Ticonzero news n. 35 novembre

167 views
100 views

Published on

scientific culture and other

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
167
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Ticonzero news n. 35 novembre

  1. 1. Ticonzero news News n. 35 novembre 2013 ------------------ aperiodico Palomar/Asilomar blog; e-mail: palbin(at)tin.it; venezian(at)alice.it; siti: www.webalice.it/venezian; www.steppa.net; issuu.com/Ti con zero Articoli su Scienza&Società 49. Estetica della scienza di Luigi Campanella Ogni epoca è stata caratterizzata da una visione del mondo e ha creato rappresentazioni, ha trovato immagini, ha formulato teorie che esprimessero questa visione. Nella società post-industriale, l’epoca in cui viviamo, vi è una caratteristica certamente non appariscente né unanimemente riconosciuta, forse più una nota di fondo, ma ricorrente e ben identificabile: è il progressivo prevalere della cultura sulla struttura, è il riconoscere alla dimensione creativa delle attività umane il ruolo di guida e di orientamento. A volte viene espresso con forza, dove si sostiene l’esigenza di riportare artistry and creativity nel mondo della scienza penalizzato da un eccesso di struttura, a volte suggerito ed ipotizzato. Sappiamo come si producono i beni materiali e perciò possiamo riprodurli, ma conosciamo assai meno su come si producano le idee, i simboli, le informazioni. [continua] Articoli su Scienza&Società 50. La società dello spettacolo di Guy Debord, di Riccardo Antoniucci “Mentre nella famosa École Normale Supérieure, situata nel Quartiere Latino, la futura “élite” si preparava alla sua carriera, a pochi passi di distanza, nelle bettole evitate da ogni studente rispettabile, il giovane Debord cominciava un tragitto che l’avrebbe ugualmente portato a esercitare sul mondo un certo influsso” (p. 55).Il senso dell’opera di Guy Debord si riassume in questa frase forse meglio che in ogni altra. O almeno è questa la prospettiva adottata da Anselm Jappe nella sua ricognizione, recentemente riapparsa per Manifestolibri a quattordici anni dalla prima edizione (1999), dell’opera del pensatore francese. [continua]
  2. 2. EPS - EconomiaPoliticaSocietà 51. Crisi di sistema o nel sistema? Non basta l’ennesimo “Salvatore”, di Danilo Breschi Nelle Considerazioni finali sull’anno 2012 in Italia, pubblicate nel maggio scorso, il Governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco si è espresso nei seguenti termini: “non siamo stati capaci di rispondere agli straordinari cambiamenti geopolitici, tecnologici e demografici degli ultimi venticinque anni. L’aggiustamento richiesto e così a lungo rinviato ha una portata storica; ha implicazioni per le modalità di accumulazione del capitale materiale e immateriale, la specializzazione e l’organizzazione produttiva, il sistema di istruzione, le competenze, i percorsi occupazionali, le caratteristiche del modello di welfare e la distribuzione dei redditi, le rendite incompatibili con il nuovo contesto competitivo, il funzionamento dell’amministrazione pubblica. È un aggiustamento che necessita del contributo decisivo della politica, ma è essenziale la risposta della società e di tutte le forze produttive”. [continua] EPS - EconomiaPoliticaSocietà 52. I confini tra il mondo povero e quello ricco di Andrea Stuppini Secondo alcuni studiosi il processo di globalizzazione, soprattutto attraverso l’ascesa delle economie emergenti, sta riducendo le disuguaglianze tra le nazioni ma le aumenta tra i ceti sociali, soprattutto nei paesi avanzati. Branko Milanovic, lead economist della Banca mondiale di Washington, ha calcolato tuttavia che circa i due terzi delle differenze di reddito nel mondo sono dovuti al paese in cui uno vive e che ciò alimenta le migrazioni che vanno considerate un fenomeno strutturale. In una conversazione con Danilo Taino del Corriere della sera1 egli ha individuato alcuni punti di contatto in cui paesi poveri e paesi ricchi sono vicini, per confine terrestre o braccio di mare: in tutti questi punti ci sono muri, mine, fili spinati, guardacoste. “Il mondo ricco si sta recintando” afferma Milanovic. [continua] Le News di Ticonzero sono anche visibili su:
  3. 3. R/C Recensioni e critica di Autori Vari 13. Invisibili e leggère: viaggio nelle città di Italo Calvino, di Claudio Comandini Sparizione delle città e imporsi della metropoli. Calvino: il poema d’amore de “Le città invisibili”. Nietzsche: la riconciliazione con l’inferno dei viventi. Spengler: scomparsa del focolare e nomadismo intellettuale mondiale. Simmel: intelletto e interesse materiale nella metropoli. Ilardi: spazi vuoti, consumi e ultimo uomo. Giacopini e Lagioia: scrittori che leggono le città degli scrittori. Riattualizzare la storia, progettare la cultura. Le “Conferenze americane” di Calvino e le “Strategie del bello” di Perniola. Tempi congestionati e massima concentrazione. Decifrare luoghi e destini. Said e Genovese: margini e possibilità. La comunicazione: “uno sfacelo senza né fine né forma”. Twitter e scrittura. Invisibile struttura. #Invisibili: viaggio per 55 città di 140 caratteri + una.[continua] R/C Recensioni e critica di Autori Vari 14. La manomissione delle parole, di Atina Koll Il libro di Gianrico Carofiglio racconta l'uso e l'abuso del mezzo di comunicazione più potente che abbiamo: la parola. Perché la parola, scritta o parlata, può essere usata fedelmente, rispettandone il significato e la forza originaria, ma può essere anche abusata, manipolata, alterata, logorata fino a svuotarla del tutto del suo significato. [continua] Serie immagini:Terra dal satellite Foto dal Landsat
  4. 4. Tutte le Rubriche M. Agostinelli L. Agostini P. L. Albini P.L. Albini Autori Vari Autori Vari Autori Vari Autori Vari A. Bailetti C. E. Bugatti G. Camarda A. Castronuovo O. Cilona ■ Energenze ■ Note critiche ■ Labirinti di lettura ■ Recensioni di saggi ■ EconomiaPoliticaSocietà ■ Frodi&Favole ■ Articoli di Scienza&Società ■ R/C recensioni e critica ■ A proposito di film ■ 900t’Arte ■ Cronache di politica econ. ■ Meccanica della fantasia ■ Democrazia&Impresa G. Corchia E. D’Alessio A. De Marco G. Grütter M. Maggi P. Manzelli L. Michelini R. Nobili P. Pallottino P. Pignalosa F. Rufo R. Vacca F. Zucco ■ Cultura&Società ■ Altrove e Dintorni ■ Bioculture ■ Disegno e Immagine ■ Tecnorischio&Ambiente ■ Scienza e Arte ■ Civitas ■ Filosofia scientifica ■ Figure ■ Spettri musicali ■ Biopolitiche ■ Fuori dal coro ■ Bioetica: Donne & Scienza Segnalazioni Il corpo digitale Questa è una svolta cognitiva e estetica. Nel futuro entreremo negli schermi, ecco inFORM: al Mit si sperimenta il corpo digitale, di Tiziano Toniutti da La Repubblica, leggi e vedi Albert Camus Il 7 novembre 1913 nasceva, nell’allora Algeria francese, Albert Camus. In ricordo, segnaliamo ancora l’articolo pubblicato su Ticonzero: Adriano Piacentini, 3. Calvino e la scienza Ma si veda anche l’articolo, nel blog dell’autore: Danilo Breschi, Il Primo Uomo contro l’Ultimo Uomo: la rivolta secondo Camus. Fisici per il mondo Quando la scienza sbaglia, di attacalite GreenStyle Summit di Varsavia: scarso impegno costerà caro secondo gli scienziati

×