Your SlideShare is downloading. ×
Le Relazioni Istituzionali
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Introducing the official SlideShare app

Stunning, full-screen experience for iPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Le Relazioni Istituzionali

2,256
views

Published on

Published in: News & Politics

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
2,256
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
66
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Rappresentanza, sistemi di potere e comunicazione A cura di Stefano Colarieti [ ]
  • 2. Chi sono
    • Laureato in Scienze Politiche, Direttore Commerciale Gruppo Reti SpA, già Direttore Generale e membro cda della società Running srl.
    • Professore a contratto dell’ Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Scienze Politiche e dell’Università degli Studi di Camerino, docente della Luiss Business School.
    • Consulente di comunicazione per Associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche.
    • Autore e curatore dei volumi editi dalla Luiss University Press, “Introduzione al marketing politico”, e “Introduzione alle Relazioni istituzionali”.
  • 3. La rappresentanza degli interessi in Italia Fino agli anni ’90 il Parlamento è stato il “luogo” per eccellenza di incontro tra la politica e i soggetti portatori di interessi.
  • 4.
    • Dal ‘ 90 in poi Intervengono mutamenti profondi degli scenari:
    • Crisi di legittimazione della classe politica nazionale e locale dopo Tangentopoli
    • Fine del collateralismo fra organizzazioni degli interessi e partito di riferimento
    • Destrutturazione del processo tradizionale per la rappresentanza degli interessi
    La rappresentanza degli interessi in Italia
  • 5.
    • processo di riforme istituzionali
    • che ha modificato radicalmente
    • il sistema dei poteri tra livelli istituzionali
    • con un trasferimento di funzioni dall’alto verso il basso
    • il rapporto tra decisori e
    • soggetti collettivi di rappresentanza
    • va ripensato in funzione di questi
    • profondi cambiamenti istituzionali
    La reazione della classe politica: rendere trasparente e partecipato il rapporto tra istituzioni e cittadini
  • 6.
    • Legge 142/90 - Nuovo ordinamento degli Enti Locali, introduce l’ idea del servizio come obiettivo della azione della PA .
    • Legge 241/90 - Trasparenza del procedimento amministrativo, modalità di partecipazione di soggetti esterni alla Pa per intervenire nel procedimento di formazione di un atto.
    • Legge 81/93 - Elezione diretta dei Sindaci e dei Presidenti delle Provincie
    • Legge 150/2000 - "Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche amministrazioni: nasce la cultura della informazione e della comunicazione delle PA verso i cittadini, le imprese, i gruppi di interesse
    Alcune tappe legislative
  • 7. Dlgs 267/2000 " Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali"
    • Individua ruolo, funzioni, organizzazione di:
    • Regioni attività di programmazione
    • Provincie attività di coordinamento e gestione
    • Comuni attività di gestione
    • Mappatura dei poteri e dei decisori
    • indispensabile per svolger in modo efficace
    • la rappresentanza degli interessi
  • 8. www.runningonline.org Riforma del Titolo V della Costituzione il ruolo strategico delle Regioni (2001)
    • vengono attribuiti alla regioni competenze legislative su settori strategici
    • Sanità
    • Infrastrutture: grandi reti di trasporto
    • Energia: produzione, trasporto e distribuzione
    • Agricoltura, Ambiente
    • Previdenza complementare e integrativa
    • Tutela e sicurezza del lavoro e formazione professionale
    • Grande distribuzione
  • 9. 2010: il nostro ordinamento giuridico
    • stato - regioni - enti locali
    • La legge attribuisce a questi soggetti funzioni di
    • progettazione e attuazione delle politiche
    • pubbliche nel nostro paese
  • 10. 2010 - Federalismo fiscale … il processo di riforma va avanti
    • Delega al Governo in materia di federalismo fiscale
    • La presente legge costituisce attuazione dell'articolo 119 della Costituzione
    • assicurando autonomia di entrata e di spesa di comuni, province, città
    • metropolitane e regioni e rispettando i principi di solidarietà e di coesione
    • sociale, in maniera da sostituire gradualmente, per tutti i livelli di governo
    • il criterio della spesa storica e da garantire la loro massima
    • responsabilizzazione e l'effettività e la trasparenza del controllo
    • democratico nei confronti degli eletti .
    • 2013 - Applicazione del federalismo fiscale
  • 11. Il sistema delle regole esprime una fragilità del nostro ordinamento: gravi conseguenze per le imprese
    • La legislazione concorrente crea un conflitto permanente tra stato e regioni;
    • Le associazioni devono intervenire perché questa conflittualità venga rimossa, e inutile andare avanti, parlare di riforme se non si risolve questo problema.
  • 12. LA NUOVA MAPPA DEI POTERI ISTITUZIONALI Consigli regionali Enti locali Parlamento Parlamento europeo Autorithy
  • 13. Il nuovo ordinamento giuridico: un sistema complesso che distribuisce enormi quantità di risorse finanziarie Parlamento UE Enti locali e autonomi 8103 comuni -107 province - 20 regioni Governo Parlamento Ministeri
  • 14. la rappresentanza nel passato
    • Fare rappresentanza nel passato significava reagire a proposte generalmente provenienti dall’esterno interpretando tali proposte alla luce degli interessi degli associati, svolgendo un ruolo essenzialmente di natura”rivendicativa”
  • 15. la rappresentanza oggi
    • buona propensione ad anticipare
    • i fenomeni economici e sociali
    • forte capacità progettuale
    • conoscere i meccanismi istituzionali
    • svolgere una efficace attività di lobbying
    • Creare consenso per trasformare
    • Interessi particolari in interessi generali
  • 16. La rappresentanza degli interessi a livello locale
    • Fare lobbying è un METODO
    • per garantire la RAPPRESENTANZA
    • degli INTERESSI di un soggetto
    • nell’ambito dei PROCESSI DECISIONALI pubblici
  • 17. Potere politico ed interessi coinvolti Il potere politico consiste nell’assunzione di decisioni i cui effetti ricadono sulla collettività . Decisore pubblico Destinatari delle decisioni I Gruppi di interesse utilizzano la comunicazione per intervenire nei processi decisionali e rendere trasparente il rapporto pubblico - privato
  • 18. Network locale : le associazioni di rappresentanza e il nuovo modello organizzativo per la rappresentanza di interessi
    • Necessità di organizzare delle tecnostrutture in grado
    • di presidiare i rapporti politici con le Regioni e gli Enti
    • Locali e di elaborare percorsi di comunicazione
    • istituzionale
  • 19. Il lavoro del Responsabile della comunicazione istituzionale
    • 1- monitoraggio ( gestione del flusso informazioni istituzionali)
    • 2- report quotidiani
    • 3- dossier (raccolta di dati su temi “sensibili”)
    • 4- scrittura di atti e/o position paper
    • 5- attività di media affairs
    • 6- progettazione di piani di comunicazione istituzionale
  • 20. Il nuovo ordinamento giuridico: un sistema complesso La rappresentanza di interessi in un sistema complesso di regole e livelli decisionali, richiede lo sviluppo di competenze utili per : gestire il flusso delle informazioni istituzionali individuare i decisori chiave di un processo anticipare le scelte politiche
  • 21. La comunicazione istituzionale di……………………….. Piano di Comunicazione istituzionale istituzioni media new media opinione pubblica stakeholder
  • 22. Piano di COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE strumenti tecnico giuridici strategia di comunicazione
  • 23. www.runningonline.org Strumenti tecnico giuridici per la rappresentanza degli interessi
    • Monitoraggio istituzionale
    • Mappatura e richiesta di incontro con i decisori
    • Networking e accreditamento
    • Istituti di partecipazione
    • 1- sul procedimento amministrativo
    • 2- nelle commissioni (tramite la richiesta di Audizioni)
    • - Utilizzo degli strumenti tecnici di pressione
    • proposte di legge (parlamento, regioni)
    • atti di sindacato ispettivo (interrogazioni, interpellanze, mozioni)
    • emendamenti alle legge di bilancio e/o finanziarie
    • Position paper
  • 24. 1. Monitoraggio istituzionale Attività a supporto del decisore Monitorare per conoscere Il servizio di monitoraggio garantisce anticipazioni ed aggiornamenti relativi all’attività decisionale in un settore di interesse Monitorare per decidere Il servizio di monitoraggio fornisce strumenti e conoscenze per decidere la strategia d’azione Monitorare per intervenire Il servizio di monitoraggio è funzionale all’esercizio di pressione sul potere politico Attività lobbistica
  • 25.
    • odg dei lavori delle assemblee
    • odg delle commissioni
    • proposte di legge, disegno di legge, atti amministrativi, delibere
    • Predisporre report sintetico
    • (informare, proporre in tempo reale e decidere come e su chi intervenire )
    cosa deve essere monitorato
  • 26. Contatto diretto La presenza in luogo Stampa Internet Resoconti attività istituzionale GU Telefono da dove proviene l’informazione ?
  • 27.
    • dalle commissioni alla approvazione in assemblea
    Il lobbista interviene per rappresentare l’interesse e anticipare la decisone Obiettivo dell’azione di monitoraggio
  • 28. 2. MAPPATURA DECISORI E INFLUENTI : IL PROFILO
    • Collocazione politica, profilo caratteriale, interessi personali
    • Connotazione ideologica culturale (valori di riferimento)
    • Precedenti posizioni assunte, dichiarazioni rilasciate, atti
    • presentati
    • Materie di interesse
    • Network di riferimento (legami con altri ambienti)
    • Interessi economici
    • Per individuare l’interlocutore più EFFICACE
  • 29. 3. NETWORKING E ACCREDITAMENTO
    • NETWORK STABILI
    • obiettivo di una azione strategica di relazioni
    • Le relazioni non funzionano come il 118
        • Presentare un istanza senza mai aver avuto contatti prima
    • GAP competitivo
    • ERRORI
    • Farsi sentire solo “nel momento del bisogno”
  • 30.
    • Accreditarsi come fonte di informazioni (utili al decisore per decidere) seria e professionale.
    • Mantenere un canale sempre aperto
    • Coltivare un rapporto costante: fidelizzare
    • “ Costruire le relazioni quando non servono”
    Cosa fare
  • 31. Cosa non fare
    • “ IL PICCOLO SINDACALISTA”
    • Fare leva sul prestigio della sigla: siamo l’interesse generale, se
    • non ci ascoltate facciamo un “terremoto”
    • AMICI DEGLI AMICI
    • Affidarsi ad amicizie personali e personalizzare i rapporti
    • CHIEDERE COSE FUORI COMPETENZA
    • O NEI TEMPI SBAGLIATI
  • 32. 4.POSITION PAPER : uno strumento tecnico di rappresentanza
    • Caratteristiche
    • il documento deve essere breve (1-2 pagine)
    • deve contenere la:
    • presentazione del soggetto Confcommercio
    • una posizione chiara in merito all’argomento
    • inserito in una strategia complessiva
    • Può essere utilizzato per
    • audizioni e/o incontri istituzionali
    Paper Confcommercio è una associazione che conta 3.000.000 di imprese associate……..
  • 33. Le fasi per la costruzione di un piano di comunicazione
  • 34. Strategia per la rappresentanza degli interessi
    • analisi del contesto socio economico del territorio (RICERCA)
    • elaborazione di strategie finalizzate alla costruzione del consenso sulle priorità indicate dalla Associazione (MESSAGGI)
    • attività di media affairs: (COSTRUIRE RELAZIONI STABILI CON I GIORNALISTI NON SUBIRE LA COMUNICAZIONE, CONDIZIONARE L’AGENDA POLITICA)
    • costruire, sviluppare reti, (FARE NETWORK E ALLEANZE)
    • utilizzo delle nuove tecnologie web 2.0
    • (social network partecipazione e consenso; la rete un agorà per sostenere le nostre posizioni)
    • metodologia efficace nella
    • rappresentanza degli interessi
  • 35. Una strategia di comunicazione è fondamentale :
      • per spiegare, far conoscere e negoziare, attraverso una interazione sistematica e continua con i decisori, le istituzioni, l’opinione pubblica,le nostre posizioni
      • per sviluppare un network relazionale
      • Creare consenso sul interesse che rappresentiamo
      • Cercare di raggiungere l’obiettivo
  • 36. Network e reti : un nuovo modo di rafforzare le relazioni tra gli individui
    • 25 milioni di italiani usano internet
    • 90% user di social media
    • La rete grazie ai social media fornisce risposte ai bisogni di relazionalità e coinvolgimento sociale e costituisce quindi un osservatorio a cui il mondo dei dirigenti deve porre attenzione per capire come si modificano i comportamenti degli individui.
    • Inoltre la rete consente di poter sviluppare una strategia di comunicazione per valorizzare il brand della Associazione, creare una condivisone costante sui contenuti e sviluppare network.
  • 37. Un film da vedere
  • 38. Running Srl Via dell' Esquilino, 38 00185 Roma tel. +39 06 45478253 fax +39 06 45478285