N. 33 ottobre 2013
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

N. 33 ottobre 2013

on

  • 236 views

Scientific culture, reviews, arts, politics and society

Scientific culture, reviews, arts, politics and society

Statistics

Views

Total Views
236
Views on SlideShare
236
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

CC Attribution-NonCommercial LicenseCC Attribution-NonCommercial License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    N. 33 ottobre 2013 N. 33 ottobre 2013 Document Transcript

    • Ticonzero news News n. 33 ottobre 2013 ------------------ aperiodico Palomar/Asilomar blog; e-mail: palbin(at)tin.it; venezian(at)alice.it; siti: www.webalice.it/venezian; www.steppa.net; issuu.com/Ti con zero Bioculture di Antonio De Marco 70. L’arca Nella Genesi si narra di un Dio fortemente irritato con gli uomini, rei di irrispettosa malevolenza e di insensata ingratitudine verso chi li aveva prescelti ad amministratori del mondo naturale, per gestirlo e tramandarlo di generazione in generazione, e per restituirlo infine integro al momento del giudizio finale. Di fronte all’insopprimibile negligenza umana un tale Dio ordinò a Noè di costruire una grande arca simile ad una nave: il patriarca “la ricoprì con il bitume e su di essa convocò una coppia di tutti gli uccelli e di tutti gli animali. Dopo che Noè fu entrato nell’arca con la moglie, i figli e le nuore, le acque del mare e di ogni fonte tracimarono. Allo stesso modo, cadde un’ingente pioggia per quaranta giorni e altrettante notti. L’acqua ricoprì tutta la terra e tutte le cose furono distrutte dal diluvio: l’arca invece galleggiò. Dio mandò un vento che soffiava fortemente e lentamente le acque furono diminuite. [continua] Articoli di Autori Vari 46. Giudizio e pregiudizio nella ricerca di Marco Rendeli Seminario, 22 settembre 2013 - DADU, Asilo Sella, Alghero Il mio esordio in questo pomeriggio domenicale di fine estate, in una ora nella quale veramente bisognerebbe fare una pennichella piuttosto che parlare di cose serie e soprattutto nel momento in cui la Maggica Roma sta giocando il derby con i suoi cuginetti della Lazio, vi apparirà sicuramente noioso in confronto con le due prospettive appena enunciate. Premetto subito che la mia è una piccola vendetta […] [continua]
    • Fuori dal coro di Roberto Vacca 5. La realtà per i filosofi e per i fisici Alcuni filosofi stanno dibattendo su come pensiamo e conosciamo la realtà. È problema vitale, ma non si può dire niente di sensato al proposito senza aver studiato fisica. Quando avevo 17 anni lessi l’articolo Kant scritto da Pantaleo Carabellese sull’Enciclopedia Italiana. Era interessante, ma difficile: lo lessi varie volte senza trarne giovamento. Lo rileggo ora e confermo la mia insoddisfazione. Se i termini non vengono definiti, si parla attorno alle cose, ma non si dice niente. Lo conferma la seguente citazione di quel testo: “Per Kant il compito della ragione è: mostrare con la propria esigenza di assolutezza che l’oggettività non si esaurisce nei determinati oggetti che l’intelletto costituisce o scopre nel campo del fenomeno sentito nello spazio e vissuto nel tempo. --- La cosa in sé, espressione pura di realtà dell’oggetto, è pur esigenza del pensiero, senza la quale il conoscere umano si disperderebbe in un’inconcludente relatività.” Trovai nella Critica della Ragion Pura, pagine ben più chiare e tradussi in italiano i passi sull’impossibilità di dimostrare l’esistenza di Dio. [continua] Energenze di Mario Agostinelli 11. Ecologia e lavoro come leva del cambiamento, di Claudio Falasca L'idea che il lavoro e l'ambiente possano essere la leva su cui agire per costruire uno sviluppo equo, sostenibile e duraturo, stenta ad affermarsi nel nostro Paese. Certo, non è assolutamente semplice e sottovaluta il problema chi pensa di risolverlo con sporadiche attenzioni alle tematiche ecologiche. Le vicende dell'ILVA, dell'Alcoa, di Piombino e tante altre ancora, sono soltanto la testimonianza più clamorosa che il conflitto ambiente/lavoro è ancora latente e pronto a riesplodere in particolare nei momenti di crisi, quando la disoccupazione morde e ogni opportunità diventa una via di uscita dalla precarietà e dalla miseria. [continua]
    • EPS - EconomiaPoliticaSocietà di Autori Vari 46. Dall’Europa alla Siria (e ritorno?) con terrore di Danilo Breschi La Siria è diventata un teatro di guerra molto attrattivo per la Jihad e i terroristi salafiti. Le ragioni di ciò sono molteplici. Innanzitutto, i salafiti non considerano il regime di Bashar alAssad come musulmano dal momento che aderisce all’Islam Alawi, che è considerato eterodosso perfino all’interno dell’islamismo sciita. È come se una forza non-musulmana stesse occupando il territorio sunnita, e sarebbe perciò del tutto legittimo considerarlo un obiettivo da attaccare e rovesciare. In secondo luogo, esistono profezie da fine dei tempi sulla Siria, e più specificamente sul Bilad al-Sham (o Grande Siria, che include l’attuale stato siriano, il Libano, la Giordania, Israele e Palestina, e persino l’Iraq occidentale). Queste profezie prevedono che un giorno Gesù scenderà sulla terra e comparirà sul minareto bianco della grande moschea di Damasco e combatterà contro il falso messia (“dajjal”), e questo accelererà il Giorno del Giudizio. Una tale profezia, abbinata ai detti del profeta Maometto (“hadith”) circa le bandiere nere issate in Khurasan (storicamente: in parti dell’Iran, Asia Centrale, e cosa più importante per gli jihadisti, l’Afghanistan),[…] [continua] EPS - EconomiaPoliticaSocietà di Autori Vari 47. Strane previsioni di Giampiero Dalla Zuanna Neodemos ha già commentato la nuova versione delle previsioni di popolazione del mondo della Population Division delle Nazioni Unite, che aggiornano la versione del 2010 (11 miliardi sul pianeta e l’incerto destino dell’Africa, di Alessandro Rosina, pubblicato il 26.6.2013). Vale la pena di riprendere il tema, perché non si tratta di una faccenda per “addetti ai lavori”. Le previsioni di popolazione dell’ONU sono alla base delle previsioni di tipo economico e ambientale, indispensabili per ragionare in modo sensato su scelte politiche cruciali per il nostro futuro: lo sviluppo sostenibile, il contrasto dell’effetto serra, le modalità di approvvigionamento delle materie prime, e così via. Gli scenari demografici elaborati dall’ONU influenzano il discorso pubblico sul mondo dove vivranno i nostri figli. Il problema è che questi scenari vengono spesso presi per oro colato, […] [continua] Le News di Ticonzero sono anche visibili su:
    • Cultura&Società di Giovanna Corchia 68. L’altro siamo noi, di Enzo Bianchi [tre citazioni in esergo] Le tre citazioni sono in sé chiare, mi soffermo brevemente sulla seconda nell’auspicio che nel nostro paese possano prevalere spinte verso l’accoglienza che allontanino le paure di chi si sente minacciato e non più padrone in casa propria. Mi chiedo spesso come sia possibile conciliare dirsi credenti e escludere l’altro. Dov’è il loro essere portatori dell’insegnamento evangelico? Ma, si sa, l’ambiguità caratterizza molti nostri comportamenti. Sarebbe perciò auspicabile che il libro di Enzo Bianchi, priore di Bose, L’altro siamo noi, destasse almeno l’attenzione dei tanti che, per mancanza di strumenti di conoscenza e in buona fede, forse, il più delle volte, sono incapaci di vedere al di là delle differenze, che sono poi una realtà e una ricchezza, presenti anche all’interno dello stesso paese di appartenenza, anche all’interno dello stesso ristretto cerchio famigliare. [continua] R/C Recensioni e critica di Autori Vari 12. Gridate per lui, di Emiliano Ventura È uscito in questi giorni un testo di narrativa, Gridate per lui; è il racconto dei viaggi di Arthur Rimbaud, il poeta di una Stagione all’inferno e di Battello ebbro, colui che in una breve stagione di versi, insieme a pochi altri, ha rinnovato la poesia facendoci entrare nella contemporaneità. L’autore, Carlo D’Urso, ha avuto la bella idea di narrare le vicende del poeta dal momento in cui decide di spezzare definitivamente la penna, nell’ora in cui il giovane Rimbaud […] [continua] Foto di Mauro Centi©
    • Tutte le Rubriche M. Agostinelli L. Agostini P. L. Albini P.L. Albini Autori Vari Autori Vari Autori Vari Autori Vari A. Bailetti C. E. Bugatti G. Camarda A. Castronuovo O. Cilona ■ Energenze ■ Note critiche ■ Labirinti di lettura ■ Recensioni di saggi ■ EconomiaPoliticaSocietà ■ Frodi&Favole ■ Articoli di Scienza&Società ■ R/C recensioni e critica ■ A proposito di film ■ 900t’Arte ■ Cronache di politica econ. ■ Meccanica della fantasia ■ Democrazia&Impresa G. Corchia E. D’Alessio A. De Marco G. Grütter M. Maggi P. Manzelli L. Michelini R. Nobili P. Pallottino P. Pignalosa F. Rufo R. Vacca F. Zucco ■ Cultura&Società ■ Altrove e Dintorni ■ Bioculture ■ Disegno e Immagine ■ Tecnorischio&Ambiente ■ Scienza e Arte ■ Civitas ■ Filosofia scientifica ■ Figure ■ Spettri musicali ■ Biopolitiche ■ Fuori dal coro ■ Bioetica: Donne & Scienza Segnalazioni Le Scienze news Cronache Laiche IlSole/24 Ore Kainós Rivista online di critica filosofica Zampe come ruote dentate: quando la natura imita la tecnologia Eutanasia, ipocrisia di un dibattito E la lotta di classe sarebbe finita? Articolo di Paul Krugman “Shutdown, economia e politica del caos” 15 novembre 2013 Le parole del Novecento – 8° edizione Utopie / Distopie Seminario c/o Eurispes, via Orazio, 31 – Roma ore 9.00/13,30 – 15.00/18.00 Torinoscienza.it La prima centrale solare a sali fusi italiana è operativa