N 19 aprile

247 views
205 views

Published on

General and scientific culture

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
247
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

N 19 aprile

  1. 1. Ti con zero news Le News di Ticonzero/steppa.net n. 19 – aprile 2012 ------------------ aperiodico Palomar/Asilomar blog: e-mail: palbin(at)tin.it; venezian(at)alice.it; siti: www.webalice.it/venezian; www.steppa.net; issuu.com/Ti con zero Una nuova rubricaBiopolitiche di Fabrizio Rufo 1. Matteo Borri, Storia della malattia di AlzheimerLa storia della malattia di Alzheimer presentatada Matteo Borri offre importanti momenti diriflessione su un tema medico e scientifico che èancora oggi oggetto di studio. La malattia diAlzheimer è in molte parti del mondo un grave ecomplesso problema sociale e sanitario ma, perla comunità scientifica, rappresenta una sfidaancora da vincere. In questo contesto ha unvalore specifico il contributo della storiadescritta nel nuovo libro di Borri: dal “fatto”della scoperta e della documentazione di un“nuovo” reperto neuropatologico da parte diAlois Alzheimer - medico tedesco attento erigoroso ricercatore - alle attuali posizioni sulconcetto di malattia… [continua] Meccanica della fantasia di Antonio Castronuovo 8. Scrittori e lettori elettro-meccanici Può un elaboratore essere programmato a pensare in modo creativo? Ecco il quesito che attraversa l’immaginazione di molti e che ha stimolato l’invenzione di macchine che creano letteratura. A cominciare dal robot che Isaac Asimov ideò nel racconto Il correttore di bozze (1957). Siamo nel 2033 e si narra di EZ-27, il primo modello di robot correttore che la United States Robots and Mechanical Men Corporation ha messo in circolazione, macchina di struttura umana, dotata di cervello positronico, alta più di due metri e del peso di mezza tonnellata. La sua qualità è saper leggere e correggere alla perfezione un volume in pochi minuti. Articolando le dita metalliche apre il libro e, nel breve lasso di tempo… [continua]
  2. 2. Labirinti di lettura di PierLuigi Albini 24.IV. La speranza del bruco. Una prospettiva storico- biologica [7. Esercizi tecno-scientifici di previsione, 2; 8.Singolarità] Non abbiamo finito di occuparci delle previsioni tecnico/scientifiche sul futuro, perché ci sono ancora un libro e alcune informazioni supplementari che vale la pena di esaminare. Il libro è Fisica del futuro, del fisico teorico Michio Kaku [Torino, Codice, 2012], che è uno dei massimi teorici della teoria delle stringhe. Kaku esplora le tecnologie a gruppi e ne distribuisce le previsioni di sviluppo su tre finestre temporali: futuro prossimo (fino al 2030), futuro a medio termine (dal 2030 al 2070) e futuro remoto (dal 2070 al 2100), talvolta lasciandosi andare alla suggestione di tempi davvero più remoti, ma organizzandole in modo realistico su un scala decrescente di probabilità. Di sicuro, non si può dire che questo sia un libro di fantasia né di un visionario. Certo, è un tipo eccentrico che sul suo sito vende persino t-shirt con la sua immagine trapunta di stelle, ma nessuno degli sviluppi tecnologici immaginati dall’autore confligge con le leggi fisico-chimiche e tutte le previsioni a breve termine si basano su ricerche e sperimentazioni in corso. [continua]Articoli di Autori Vari35. Fabio Minazzi, Ludovico Geymonat epistemologo,di Maurizio BrignoliIl volume di Minazzi raccoglie una serie di studi originatidalle celebrazioni del 2008 per il centesimo anniversariodella nascita di Geymonat.Minazzi periodizza la ricerca epistemologica diGeymonat in cinque fasi: positivista nella prima partedegli anni ‘30; neopositivista dalla seconda metà deglianni ‘30 agli anni ‘40, neoilluminista negli anni ‘50,storicista negli anni ‘60 e materialistico-dialettica neglianni ‘70 e ‘80.Non si tratta di radicali separazioni tra un periodo el’altro considerato che vi sono temi che si intreccianotrasversalmente alle differenti fasi e che soprattutto èpossibile individuare un punto di riflessione criticacostante incentrato sulla comprensione del valore dellaconoscenza scientifica e tecnologica secondo un progettoche … [continua]
  3. 3. Note critiche di Luigi Agostini 11. Una nuova semantica del consumo. Beni relazionali, Beni privati, Beni comuni Nel grande dibattito sulle questioni aperte dalla crisi, forse per la prima volta, al tema del come e cosa produrre, si affianca anche il tema del come e cosa consumare. Nelle versioni più varie: dalla necessità di un consumo “austero”, antitetico allo spreco consumistico, alla teorizzazione della necessità di beni nuovi e sostitutivi. Probabilmente, ciò è dovuto al crescere della consapevolezza circa la natura della crisi in corso, crisi che almeno in Occidente, ha assunto il carattere di una crisi da eccesso di capacità produttiva; un eccesso di capacità è impossibile colmarlo soltanto con una semplice riattivazione della domanda, ma richiede una profonda ristrutturazione sia della offerta che della domanda, cioè in termini più semplici, del modello di sviluppo nella sua globalità, sia dal lato della offerta sia dal lato della domanda. [continua]EPS – EconomiaPoliticaSocietà di Aa.Vv. 30. Luciano Gallino, Finanzcapitalismo. La civiltàdel denaro in crisi - libera sintesi di Mario BoyerIl Finanzcapitalismo_ NOZIONE: Il capitalismo finanziario è sempre statauna componente dell’economia capitalistica,necessaria al suo funzionamento complessivo e al suocontinuo sviluppo.A partire dal 1980, la componente finanziaria delcapitalismo ha avuto un sopravvento sempre piùmarcato sulla componente produttiva di merci, sia intermini di volumi di attività sia di tassi di incrementoe valori dell’accumulazione.Nel 1980 il valore degli attivi finanziari globali e ilPil annuale del mondo erano pari a 27 trilioni didollari ciascuno. Nel 2007 gli attivi finanziari globalivalevano 4,50 volte il Pil mondiale: 241 trilioni didollari contro 54 trilioni. [continua]
  4. 4. Racconti di Maria Rosaria Valentini Lo spread di un topo Lo spread è sceso sotto i 400 punti e siamo tutti contenti; le borse per prime, ma anche la gente. Sorridiamo perché i giornali e le signore dei tiggì ci hanno parlato di ripresa. L’Italia è più credibile. Io non ci credo. Poi se chiedi cosa sia questo benedetto spread te lo sanno dire in pochi, ma non importa. Certo le parole fanno miracoli! Ne bastano alcune, collocate nella fila giusta, e gli umori cambiano. A me, francamente, le variazioni dello spread dicono poco. D’altra parte non sono un’economista, ma piuttosto un’idealista; probabilmente per questa ragione presto maggiore attenzione ad altri margini. Questa mattina non sono stati gli indici finanziari a rasserenarmi; comunque ho sorriso anch’io con meraviglia e gratitudine. Come prima cosa, infatti, ho pronunciato un grazie ad alta voce, soffiandolo nel vuoto, indirizzandolo a un uomo che purtroppo non conosco, ma che mi ha illuminato l’orizzonte con i suoi gesti pazienti. Si chiama Peter Vogel, è un professore di zoologia. [continua]Racconti di Daniela Piegai Lo strano caso della bomba delle ottoLa bomba scoppiò alle otto in punto, programmatadal timer di Massud, e unì due donne in manieraassolutamente inaspettata.Lucia e Giulia Vittoria erano così diverse, che bastavadescriverne una e dire che l’altra era l’opposto.Lucia era una scombinata ragazza fiorentina, hippyfuori tempo massimo, senza famiglia, con unamanciata di amici sparsi per l’intero globo, chepassava il suo tempo cercando panorami da dipingere,e più erano remoti e meglio era. Campava vendendociò che produceva, a volte semplicemente in cambiodi un buon pasto, a volte, quando andava bene, peruna settimana di pensione. [continua] Ti con zero è anche in slideshare Ti con zero è anche su Issuu, In formato .pdf in formato magazine
  5. 5. Altrove e Dintorni di Emanuela D’Alessio 12. Helen Humphreys. La verità soltanto la veritàUna dolente, appassionata e tragica storia d’amore, una storia vera con il saporedella fantasia, una rivisitazione inconsueta della vita di personaggi come VictorHugo, sua moglie Adèle e il poeta Charles Sainte-Beuve. Una realtà giàromanzesca è resa straordinaria dalla scrittura fluida, intensa e delicata di HelenHumphreys. In una Parigi ottocentesca, attraversata da fremiti rivoluzionari edal colera, ci imbattiamo in un giovane Victor Hugo ancora alla ricerca dicelebrità, egocentrico e tirannico in famiglia, ma al contempo fragile edesideroso di compiacere la comunità letteraria dell’epoca. [continua] A proposito di film di Alessandra Bailetti 4. J. Edgar / La talpa / La chiave di Sara 5. L’industriale / Shame / The iron Lady 6. The help / Paradiso amaro / E ora dove andiamo? / Quasi amici
  6. 6. Tutte le RubricheM. Agostinelli ■ Energenze G. Corchia ■ Cultura&SocietàL. Agostini ■ Note critiche E. D’Alessio ■ Altrove e DintorniP. L. Albini ■ Labirinti di lettura A. De Marco ■ BiocultureP.L. Albini ■ Recensioni di saggistica G. Grütter ■ Disegno e ImmagineAutori Vari ■ EconomiaPoliticaSocietà M. Maggi ■ Tecnorischio&AmbienteAutori Vari ■ Frodi&Favole P. Manzelli ■ Scienza e ArteAutori Vari ■ Contributi L. Michelini ■ CivitasA. Bailetti ■ A proposito di film R. Nobili ■ Filosofia scientificaC. E. Bugatti ■ 900t’Arte P. Pallottino ■ FigureG. Camarda ■ Cronache di politica econ. P. Pignalosa ■ Spettri musicaliA. Castronuovo ■ Meccanica della fantasia F. Rufo ■ BiopoliticheO. Cilona ■ Democrazia&Impresa F. Zucco ■ Bioetica: Donne & Scienza Segnalazioni Mali’s Tuareg Rebellion An interview with Andy Morgan I cinque anni di Neodemos.it Già cammina con le sue gambe, ma, a 5 anni, è ancora solo un bambino. Insetti intelligenti Anche le api sono capaci di riconoscere concetti astratti [da Le Scienze] Visitare la StreetArt nel mondo su streetlocator.com si possono vedere le foto dei lavori sparsi per il mondo, basta cliccare sulla mappa Errata Corridge per errore, la segnalazione nel n. 17/18 dell’articolo di Ghisi Grütter 2. Appunti sullarchitettura romana degli anni venti e trenta non puntava sulla corretta pagina di riferimento “Erano giorni in cui non ci aspettavamo più sorprese, - raccontò Qfwfq – come sarebbero andate le cose ormai erachiaro. Chi c’era c’era, dovevamo vedercela tra noi: chi sarebbe arrivato più lontano, chi sarebbe rimasto lì dov’era,chi non ce l’avrebbe fatta a sopravvivere. La scelta era tra un numero di possibilità limitate. Invece, una mattina, sento un canto, da fuori, che non avevo mai sentito. O meglio (dato che il canto non si sapevaancora cosa fosse): sento fare un verso che nessuno aveva fatto mai. M’affaccio. Vedo un animale sconosciuto checantava su di un ramo. Aveva ali zampe coda unghie speroni penne piume aculei becco denti corna cresta bargigli euna stella in fronte. Era un uccello; voi l’avevate già capito ; io no; non se n’erano mai visti. Cantò: “Koaxpf… Koaxpf…Koaaaccch…”, sbatté le ali striate di colori cangianti, s’alzò a volo, tornò a posarsi più in là, riprese il canto.” Italo Calvino, Ti con zero, L’origine degli Uccelli

×