Your SlideShare is downloading. ×
0
I miscugli
I miscugli
I miscugli
I miscugli
I miscugli
I miscugli
I miscugli
I miscugli
I miscugli
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

I miscugli

5,133

Published on

Progetto iTEC2 …

Progetto iTEC2
classe 2H
SMS "Stabiae"
Castellammare di Stabia (NA)

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
5,133
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
17
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. I MISCUGLI
  • 2. I MISCUGLI OMOGENEII miscugli omogenei hanno una composizionecostante da punto a punto e presentano proprietàtipiche del miscuglio e dipendono dallacomposizione del miscuglio.
  • 3. I COMPONENTI DEI MISCUGLI OMOGENEI Nei miscugli omogenei i componenti sono mescolati in modo molto più “profondo”, tanto che essi perdono alcune caratteristiche esteriori e non sono più individuabili, neppure con l’aiuto del microscopio.1. Nei miscugli omogenei i componenti si mescolano così bene che perdono alcune delle loro proprietà e non si riescono più a distinguere.2. I componenti di un miscuglio omogeneo possono essere mescolati in moltissime proporzioni, talvolta con qualche limitazione.3. I componenti di un miscuglio omogeneo possono essere separati se si cambia il loro stato di aggregazione o se si sfrutta la loro diversa solubilità.4. Le proprietà di un miscuglio omogeneo sono assolutamente le stesse in qualunque suo punto.
  • 4. ESEMPI DI MISCUGLI OMOGENEILa coca cola è un esempio di soluzione in cui sono presenti soluti SOLIDI (zucchero, caffeina, caramello), LIQUIDI (acido ortofosforico) e GASSOSI (soprattutto anidride carbonica).Gli sciroppi per preparare le granite sono un esempio di soluzioni acquose in cui il soluto principale, lo zucchero, è un solido.
  • 5. COME SEPARARE I MISCUGLI OMOGENEIE generalmente più difficoltoso separare nei componenti iniziali i miscugli omogenei rispetto a quellieterogenei; questo perché la materia è mescolata più intimamente. Per separarli ci sono due modi: DISTILLAZIONELa distillazione sfrutta i diversi punti di ebollizione dei componenti della soluzione. In questo processo siporta il miscuglio allebollizione e quindi il liquido passa allo stato di vapore, si condensa dunque il vaporetramite raffreddamento e si riottiene il liquido. Se si separa il liquido da una soluzione ottenuta dallunionedi un solido con un liquido (es: sale da cucina in acqua) la distillazione prende il nome di distillazionesemplice mentre se la soluzione è stata ottenuta dallunione di liquidi miscibili (es: acqua e alcol etilico) ilprocesso prende il nome di distillazione frazionata. Il primo componente a distillare sarà quello chepresenta punto di ebollizione più basso.CROMATOGRAFIALa cromatografia è un insieme di metodi di separazione di miscugli anche molto complessi che si basa sulla capacità di far migrare a differente velocità, su di una fase fissa, i diversi componenti del miscuglio. E sempre presente una seconda fase mobile a cui si deve il trascinamento delle varie sostanze. A seconda del supporto fisso utilizzato possiamo distinguere la cromatografia su carta, su strato sottile (TLC), su colonna. Attualmente importantissime nellanalisi chimica sono le tecniche di gascromatografia in cui la fase mobile è rappresentata da un gas e la cromatografia liquida ad alte prestazioni (HPLC) in cui la fase mobile è rappresentata da un liquido sottopressione.
  • 6. I MISCUGLI ETEROGENEI Sono quei miscugli che presentano una composizione chimica variabile da punto a punto e presentano proprietà tipiche dei componenti1. Nei miscugli eterogenei, i componenti mantengono le proprie caratteristiche e ciò permette di individuarli anche se sono ben mescolati. Ad esempio un miscuglio di sale fino e pepe macinato oppure zolfo e limatura di ferro (vedi figura).2. I componenti di un miscuglio eterogeneo possono essere mescolati nelle più diverse quantità e proporzioni.3. I componenti di un miscuglio eterogeneo possono essere separati mantenendo immutate le loro proprietà.4. Le proprietà del miscuglio possono risultare diverse nelle diverse porzioni del miscuglio stesso.
  • 7. ESEMPI DI MISCUGLI ETEROGENEIAd esempio il latte sembra un miscuglio omogeneo el’aggettivo “omogeneizzato” che compare talvolta sulleconfezioni contribuisce a dare l’impressione che sia così.In realtà se osservato al microscopio, mostradistintamente i globuli di grasso immersi nel liquido. Nellatte omogeneizzato questi globuli sono molto piccoli, inquello appena munto sono molto più grandi e tendono araccogliersi in superficie formando la panna.
  • 8. COME SEPARARE I MISCUGLI ETEROGENEI Poiché nei miscugli eterogenei le sostanze non sono mescolate intimamente, i metodi per separarli sono piuttosto semplici DECANTAZIONE Se il miscuglio è costituito da una fase liquida e da una fase solida piuttosto pesante, dopo aver lasciato riposare il sistema la fase solida sarà depositata sul fondo (sedimentazione). A questo punto inclinando lentamente il recipiente e facendo scorrere il liquido su di una bacchettina di vetro per meglio indirizzarne il flusso, si ottiene la decantazione. Col seguente metodo si possono separare per esempio i seguenti miscugli: acqua e carbonato di calcio (nella foto il carbonato di calcio sta sedimentando sul fondo della provetta) oppure acqua e sabbia.FILTRAZIONE Anche questo metodo permette la separazione di una fase solida da una fase liquida. E ciò che si fa quando si filtra il tè e si ottegono le foglie sul colino e linfuso limpido nella tazza. In laboratorio si usano filtri lisci o a pieghe, fatti di carta da filtro e appoggiati su imbuti di vario genere come supporto. In questo modo si sfrutta la forza di gravità per la filtrazione del miscuglio. Con la filtrazione si può separare per esempio il miscuglio riportato in fotografia costituito da una soluzione acquosa di solfato di rame (di colore azzurro ) + carbone vegetale (un solido nero). Il miscuglio nella beuta in alto è infatti nero, tramite filtrazione il carbone rimane sul filtro e nella beuta in basso troviamo la soluzione azzurra e limpida. IMBUTO SEPARATORE Per separare due liquidi immiscibili che quindi si stratificano uno sullaltro (in basso il più denso e in alto il meno denso) è possibile utilizzare limbuto separatore. Questo attrezzo è munito di un rubinetto nella parte inferiore per far defluire il liquido di densità maggiore. Di norma viene utilizzato inserito in un apposito sostegno. Per piccole quantità di miscuglio contenute in provetta è sufficiente utilizzare una pipetta Pasteur. Il miscuglio fotografato a fianco è costituito da una soluzione acquosa contenente solfato di rame (azzurra) e etere di petrolio contenente iodio (viola intenso). DIFFERENTI PROPRIETA Per separare due solidi mescolati fra loro si possono sfruttare le differenti caratteristiche di uno dei due. Per esempio il miscuglio limatura di ferro + sale da cucina si può suddividere o sfruttando la proprietà del ferro di essere attirato da una calamita (come nella foto) o la solubilità in acqua del cloruro di sodio. Nel secondo caso laggiunta di acqua va fatta seguire da una filtrazione ed eventualmente dallevaporazione dellacqua per riottenere il sale solido.
  • 9. SITOGRAFIAhttp://web.ticino.com/gfwp/scuola/sspss_1_sep_sol.pdfhttp://www.itg-rondani.it/dida/chimica/modulo1/ud1_2/ud1_2pag1.htmhttp://doc.studenti.it/tesina/chimica/relazione-chimica-miscugli-omogenei-eterogenei.htmlhttp://it.wikipedia.org/wiki/Miscela_(chimica)http://www.sapere.it/sapere/strumenti/studiafacile/chimica/La-struttura-atomico-molecolare- della-materia-e-il-legame-chimico/La-materia-e-le-sue-propriet-/Sostanze--elementi-e- composti--e-miscugli.htmlhttp://scienzamateria.blog.tiscali.it/2010/03/08/miscugli-e-soluzioni/http://www.itg-rondani.it/dida/chimica/modulo1/ud1_2/ud1_2inch.htm

×