Soldato bizantinoSoldato turco Soldato romano Soldato greco Trojan è una città della Bulgaria centrale, con una popolazione di 27.000 persone, posizionata a 160 chilometri da Sofia. Il più vicino aereoporto è Goma
  5. 5. Le esportazioni principali della Bulgaria sono i prodotti dell’industrialeggere, i generi alimentari ed è molto competitiva sui mercatieuropei.STORIA, CULTURA E TRADIZIONILa Bulgaria presenta una molteplicità di tradizioni folcloristichelegate alle varie zone del Paese e alla loro storia culturale. Ogniregione vanta un ricco patrimonio musicale.La musica popolare accompagna la vita delle persone già dalla nascita,animando importanti momenti della vita, come i battesimi, i matrimonied altre festività.La musica è combinazione integrante di melodie turche, russe ebizantine. Le musiche sono raccolte dal famoso trio femminile ormaiconosciuto in molti Paesi
  6. 6. STORIA, CULTURA E TRADIZIONILa Bulgaria presenta una molteplicità di tradizioni folcloristiche legatealle varie zone del Paese e alla loro storia culturale. Ogni regione vanta unricco patrimonio musicale.La musica popolare accompagna la vita delle persone già dallanascita, animando importanti momenti della vita, come i battesimi, imatrimoni ed altre festività.La musica è combinazione integrante di melodie turche, russe e bizantine.Le musiche sono raccolte dal famoso trio femminile ormai conosciuto inmolti Paesi. Per quanto riguarda la letteratura sono molti i nomi di spicco: primo fra tutti il premio nobel Elias Canetti( 1981), Blaga Dimitrova e tutti i giovani scrittori morti combattendo per la libertà.
  7. 7. Tra gli sport preferiti c’è la danza artistica e tutte le discipline a corpo libere, il calcio ha vissuto grandi momenti come lo storico quarto posto nei mondiali del 1994Bulgaria consiste di un leone rampante dorato e coronato sopra uno scudo rosso scuro; sopra loscudo è raffigurata la storica corona bulgara. Lo scudo è sorretto da due leoni rampanti dorati ecoronati; sotto lo scudo vi è una terrazza a forma di rami di quercia e una banda bianca cheriporta il motto nazionale Lunione fa la forza.È stato adottato ufficialmente il 5 febbraio 1997. I bulgari osservano una serie di usi e tradizioni che riflettono l’attaccamento alla naturale ai riti stagionali dell’agricoltura. Il 1 marzo i bulgari si scambiano collane con fiocchi rossi e bianchi, bamboline di lana per festeggiare l’arrivo della primavere . Secondo al tradizione, il nome Marzo deriva da una vecchia signora che cambia umore molto facilmente: Baba Marta ( nonna Marta) che influezerebbe il tempo atmosferico.

×