Questionario precario

  • 144 views
Uploaded on

 

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
144
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
1
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Parte 1 QUESTIONARIO PRECARIO A cura di
  • 2. DATI GENERALI
    • Periodo di somministrazione: gennaio-marzo 2011
    • Questionari somministrati: 206
    • Compilati online : 59
    • Compilati a mano: 147
    • Questionari validi: 200
  • 3. ANNO DI NASCITA
    • Over-40 3%
    • Quarantenni 23%
    • Ventenni 23,5%
    • Trentenni 50,5%
  • 4. SESSO
    • M (84) 42%
    • F (116) 58%
  • 5. QUARTIERE DI RESIDENZA
    • Reno 4,5%
    • Saragozza 5%
    • Borgo Panigale 6,5%
    • Savena 7%
    • Santo Stefano 8%
    • Navile 9%
    • Porto 10,5%
    • San Donato 21%
    • San Vitale 28,5%
  • 6. SU QUALI SOCIAL NETWORK HAI UN ACCOUNT? (numero di risposte a piacere)
    • Second Life 0
    • Google Buzz 1,5%
    • Altro: ........(nessun account)...... 3%
    • FriendFeed 4%
    • Windows Live Profile 5,5%
    • Twitter 9%
    • LinkedIn 16,5%
    • Flickr 17%
    • Youtube 19,5%
    • Myspace 24%
    • Facebook 86%
  • 7. IN CHE SETTORE LAVORI? (massimo 2 risposte)
    • Agricoltura 0
    • Industria 1%
    • Altro: ........................... 2%
    • Artigianato 4%
    • Informatica, servizi digitali e telematici, ICT 8%
    • Commercio 11%
    • Servizi alle imprese, consulenza 11%
    • Media, comunicazione, pubblicità, editoria 13,5%
    • Servizi alla persona, terzo settore, volontariato 16,5%
    • Settore pubblico (istruzione, sanità, pubblica amministrazione) 23,5%
    • Cultura, arti, spettacolo, entertainment 29,5%
  • 8. DOVE HAI APPRESO IL TUO MESTIERE? (massimo 2 risposte)
    • Altro: .......................................................................... 0
    • Associazione culturale, spazio sociale autogestito, gruppo informale 11%
    • Apprendistato post-laurea 18%
    • Corsi di formazione 21,5%
    • Apprendistato presso azienda per cui lavoro/lavoravo 22,5%
    • Scambio di competenze con amici e/o collaboratori e/o famiglia 28%
    • Autodidatta 33,5%
  • 9. IL LAVORO CHE SVOLGI PRODUCE REDDITO PIENO (DAI 1.000 EURO IN SU) O SOLO PARZIALE?
    • Pieno 36,5%
    • Parziale 63,5%
  • 10. SE ALLA PRECEDENTE DOMANDA SI È RISPOSTO "PARZIALE", INDICARE LA FONTE DEL PROPRIO SOSTENTAMENTO (su un totale di 127)
    • Secondo lavoro 32,2%
    • Sostegno familiare 67,7%
  • 11. IL LAVORO CHE SVOLGI È FORMALIZZATO (TRAMITE CONTRATTO O ALTRA FORMA GIURIDICA)?
    • No 17%
    • Talvolta 31,5%
    • Si 51,5%
  • 12. INDICARE QUAL È LA FORMA GIURIDICA CONTRATTUALE UTILIZZATA ATTUALMENTE O NELL'OCCASIONE PIÙ RECENTE (su un totale di 166)
    • Altro: ................... 0
    • Contratto di formazione/apprendistato 1,2%
    • Rimborsi tramite associazione culturale o di volontariato 3%
    • Part time, interinale 6,6%
    • Contratto a tempo determinato 18,6%
    • Partita Iva, impresa, studio associato 21%
    • Contratto a progetto, co.co.co. 24,6%
    • Prestazione occasionale 24,6%
  • 13. PER IL TUO MESTIERE, A QUALE DEI SEGUENTI SERVIZI SUL TERRITORIO TI SEI RIVOLTO?
    • Altro: ...................... 0
    • Camera di Commercio 1%
    • U.R.P. del Comune di Bologna 2,5%
    • Altri sportelli della pubblica amministrazione 3,5%
    • Informagiovani 4%
    • Sportelli di associazione di categoria 5,5%
    • Centro per l’Impiego 7%
    • Agenzia Lavoro 10,5%
    • Sportelli sindacali 14,5%
    • Non mi sono rivolta/o a nessun servizio sul territorio 51,5%
  • 14. SE HAI FRUITO DI UNO O PIÙ SERVIZI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, RITIENI SODDISFACENTE L’OFFERTA ESISTENTE? (su un totale di 101)
    • Si 10,8%
    • No 38,6%
    • In parte 50,4%
  • 15. PER IL TUO MESTIERE, DI QUALI DEI SEGUENTI SERVIZI AVVERTI MAGGIORMENTE LA NECESSITÀ? (massimo 2 risposte)
    • Altro: .................................................................................... 1%
    • Informazioni sulle politiche abitative e sui relativi criteri d’assegnazione 5,5%
    • Baby sitting e altri servizi inerenti a maternità, famiglia, attività di cura 6%
    • Opportunità formative e/o di aggiornamento 11,5%
    • Accesso a spazi e attrezzature pubblici 13,5%
    • Possibilità di reperire più velocemente partnership e collaborazioni 16,5%
    • Consulenze per affrontare il mercato (concorrenza, individuazione del target, business plan, fund raising, tipologia giuridica da adottare) 17,5%
    • Consulenza fiscale e/o commerciale 22,5%
    • Informazioni su bandi di concorso, linee di finanziamento, gare d’appalto 26,5%
    • Informazioni sulle offerte di lavoro 31%
    • Tutela sindacale e/o legale 31,5%
  • 16. QUALI SONO, A TUO PARERE, GLI INTERVENTI PIÙ URGENTI CHE L’ITALIA DOVREBBE ADOTTARE IN MATERIA DI FLESSIBILITÀ? (massimo 2 risposte)
    • Altro: ......................................................................................................................................................... 0
    • Innalzamento delle aliquote sui contratti a termine per equiparare la contribuzione previdenziale 2,5%
    • La costruzione di nuove forme di rappresentanza per i precari 3%
    • Una maggiore rappresentanza dei precari nei sindacati esistenti 3,5%
    • Reddito d’inserimento, ovvero reddito base del quale non si può più fruire qualora si rifiuti una seconda offerta di lavoro 4,5%
    • Revisione delle graduatorie pubbliche, in favore dei precari, per ciò che riguarda l’assegnazione di case pubbliche 6%
    • Rilanciare l’industria per creare più occupazione 8%
    • Più opportunità di formazione e aggiornamento gratuiti 9,5%
    • Una maggiore rappresentanza dei lavoratori precari nei partiti e nelle istituzioni 10%
    • Rilanciare i settori creativi quali web, cultura, turismo e comunicazione per creare più occupazione 16,5%
    • Più finanziamenti pubblici per l’avvio di imprese giovanili e associazioni culturali 19,5%
    • Politica fiscale che renda più onerosi i contratti a termine e faciliti i contratti a tempo indeterminato 24%
    • Sportelli territoriali di consulenza e orientamento che permettano di avere più informazioni 27,5%
    • Reddito base garantito ai lavoratori flessibili nei periodi di non lavoro, malattia e maternità 54,5%
  • 17. PER I LAVORATORI SENZA POSTO FISSO, VENGONO UTILIZZATE DIVERSE DEFINIZIONI. QUALE DELLE SEGUENTI SCEGLIERESTI PER TE STESSA/O?
    • Cognitario, cognitivo 0
    • Intermittente 4,5%
    • Atipico 6,5%
    • Creativo 7%
    • Flessibile 7,5%
    • Autonomo, freelance, autoimprenditore 17,5%
    • Precario 57%
  • 18. Parte 2
    • SPUNTI DI RIFLESSIONE
  • 19. I precari e la creatività
    • Il 62% degli intervistati afferma di operare in settori di tipo “creativo”. Da questo possiamo trarre che:
    • si pone il problema di rilanciare lo sviluppo di questi settori a fini occupazionali;
    • il settore amministrativo della cultura non può essere disgiunto dalle tematiche del lavoro e, in particolare, dal lavoro precario e giovanile;
    • i risultati successivi indicano che il concetto di “classe creativa” non attiene a un’élite bensì a una condizione precaria.
  • 20. I precari e l’Informal Learning
    • Il 72,5% degli intervistati afferma di aver appreso il proprio mestiere con modalità autodidatte, interpersonali e comunque informali. Questo pone i seguenti problemi:
    • l’insufficienza dell’offerta formativa esistente;
    • la necessità d’iniziare a studiare un modo in cui la pubblica amministrazione possa fornire qualifiche e certificazioni all’ Informal Learning .
  • 21. I precari e la semi-occupazione
    • Il 63,5% degli intervistati afferma di ottenere dal proprio lavoro un reddito parziale, inferiore ai 1.000 euro. Da questo si può trarre che:
    • il problema della precarietà tocca la città di Bologna in misura non inferiore ad altri territori;
    • le statistiche su occupazione e disoccupazione non sono in grado di leggere la condizione maggioritaria di semi-occupazione a cui sono assoggettate le nuove generazioni.
  • 22. I precari e il lavoro nero
    • Il 48,5% degli intervistati afferma di lavorare in condizioni di sommerso o semi-sommerso. Da questo possiamo trarre che:
    • una parte consistente dell’economia sommersa , in Italia, è legata alla precarietà lavorativa;
    • gli interventi sulla precarietà devono implicare anche opportunità di fuoriuscita dal sommerso ;
    • a un approccio giuslavoristico deve affiancarsi un approccio sociologico che comprenda tutte le tipologie di cittadini afflitti da precarietà.
  • 23. I precari e i servizi sul territorio
    • Il 51,5% degli intervistati afferma di non essersi mai rivolto a uno sportello territoriale: né della pubblica amministrazione, né sindacale, né di altra tipologia. Al contempo, della metà che ha fruito di servizi front office, solo il 10,8% li giudica pienamente soddisfacenti. Occorre allora domandarsi:
    • quali sono le carenze dei servizi esistenti?
    • per rispondere a questa carenza, è sufficiente perfezionare i servizi esistenti o si può anche pensare a costruire servizi integrativi di altra tipologia ?
  • 24. L’imprenditorialità precaria
    • Alla domanda relativa ai servizi di cui si sente maggiore necessità, a fianco di un 85% di bisogni di tutela “classici”, spicca un’ancor più elevata richiesta in favore di servizi che assistano un approccio autonomo e auto-imprenditoriale al mercato del lavoro. Da questo si può trarre che:
    • indipendentemente dalla condizione giuridica, cresce un approccio “autonomo” dei precari al mercato del lavoro ;
    • gli strumenti giuridici esistenti – quali la costituzione d’impresa – rispondono solo in minima parte a questa esigenza;
    • non vi sono, al momento, servizi sul territorio in grado di rispondere a queste necessità.
  • 25. I precari e gli sportelli
    • Alla domanda sugli interventi da adottare in Italia, la seconda opzione più indicata (27,5%) riguarda la creazione di sportelli territoriali che forniscano consulenza e informazioni. Considerando le risposte precedenti, possiamo considerare un impianto di welfare territoriale modellato secondo i seguenti paradigmi:
    • welfare di prossimità , ovvero consulenza continuativa e personalizzata;
    • welfare di outcome , ovvero consulenza finalizzata anche a fornire strumenti per affrontare con le proprie gambe il mercato;
    • welfare mix , ovvero servizi costruiti in collaborazione fra amministrazione pubblica e mondo associativo, in grado di fare da collante fra i diversi servizi esistenti;
    • welfare mutualistico , al fine di fornire servizi realmente efficaci, di promuovere la sussidiarietà e la cooperazione sociale, si può ipotizzare la creazione di sportelli gestiti da associazioni di lavoratori precari.
  • 26. I precari e il basic income
    • Il 54,5 degli intervistati indica il basic income (reddito base o reddito di cittadinanza) come misura più urgente da adottare in Italia. Riteniamo, quindi, che il centrosinistra debba iniziare a mettere questo tema nella propria agenda politica.
  • 27.   FINE
    • Il Questionario Precario è stato ideato e somministrato da
    •  
    • Riccardo Paccosi
    • Francesca Rossi
    • Alessio Di Paola
    • (Circolo Precari PD)
    •  
    • Matilde Madrid
    • Sarah Bellini
    • (Circolo PD San Donato Centro)