Uploaded on

 

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
1,017
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
4
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. V° MODULO VIII° LEZIONEI PERIODICI ELETTRONICI
  • 2. I PERIODICI ELETTRONICI CHE COSA SONO? Sono PUBBLICAZIONI SERIALI in FORMATO DIGITALE con le seguenti caratteristiche: CADENZA PERIODICA SERIALITÀ ARTICOLAZIONE IN PARTI O FASCICOLI CIASCUNO DEI QUALI RECA: 1. UN NUMERO D’ORDINE: numero del volume, dell’annata o del fascicolo 2. UNA DESIGNAZIONE CRONOLOGICA: la data dell’uscita del fascicolo o della parte
  • 3. DUE TIPOLOGIE Molti sono semplicemente una TRASPOSIZIONE ELETTRONICA del corrispondente formato cartaceo, anche se la struttura ipertestuale e la presenza di servizi aggiuntivi li differenzia dalle corrispettive testate cartacee Alcuni nascono invece PURAMENTE ELETTRONICI con tutte le potenzialità di uno strumento munito di link ipertestuali verso altre risorse fuori e dentro il testo, di immagini ad alta risoluzione e in movimento, di rappresentazioni tridimensionali, di suoni ecc. (BORN DIGITAL)
  • 4. LE DIFFERENZE CON I PERIODICI CARTACEI RELATIVAMENTE AL SUPPORTO: i periodici elettronici al contenitore fisico sostituiscono un CONTENITORE VIRTUALE collocato all’interno del server che lo ospita (editore/fornitore) RELATIVAMENTE AL CONTENUTO: il CONTENUTO INTELLETTUALE dei periodici elettronici può essere aggiornato continuamente e in tempo reale rispetto al contenuto dei periodici cartacei che può essere aggiornato solo periodicamente
  • 5.  RELATIVAMENTE AL FORMATO: alcuni sono scritti in HTML e si presentano sottoforma di pagine web dinamiche, altri utilizzano formati proprietari come il PDF RELATIVAMENTE ALLA FORMA DI DISTRIBUZIONE: sono fruibili via web tramite piattaforme messe a disposizione dagli editori/fornitori che facilitano l’accesso e la ricerca dei documenti e che generalmente, al di là delle diverse interfacce grafiche, offrono i seguenti servizi agli utenti: La ricerca semplice La ricerca avanzata Il browsing delle riviste per titolo o soggetto L’area riservata per gli utenti La possibilità di impostare alerts sulle riviste preferite
  • 6. I PERIODICI ELETTRONICI UNIMORE E-JOURNALS AD ACCESSO RISERVATO: sono accessibili dietro corresponsione di un canone di abbonamento all’editore/aggregatore da parte dell’ente che è obbligato ad autenticarsi per potere navigare nella risorsa (user/password o riconoscimento IP delle postazioni di lavoro) E-JOURNALS AD ACCESSO LIBERO: sono disponibili gratuitamente in rete senza obbligo di autenticazione e curati da enti ed istituzioni il cui fine è la diffusione dell’informazione
  • 7. PERCHE’ CONSULTARLI? Per la velocità di accesso ad un’enorme quantità di informazione 24 ore su 24 e 7 giorni su 7 Per la possibilità di navigare da una risorsa all’altra dentro e fuori il testo grazie alla presenza di link ipertestuali Per la possibilità di personalizzare le impostazioni tecniche della risorsa, salvare le strategie di ricerca e i documenti di interesse, inviare via e-mail gli articoli desiderati Per i ridotti tempi di pubblicazione degli articoli rispetto ai relativi tempi di stampa
  • 8. QUANDO CONSULTARLI? In presenza di una citazione bibliografica: Per ricercare un preciso contributo all’interno di una determinata rivista In assenza di una citazione bibliografica: 1. Per cercare all’interno di una determinata rivista tutti i contributi di un autore e/o su un argomento 2. Per consultare contemporaneamente tutte le riviste per autore e/o argomento: nelle piattaforme degli editori/fornitori (IPSOA/EBSCO)
  • 9. EVENTUALI RISCHI Difficoltà di accesso per assenza di segnale e/o lavori di manutenzione della piattaforma Copertura temporale limitata agli ultimi anni: difficoltà di accesso al pregresso laddove non viene recuperato dall’editore Acquisizione in modalità e-only: disponibilità della documentazione a partire dalla data di acquisizione della risorsa (non sempre le licenze d’uso consentono l’accesso al pregresso: es. D&G dal 2001/GiusTAmm.it dal 2004) Segnalazione in OPAC/espositori/catalogo cartaceo
  • 10. PROCEDURA DI ACCESSOAI PERIODICI ELETTRONICI: METALIB “IL TROVA RIVISTE” www.bugiuridica.unimore.it
  • 11. METALIB: CHE COSA E’E’ un PORTALE che fornisceattraverso una interfaccia semplice epersonalizzabile un UNICO PUNTODI ACCESSO alle risorse inabbonamento ed open access messea disposizione dall’ateneo di Modena(SBA)
  • 12. IL TROVA RIVISTE: CHE COSA E’E’ la sezione di METALIB che consente diricercare i periodici elettronici in abbonamento edopen access messe a disposizione dall’ateneo diModena sulla base dei TITOLINOTA BENE: Tutti i periodici visibili nellainterfaccia di METALIB consentono l’accesso alFULL TEXT dei contributi invece non tutte le RISORSE (BANCHEDATI) visibili nella interfaccia di METALIBconsentono l’accesso al FULL TEXT dei contenuti
  • 13. IL TROVA RIVISTE: COME FUNZIONAE’ basato su un SISTEMA DI LINKING(SFX) che consente all’utente di accederea tutta una serie di servizi didocumentazione aggiuntivi disponibili peruna data risorsa (CONTEXT SENSITIVE)a partire da una semplice citazionebibliografica contenuta in una banca dati,un periodico elettronico, motore di ricerca,un portale tematico, un catalogo ecc.
  • 14. CIOE’ SFX permette ad una istituzione di creare una AMBIENTE INFORMATIVO INTERCONNESSO stabilendo dei link: tra tutte le risorse elettroniche a pagamento o ad accesso libero che costituiscono la sua collezione tra le singole risorse elettroniche della sua collezione e i servizi di documentazione disponibili agli utenti per ciascuna di esse
  • 15. ESEMPIO L’utente interroga una risorsa (source) L’utente ottiene una risposta sottoforma di record o citazione o entità informativa bibliografica (link source) L’utente può attivare per ogni record o citazione o entità informativa bibliografica i relativi servizi estesi, collegandosi ad altre risorse della collezione (target) SFX: link da una risorsa ad un’altra
  • 16. QUALI SONO I SERVIZI AGGIUNTIVI PROPOSTI? Accesso alla VERSIONE INTEGRALE del documento: tramite rinvio alla homepage della rivista per i periodici italiani (login editore) o alla piattaforma nativa degli editori per i periodici stranieri (nessun login) Collegamento al CATALOGO (OPAC) DEL POLO PROVINCIALE DI MODENA: per sapere quali biblioteche all’interno del polo posseggono la corrispettiva versione cartacea (laddove esiste) Collegamento all’ACNP: per sapere quali biblioteche italiane posseggono il periodico (anche in versione elettronica) Attivazione del DOCUMENT DELIVERY: per richiedere l’articolo in full text presso un’altra biblioteca
  • 17. MA COME SI ATTIVA SFX? Cliccando sul BOTTONE SFX che compare accanto ad ogni record o citazione o entità informativa bibliografica trovata: si apre una PRIMA FINESTRA con un elenco di servizi o link disponibili per quel titolo di partenza cliccando sui uno dei servizi proposti si apre una SECONDA FINESTRA con l’effettivo collegamento all’interno della risorsa selezionata
  • 18. I LIMITI DI SFX SFX è basato sulla TECNOLOGIA OPEN URL e non tutti i fornitori supportano tale tecnologia: non tutte le risorse hanno il pulsante SFX SFX non sempre conduce direttamente al FULL TEXT DEL DOCUMENTO: spesso il collegamento è alla piattaforma nativa dell’editore o alla homepage della rivista SFX è accessibile ai soli UTENTI ISTITUZIONALI o ACCREDITI dell’Ateneo di Modena
  • 19. CHI PUO’ USARE IL TROVA RIVISTA?Gli UTENTI ISTITUZIONALI (docenti, studenti,personale) o ACCREDITATI dell’Ateneo diModena da postazioni di lavoro collegate allarete scientifica dell’ateneo: da casa l’accesso èpossibile tramite VPNNOTA BENE: dall’esterno della rete scientificadell’ateneo senza VPN è possibile accederesolo ai periodici open access
  • 20. IL TROVA RIVISTE:LE MODALITA’ DI RICERCA RICERCA PER TITOLO RICERCA PER AMBITO DISCIPLINARE RICERCA MULTICAMPO: COMBINAZIONE DI PIU’ CRITERI RICERCA PER CITAZIONE BIBLIOGRAFICA
  • 21. LA RICERCA PER TITOLO DUPLICE MODALITA’ DI RICERCA LISTA A-Z: ricerca per lettera alfabetica con elencodi titoli delle riviste che cominciano con la letteradigitataRICERCA PER PAROLE PRESENTI NELTITOLO: elenco alfabetico di titoli a partire dallaparola digitata (inizia con); elenco di titoli checontengono la/le parole digitate (contiene) MODALITA’ ASSISTITA DISCRITTURA DEI TITOLI IN ENTRAMBI IMODI
  • 22. ESEMPIO Thomas Margoni, “Eccezioni e limitazioni al diritto dautore in Internet”, in Giur. It., 2011, 8-9, p. 1959 COLLEGAMENTO AL FULL TEXT TRAMITE PIATTAFORMA NATIVA DELL’EDITORE (SEARCH AND LINK)
  • 23. LA RICERCA PER DISCIPLINA RICERCA PER AMBITO DISCIPLINARE selezione della macro-categoria Selezione della sotto-categoria Elenco alfabetico dei titoli delle riviste
  • 24. ESEMPIO Macro-categoria: diritto Sotto-categoria: diritto della proprietà E-Journal: Journal of internet law (EBSCO) Scheda in ambiente Ebsco (annate disponibili) e scorrimento dei contributi in ordine cronologico decrescente (full text in PDF)
  • 25. LA RICERCA MULTICAMPO COMBINAZIONE DI PIÙ CRITERI Titolo ISSN AMBITO DISCIPLINARE FORNITORE/LIBRERIA COMMISSIONARIA
  • 26. ESEMPIO Categoria: diritto Fornitore: miscellanea Elenco alfabetico delle riviste non consultabili sulla piattaforma del fornitore (CELDES) E-Journal: Guida al diritto Ricerca avanzata nella ‘‘banca dati’’
  • 27. LA RICERCA PER CITAZIONE BIBLIOGRAFICA RICERCA DI UN CONTRIBUTO PER ESTREMI BIBLIOGRAFICINOTA BENE: La ricerca ha successosolo se si inseriscono più elementi (èindispensabile il titolo o ISSN)
  • 28. ESEMPIO Vincenzo Papagni, ‘‘Detenzione e utilizzo di "software" privo del marchio Siae: nellambito di unattività libero professionale non costituisce reato’’, in Diritto e Giustizia, 2010, 23 gennaio, 70 (Nota a Cassazione penale, 22/10/2009, n. 49385, sez. III) COLLEGAMENTOALLA HOMEPAGE DELLA RIVISTA(SEARCH AND LINK)
  • 29. CASISTICA
  • 30. E PER IL FULL TEXT? Recupero a scaffale delle versione cartacea del periodico laddove è posseduta dalla BUG CATALOGO Consultazione della versione elettronica del periodico laddove è stata acquisita dal SBA TROVA RIVISTE Consultazione delle sezioni “dottrina” delle banche dati generiche acquisite dal SBA BANCHE DATI Document delivery: servizio di fornitura di documenti non posseduti da parte di altre biblioteche DOCUMENT DELIVERY
  • 31. 1° ESEMPIO RISORSA SOLO CARTACEA (Giuffre’)Mario fabiani, “Contratto di edizione per le stampe ed e-book”, in Diritto d’autore, 2011, 1, pp. 1.17 E’ POSSEDUTA DALLA BIBLIOTECA GIURIDICA
  • 32. 2° ESEMPIO RISORSA SOLO CARTACEA (Giuffre’)Sabrina Peron, “Sulla diffamazione commessa tramite motore di ricerca, in Resp. civ. e prev., 2011, 6, 1327 (Nota a Tribunale Milano 31/03/2011) E’ POSSEDUTA DALLA BIBLIOTECA GIURIDICA Vedi “sezione dottrina” De Jure”
  • 33. 3° ESEMPIO RISORSA SOLO CARTACEA (Il Pensiero scientifico)Berti A. - Fizzotti C. - Macerino C. - Zanelli E., “Stalking. Dalla clinica alla teoria: lo stolker”, in Rivista di psichiatria, 2005, 40, pp. 174-180 NON E’ POSSEDUTA DALLA BIBLIOTECA GIURIDICA MA DALLE ALTRE BIBLIOTECHE DI FACOLTA’
  • 34. 4° ESEMPIO RISORSA SOLO CARTACEA (Sarica & Associate)Fulgione Gerardo, “I riflessi della normativa sul diritto dautore per gli enti locali”, in Azienditalia, 2008, 9, 669 (Commento a L. 22-4-1941 n. 633) NON E’ POSSEDUTA DAL SISTEMA BIBLIOTECARIO DELL’ ATENEO DI MODENA DOCUMENT DELIVERY
  • 35. 5° ESEMPIO RISORSA CARTACEA ED ELETTRONICA (Utet) Thomas Margoni, “Eccezioni e limitazioni al diritto dautore in Internet”, in Giur. It., 2011, 8-9, p. 1959E’ POSSEDUTA DALLA BIBLIOTECA GIURIDICA IN ENTRAMBE LE VERSIONI ED INOLTRE E’ CORREDATA DAL LINK “OGGETTO DIGITALE”
  • 36. 6° ESEMPIO RISORSA SOLO ELETTRONICA (Giuffre’) Vincenzo Papagni, “Detenzione e utilizzo di "software" privo del marchio Siae: nellambito di unattività libero professionale non costituisce reato”, in Diritto e Giustizia, 2010, 23 gennaio, 70(Nota a Cassazione penale, 22/10/2009, n. 49385, sez. III)E’ POSSEDUTA DALLA BIBLIOTECA GIURIDICA
  • 37. 7° ESEMPIO RISORSA SOLO ELETTRONICA (IL MULINO)Alberto Musso, “Opere fotografiche e fotografiedocumentarie nella disciplina dei diritti di autore o connessi: un parallelismo sistematico con la tutela dei beni culturali”, in Aedon, 2010, 2, 9 NON E’ POSSEDUTA DALLA BUG MA E’ AD ACCESSO LIBERO www.aedon.mulino.it/archivio/2010/2/musso.htm