• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Software di gestione bibliografica
 

Software di gestione bibliografica

on

  • 5,199 views

 

Statistics

Views

Total Views
5,199
Views on SlideShare
5,199
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
62
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment
  • E’ una ricostruzione ideale, spesso si parte dalla fase 8 senza passare per le precedenti.
  • In una tesi storico letteraria le sezioni 2), 3) e 4) sono amalgamate, basta cambiare MATERIALI con FONTI / LETTERATURA PRECEDENTE Ciò che cambia rispetto alle tesi umanistiche è l’indice che non è mai fisso come in questo caso: se studio l’epistolario di Leopardi posso avere una suddivisione per periodi (primo periodo Recanati, Roma, secondo periodo Recanati, etc.), per destinatari, per temi (poetica, condizione morale, etc.)
  • In funzione della reperibilità = permette anche di assegnare parole chiave personalizzate.
  • Ad esempio, posso suddividere le cartelle secondo lo schema INTRODUZIONE, MATERIALI E METODI, RISULTATI, etc.
  • Funziona come una specie di gestore di una digital library personale.
  • Funziona come un quaderno di appunti che potranno poi essere facilmente esportati nel testo finale.
  • Interazione tra software bibliografico e word-processor: è la funzione che fa risparmiare più tempo in fase di pubblicazione dei risultati.
  • Siamo nell’epoca di: 1) social networking (condivisione online di bibliografie e bookmarks); 2) Servizi di online storage e P2P basato su servizi di file-hosting via web (Megaupload, Rapidshare). Anche il software bibliografico si è avvantaggiato di questi trend: bibliografie e backup sempre meno privati, dati sempre più decentrati con tutti i relativi vantaggi e svantaggi.
  • Una licenza singola costa in media da 80 ai 300 euro a seconda del livello (student, standard, professional, campus, etc.) Un Ateneo potrebbe ad esempio utilizzare un software con versione web-based per i gruppi di ricerca che lavorano intensamente a determinati progetti. Il meglio di sè, comunque, questi software lo danno nell’interazione tra personal desktop e server remoto, cioè quando si possiede una versione installata localmente ed al tempo stesso è possibile lavorare sugli stessi record da qualunque altro pc.
  • Spiegare la differenza tra gratuito e open source. Il LateX è un linguaggio di marcatura utilizzato per la composizione di testi basato sul programma di composizione tipografica TEX. Il BibTex è il sottoinsieme di LateX usato per formattare le bibliografie. E' in assoluto il sistema migliore ma è meno intuitivo dei software commerciali e per poterlo utilizzare al meglio in Windows servono, oltre alla familiarità con il LaTeX : 1) una distribuzione LaTeX (ad es. MikTeX ); 2) un editor LaTeX (ad es. LyX ); 3) un gestore di record bibliografici (ad es. JabRef ).
  • Si può esportare tutto in altro software: per i record bibliografici non ci sono problemi perché esistono formati standard di esportazione / importazione, per gli altri elementi (cartelle, documenti allegati) l’esportazione non avviene sempre correttamente.
  • Se esiste un file eseguibile (ad es. in EndNote, Biblioscape, Mendeley, ...) avviene tutto automaticamente, nel caso di Zotero il 2) va fatto a parte. Ricordarsi di settare al minimo le protezioni macro di Word.
  • Progetto ZOTERO EVERYWHERE (sett. 2010). Effettuare l’installazione di ZOTERO da zotero.org e del plugin di Word da h ttp://www.zotero.org/support/word_processor_plugin_installation.
  • Ipotizziamo di avere in mano due documenti in formato cartaceo: A) il libro: Cannabis e problemi sanitari / a cura di Raimondo Maria Pavarin. - Milano : Angeli, 2010. B) l’articolo: Hall W, Solowij N. Adverse effects of cannabis. Lancet. 1998;352(9140):1611-6. A) LIBRO Sottolineare due problemi: - traduzioni di newspaper , magazine , journal ; - necessità di inserire il curatore del libro come ‘’addetto al montaggio’’. Nell’ ABSTRACT posso scrivere il riassunto dei vari capitorli del libro. Nelle NOTE comincio a delineare uno schema per la stesura del lavoro: 1) Parti utilizzabili DEFINIZIONE DELLA SOSTENZA E STORIA, PROPRIETÀ CHIMICHE E FARMACODINAMICA DATI EPIDEMIOLOGICI DANNI ALLE VIE RESPIRATORIE DANNI CARDIOVASCOLARI PSICOSI (SCHIZOFRENIA, DEPRESSIONE, ANSIA) DANNI ACCIDENTALI (ES. INCIDENTI STRADALI) Segnalo anche due piste da approfondire: DISFUNZIONI EPATICHE e DISFUNZIONI SESSUALI. 2) Il libro parla anche di: - Uso terapeutico della cannabis (terapia del dolore in combinazione con oppiacei e morfina, nausea e vomito post-chemio, cachessia) - Stili di consumo in Italia - Terapie per la dipendenza da cannabis - Sintomatologia da cannabis-dipendenza: a) Consumatore cronico: piacevole euforia/allegria, disinibizione nella comunicazione e aumento della loquacità, percezione di benessere psico-fisico con sensazione di leggerezza e rilassamento del tono muscolare, aumento dell'appetito, senso di distorsione spazio-temporale. b) Consumatore occasionale: perdita di memoria recente, senso di paura/ansia, palpitazioni, eccessivo rilassamento. c) Overdose: extrasistoli e aritmie con possibile shock fatale, nausea e vomito, atassia, allucinazioni Nei TAGS posso inserire le parole chiave: CANNABIS – Epidemiologia; CANNABIS – Farmacologia; CANNABIS – Mortalità; CANNABIS – Patologie; CANNABIS – Usi terapeutici B) ARTICOLO Inserisco i dati essenziali sottolineando la necessità di compilare correttamente i campi che saranno utilizzati in sede di citazione bibliografica, incluso il campo TITOLO ABBREVIATO DELLA RIVISTA.
  • Bisogna creare un ambiente favorevole allo sviluppo del progetto e di ciò che si andrà a scrivere
  • Nel caso dell’esempio visto gli argomenti 1,…,n sono chiaramente le singole patologie, in altri casi può non risultare altrettanto evidente. L’abstract del libro è utile a tirare giù una prima struttura di accoglienza per le ricerche successive: 01. INTRODUZIONE Definizione e storia Proprietà Epidemiologia 02. DANNI ALLE VIE RESPIRATORIE 03. DANNI CARDIOVASCOLARI 04. DANNI PSICHICI 05. DANNI ACCIDENTALI 06. CONCLUSIONI E’ buona norma anche creare una CARTELLA 00. AGENDA dove inserisco le sottocartelle relative a tutto ciò che richiede ulteriore attenzione ed il ricorso a fonti esterne: AGGIUNTE POSSIBILI (dove metterò eventuali record sulla epato-tossicità e sulle disfunzioni sessuali non contemplati nella struttura iniziale) SITI WEB DA GUARDARE
  • [A] ARTICOLI DI RIVISTE DA MEDLINE/PUBMED cannabis/toxicity OR marijuana abuse/complications Ottengo 746 record e seleziono quelli rilevanti che salvo nella CLIPBOARD: è importante NON AFFOLLARE IL PROPRIO DATABASE CON TROPPI RECORD. In questo caso seleziono: 5. PROBLEMI PSICHICI: An overview of systematic reviews on cannabis and psychosis: discussing apparently conflicting results. 17. PROBLEMI CARDIOVASCOLARI: Cannabis-associated arteritis. 20. PROBLEMI RESPIRATORI Depressant effect of marihuana smoke on antibactericidal activity of pulmonary alveolar macrophages. 1975. 68. DATI EPIDEMIOLOGICI DA METTERE NELL’INTRO: Cannabis use disorder: epidemiology and management. 82. DANNI ACCIDENTALI: Driving under the influence of cannabis: links with dangerous driving, psychological predictors, and accident involvement. Ne trovo anche una su un argomento che non ho preso in considerazione prima ma che compariva nell’abstract dell’articolo, la epato-tossicità della marijuana, e che può indurmi a riconsiderare la struttura del database: 44. DANNI EPATICI: [Comorbidity and hepatotoxicity of tobacco and recreational substances] Importo i 6 record nella LIBRERIA PERSONALE [B] SITI WEB su Google: cannabis abuse AND site:org seleziono il 6° sito http://www.dmoz.org/Health/Addictions/Substance_Abuse/Drugs/Cannabis/ e clicco su ESTRAI NUOVO ELEMENTO DALLA PAGINA VISUALIZZATA [C] GOOGLE SCHOLAR cerco: cannabis abuse e faccio vedere che posso importare direttamente i risultati, in particolare importo Neurobiology of marijuana abuse [D] METALIB cerco cannabis abuse in PERIODICI FULL TEXT, seleziono l’articolo 4 Alcohol and drug use in suicidal behaviour. cannabis abuse e lo importo da SFX [E] IMPORTAZIONE DI UNA CITAZIONE IN FORMATO RIS Sono su un browser diverso, ad esempio IE e trovo un articolo rilevante, lo voglio importare in Zotero, come faccio? Voglio vedere se anche il secondo aspetto non contemplato dal mio schema, ovvero le disfunzioni sessuali sono su un pc diverso dal mio e non ho modo / tempo di lavorare su Zotero, ad esempio sto lavorando con IE sul pc della biblioteca medica, cerco cannabis sexual dysfunction in Wiley Online Library e trovo una citazione bibliografica pertinente come questo articolo (numero 34 nella lista, seconda pagina di risultati) sulle possibili disfunzioni di natura sessuale causate dai cannabinoidi Journal of Sexual Medicine Cannabis Use and Sexual Health Esporto la citazione in formato RIS e poi la importo in ZOTERO. [F] IMPORTAZIONE ALTERNATIVA PER LA CITAZIONE BIBLIOGRAFICA DEL LIBRO nelle OPZIONI devo settare l’indirizzo del link resolver, quello di default è http://worldcatlibraries.org/registry/gateway (per le operazioni successive servirà quello UNIMORE : http://192.167.125.34:9003/unimore) Inserisco l’ISBN 9788856816419 in ADD ITEM BY IDENTIFIER importo quindi la citazione da WORLDCAT [G] DISTRIBUISCO I RECORD BIBLIOGRAFICI nelle rispettive cartelle in modo da predisporre dei micro-ambienti adatti ad ospitare le singole sezioni del lavoro
  • Per un elenco (in continuo aggiornamento) dei siti web e database compatibili vedi: http://www.zotero.org/translators/ E' possibile aggiungere dei “traduttori” ( translators ) lavorando sul codice Javascript tramite applicazioni messe a disposizione dallo stesso staff di Zotero
  • Nelle OPZIONI devo settare l’indirizzo del link resolver: http://192.167.125.34:9003/unimore/, quello di default è http://worldcatlibraries.org/registry/gateway Provo a cercare il libro Cannabis e problemi sanitari ma non funziona (il libro invece c’e’). Provo a cercare l’articolo An overview of systematic reviews on cannabis and psychosis: discussing apparently conflicting results e trovo che è un online WILEY, quindi lo scarico.
  • [A] ARCHIVIAZIONE scarico l’articolo An overview of systematic reviews on cannabis and psychosis: discussing apparently conflicting results , lo rinomino in maniera intellegibile, lo associo al record bibliografico in entrambi i modi: 1) ATTACH STORED COPY; 2) ATTACH LINK [B] INDICIZZAZIONE indicizzo il pdf in zotero da IMPOSTAZIONI -> RICERCA -> INDICIZZAZIONE PDF, a questo punto posso ricercare anche il contenuto del documento indicizzato, se ad esempio ora provo a cercare OQAQ (Overview Quality Assessment Questionnaire) dalla casella di ricerca di Zotero trovo il record che contiene il pdf che contiene questa parola da qualche parte [C] RICHIAMARE LE OPERAZIONI DI ANNOTAZIONE E FAR VEDERE CHE SI POSSONO COLLEGARE DUE DOCUMENTI creo ad esempio una relazione tra An overview of systematic reviews on cannabis and psychosis: discussing apparently conflicting results e Neurobiology of marijuana abuse [D] Comincio a scrivere il testo inserendo in ciascuna sezione le NOTE Argomento 1, Argomento 2, Argomento n [E] INSERIMENTO DI IMMAGINI trovo ad esempio su http://www.schizophrenia.com/prevention/cannabis.marijuana.schizophrenia.html un grafico sul rischio di schizofrenia nei consumatori di dosi massicce di cannabis in giovane età e lo voglio memorizzare per utilizzarlo in seguito, copio il suo URL; vado sulla nota Argomento 1 nella cartella DANNI PSICHICI -> click destro > INSERT / EDIT IMAGE -> inserisco l’URL -> per esportarlo in un file di WORD e’ sufficiente aprire il file e trascinare l’intera nota su una pagina bianca. [F] Supponiamo che la tesi fosse di tipo sperimentale e avessi dovuto manipolare dei dati, ad esempio in Excel: Zotero, al pari di altri programmi simili, non ha un editor interno di formati proprietari come .xls di Excel o .sav di SPSS: il file dati.xls può essere linkato ad un record bibliografico generico (tipo DOCUMENTO) all’interno della cartella appropriata. [F] CREAZIONE DI REPORT GLOBALI O PER SINGOLE CARTELLE / SEZIONI utili quando ad esempio si importano dati da database diversi e si vuole avere una visione complessiva della bibliografia.
  • Se la prende con Edgar Wallace (1920’s) e la sua Plot Wheel In un certo senso la scrittura scientifica funziona all’opposto: si segue una scaletta. Tuttavia il processo della scrittura presuppone comunque la creazione di una SITUAZIONE, di un CONTESTO materiale e intellettuale favorevole, in particolare un posto che ospiti la documentazione e al tempo stesso predisponga all’uso della stessa durante la scrittura
  • Una variante del Chicago utilizza lo stesso sistema autore/data dell’Harvard. Analogamente l’APA (American Psychological Association) può essere considerato una variante dell’Harvard e l’MLA (Modern Language Association) una variante dell’APA in cui nel testo tra parentesi non si mette l’anno di pubblicazione ma la pagina precisa cui la citazione si riferisce.
  • ZOTERO STYLE REPOSITORY: http://www.zotero.org/styles
  • Percorso dati in WINDOWS XP: C:\\Documents and Settings\\NOMEUTENTE\\Dati applicazioni\\Mozilla\\Firefox\\Profiles Percorso dati in WINDOWS XP: C:\\Users\\NOMEUTENTE\\AppData\\Roaming\\Mozilla\\Firefox\\Profiles Effettuare la sincronizzazione dopo aver inserito le credenziali in IMPOSTAZIONI -> ACCOUNT La sincronizzazione dei file è gratuita fino a 100 MB

Software di gestione bibliografica Software di gestione bibliografica Presentation Transcript

  • INTRODUZIONE AL SOFTWARE BIBLIOGRAFICO Nicola De Bellis (debellis.nicola@unimore.it) Università di Modena e Reggio Emilia, 2/12/2010
  • SOFTWARE BIBLIOGRAFICO ESERCITAZIONI COME SI USA A COSA SERVE PRODOTTI SUL MERCATO 1 2 3 4
  • A COSA SERVE 1
  • LE FASI DELLA RICERCA Problema che si suppone risolvibile mediante la lettura di un certo numero di documenti Fase 1 Fase 2 Consultazione di banche dati bibliografiche per il recupero di citazioni pertinenti Verifica della disponibilità online del testo completo dei documenti: link diretto, sfx, motori di ricerca, etc. Fase 3 Fase 4 In caso negativo, uso di cataloghi per localizzare la copia cartacea o richiesta di document delivery
  • LE FASI DELLA RICERCA Recupero del documento che viene archiviato in qualche modo: cartella, faldone, etc. Fase 5 Fase 6 Lettura del documento e creazione di una scheda ad esso relativa con appunti, citazioni, schemi, etc. Uso del documento: a) implicito = decido di non citarlo; b) esplicito = decido di citarlo Fase 7 Fase 8 In caso di uso esplicito, citazione del documento nelle note e nella bibliografia finale
  • IL PRODOTTO FINITO
    • Il punto di arrivo è un elaborato con una certa struttura, ad esempio tesi / articolo suddivisa in:
    • INTRODUZIONE
    • MATERIALI E METODI
    • RISULTATI
    • DISCUSSIONE E CONCLUSIONI
    • BIBLIOGRAFIA
  • le operazioni 5-8 possono essere effettuate “all’antica” ovvero in modo manuale usando fotocopie, schedine cartacee, schedari, etc. ... ... ma un sistema più efficiente per gestirle è dato dai software bibliografici (Bibliography Formatting Software o BFS) METODO TRADIZIONALE
  • a dispetto del nome, fa molto più che gestire bibliografie... ... permette infatti di immagazzinare, catalogare e organizzare in funzione della reperibilità e dell’uso qualunque tipo di materiale raccolto durante lo studio e la ricerca ( research manager/assistant ) SOFTWARE BIBLIOGRAFICO
  • sdfsdf creare manualmente o scaricare da database e cataloghi in linea un record bibliografico che contiene tutte le informazioni necessarie ad identificare un dato documento FUNZIONI 1
  • raggruppare i record bibliografici in cartelle e sottocartelle virtuali che possono essere spostate e rinominate a piacimento FUNZIONI 2
  • sdfsdf scaricare i full-text dei documenti, immagazzinarli sul disco rigido locale e collegarli ai record bibliografici corrispondenti in modo da potervi accedere in qualunque momento FUNZIONI 3
  • arricchire i record / documenti sia mediante parole chiave che appunti personali e collegare tali appunti attraverso una rete di rimandi reciproci in funzione della stesura del testo finale FUNZIONI 4
  • sdfsdf utilizzare i record bibliografici all’interno di un wordprocessor citandoli secondo lo stile bibliografico prescritto FUNZIONI 5
  • sdfsdf sincronizzare il database con un server remoto e condividere online le proprie bibliografie FUNZIONI 6
  • PRODOTTI SUL MERCATO 2
  • sdfsdf
      • Biblioscape [Windows]
      • Bookends [MAC]
      • EndNote [Windows, MAC, Web]
      • Library Master [Windows]
      • Microsoft Word 2007 RB [Windows]
      • ProCite [Windows, MAC]
      • Reference Manager [Windows]
      • RefWorks [Web]
    SOFTWARE COMMERCIALI
      • BibTeX / LateX [Windows, MAC, Linux]
      • Bibus [Windows, MAC, Linux]
      • Zotero [Windows, MAC, Linux]
      • Mendeley [Windows, MAC, Linux]
      • i primi tre sono anche open source
    SOFTWARE GRATUITI
      • i software gratuiti fanno le stesse cose dei commerciali ma per l’assistenza bisogna arrangiarsi da soli o rivolgersi alla comunità degli utilizzatori
    PRO E CONTRO
  • COME SI USA 3
  • INSTALLAZIONE installazione software bibliografico 2 FASI installazione plugin per wordprocessor (word, openoffice, etc.) 1 2
  • ZOTERO
      • estensione del browser Mozilla Firefox che introduce tutte le funzionalità di un software bibliografico, in futuro:
      • estensioni per Google Chrome, Apple Safari, Microsoft Internet Explorer
      • versione standalone
  • TRACCIA
      • scrivere una rassegna sul seguente argomento: evidenza esistente in letteratura circa gli effetti negativi dei cannabinoidi sulla salute
  • PUNTO DI PARTENZA
      • di solito il punto di partenza è empirico: un libro o articolo consigliato dal docente o trovato via google ...
      • ... in questi casi si procede all’inserimento manuale
  • STRUTTURA
      • fin dall’inizio i documenti trovati e gli appunti presi dovrebbero essere organizzati secondo una struttura che favorisca:
      • la ricerca successiva di materiale
      • la scrittura ... contro l’incubo della pagina bianca
  • Argomento n Argomento 1 Argomento 2 Argomento 3 Ogni argomento può corrispondere ad un capitolo, paragrafo, sottoparagrafo Ogni argomento può essere suddiviso in ulteriori sottoargomenti Introduzione Conclusioni LO SCHEMA PIU’ GENERALE
  • RICERCA BIBLIOGRAFICA
      • dopo aver individuato uno schema di partenza la ricerca bibliografica su database specializzati deve riempire le cartelle virtuali con citazioni pertinenti
  • RICONOSCIMENTO AUTOMATICO
      • Zotero, al pari di altri software bibliografici, riconosce automaticamente la natura bibliografica dell'informazione presente / generata in molti database online (non tutti) e permette di importare le citazioni con un click
  • RECUPERO DEL FULL TEXT
      • Zotero comunica con i cataloghi locali tramite SFX:
      • recupero diretto di articoli di riviste online UNIMORE
      • localizzazione della copia cartacea nel caso di riviste non online UNIMORE
      • è necessario settare l’indirizzo del link resolver nelle impostazioni avanzate:
      • http://192.167.125.34:9003/unimore/
  • USO DEI DOCUMENTI
      • comprende diverse attività:
      • i documenti vengono associati ai record bibliografici e archiviati
      • indicizzazione dei pdf
      • creazione di link tra documenti
      • utilizzo di note standalone per la stesura dei frammenti di testo e l’importazione di immagini
      • esportazione delle note nel wordprocessor
  • IL RISULTATO
      • Cosa ho creato:
      • una struttura pronta ad accogliere i risultati della ricerca ed a stimolare ricerche successive
      • una specie di ambiente confortevole per lo sviluppo di argomentazioni specifiche
      • una situazione favorevole alla stesura del testo finale
  • TIRANNIA DELLA SCALETTA “ my basic belief about the making of stories is that they pretty much make themselves. The job of the writer is to give them a place to grow … stories are found things, like fossils in the ground … my books tend to be based on situation rather than [plot] … If you are enslaved to (or intimidated by) the tiresome tyranny of the outline and the notebook filled with ‘Character Notes,’ [this awareness] may liberate you” (Stephen King, On Writing )
  • CITAZIONE BIBLIOGRAFICA
      • avviene sempre secondo uno stile bibliografico , cioè un insieme di norme che stabiliscono:
      • come indicare, nel testo del documento, che si sta citando una fonte
      • la forma e disposizione dei singoli elementi che compongono la citazione bibliografica
  • STILI BIBLIOGRAFICI
      • tre fondamentali:
      • Vancouver o Autore/Numero
      • Harvard o Autore/Data
      • Chicago o Note/Bibliografia
      • in ambito tecnico-scientifico si usano quasi esclusivamente varianti dei primi due
  • L’ABITO FA IL MONACO
      • “ failure to adhere consistently to the style standards in reference presentation is virtually a guarantee of (totally avoidable) adverse comment from examiners”
      • (Thomas, Shane A. How to Write Health Sciences Papers, Dissertations and Theses . Churchill Livingstone: Edinburgh, 2000).
  •  
  •  
  • 1
  • 2
  • STILI PERSONALIZZATI
      • le riviste utilizzano varianti dei tre stili:
      • il ZOTERO STYLE REPOSITORY ne contiene molti installabili
      • in alternativa si sceglie uno stile simile e si modificano manualmente le citazioni
      • è in via di sviluppo un editor grafico per creare / modificare gli stili
  • ACCORGIMENTI
      • Tutti i record inseriti ed i documenti allegati vengono memorizzati in una sottocartella della directory d’installazione di Mozilla Firefox:
      • effettuare backup periodici su drive esterni
      • utilizzare il servizio di backup remoto (previa registrazione)
  • ZOTERO 2.0
      • ingloba le funzionalità di social bookmarking e networking:
      • creazione di un gruppo per la condivisione del database bibliografico con diversi livelli di condivisione
      • iscrizione a gruppi esistenti che condividono gli stessi interessi
      • invio / ricezione messaggi e sistema following e followers
  • sdfsdf
    • Il software bibliografico:
    • incrementa le chances di ritrovare l’informazione immagazzinata quando serve … keeping found things found
    • razionalizza le fasi di lavoro preliminari alla scrittura
    • fa risparmiare tempo e lavoro nella gestione delle citazioni bibliografiche
    • non può essere una soluzione last minute
    CONCLUSIONI
  • sdfsdf
    • Hernandez DA, El-Masri MM, Hernandez CA. Choosing and Using Citation and Bibliographic Database Software (BDS). The Diabetes Educator . 2010;34(3):457 -474.
    • Dell'Orso F. Bibliography Management Software: Analysis and Comparison of some packages . 2010, http://www.burioni.it/forum/dellorso/bms-dasp/text/index.html
    BIBLIOGRAFIA