Presentazione Ritalia.it, progettazione strategica

1,313 views
1,273 views

Published on

Presentazione per il BarCamp relativo a Ritalia.it
Viene presentata una roadmap strategica da seguire per la progettazione di un portale alternativo a Italia.it, prodotto scandaloso del governo italiano!

Published in: Technology
0 Comments
3 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,313
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
3
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Presentazione Ritalia.it, progettazione strategica

  1. 1. Progettazione RItalia.it La missione, gli obbiettivi e i profili dei visitatori! [ed. 00]
  2. 2. Il progetto <ul><li>Partendo dal portale “italia.it”, il BarCamp dedicato intende riformulare il progetto del portale turistico italiano utilizzando le competenze e le idee del gruppo di lavoro! </li></ul><ul><li>Partendo dallo scenario odierno analizzeremo i bisogni del nostro target e i suoi profili fissando obbiettivi raggiungibili e misurabili! </li></ul>
  3. 3. Scenario <ul><li>Internet è una certezza e un mezzo affidabile non solo per promuovere e presentarsi sul mercato ma sempre più per sfruttare la sua ampia penetrazione e la sua assoluta flessibilità! </li></ul><ul><li>L’avvento del web 2.0 mette al centro dell’attenzione l’utente non più lettore/navigatore passivo ma sempre più membro attivo e partecipe di una comunità virtuale senza limiti! </li></ul><ul><li>Il nuovo concetto di web da alle aziende (private, P.A. etc..) l’opportunità di coinvolgere i propri visitatori/clienti con l’obbiettivo di instaurare una relazione duratura. </li></ul>
  4. 4. Definire la rotta <ul><li>Sviluppare un progetto web significa, definita una rotta e degli obbiettivi finali misurabili, procedere allo studio di come il portale dovrebbe funzionare per il raggiungimento degli obbiettivi. </li></ul><ul><li>1- Definizione della “MISSION” del portale RItalia.it </li></ul>
  5. 5. Mission <ul><li>La Missione del progetto dovrà mirare a guardare dall’alto tutto il portale e dotarlo di un obbiettivo ambizioso! </li></ul><ul><li>Quale dovrebbe essere l’obbiettivo e la filosofia del portale RItalia.it ? </li></ul><ul><li>es. Fornire ai turisti stranieri o nostrani un punto di vista tutto italiano sulle qualità italiane e diventare una guida sicura su cui progettare la propria vacanza! </li></ul><ul><li>E ora BRAINSTORMING… </li></ul>
  6. 6. Follow the Mission!!! <ul><li>Dopo il Brainstorming, avremo un sacco di idee e di proposte belle, ambiziose, originali… Ma come possiamo renderle reali??? </li></ul><ul><li>2-Definiamo obbiettivi concreti (Vision) </li></ul><ul><li>es. catalogare tutte le strutture turistiche italiane, i ristoranti e gli eventi per dare visibilità all’italia ( brand awarness ), attrarre nuovi turisti ( customer acquisition ), mantenere i turisti attuali ( customer retention ) e massimizzare nel tempo e nei profitti i turisti attuali ( customer profitability ). </li></ul>
  7. 7. A chi ci rivolgiamo? <ul><li>E’ naturale che a questo punto tutti noi ci chiediamo… chi visiterà il nostro portale? </li></ul><ul><li>Perché? </li></ul><ul><li>Non tutti i turisti sono uguali… </li></ul><ul><li>Dovremo considerare sottogruppi immaginando i loro bisogni e stimare i profitti attuali e futuri che possono darci! </li></ul>Rispetto agli obbiettivi definiti prima
  8. 8. “ I nostri profili preferiti” <ul><li>Scelti i profili proviamo a schematizzarli: </li></ul>Bisogni Target Profilo 1 Profilo 2 Profilo 3 bisogni emozionali bisogni informativi bisogni funzionali parole chiave stile
  9. 9. Analizzando i profili… <ul><li>I nostri profili “preferiti” hanno una fascia di età, degli interessi, delle attitudini generalizzabili! Probabilmente all’interno di qualche profilo troveremo anche il nostro! </li></ul><ul><li>Conosciamoci e cerchiamo parenti e affini che possano corrispondere ai profili. </li></ul><ul><li>Un intervista ci schiarirà le idee… </li></ul><ul><li>e poi compileremo la tabella! </li></ul>
  10. 10. Analisi profili
  11. 11. Uno sguardo attorno <ul><li>Finito lo studio interno non resta che analizzare chi offre una soluzione simile ad un target come quello da noi prescelto! </li></ul><ul><li>Questi saranno i miei Competitor e se vorrò batterli dovrò conoscerli! </li></ul><ul><li>Nel nostro caso fissiamo Italia.it come competitor… </li></ul><ul><li>tutti l’abbiamo spulciato a lungo e possiamo dire di conoscere il nostro avversario! </li></ul>
  12. 12. La proposta di valore <ul><li>Abbiamo ora bene idea di chi sono i nostri potenziali visitatori qual è la missione e chi è il concorrente. </li></ul><ul><li>Ora non ci resta che riassumere tutto esponendo la nostra proposta di valore.. </li></ul><ul><li>Il ______________________________ è un sito che offre </li></ul><ul><li>__________________________________, </li></ul><ul><li>si rivolge primariamente a________________________________________________ </li></ul><ul><li>che desiderano______________________________________________________o </li></ul><ul><li>hanno bisogno di _______________________________; a differenza dei siti concorrenti, </li></ul><ul><li>che basano la loro presenza online </li></ul><ul><li>su_____________________________________________, il nostro sito </li></ul><ul><li>sarà__________________________________________________________________________________ </li></ul>
  13. 13. Modello di business <ul><li>Secondo un modello affermato in rete sono 4 le principali tipologie di modelli applicabili ad un sito web orientato al business: </li></ul><ul><li>1. Commerce Site (revenue generation) </li></ul><ul><li>- Obiettivo : fare in modo che i clienti acquistino online </li></ul><ul><li>- Le metriche di business per misurare il successo di un sito di e-commerce si focalizzano </li></ul><ul><li>sull’analisi dei dati e sulle azioni/processi che portano il visitatore ad acquistare online, cioè </li></ul><ul><li>a diventare cliente </li></ul><ul><li>2. Lead Generation Site (revenue generation) </li></ul><ul><li>- Obiettivo :fare in modo che i visitatori lascino i loro dati e diano il permesso per essere </li></ul><ul><li>ricontattati via e-mail o dalla forza vendita dell’azienda </li></ul><ul><li>- L’obiettivo è qui incentrato sulla raccolta dei dati relativi contatti qualificati </li></ul><ul><li>3. Media/Content Site (traffic generation) </li></ul><ul><li>- Si basano su un modello di business legato alla pubblicità </li></ul><ul><li>- Obiettivo di questo genere di siti è incrementare i volumi complessivi di traffico (pagine </li></ul><ul><li>viste, utenti unici) in modo da essere considerati attraenti da parte degli inserzionisti </li></ul><ul><li>4. Support/Customer Service (cost cutting) </li></ul><ul><li>- Obiettivo : fornire ai visitatori la capacità di trovare da soli le informazioni e le risposte che </li></ul><ul><li>cercano relativamente ai prodotti e servizi da loro acquistati; tale modello è basato sui </li></ul><ul><li>risparmi di costi generale </li></ul>Definiamo le priorità
  14. 14. Definizione modello <ul><li>Definiamo ora quali modelli risultano applicabili affinchè i nostri obbiettivi vengano raggiunti! </li></ul><ul><li>Può essere uno solo ma anche tutti e 4… </li></ul><ul><li>In ogni caso dovremo fissare delle priorità. </li></ul><ul><li>Quale modello concorre maggiormente al raggiungimento del nostro obbiettivo principale? </li></ul>
  15. 15. Definizione modello <ul><li>A questo punto avremo una chiara idea di ciò che realizzeremo e del modello del nostro “portalone”. </li></ul>Es. Possiamo osservare che il nostro modello è incentrato sulla Lead generation!
  16. 16. Definizione obbiettivi <ul><li>Abbiamo definito ora il nostro modello di business. Ora sappiamo che l’obbiettivo principale è quello di raccogliere contatti qualificati che partecipino ad una community o iscritti alla newsletter etc… </li></ul><ul><li>Non ci resta che fissare degli obbiettivi MISURABILI! </li></ul>
  17. 17. Obbiettivi e processi <ul><li>Fissare obbiettivi misurabili diventa fondamentale per verificare la buona riuscita finale di un progetto web. </li></ul><ul><li>Possiamo utilizzare questa tabella per il monitoraggio. </li></ul>Obbiettivi e processi Indicatori prestazionali Lead generation E-commerce Customer service <ul><li>Generare 5.000 registrati primi 5 mesi </li></ul><ul><li>5.000 iscritti newsletter dopo 6 mesi </li></ul><ul><li>Iscritti/visitatori=tasso di iscrizione </li></ul>
  18. 18. Obbiettivi target <ul><li>Provando a correlare obbiettivi e target ci accorgiamo subito che alcuni obbiettivi sono più indicati a determinati profili del nostro target… </li></ul><ul><li>Posso creare delle relazioni? </li></ul>
  19. 19. Obbiettivi target <ul><li>Es. Posso osservare che: </li></ul><ul><li>Il profilo studente è più indicato per un profilo di lead generation e quindi è per me il più importante! (ho stabilito il lead generation obbiettivo n°1!) </li></ul><ul><li>La famiglia è per me un target determinante ma se quella italiana necessità di supporto (customer service) quella straniera è più intenta nell’acquisto (ecommerce) </li></ul>
  20. 20. E il Brand?? <ul><li>Il brand lo abbiamo quasi… perché partiamo da qualcosa che già c’è.. Ma alla luce di quanto ci siamo detti fin qui: </li></ul><ul><li>Avete in mente un brand rappresentativo che si possa relazionare con </li></ul><ul><li>TARGET – OBBIETTIVI ? </li></ul><ul><li>BRAIN STORMING… </li></ul>
  21. 21. Commenti <ul><li>Commenti, discussioni, urlacci, parolacce, insulti (no!) potete farli contattandomi: </li></ul><ul><li>[email_address] </li></ul><ul><li>Skype: sampietrog </li></ul><ul><li>Ciao!!! </li></ul>

×