• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Excel 2007   2/3
 

Excel 2007 2/3

on

  • 1,998 views

 

Statistics

Views

Total Views
1,998
Views on SlideShare
1,998
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Excel 2007   2/3 Excel 2007 2/3 Presentation Transcript

    • E.C.D.L. ADVANCED LEVEL
    • Creare un grafico combinatoNella scheda “inserisci”, nelgruppo “grafici”, attivare il pulsante“istogramma > istogramma 2D nonin pila”Selezionare la serie datrasformare da istogramma a lineeAttivare il pulsante “cambia tipodi grafico > grafico a linee” nelgruppo “tipi” della scheda“progettazione”
    • Aggiungere un asse secondarioSelezionare la serie a lineeAttivare il pulsante “formatoselezione > opzione serie > assesecondario” nel gruppo“selezione corrente” dellascheda “layout”
    • Cambiare il tipo di grafico per una serie di datiSelezionare la serieMenu contestuale “cambiatipo di grafico serie”
    • Aggiungere, eliminare una serie di datiPer aggiungere una serie di dati:Selezionare il graficoMenu contestuale “seleziona dati”Selezionare la serie comprensiva deinuovi datiPer eliminare una serie di dati:Selezionare la serie, nel grafico epremere “canc”Oppure:Selezionare il graficoMenu contestuale “seleziona dati”Selezionare la serie e attivare ilpulsante “rimuovi”
    • Formattazione graficiPer riposizionare titolo,legenda, etichette dati:Attivare il menu contestuale“formato legenda > opzionilegenda”Per cambiare la scala sull’assedel valore, valore minimo emassimo, unità principale:Selezionare l’asse Y damodificare e dal menucontestuale selezionare “formatoasse > opzioni assi”,Modificare i valori nei campi
    • Formattazione graficiPer cambiare la visualizzazione delleunità del valore degli assi in centinaia,migliaia, milioni, senza modificare lasorgente datiSelezionare l’asse Y da modificareDal menu contestuale selezionare“formato asse > opzioni assi > unità divisualizzazione”Per formattare colonne, barre, area deltracciato, area del grafico, in modo chemostrino un’immagine:Selezionare l’area del graficoMenu contestuale “formato area grafico”Scheda “riempimento > inserisci da file”
    • Uso delle tabelleUna tabella pivot è una tabella del foglio di lavoro interattiva, che riepiloga rapidamentegrandi quantità di dati.le intestazioni di riga e di colonna possono essere ruotate intorno all’area dei datiprincipali per offrire diverse visualizzazioni dei dati di origine.Può essere aggiornata man mano che vengono apportate modifiche ai dati di origineOgni cella deve contenere un solo datoLe celle di ciascuna colonna devono contenere sempre lo stesso tipo di datoLe celle della prima riga che contengono le etichette dei campi, non devono mai essereseparate dai dati sottostanti con una riga vuotaLa tabella non può contenere righe o colonne vuoteLe celle che si trovano ai bordi della tabella devono essere vuote, in modo che ilprogramma possa automaticamente individuare i confini della tabella.
    • Creare una tabella pivotPer creare una tabella pivot:1) Indicare se i dati provengono da un database esterno oppure appartengono ad una zona del foglio di lavoro2) Indicare la zona di sorgente dati3) Scegliere se il risultato della tabella pivot deve essere all’interno del foglio di lavoro attuale o su un nuovo foglio di lavoro4) Selezionare i campi interessati alla rappresentazione dei dati Area dati:  contiene il campo del quale si vuole ottenere il riepilogo e il risultato di operazioni come somma, conteggio, media… Area pagina:  consente la visualizzazione di uno o di tutti gli elementi del campo contenuto Area riga:  consente la visualizzazione dei dati del campo contenuto, per riga Area colonna:  consente la visualizzazione dei dati del campo contenuto, per colonna
    • Creare una tabella pivotPosizionare il cursore all’interno della tabellaAttivare il pulsante “tabella pivot > tabella pivot” nel gruppo “tabelle” della scheda “inserisci”Scegliere se creare la tabella pivot in un nuovo foglio di lavoro o nel foglio di lavoro attualeCliccare su “ok”Trascinare i campi dalla finestra di dialogo “elenco campi tabella pivot” nelle aree opportune
    • Creare una tabella pivot
    • Tabelle pivotPer aggiornare i dati:Posizionare il cursore all’interno della tabellapivotSelezionare il comando “aggiorna” dal menucontestuale oppure attraverso il pulsante “aggiornatutti” del gruppo “connessioni” nella scheda “dati”Per filtrare i dati:Si possono filtrare i dati agendo sul triangolino adestra del nome del campo interessato
    • Tabelle pivotPer raggruppare automaticamente i datie rinominare i gruppi:Selezionare “raggruppa” dal menucontestualeOppureSelezionare “gruppo da selezione” nellascheda “opzioni”
    • Tabelle pivotPer raggruppare manualmente i dati in una tabellapivotSelezionare i dati da raggruppareMenu contestuale “raggruppa”Successivamente è possibile rinominare le etichette deigruppi nella nuova colonna
    • Usare una tabella dati ad una o due variabiliUna tabella dati è uno strumento di analisi disimulazione, in grado di fornire rapidamente piùrisultati che derivano dalla variazione degli elementi inuna formula.Le tabelle dati possono essere basate solo su una o duevariabili (dovendo utilizzare più di due variabili, sidovrà ricorrere allo strumento “scenari”)Selezionare “tabella dati” dal pulsante “analisi disimulazione” del gruppo “strumento dati” nella scheda“dati”Copiare la formula, nella cella all’incrocio tra riga ecolonnaSelezionare l’intera tabellaSelezionare “tabella dati” dal pulsante “analisi disimulazione” del gruppo “strumenti dati” nella scheda“dati”Nella finestra di dialogo “tabella dati” nella casella“cella di input per riga” selezionare la cella con il datorelativo all’input per riga, e per la “cella di input percolonna”, selezionare la cella con il dato relativoall’input per colonna.Terminare con “ok”
    • Creazione di una tabella dati ad una variabileCopiare la formula nella prima cella dellacolonna vuota della tabellaSelezionare l’intera tabellaSelezionare “tabella dati” dal pulsante“analisi di simulazione” del gruppo“strumenti dati” nella scheda “dati”Nella finestra di dialogo “tabella dati”,nella casella “cella di input per colonna”,selezionare la cella che contiene il datooriginarioTerminare con “ok”
    • Ordinamento e filtriPosizionare il cursore all’interno dellatabella da ordinareSelezionare “ordinamento personalizzato”dal pulsante “ordina e filtra” del gruppo“modifica” della scheda “home”
    • Creare elenchi personalizzati ed eseguire ordinamenti personalizzatiPer creare un elenco personalizzato:Cliccare sul pulsante con il logo di Microsoft OfficeCliccare sul pulsante “opzioni di excel”Selezionare la categoria “impostazioni generali”Cliccare sul pulsante “modifica elenchi personalizzati”in “opzioni principali per l’utilizzo di excel”Per eseguire un ordinamento personalizzato:Posizionare il cursore all’interno della tabella daordinareSelezionare “filtro ordina e filtra > filtro” nel gruppo“modifica” della scheda “dati”Per disattivare il filtro automaticoRipetere gli stessi passaggi dell’attivazione
    • Filtro avanzatoZona dei criteri: Va posta separatamente al di sopra della tabella dei dati ed è composta da almeno due righe: riga dei nomi dei campi e riga dei criteri È consigliabile che i nomi dei campi siano copiati dalla tabella dei dati Criteri posti nella stessa riga determinano una condizione “and”: tutte le condizioni devono essere soddisfatte Criteri in righe separate determinano una condizione “or”: è sufficiente che sia soddisfatta almeno una condizione Gli operatori utilizzati sono =, <, >, <>, <=, >=Zona di estrazione: È necessaria se si decide di copiare i dati filtrati in una zona specifica del foglio di lavoro (una volta effettuato il filtraggio il contenuto delle celle sottostanti al risultato viene perso) È possibile stabilire quali campi riportare nella zona di estrazione copiando i nomi dei campi nella tabella dati
    • Filtro avanzatoPosizionare il cursore all’interno della tabella da ordinareSelezionare il pulsante “avanzate” del gruppo “ordina e filtra” della scheda “dati”
    • Subtotale automaticoPosizionare il cursore all’internodella tabella nella quale occorreapplicare i subtotaliSelezionare il pulsante “subtotale” delgruppo “struttura” della scheda “dati”
    • Subtotale automaticoFinestra di dialogo subtotali:La casella “interruzioni di pagina tragruppi” attiva l’inserimento diun’interruzione di pagina automatica dopociascun subtotaleSe occorre visualizzare i subtotali sopra,invece, occorre deselezionare la casella dicontrollo “riepilogo sotto i dati”La deselezione della casella di controllo“sostituisci i subtotali correnti” permette diaggiungere altri subtotali con funzioni diriepilogo diverse Livello 1: visualizzazione del totale complessivo Livello 2: visualizzazione dei subtotali e del totale complessivo Livello 3: visualizzazione completa dei dettagli, dei subtotali e del totale complessivo
    • ScenariSelezionare le celle che si desiderautilizzare per lo scenarioSelezionare “gestione scenari” dalpulsante “analisi di simulazione” delgruppo “strumenti dati” della scheda“dati”Nella finestra di dialogo “gestionescenari”: cliccare sul pulsante“aggiungi”, ed assegnare un nome alprimo scenario, poi cliccare “ok” perproseguireImmettere i valori per ogni “cellavariabile” e confermare con “ok”
    • ScenariGestione scenari:Nella finestra di dialogo “gestione scenari” èpossibile scegliere se chiudere, mostrare,modificare o eliminare uno scenario Scenari di riepilogo: Una volta creati gli scenari, è possibile creare un foglio di riepilogo, cliccando sul pulsante “riepilogo” in modo da confrontare diversi scenari