Finanziamenti ai progetti locali            Tutti i comuni possono accedere al Fondo rotativo della CdpTutti i comuni ital...
finanziabili gli studi di fattibilità per la costituzione delle società di trasformazioneurbana.       Limite minimo di un...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Finanziamenti ai progetti locali

196

Published on

Published in: Economy & Finance
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
196
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Finanziamenti ai progetti locali

  1. 1. Finanziamenti ai progetti locali Tutti i comuni possono accedere al Fondo rotativo della CdpTutti i comuni italiani possono usufruire delle agevolazioni previste dal Fondorotativo per la progettualità che concede un finanziamento a condizionivantaggiose che copre le spese progettuali. Il fondo è gestito dalla Cassa depositie prestiti e interviene per favorire la base di pre-realizzazione di opere pubblichecon un valore superiore al milione di euro. il fondo anticipa le spese necessarieper la progettazione e redazione di studi di fattibilità, studi per l’individuazionedel quadro dei bisogni e delle esigenze, documenti componenti i progettipreliminari, definitivi ed esecutivi, documenti preparatori dei concorsi di idee o diprogettazione. Il Fondo ha natura rotativa, in quanto le sue disponibilità vengonoricostituite attraverso i rimborsi da parte degli utilizzatori. Accesso riservato a enti centrali e locali Il Fondo può finanziare le amministrazioni dello stato, anche aordinamento autonomo, le regioni e le province autonome, gli enti locali qualicomuni, province, città metropolitane, comunità montane, comunità isolane o diarcipelago, unioni di comuni. Inoltre, si rivolge a enti pubblici, economici, locali,regionali e nazionali, quali aziende speciali e consorzi degli enti locali e delleregioni; istituzioni universitarie; istituti autonomi case popolari; camere dicommercio, industria, artigianato e agricoltura; amministrazioni, aziende ed entidel Servizio sanitario nazionale; agenzie di cui al decreto legislativo 30 luglio1999, n. 300. Possibile finanziare tutta la fase progettuale E’ possibile finanziare l’intero ciclo di sviluppo dell’idea progettuale, inqualsiasi progressivo livello della sua definizione. Il fondo finanzia quindi laredazione degli studi per l’individuazione del quadro dei bisogni e delle esigenze,degli studi di fattibilità, dei documenti componenti i progetti preliminari,definitivi ed esecutivi e dei documenti preparatori dei concorsi di idee o diprogettazione. Ciascuna anticipazione può finanziare la progettazione di unasingola opera ovvero di un insieme di opere funzionalmente e unitariamenteorientate alla soddisfazione di un’esigenza o di un bisogno. Impossibile finanziare spese già sostenute L’anticipazione non finanzia gli incentivi per le progettazioni effettuate conrisorse interne delle amministrazioni, spese per la predisposizione e lapubblicazione dei bandi di gara, spese già sostenute al momento della richiesta dianticipazione a eccezione di quelle relative agli studi per l’individuazione delquadro dei bisogni e delle esigenze. Inoltre, non sono finanziabili rimborsi speseai soggetti non vincitori dei concorsi di progettazione, spese per commissionigiudicatrici, spese relative alla predisposizione di atti di pianificazione, spese perla redazione di particolari atti di programmazione di settore. Non sono infine
  2. 2. finanziabili gli studi di fattibilità per la costituzione delle società di trasformazioneurbana. Limite minimo di un milione di euro Per accedere al fondo l’importo minimo dell’opera da progettare , intesacome costi di lavori e forniture al netto d’Iva, è pari a un milione di euro. Taleimporto è ridotto a 250 mila euro in caso di comuni con meno di 5 mila abitanti.Le soglie minime non operano per le richieste di accesso al Fondo relative aiconcorsi di idee. Le somme erogate in anticipazione sono rimborsate all’Istitutoentro 60 giorni dal perfezionamento della provvista finanziaria necessaria allaprogettazione e/o alla realizzazione dell’opera. Il perfezionamento della provvistafinanziaria si realizza nel momento in cui, secondo la normativa di contabilitàpubblica dell’ente, lo stesso è in condizioni di procedere alla liquidazionedell’impegno di spesa precedentemente assunto. Trascorsi tre anni dalla data diprima erogazione dell’anticipazione, il rimborso è comunque dovuto, anchequalora non sia stata perfezionata la provvista finanziaria, ovvero l’opera non siarealizzabile, o sia venuto meno l’interesse pubblico alla sua realizzazione.

×