(4) i fondamenti biblici della dottrina sociale della chiesa (s. barresi)
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

(4) i fondamenti biblici della dottrina sociale della chiesa (s. barresi)

on

  • 397 views

 

Statistics

Views

Total Views
397
Views on SlideShare
397
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
2
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    (4) i fondamenti biblici della dottrina sociale della chiesa (s. barresi) (4) i fondamenti biblici della dottrina sociale della chiesa (s. barresi) Presentation Transcript

    • I fondamenti biblicidella Dottrina Socialedella ChiesaARCIDIOCESI DI CROTONE – S. SEVERINASCUOLA DI FORMAZIONE TEOLOGICO MINISTERIALE«UNUS MAGISTER>ANNO SECONDOCORSO DI ETICA SOCIALE, ECONOMIA E POLITICAa cura del Prof. Salvatore BarresiLezione 41
    • Lezione 4Il nucleo centrale della Dottrina Sociale della Chiesa ècostituito da alcune verità di antropologia ed etica cristianache corrispondono allimmagine rivelata delluomo e dellasua vocazione terrena e insieme trascendente. (cfr.Sollicitudo Rei Socialis, 41)"La rivelazione cristiana ci guida ad un approfondimentodelle leggi che regolano la vita sociale" (Gaudium et Spes,23)"Tutto deve essere finalizzato a obiettivi coerenti con ladignità e la vocazione delluomo, rivelate pienamente solodalla Parola di Dio" (La verità vi farà liberi, p.520)1. LAntico Testamento2
    • Lezione 4Riferimenti fondamentali per una antropologia cristianaLuomo immagine di Dio:Genesi 1,26-30: Creazione delluomo a immagine di Dio, suorapporto con la creazione e vocazione al rapportointerpersonale con Dio e con gli altri.Salmi 8,6-9: "Eppure hai fatto [luomo] poco meno degliangeli, di gloria e di onore lhai coronato: gli hai dato poteresulle opere delle tue mani, tutto hai posto sotto i suoi piedi;tutti i greggi e gli armenti, tutte le bestie della campagna; gliuccelli del cielo e i pesci del mare, che percorrono le vie delmare" 3
    • Lezione 4Il peccato:Il peccato porta disordine, oppressione e violenza- nella famiglia: Genesi 3,16: "Moltiplicherò i tuoi dolori e letue gravidanze, con dolore partorirai figli. verso tuo maritosarà il tuo istinto, ma egli ti dominerà"Genesi 4,3-16 (Caino ed Abele)- nella città: Genesi 11,1-9 (La torre di Babele)- nella nazione: Amos 8,4-7 (frodi e truffa minano la vita sociale)- nei rapporti tra i popoli: Esodo 1,8-22: "Allora sorse sullEgitto unnuovo re, che non aveva conosciuto Giuseppe. E disse al suopopolo: "Ecco che il popolo dei figli di Israele è più numeroso e piùforte di noi. Prendiamo provvedimenti nei suoi riguardi... "Corrompe la convivenza tra gli uomini: Sapienza 14,22-27: "Non bastòloro sbagliare circa la conoscenza di Dio; essi [...] non conservano piùpure né vita né nozze e uno uccide laltro a tradimento o laffligge conladulterio..."Rende mostruoso il potere politico: Daniele 7,2-8 (Le quattro bestie)4
    • Lezione 4DIO È LIBERATORE DEGLI OPPRESSIDio protegge i poveri, gli stranieri, gli orfani, le vedove, vuole la giustizia e la solidarietà:- Esodo 23,1-9 ( …. Non spargerai false dicerie; non presterai mano al colpevole peressere testimone in favore di uningiustizia ….)- Esodo 22,21-28 ( …. Non maltratterai lo straniero e non lopprimerai, perché anche voifoste stranieri nel paese dEgitto. ….)- Deuteronomio 24,5-22 (…. Un uomo sposato da poco non andrà alla guerra e non glisarà imposto alcun incarico ….)DIO CHIEDE AI CREDENTI DI NON SEPARARE LA PRATICARELIGIOSA DALLIMPEGNO SOCIALEAmos 5,22-24: "Io detesto, respingo le vostre feste e non gradisco le vostre riunioni [...]Lontano da me il frastuono dei tuoi canti: il suono delle tue arpe non posso sentirlo!Piuttosto scorra come acqua il diritto e la giustizia come un torrente perenne"Isaia 58,6-7: "Non è piuttosto questo il digiuno che voglio: sciogliere le catena inique,togliere i legami dal giogo, rimandare liberi gli oppressi e spezzare ogni giogo? Nonconsiste forse nel dividere il pane con laffamato, nellintrodurre in casa i miseri, senzatetto, nel vestire chi è nudo?"5
    • Lezione 42. Il Nuovo Testamento"La dottrina sociale della Chiesa trova la sua sorgente nella Sacra Scrittura, acominciare dal libro della Genesi e, in particolare, nel Vangelo e negli scrittiapostolici." (Laborem exercens, n°3)I temi principali presenti nella Scrittura che sono fondamento per la DSC sonoquelli della antropologia cristiana, e in particolare: dignità e rispetto dellapersona, essenzialità delle dimensioni non solo fisiche e culturali nello sviluppodella persona, ma anche spirituali e religiose, costitutiva socialità dellessereumano, sacralità e rispetto della coscienza.Questi temi sono presenti in tutto il Nuovo Testamento, con maggior precisionee chiarezza rispetto allA.T., nel quale taluni valori sono offuscati da una vitasociale e morale non ancora pienamente radicata sui valori evangelici.Possiamo distinguere gli insegnamenti che sono espliciti nella predicazione diGesù e degli apostoli da ciò che invece è deducibile dalla loro prassi.6
    • Lezione 4Parlare dei fondamenti antropologici della DottrinaSociale della Chiesa (DSC) significa cercare di delinearela visione dell’uomo che sta alla base di tutte leaffermazioni contenute a vario titolo nei documenti delpensiero sociale della chiesa.• Che cosa pensa la chiesa dell’uomo?• Come lo intende rispetto a se stesso, agli altri e almondo?• Qual è la sua natura e il suo posto nel mondo e nellasocietà?• Che cosa lo caratterizza e lo specifica?• Che cosa lo costituisce?• Qual è il suo valore• Quale è il suo destino e il suo fine ultimo? 7
    • Lezione 48
    • Lezione 4La predicazioneIl primo completamento di un precetto dellA.T. èlinsegnamento di Gesù sullamore al prossimo nemicicompresi:• ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per i vostripersecutori (Matteo 5,44) - (pensare anche alla paraboladel buon Samaritano)San Paolo a sua volta dirà, portando alle estremeconseguenze linsegnamento di Gesù:• Non cè più giudeo né greco; non cè più schiavo nélibero; non cè più uomo né donna, poiché tutti voi sieteuno in Cristo Gesù. (Gal 3,28)9
    • Lezione 4Di fronte ad un A.T. in cui traspare talvolta come la benedizione del Signore si manifestiin modo materiale, con ricchezza, prolificità, posizione importante allinterno dellacomunità, Gesù mette invece come segni di benedizione lessere umili, poveri,perseguitati (Matteo cap.5), perché la dimensione spirituale delluomo è primaria rispettoa quella materiale:Perciò vi dico: per la vostra vita non affannatevi di quello che mangerete o berrete, eneanche per il vostro corpo, di quello che indosserete; la vita forse non vale più del cibo eil corpo più del vestito? Guardate gli uccelli del cielo: non seminano, né mietono, néammassano nei granai; eppure il Padre vostro celeste li nutre. Non contate voi forse piùdi loro? E chi di voi, per quanto si dia da fare, può aggiungere unora sola alla sua vita?E perché vi affannate per il vestito? Osservate come crescono i gigli del campo: nonlavorano e non filano. Eppure io vi dico che neanche Salomone, con tutta la sua gloria,vestiva come uno di loro. Ora se Dio veste così lerba del campo, che oggi cè e domaniverrà gettata nel forno, non farà assai più per voi, gente di poca fede? Non affannatevidunque dicendo: Che cosa mangeremo? Che cosa berremo? Che cosa indosseremo? Ditutte queste cose si preoccupano i pagani; il Padre vostro celeste infatti sa che ne avetebisogno. Cercate prima il regno di Dio e la sua giustizia, e tutte queste cose vi sarannodate in aggiunta. Non affannatevi dunque per il domani, perché il domani avrà già le sueinquietudini. A ciascun giorno basta la sua pena. (Mt 6,25-34)10
    • Lezione 4Daltra parte la tentazione spiritualista è rifiutata da Gesù, inserendolinteresse per le realtà terrene nella giusta scala di valori:Gli mandarono però alcuni farisei ed erodiani per coglierlo in fallo neldiscorso. E venuti, quelli gli dissero: "Maestro, sappiamo che seiveritiero e non ti curi di nessuno; infatti non guardi in faccia agliuomini, ma secondo verità insegni la via di Dio. E lecito o no dare iltributo a Cesare? Lo dobbiamo dare o no?". Ma egli, conoscendo laloro ipocrisia, disse: "Perché mi tentate? Portatemi un denaro perchéio lo veda". Ed essi glielo portarono. Allora disse loro: "Di chi è questaimmagine e liscrizione?". Gli risposero: "Di Cesare". Gesù disse loro:"Rendete a Cesare ciò che è di Cesare e a Dio ciò che è di Dio". (Mc12,13-17)11
    • Lezione 4Analogamente S. Paolo riconosce la legittimità dellordine civile:Ciascuno stia sottomesso alle autorità costituite; poiché non cè autoritàse non da Dio e quelle che esistono sono stabilite da Dio. Quindi chi sioppone allautorità, si oppone allordine stabilito da Dio. E quelli che sioppongono si attireranno addosso la condanna. I governanti infatti nonsono da temere quando si fa il bene, ma quando si fa il male. Vuoi nonaver da temere lautorità? Fà il bene e ne avrai lode, poiché essa è alservizio di Dio per il tuo bene. Ma se fai il male, allora temi, perché noninvano essa porta la spada; è infatti al servizio di Dio per la giustacondanna di chi opera il male. Perciò è necessario stare sottomessi, nonsolo per timore della punizione, ma anche per ragioni di coscienza. Perquesto dunque dovete pagare i tributi, perché quelli che sono dediti aquesto compito sono funzionari di Dio. Rendete a ciascuno ciò che gli èdovuto: a chi il tributo, il tributo; a chi le tasse le tasse; a chi il timore iltimore; a chi il rispetto il rispetto. (Rm 13,1-7)12
    • Lezione 4Il primato dellobbedienza alla propria coscienza di frontealla comunità civile diverrà punto di partenza per latestimonianza dei primi cristiani:E, richiamatili, ordinarono loro di non parlareassolutamente né di insegnare nel nome di Gesù. Ma Pietroe Giovanni replicarono: "Se sia giusto innanzi a Dioobbedire a voi più che a lui, giudicatelo voi stessi; noi nonpossiamo tacere quello che abbiamo visto e ascoltato".(Atti 4,18-20)13
    • Lezione 4LA PRASSINella prassi e nella vita di Gesù abbiamo un rispetto e valorizzazionedei bambini, delle donne, degli stranieri che apre definitivamente laprospettiva sulluniversalità della salvezza.Per quel che riguarda la costitutiva dimensione sociale dellessereumano possiamo certamente riferirci alla testimonianza della prima"comunità" che Gesù costituisce - quella degli apostoli - che vivemettendo in una cassa comune i propri beni, destinandone una parte aipoveri:«…. alcuni infatti pensavano che, tenendo Giuda la cassa, Gesù gliavesse detto: Compra quello che ci occorre per la festa", oppure chedovesse dare qualche cosa ai poveri». (Gv 13,29)14
    • Lezione 4e poi alla prassi della chiesa primitiva che vive lacelebrazione della "frazione del pane" come momento dipreghiera, ma anche di condivisione con i fratelli più poveri:Quando dunque vi radunate insieme, il vostro non è più unmangiare la cena del Signore. Ciascuno infatti, quandopartecipa alla cena, prende prima il proprio pasto e cosìuno ha fame, laltro è ubriaco. (1 Cor 11,20-21)Quanto poi alla colletta in favore dei fratelli, fate anche voicome ho ordinato alle Chiese della Galazia. Ogni primogiorno della settimana ciascuno metta da parte ciò che gli èriuscito di risparmiare, perché non si facciano le colletteproprio quando verrò io. (1 Cor 16,1-2)15
    • Lezione 4Questo stile di "farsi carico" del fratello non è realizzato solo alivello di elemosina individuale, ma anche di interventoorganizzato e strutturato:In quei giorni, mentre aumentava il numero dei discepoli, sorseun malcontento fra gli ellenisti verso gli Ebrei, perché venivanotrascurate le loro vedove nella distribuzione quotidiana. (Atti6,1)Per quel che riguarda il rispetto della coscienza, Gesù dà unesempio insuperato di attenzione ai tempi di crescita del singolo:Il giovane gli disse: "Ho sempre osservato tutte queste cose; chemi manca ancora?". Gli disse Gesù: "Se vuoi essere perfetto, và,vendi quello che possiedi, dallo ai poveri e avrai un tesoro nelcielo; poi vieni e seguimi". Udito questo, il giovane se ne andòtriste; poiché aveva molte ricchezze. (Matteo 19,20-22)16
    • Lezione 43. Il Nuovo TestamentoIl lavoro è lattività umana svolta per produrre e scambiarebeni e per mettere a disposizione servizi economici.Il lavoro è lo sforzo fisico e mentale delluomo rivolto aprodurre.La Dottrina Sociale della Chiesa ritiene che il lavoro, comeproblema delluomo, si trovi al centro della "questionesociale" alla quale le encicliche sociali nel corso degli ultimi100 anni hanno dedicato costante attenzione.17
    • Lezione 4La centralità del lavoro emerge dalla Sacra Scrittura e, perquanto attiene al Nuovo Testamento, occorre considerare quanto segue:"Il cristianesimo, ampliando alcuni aspetti già propri dellAnticoTestamento, ha operato nel campo del lavoro una fondamentaletrasformazione di concetti partendo dallintero contenuto delmessaggio evangelico, e soprattutto dal fatto che Colui, il qualeessendo Figlio di Dio è diventato simile a noi, dedicò la maggior partedegli anni della sua vita sulla terra al lavoro manuale, presso un bancodi carpentiere. Questa circostanza costituisce da sola il più eloquente"Vangelo del lavoro", che manifesta come il fondamento perdeterminare il valore del lavoro umano non sia prima di tutto il generedi lavoro che si compie, ma il fatto che colui che lo esegue è unapersona" (Laborem Exercens, 6)18
    • Lezione 419Cristo luomo del lavoroLa verità del lavoro visto come partecipazione allopera di Dio Creatore è statain modo particolare messa in risalto da Gesù Cristo, figlio del carpentiere:"Infatti, Gesù non solo proclamava ma prima di tutto compivo con lopera il"Vangelo" a lui affidato, la parola delleterna Sapienza. Perciò questo era pureil "Vangelo del lavoro", perché colui che lo proclamava, era egli stesso uomodel lavoro, del lavoro artigiano come Giuseppe di Nazareth. E anche se nellesue parole non troviamo uno speciale comando di lavorare - piuttosto, unavolta, il divieto di una eccessiva preoccupazione per il lavoro e lesistenza -però al tempo stesso, leloquenza della vita di Cristo è inequivoca: egliappartiene al "mondo del lavoro", ha per il lavoro umano riconoscimento erispetto; si può dire di più: egli guarda con amore questo lavoro, le sue diversemanifestazioni, vedendo in ciascuna una linea particolare della somiglianzadelluomo con Dio, Creatore e Padre." (Laborem Exercens, 26)
    • Lezione 420Gesù nelle sue parabole sul Regno di Dio si richiamacostantemente al lavoro umano: al lavoro del pastore (Gv10,1-10), dellagricoltore (Mc 12,1-12), del medico (Lc4,23), del seminatore (Mc 4,1-9), del padrone di casa (Mt13,52), del servo (Mt 24,45; Lc 12, 42-48),dellamministratore (Lc 16,1-8), del pescatore (Mt 13,47-50), del mercante (Mt 13,45 s), delloperaio (Mt 20, 1-16).Parla pure dei diversi lavori delle donne (Mt 13,33; Lc 15,8s). Presenta lapostolato a somiglianza del lavoro manualedei mietitori (Mt 9,37; Gv 4,35-38) o dei pescatori (Mt4,19). Inoltre si riferisce anche al lavoro degli studiosi (Mt13,52).
    • Lezione 421Linsegnamento di Cristo sul lavoro, basato sullesempio della propria vitadurante gli anni di Nazareth, trova uneco particolarmente vivanellinsegnamento di S. Paolo:"Paolo si vantava di lavorare nel suo mestiere (probabilmente fabbricavatende), e grazie a ciò poteva pure come apostolo guadagnarsi da solo il pane(At 20,34 s). "Abbiamo lavorato con fatica e sforzo, notte e giorno, per nonessere di peso ad alcuno di voi" (At 20,34). Di qui derivano le sue istruzioni sultema del lavoro, che hanno carattere di esortazione e di comando: "A questi...ordiniamo, esortandoli nel Signore Gesù Cristo, di mangiare il proprio panelavorando in pace", così scrive ai Tessalonicesi (2 Ts 3,12). Infatti rilevando che"alcuni" vivono disordinatamente, senza far nulla, lApostolo nello stessocontesto non esita a dire: "Chi non vuol lavorare, neppure mangi". In un altropasso invece incoraggia: "Qualunque cosa facciate, fatela di cuore come per ilSignore e non per gli uomini, sapendo che quale ricompensa riceverete dalSignore leredità". Gli insegnamenti dellApostolo delle Genti hanno, come sivede, unimportanza chiave per la morale e la spiritualità del lavoro umano.Essi sono un importante complemento a questo grande, anche se discreto,Vangelo del lavoro, che troviamo nella vita di Cristo e nelle sue parabole, in ciòche Gesù "fece e insegnò"" (Laborem Exercens, 26)
    • Lezione 422Nuovo Adamo, Gesù Cristo permette allumanità dicompiere la missione di dominare il mondo: salvandoluomo, dona al lavoro il suo vero valore. Rende lobbligodel lavoro più pressante fondandolo sulle esigenze concretedellamore soprannaturale; rivelando la vocazione dei figlidi Dio, evidenzia la dignità delluomo e del lavoro che è alsuo servizio, stabilisce una gerarchia di valori chepermettono di giudicare e di comportarsi nellambito dellavoro (cfr. Vocabolario di Teologia Biblica , Xavier Léon-Dufour, voce "Lavoro").