Struttura dell'articolo di ambito umanistico sociale
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Struttura dell'articolo di ambito umanistico sociale

on

  • 1,027 views

 

Statistics

Views

Total Views
1,027
Views on SlideShare
1,027
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
7
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Struttura dell'articolo di ambito umanistico sociale Presentation Transcript

  • 1. Struttura dell’articolo di ambito umanistico - sociale Dott.ssa Pinuccia Montanari
  • 2. Oggi in realtà vi sono articoli scientifici cheriguardano tutte le discipline. Nella scuola, nella ricerca gli articoli scientifici sotto forma di documenti relazioni articoli sono importanti per informare e vengono definiti TECHNICAL WRITING e si articolano a. dal punto di vista dei contenuti b. dal punto di vista della forma
  • 3. Oggi sono figure ben presenti nella cultura nordamericana: sono i TECHNICAL WRITERNell’industria, nelle professioni, negli enti statali, nelle istituzioni della ricerca, nella scuola, gli articoli tecnici (sottoforma di documenti, relazioni, articoli) sono fondamentali per l’attività di lavoro “Quando qualcuno spiega un argomento che non ha ben capito sarà compreso solo da chi ne sa di più”
  • 4. TEMA DELL’ARTICOLO1) definire l’obiettivo dell’articolo dimostrare risolvere chiarire spiegare inquadrareRicontrollare le tappe del proprio percorso è fondamentale perchi legge2) l’articolo deve essere chiaro ed efficace3) gli articoli sono formati da introduzione corpo (suddiviso in paragrafi) conclusione
  • 5. INTRODUZIONEServe a sedurre il lettore“Qual è il problema che questo articolo risolve?”Serve a fornire conoscenza e informazioneSpesso l’introduzione viene scritta alla fineOCCHIELLOServe per attirare l’attenzione del lettore e convincerlo alla letturaABSTRACTNe concentra il riassunto, il contenuto, e le conclusioni(riporta fedelmente i contenuti senza interpretazioni né critiche)
  • 6. CORPO DEL TESTOIl corpo del testo deve essere suddiviso in paragrafi.Approccio organizzativo è definito TOP-DOWN cioè dal generale al particolare dopo aver indicato le LINEE GENERALI.I contenutia. Indicare il tipo di lettore cui ci si rivolgeb. Fornire tutte le indicazioni relative ad un argomentoc. Valutare sempre se c’è la possibilità di un’applicazioni pratica anche in un argomento teoricod. Usare figure con intelligenza e inserire didascaliee. Chiarire i concetti con esempi, similitudini e metaforef. Riferimenti bibliografici; la conoscenza della letteratura su di un argomento
  • 7. REVISIONE Gli articoli tecnici devono passare almeno una revisione tecnica da parte di uno o più TECHNICAL EDITOR o TECHNICAL REVIEWER - Revisione tecnica - Revisione stilistica (per migliorare la forma espositiva) - Revisione in base alle norme editorialiAlcune note di “Technical writing”- Nuovo manuale di stile : Zanichelli- Italiano : lo stile di Massimo Birattari- Fondamenti di comunicazione tecnico-scientifica di Emilio Matricciani(Apogeo)
  • 8. ARTICOLO ORIGINALE Deve fornire una DESCRIZIONE PUNTUALE di una RICERCA e dei RISULTATI OTTENUTIFasi della ricerca- Scopi- Metodo di lavoro- Esiti- Confronto con le altre ricerche e risposte al problemaStruttura e contenuto- Introduzione- Materiali e metodi- Risultati ottenuti- Discussioni e conclusioni …ovvero…
  • 9. INTRODUZIONE- Indice- Scopo del lavoro- Riassunto dello studio- Riferimenti bibliografici essenziali- Non essere esteso- Non deve anticipare dati o conclusioniMATERIALI E METODI- Descrizione degli oggetti/soggetti dell’osservazione compreso gruppo di controllo- Definizione dei metodi e delle apparecchiature utilizzate- Illustrazione delle procedure- Comparazione di nuove metodiche con altre utilizzate in passatoRISULTATI presentati- In sequenza logica- In evidenza i risultati di rilievoDISCUSSIONE- Sottolineatura nuovi e importanti aspetti- Collegamento con conclusioni di altri importanti studi
  • 10. LE TABELLE PER ILLUSTRAREUN ARTICOLOLe illustrazioni possono essere parte integrante di un testo.La sintesi ICONOGRAFICA è interessante, aiuta- l’analisi- La comprensione- La memorizzazione delle informazioniIl grafico rispetto, alla fotografia, veicola l’informazione più velocemente.
  • 11. Una tabella serve per..• Riassumere i dati di una ricerca organizzati in righe e colonne• Raggruppare sezioni di dati da confrontare• Documentare procedure e risultati sperimentali• Consentire al lettore di valutare criticamente l’oggetto della ricerca Di cosa si compone una tabella?Nella raffigurazione più schematica una tabella si compone di- Dicitura di presentazione con numero progressivo di identificazione grazie al quale si inserisce la sequenza precisa (subito dopo il richiamo)- Titolo che indichi la natura dei dati presentati- Didascalia e nota di contenuto- Riquadro superiore per le intestazioni di colonna- Corpo centrale con i dati suddivisi in colonne- Note esplicative o legende delle osservazioni usate nel corpo della tabella
  • 12. Quando sarebbe bene non creare una tabella?• Quando i dati sono scarsi• Quando le tabelle risulterebbero troppo complesse• Quando si sarebbe costretti a disporre la tabella trasversalmente
  • 13. Alcuni esempiLa rivista Orientamenti pedagogici presenta 3 tipi di articolazione degli scritti :- Interventi e studi- Esperienze e documenti- Orientamenti bibliografici suddiviso in Recensioni e SegnalazioniUn articolo è formato da Titolo dell’articolo - Abstract – Capitoli – ParagrafiEsempio1. Quadro di riferimento 1.1 Ottica educativa preventiva-evolutiva 1.2 Centralità della persona dell’azione educativa2. Atteggiamenti di base per una relazione educativa efficace in casa famiglia 2.1 Accoglienza di minore in situazioni di sofferenza e disagio 2.2 Disponibilità all’incontro 2.3 Trasparenza, congruenza e autenticità nella relazione3. Presenza educativa costante4. Rilievi conclusiviSummaryBibliografia
  • 14. Alcuni esempiPercentuale degli alunni partecipanti sul totale degli iscritti Media Deviazione 8,75 10,93RecensioniArgomentoIndicazione bibliograficaTestoCognome / Nome autore