Your SlideShare is downloading. ×
Ipertesti Multimedia Reti
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Saving this for later?

Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime - even offline.

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Ipertesti Multimedia Reti

518
views

Published on

Published in: Education, Technology

0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
518
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Ipertesti, multimedialità, reti Scrivere nell’era di Internet di Salvatore Colazzo
  • 2. Lo spostamento dell’immaginario collettivo
    • Ogni epoca ha la sua modalità espressiva privilegiata
    • Il nuovo mezzo comunicativo ed espressivo interpreta il precedente e in qualche modo lo supera attraverso un processo non privo di ambiguità
    • Esempio: Il passaggio dal melodramma al cinema
  • 3. Parole chiave dell’oggi
    • Ipertestualità
    • Multimedialità
    • Sviluppo delle reti
    • Realtà virtuale (immersione nei contenuti della conoscenza)
  • 4. Ipertesto
    • Nelson: “Con ipertesto intendo scrittura non sequenziale, testo che si dirama e consente al lettore di scegliere: qualcosa che si fruisce al meglio davanti ad un schermo interattivo”
  • 5. La molteplicità (1)
    • Italo Calvino, Lezioni americane:
      • Il mondo è un grande ipertesto costituito da una molteplicità di elementi organizzati in sistemi, ordinati a loro volta in sistemi più ampi, ed ogni sistema singolo condiziona gli altri e ne è condizionato.
      • “… L’ansia di dar fondo alla molteplicità dello scrivibile nella brevità della vita che si consuma”
  • 6. La Molteplicità (2)
    • La scrittura come somma, accostamento di relazioni…
    • Il Grande Libro
    • L’incompiutezza strutturale derivante dal lasciarsi coinvolgere nella rete delle relazioni semantiche e delle assonanze
  • 7. Esperienza e scrittura
    • “ Ogni tipo di linguaggio e di pensiero è fino ad un certo punto analitico, poiché spezza il denso continuum dell’esperienza, ossia la ‘grande rumorosa perfetta confusione’ come la chiamava William James, in sezioni, in segmenti significativi” (Walter Ong, Oralità e scrittura , p. 148, Il Mulino, Bologna, 1986)
  • 8. Apertura/chiusura
    • La cultura della stampa privilegia il concetto di opera come entità chiusa. Pertanto essa riferisce l’opera alle nozioni di originalità e creatività. La cultura della stampa porta ad enfatizzare l’isolamento dell’ “opera individuale dalle altre vedendone le origini e il significato come indipendenti, almeno idealmente, dalle influenze esterne” (Walter Ong, p. 188)
    • La cultura del digitale indebolisce l’autoralità
  • 9. La scrittura nella molteplicità
    • Cosa sarà scrivere e pensare nel molteplice?
    • La filosofia come forma della riflessione umana si è sviluppata in termini strettamente connessi con la scrittura
    • “ C’è forse un qualche vincolo intrinseco e obbligatorio tra la scrittura e la problematizzazione filosofica del mondo? Perché le immagini non potrebbero supportare con altrettanta o superiore efficacia questa operazione problematizzante?” (Julio Cabrera, Da Aristotele a Spielberg , Bruno Mondadori, Milano 2000)
  • 10. Sapere cooperativo e logica delle reti
    • La rete impone parziale rinuncia alla propria autonomia, ma favorisce la creatività
    • La rete favorisce:
      • Prospettive diverse
      • Elaborazione parallela dell’informazione
      • Feed-back continui
      • Il pensiero laterale
      • Le connessioni e le idee originali
    • Approccio all’organizzazione basato sul concetto di network
  • 11. Integrare
    • Assemblare competenze di diversi soggetti dotati ognuno di autonomia più o meno ampia
    • Le reti spesso prevedono forme di partnership più o meno provvisorie
    • Accettare l’idea che il medesimo soggetto sia attivo allo stesso tempo in diverse reti operative
    • Integrare consente di realizzare prodotti complessi senza dover diventare ipertrofici e iperstrutturati (tanto da essere poco flessibili)
  • 12. Oltre Weber
    • Superare il modello weberiano di “organizzazione”
    • Chi opera con la multimedialità deve essere tanto duttile da essere in grado di mutare nell’aspetto e nella forma in tempi brevi
    • Verso un modello di organizzazione fluttuante ed effimera
  • 13. Dalla proprietà all’accesso (1)
    • Il futuro privilegerà sempre di più
      • L’INFORMAZIONE
      • IL CAPITALE INTELLETTUALE
    • Il futuro privilegerà sempre meno
      • L’ACCUMULAZIONE DI CAPITALE FISICO
      • LA PROPRIETA’
    • Superamento dell’economia classica per la quale il gioco del mercato è riuscire ad ammassare e detenere proprietà, cercando di escludere gli altri
  • 14. Dalla proprietà all’accesso (2)
    • L’economia dell’accesso cerca di ricavare ricchezza dal far confluire in un ambiente appositamente “fabbricato” una pluralità di sforzi individuali (Ex: un motore di ricerca, un portale, ecc.)
    • L’economia dell’accesso comporta perdita di fisicità di ciò che viene prodotto
    • Il valore di un’azienda di nuova concezione è costituito in gran parte da patrimonio intangibile difficilmente rappresentabile nei bilanci societari
  • 15. La nuova ricchezza
    • Il differenziale tra aziende è oggi costituito principalmente da:
      • Il morale dei dipendenti
      • Leadership
      • Pensiero strategico
      • Ambiente che favorisce innovazione e creatività