Your SlideShare is downloading. ×
Qe Infinity: Conseguenze non Intenzionali
Qe Infinity: Conseguenze non Intenzionali
Qe Infinity: Conseguenze non Intenzionali
Qe Infinity: Conseguenze non Intenzionali
Qe Infinity: Conseguenze non Intenzionali
Qe Infinity: Conseguenze non Intenzionali
Qe Infinity: Conseguenze non Intenzionali
Qe Infinity: Conseguenze non Intenzionali
Qe Infinity: Conseguenze non Intenzionali
Qe Infinity: Conseguenze non Intenzionali
Qe Infinity: Conseguenze non Intenzionali
Qe Infinity: Conseguenze non Intenzionali
Qe Infinity: Conseguenze non Intenzionali
Qe Infinity: Conseguenze non Intenzionali
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Qe Infinity: Conseguenze non Intenzionali

181

Published on

La Federal Reserve (che è il FOMC - Federal Open Market Committee) la scorsa settimana ci ha segnalato che farà una politica di quantitative easing flessibile. La maggior parte del mondo pensava che …

La Federal Reserve (che è il FOMC - Federal Open Market Committee) la scorsa settimana ci ha segnalato che farà una politica di quantitative easing flessibile. La maggior parte del mondo pensava che ci avrebbero fornito solo un QE3, viceversa molti osservatori sono rimasti invece fortemente sorpresi del fatto che Bernanke abbiamo guidato la Fed nel decidere non solo di continuare l\'Operation Twist con le attuali condizioni, ma anche di acquistare ulteriori $40 miliardi al mese di obbligazioni relative ai mutui immobiliari (agency mortage bonds).

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
181
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. SCENARI FINANZIARIJOHN MAULDINSTHOUGHTS FROM THE FRONTLINENewsletter settimanale - Versione Italiana a cura di Horo CapitalQE Infinity: conseguenze non intenzionalidi John Mauldin | 22 settembre 2012 - Anno 3 - Numero 38In questo numero:La disoccupazione al 5,5% è accettabileViviamo in un periodo di incertezzaChiedo scusa ai marinai ubriachiCosa succede se fanno un QE party e non viene nessuno?Lentità raggiunta in termini di confusioneAtlanta, New York, Orlando e South AfricaVi è in corso un intenso dibattito nella cabina di prima classe delle compagnie aeree lowcost sulla direzione che deve prendere il nostro aereo. E mentre alla maggior parte di noiche si trova seduta nei posti economici non gli viene data la possibilità di poter decidere, ilpoter sapere dove potremo atterrare scatena una forte discussione tra noi tutti. Questasettimana cercheremo di comprendere il dibattito in corso sotto forma di discorsi emessaggi accademici che ci vengono passati da chi sta in prima classe per poterli leggere.Questo tipo di dibattito si è verificato anche quando Greenspan ha mantenuto in modoanormale i tassi bassi per un lungo periodo di tempo. Le conseguenze non intenzionali diquel comportamento sono state poi la bolla nel settore immobiliare e nel debito/leva. Cisono delle potenziali conseguenze indesiderate nellattuale politica monetaria di Bernankeche alcuni chiamano Quantitative Easing Infinity? Vi suggerisco di mettere i tavolini aposto e di allacciare le cinture di sicurezza – il volo potrebbe avere momenti di instabilitàmentre esploriamo QE Infinity: Unintended Consequences.La Federal Reserve (che è il FOMC - Federal Open Market Committee) la scorsasettimana ci ha segnalato che farà una politica di quantitative easing flessibile. La maggiorparte del mondo pensava che ci avrebbero fornito solo un QE3, viceversa molti osservatorisono rimasti invece fortemente sorpresi del fatto che Bernanke abbiamo guidato la Fed neldecidere non solo di continuare lOperation Twist con le attuali condizioni, ma anche diacquistare ulteriori $40 miliardi al mese di obbligazioni relative ai mutui immobiliari (agencymortage bonds). Questultima politica di allentamento continuerà fino a quando “leprospettive del mercato del lavoro non miglioreranno in modo sostanziale ..."Questa politica di allentamento piuttosto prodigiosa sarà pari a $85 miliardi dollari al meseda qui a fine anno e di quasi $500 miliardi di dollari lanno per un periodo di tempo nondefinito. Il mio primo pensiero dopo aver letto il comunicato emesso dopo lincontro equello rilasciato alla stampa da Bernanke è stato, ma chi definisce esattamente la politica?Qual è un tasso di disoccupazione accettabile? Questa non è una questione solo ti tipoaccademico perché come abbiamo visto nelle lettere precedenti, sarà necessario un belpo di tempo prima che il tasso di disoccupazione scenda a livelli inferiori al 6% e perraggiungere quel livello è necessario avere un economia molto più sana di quello in cuioggi ci troviamo impantanati.Il bilancio della Federal Reserve ha ora raggiunto la noiosa cifra di $1,5 trilioni. Bernankepropone di aumentare tale importo di un mezzo trilione di dollari ogni anno, fino a quandonon si raggiungerà tutto ciò che è considerato un tasso di disoccupazione accettabile efino a quando questo verrà "perseguito in un contesto di stabilità dei prezzi." E mentre
  • 2. Bernanke ha sostenuto per molti anni che lobiettivo di inflazione doveva essere un 2%, inquesto momento non è stata definita una vera e propria linea di confine su quale dovrebbeessere lattuale obiettivo e qual è un tasso di inflazione accettabile, in unepoca nella qualeabbiamo un alto indebitamento degli Stati Uniti per non parlare poi dellelevatadisoccupazione.E così la Fed ha intrapreso un percorso di uno straordinario quantitative easing - o distampa di moneta nel volgare gergo di quelli che come noi sono seduti nei posti piùeconomici. E ha deciso questa cosa di fronte ad un crescente coro di economisti, chesono chiaramente seduti in prima classe e che stanno gridando che un ulteriore QE nonavrà alcun effetto sulla occupazione e che probabilmente potrebbe fare più male chebene.Noi abbiamo parlato del lavoro fatto da William White e pubblicato sul sito web dellaFederal Reserve di Dallas (White è il capo economista presso lOrganizzazione per lacooperazione e lo sviluppo economico [Ocse] ed era in precedenza alla Banca deiregolamenti internazionali). Lui e il professor Michael Woodford della Columbia hannosostenuto a Jackson Hole (il luogo dove si ritrovano ogni agosto gli economisti di primaclasse - il mio invito sembra che si sia perso nuovamente nella posta anche questanno)che un ulteriore QE non avrebbe leffetto desiderato e che invece potrebbe anche esserecontroproducente. Vorrei anche sottolineare che invece ci sono stati altri paper a JacksonHole che hanno sostenuto la nuova politica della Fed.Lunedì scorso un editoriale sul Wall Street Journal scritto da cinque Phd in economia, tracui un ex segretario del Tesoro e un quasi-certo premio Nobel (e la maggior parte di lorosono ex membri del Consiglio di Presidenza dei consulenti economici) hanno condannatola politica senza alcun giro di parole. Successivamente prenderemo in esame leditoriale inmodo dettaglio. Il punto è che ci sono delle forti riserve circa lattuale politica anche traalcuni parlamentari molto seri.Ma ancora una volta devo prendere atto che ci sono però anche molti altri politici di parivalore che stanno lodando Bernanke. Questa settimana Martin Wolf del Financial Times èstato particolarmente generoso nel fare elogi per la nuova politica. La Fed come tutti ormaisappiamo ha un duplice mandato, ossia quello di mantenere la stabilità dei prezzipromuovendo però al contempo la piena occupazione. Questi obiettivi possono esserechiaramente in conflitto tra loro. Per ora lobiettivo di una maggiore occupazione staprendendo il sopravvento sulla necessità di arginare linflazione, che potrebbe peròarrivare da un uso eccessivo della stampa di moneta.La disoccupazione al 5,5% è accettabileAlla conferenza stampa che si è tenuta dopo la riunione del FOMC Bernanke non si èsoffermato nel dire quello che può essere un tasso accettabile di disoccupazione, se nonper sottolineare che il livello di crescita degli ultimi sei mesi "non lo è .... Non cè unnumero preciso che noi abbiamo in mente .... Almeno a questo punto siamo stati capaci didefinirlo qualitativamente. Spero almeno in questo modo di essere un po colorito su quelloche stiamo ricercando .... Noi non abbiamo un singolo numero in grado di definire questacosa".Così sono rimasto un po sorpreso quando in un discorso il presidente della FederalReserve Bank di Minneapolis Narayana Kocherlakota ha detto che la Fed dovrebbe
  • 3. mantenere il tasso di interesse vicino allo zero, fino a quando (dalle sue parole):"Fino a quando il FOMC continua a soddisfare il suo mandato di stabilità dei prezzi èopportuno mantenere straordinariamente basso il tasso sui fed funds e questo fino aquando il tasso di disoccupazione non sarà sceso al di sotto del 5,5 per cento."Il mio primo pensiero dopo aver visto il titolo e il nuovo report (senza aver letto lintervento)è che Kocherlakota che è normalmente considerato come uno dei falchi della Fed controlinflazione, aveva appena sostenuto una politica che potrebbe significare un QE Infinityper altri 5-6 anni o anche di più. Stiamo parlando di arrivare ad una potenziale triplicazionedel bilancio della Fed, che è già tuttora molto gonfio.Ho particolarmente trattato su Thoughts from the Frontlines (Scenari Finanziari) il temadella crescita delloccupazione per cui ora vorrei solo riassumerlo velocemente. Civogliono circa 125.000 nuovi posti di lavoro al mese solo per tenere il passo con lacrescita della popolazione. Abbiamo bisogno di avere 250 mila nuovi posti di lavoro almese per un anno consecutivo per diminuire il tasso di disoccupazione di poco più di un1%, ed inoltre leconomia ha bisogno di crescere con un tasso del 3% lanno perchéquesto possa accadere. Questo significa che si potrebbe raggiungere il tasso del 5,5% didisoccupazione fra tre anni se, in qualche modo, leconomia iniziasse a crescere in modosignificativo.Inoltre questo scenario presuppone che tutti coloro che oggi non sono consideratidisoccupati continuino a rimanerci. Solo negli ultimi due mesi abbiamo visto circa unmilione di persone uscire dal mercato ufficiale del lavoro. Credo che possiamotranquillamente affermare che unampia maggioranza di queste persone desidererebbe unposto di lavoro se solo ne potessero trovare uno; quindi se leconomia ricomincia acrescere queste persone immediatamente ricomincerebbero a ricercare un posto di lavoroe quindi a quel punto ancora una volta verranno calcolate come disoccupate. (Per i neofiti:non si viene conteggiati come disoccupati, se non se è stati effettivamente alla ricerca dilavoro nelle ultime quattro settimane)Delle persone ragionevoli possono probabilmente essere daccordo sul fatto che almeno il2% della popolazione attualmente non conteggiata come disoccupata vorrebbe un posto dilavoro se solo riuscisse a trovarlo. Inserendo quindi anche loro nellequazione, abbiamobisogno di vedere almeno cinque anni – uno in fila allaltro – con tre milioni di nuovi posti dilavoro ogni anno per arrivare al livello accettabile del 5,5% definito da Kocherlakota (conuno scarto di un paio di milioni). Il raggiungere questo obiettivo richiederebbe nove annisenza una recessione (dal termine dellultima recessione), questa non è una cosa facile darealizzare in un mondo dove i governi sono costretti a ridurre significativamente la spesa.La Fed ha detto chiaramente che intende mantenere i tassi bassi per altri tre anni, anchese non vi è un accordo univoco su questo aspetto. (Nota: il termine del mandato diBernanke è dopo il 2014, per cui vi è il presupposto che questa politica possa continuareanche dopo di lui) Potrebbe il falco Kocherlakota che è contro linflazione, davverosostenere il mantenimento di un periodo di allentamento ancora più lungo?La risposta la si trova nel suo discorso. Quello che in realtà ha detto è che dobbiamomantenere i tassi bassi fino a quando la disoccupazione non arriverà al 5,5%, supponendoche (e questo è il punto) linflazione rimanga al di sotto del 2,25%. Ora questo è unnumero molto interessante sul quale riflettere. Non è il 2% che è normalmente utilizzato in
  • 4. ambito accademico quando si parla di obiettivi dinflazione, e non è nemmeno il 2,5-3%che potrebbe essere indicato per garantirsi il fatto che un apparente livello dinflazione èsolo una temporanea anomalia. No, ha detto il 2,25%.(Unaltra nota per i neofiti: alla Fed piace guardare un qualcosa che si chiama PCEinflation [spese di consumo personali] e non lindice dei prezzi al consumo [consumer priceindex] che vediamo ogni mese. Google vi può dare una spiegazione più dettagliata suquesto.)Così ho deciso di dare una rapida occhiata a come si sta comportando linflazione.Vediamo prima lindice dei prezzi al consumo, senza i prodotti legati al cibo e allenergiache hanno un andamento molto volatile (in quanto gli economisti non mangiano e nonguidano lauto). Troviamo che linflazione allinizio di questanno è arrivato molto vicina aldato del 2,25%, prima di ridiscendere gradatamente al di sotto del 2%.E per quanto riguarda lindice PCE? È anche questo ora appena sotto il 2%.
  • 5. Lo scorso maggio Kocherlakota parlava della necessità di fermare lattuale politica diallentamento entro la fine di questanno. Ma dopo una lettura più attenta del suo discorso,vedo che non sta decidendo di accettare un più elevato tasso di inflazione, come invecemolti invece allinterno della Fed apertamente pensano. In realtà sembra invece essere unmodo molto raffinato per tracciare una demarcazione e dire: "Ok posso continuare adaccettare un QE per un lungo periodo di tempo, ma solo fino a quando linflazione rimanebassa. E per bassa intendo un valore inferiore al 2,25%."E poi ancora, forse sto cercando di leggere troppo dentro il suo discorso. Credo chequalcuno come uno della statura di Tom Keen di Bloomberg dovrebbe ospitareKocherlakota nel suo show e chiedere direttamente a lui il suo punto di vista. Perché il2,25%? E per quanto tempo prima che si decida di premere il grilletto? Etc.Viviamo in un periodo di incertezzaLeditoriale del Wall Street Journal che ho precedentemente citato (e che vedremo inmodo più approfondito tra un minuto) ha sottolineato che:"Nel 2010 il numero di pagine del Federal Register dedicate alla proposta di nuove regoleha rotto per il secondo anno consecutivo il suo precedente record assoluto. E in crescitadel 25% rispetto al 2008. Questi regolamenti da soli impongono costi più elevati e creanoincertezza nelle imprese e in particolare nelle piccole imprese."Una recente indagine condotta dalla Federazione Nazionale delle Imprese Indipendentidimostra che le preoccupazioni delle piccole imprese in merito alla regolamentazione delgoverno hanno raggiunto un livello pari a quello relativo alle tasse e alla debolezza delle
  • 6. vendite.Lincertezza è chiaramente un fattore che contribuisce al malessere economico nel qualeci troviamo."Lincertezza politica è unaltra cattiva bestia. Due recenti studi riportano delle proveconcrete rispetto a quanto si poteva intuire, ossia che la confusione generata da quanto loZio Sam sta per fare ha indebolito il recupero limitando così di conseguenza la creazionedi posti di lavoro. Gli economisti della Stanford University, Scott Baker e Nicholas Bloomche sono entrati a far parte dellUniversità di Chicago Steven Davis utilizzano una serie dielementi, come le notizie e il numero di disposizioni federali in materia fiscale che hannouna data specifica scadenza, per la costruzione di un indice dei livelli di incertezza politica.I risultati dimostrano che gli imprenditori hanno oggi molti più dubbi su dove la politica èdiretta, rispetto al dato di solo pochi anni fa."Gli economisti hanno stimato che laumento dellincertezza nel 2006-2011 ha comportatouna diminuzione pari del 16% negli investimenti nel settore privato e un calodelloccupazione pari a 2,3 milioni di posti di lavoro. I loro risultati sono coerenti anche conaltri studi fatti in precedenza, ad esempio come quello di Dani Rodrik della HarvardUniversity che ha dimostrato lincertezza generata dai regolamenti come ad esempio latassa sugli investimenti. Infatti, la letteratura sugli effetti deprimenti dati dallincertezza èmolto vasta. E su questo non è stato da meno neanche unautorità come lattualepresidente della Federal Reserve Ben S. Bernanke, che ha sostenuto fin dal 1983 che unaforte incertezza incoraggia le imprese a rinviare gli investimenti molto importanti."In uno studio appena pubblicato dalla Federal Reserve di San Francisco, gli economistiSylvan Luc e Zheng Liu offrono una prova ancora più evidente degli effetti deprimentigenerati dallincertezza. Quando le persone non conoscono quello che sarà il prossimo
  • 7. passo del governo sono meno disposti ad investire e a spendere. Hanno rilevato deglielevati livelli di incertezza durante la Grande Recessione e questo ha aumentato il tasso didisoccupazione dell1-2 per cento. Si dice che se i livelli di incertezza rimanesserocostanti, il tasso di disoccupazione sarebbe più vicino al 6 o 7 per cento piuttosto che al 8o 9 per cento, che invece rappresenta il dato effettivamente registrato. Ogni puntopercentuale di differenza significano 1.500.000 di posti che cambiano il livello del datosulla disoccupazione." (Nita ghei per il The Washington Times, suhttp://www.washingtontimes.com/news/2012/sep/21/uncertainty-and-unemployment/)Ma questa incertezza politica non è un qualcosa che la politica monetaria della FederalReserve è in grado di affrontare, questo è infatti uno dei principali argomenti di coloro chesi oppongono ad un ulteriore allentamento quantitativo."La Fed aggiunge solo dellulteriore incertezza allattuale politica. Il quantitative easingcome strumento di politica è molto difficile da gestire. I trader speculano sul fatto, se equando la Fed interverrà la prossima volta. La Fed può intervenire senza alcun limite inqualsiasi mercato del credito - non solo sui titoli garantiti da ipoteca, ma anche sui titoligarantiti da prestiti auto o prestiti per studenti. Ma tutto ciò solleva delle domande sulperché un organismo di governo indipendente dovrebbe avere tutto questo potere."(WSJ)Chiedo scusa ai marinai ubriachiIl che ci porta ad un discorso fatto questa settimana dal mio preferito membro del FOMC, ilpresidente della Fed di Dallas Richard Fisher. (Nota: Fisher anche se un texano, ha corsoper un posto di Senatore degli Stati Uniti per i democratici prima di essere nominatopresidente della Fed di Dallas, così provate a dimenticare quello stereotipo che voi avetenella vostra mente di texani e repubblicani.) Ora esaminiamo alcuni punti del suointervento al Harvard Club di New York che prende spunto da un tema nautico,sottolineando di far parte dellAccademia Navale e poi spiega il perché è contro unulteriore QE, quando comunque la maggioranza del comitato è comunque decisa nelperseguire lattuale politica. Vuole ridiscutere il doppio mandato da parte del Congressoche lascia la Fed in una posizione conflittuale. Quale politica deve essere messa al primoposto?"Non sarà una sorpresa per chi mi conosce il fatto, che durante lincontro della scorsasettimana non ho sostenuto favorevolmente un ulteriore politica monetariaaccommodante. Questo lho più volte chiarito sia durante le votazioni interne al FOMC chenei discorsi pubblici, ossia che io credo che ogni ulteriore programma intraprendiamo inquesta direzione ci porta a navigare in acque profondamente inesplorate. Alla Fedpossiamo disporre di sofisticati modelli econometrici ed eccezionali analisti. Possiamofacilmente evocare teorie plausibili di ciò che faremo quando si tratterà di virare al nostroprossimo ostacolo o quando alla fine sarà necessario fare retromarcia. Tuttavia la verità èche nessuno nel comitato, né il nostro staff che fa parte del Board of Governors e le 12banche sa veramente che cosa sta frenando leconomia. Nessuno sa veramente che cosasarebbe necessario fare per rilanciare leconomia e rimetterla in carreggiata. E di fattonessuno - nessuna banca centrale in un qualsiasi punto del pianeta – ha un esperienza disuccesso per dimostrare che lattuale navigazione ci permetterà di riprendere nuovamentela giusta rotta ,partendo dal punto in cui ci troviamo ora. Nessuna banca centrale – enemmeno la Federal Reserve - è mai stata prima dora su questa nave da crociera."Questo lo sappiamo molto bene: La nostra stanza dei motori è già surriscaldata dai
  • 8. $1.600 miliardi di dollari di riserve bancarie private di proprietà del settore bancario chesono detenute presso le 12 banche della Federal Reserve. Altri Trilioni sono parcheggiatinelle casse aziendali. In cima a tutto questo vi è una notevole quantità di liquiditàinutilizzata - o meglio definita benzina per gli investimenti - che sta creando un buco nelletasche dei fondi del mercato monetario e di altri operatori finanziari. Ciò solleva laquestione del perché la Fed vuole buttare un ulteriore massa di liquidità nella caldaia delsistema economico, in cui attualmente tutto è già in una situazione di attesa? ..."Una delle più importanti lezioni apprese durante la ripresa economica è che cè un limite aciò che può fare la sola politica monetaria. La responsabilità di stimolare la crescitaeconomica deve essere condivisa con la politica fiscale. Ironia della sorte, purtroppo ilCongresso non sta facendo nulla per incentivare la creazione di nuovi posti di lavoro alfine di poter utilizzare labbondante liquidità che la Federal Reserve ha fornito. In effetti, sista facendo di tutto per scoraggiare la creazione di nuovi posti di lavoro."Il FOMC sta facendo tutto il possibile per sostenere leconomia degli Stati Uniti spingendoal massimo sui motori. Quando ci incontriamo consideriamo tutti punti di vista in materia dipolitica, che vanno dai più prudenti come il mio alle raccomandazioni molto piùaccomodanti fatte da coloro che sono meglio conosciuti come le colombe del comitato.Noi discutiamo i nostri diversi punti di vista rispettando le migliori tradizioni di una civiledialettica. Poi dopo aver vagliato tutti i punti di vista si prende una decisione e si inizia adagire. Se solo anche le autorità fiscali potessero fare lo stesso! Invece al contrario lottano,litigano e non fanno altro che vagare senza una meta, facendo evaporare il contoeconomico e lo stato patrimoniale della nazione con programmi di spesa che non sannomai come finanziare."Sono tentato di fare un banale confronto che paragoni il nostro dissoluto Congresso aimarinai ubriachi. Ma coloro che tra voi sono maggiormente patrioti potrebbero fare lafaccia scura, facendomi notare che in questo caso il confronto con il Congresso potrebbeessere considerato un insulto ai marinai ubriachi."Proprio di recente in unaudizione al Senato, il senatore e mio compagno di classe diHarvard Chuck Schumer ha detto al presidente Bernanke," Lei è lunico che qui in città stagiocando." Ho pensato che a quel punto il presidente avrebbe mostrato un ammirevolecompostezza nel rispondere. Io avrei immediatamente risposto: "No caro senatore, lei e isuoi colleghi sono gli unici che qui in città stanno giocando. Lei e i suoi colleghi,democratici e repubblicani in egual misura, avete appesantito la nostra nazione con ildebito, messo i nostri figli in mezzo ad una strada e state dolorosamente facendo fallire lanostra nazione. Dovete smaltire la sbornia. E poi iniziare ad operare tutti insieme.Illegitimum non carborundum; dobbiamo andare avanti. Dovete sacrificare la vostraambizione politica per il bene del nostro Paese e per il bene dei nostri figli e nipoti. Se nonfarete nulla tutta laccomodante politica monetaria della Federal Reserve sarà fatta pernulla."Potete leggere il resto del discorso quihttp://www.dallasfed.org/news/speeches/fisher/2012/fs120919.cfm)Che cosa succede se fanno un QE party e non viene nessuno?Quando il QE2 iniziò ad essere oggetto di discussione ero preoccupato e scrissi che laFed rischiava di sprecare un proiettile che avrebbe potuto essere necessario in futuro. Gli
  • 9. effetti a lungo termine dei precedenti round di QE non erano stati particolarmente incisiviverso leconomia, a meno che voi non eravate un banchiere o detenevate delle azioni.Ricevere un extra pari a $25 miliardi, che è ciò che le banche degli Stati Uniti hannoricevuto da parte della Fed è stato un gesto eccessivamente generoso. Considerando chele aziende non stanno pianificando degli aggressivi piani di investimento in conto capitale.Il denaro che la Fed sta creando continua a rimanere fermo.E ora la Fed ha sostanzialmente sparato il suo ultimo proiettile di QE. Sì lo so che i $40miliardi di dollari al mese dobbiamo ancora vederli. Ma io sono molto preoccupato del fattoche a un certo punto leuforia del mercato verrà temporaneamente esposta ad ogni nuovociclo di QE, che poi sarà immediatamente sostituito da un grido di sgomento: "Questo ètutto quello che si può avere?" E poi la domanda sarà: che cosa farà la Fed?Se lEuropa dovesse cadere in una crisi profonda, e questo potrebbe accadere (perchénon cè abbastanza tempo per trattare con lEuropa di oggi, e di questo sono sicuro chevoi siete felici) quindi che cosa farà la Fed? Una maggior quantità di soldi non sarà larisposta. La Fed ha sparato tutte le sue munizioni, a meno che nel breve non decidano ditrasferire del denaro sui vostri e i miei conti bancari (e questo potrebbe essere molto piùutile, piuttosto che metterlo nei conti delle banche che a loro volta lo rimettono nelle cassedella Fed).Quindi faccio questa domanda: "E se fanno un QE party e nessuno partecipa?" Forsequesto QE sarà diverso e il party ci sarà come è stato pianificato. Ma vi è anche un ampiorischio che il party si possa rivelare essere uno di quelli da cui si tenta di scappare appenapossibile. Sai di quelli dove la gente alla festa non si diverte, il cibo è cattivo e il vino èterribile. Il genere dove di solito laria condizionata non funziona quando ci si trova in pienaestate. E il tempo di scappare dal retro, Jack.Ma in un certo senso il QE Infinity aumenterà ancora di più la pressione sul Congresso e aquel punto dopo le elezioni dovranno cercare di fare qualcosa. Stiamo per scoprire i realilimiti della politica monetaria nel modo più complicato, ho paura di questo, ma a quel puntoil Congresso dovrà agire o le cose potrebbero mettersi male.Temo che ci accingiamo a fare i conti con le conseguenze involontarie di una politicamonetaria che è stata e continuerà ad essere troppo accomodante per un periodo ditempo troppo lungo. Lultima volta che è stato fatto non è finita molto bene e sonopreoccupato del fatto che questa volta possa accadere la stessa cosa. Sarà tristementedivertente se nel perseguimento di un obiettivo di maggiore occupazione la Fed creerà lecondizioni per una nuova recessione o innescherà una reazione negativa nel mercato, ilche li costringerà velocemente a fare marcia indietro togliendo lacceleratore dalla politicadel denaro gratis.Purtroppo non cè un modo facile per sapere cosa realmente accadrà quando la Fed dovràagire per drenare una parte della liquidità che ha fornito. Mentre la velocità del denaro èancora in un trend negativo ad un certo punto questa cambierà rotta. Anche se questo nonsembra così probabile nei prossimi anni, quando questo accadrà e se a quel punto la Fedavrà stampato troppi soldi si dovrà tirare velocemente il freno per controllare linflazione.Si tratta di un gioco molto pericoloso. Sembra di volare troppo vicino alle cime dellemontagne e il passeggero è seduto su un volo di Economics Airlines, ho quasi paura di
  • 10. guardare fuori dal finestrino. Cè troppa incertezza!Infine so che sto facendo molte citazioni in questa lettera, ma cè così tanto e di così benfatto questa settimana che sento il bisogno di citare ancora un altro pezzo. Questo è delWSJ al quale ho fatto riferimento in precedenza. Lascio che gli autori parlino direttamenteloro. Larticolo completo è disponibile su:http://online.wsj.com/article/SB10001424052702303561504577497442109193610.htmlLentità raggiunta in termini di confusione"Il prossimo segretario del Tesoro dovrà affrontare dei problemi così drammatici al puntotale che anche uno come Alexander Hamilton avrebbe difficoltà a preservare la pienafiducia e il credito degli Stati Uniti.“By George P. Shultz, Michael J. Boskin, John F. Cogan, Allan H. Meltzer and John B.Taylor"A volte alcuni fatti raccontano storie importanti. Leconomia americana è piena di fatti cheraccontano storie che davvero non si vuole ascoltare, ma che hanno bisogno invece diessere ascoltate.“Dove ci troviamo ora?"Lo sapevate che la spesa annuale del governo federale supera ora il livello del 2007 dicirca $1.000 miliardi dollari? Con uneconomia lenta i ricavi sono cambiati di poco. Ilrisultato è una serie senza precedenti di deficit del bilancio federale, $1.400 miliardi nel2009, $1.300 miliardi dollari nel 2010, $1.300 miliardi nel 2011 e altri $1.200 miliardi dollariquestanno. Questi quattro anni di aumento dellindebitamento sono pari a $55.000 perfamiglia qui negli Stati Uniti."La quantità di debito è una cosa. Lonere dato dai pagamenti degli interessi è un altra. IlTesoro ha ora una preponderanza del proprio debito emesso su scadenze brevi, al fine disfruttare i bassi tassi dinteresse. Però dovrà purtroppo spesso rifinanziare questo debitoche se aggiunto al disavanzo delle partite correnti, significa che il Tesoro dovrà raccogliere$4.000 miliardi dollari solo questanno. Di conseguenza il peso del debito esploderàquando i tassi di interesse saliranno."Il governo deve trovare i soldi per finanziare la propria spesa tassando o prendendoli aprestito. Mentre potremmo essere tentati di concludere che possiamo semplicementealzare le imposte sui redditi elevati delle persone, senza però renderci conto che il sistemaeconomico fiscale degli Stati Uniti è già molto progressivo? 1% della popolazione paga il37% di tutte le imposte sul reddito e il 50% non paga nulla."Lo sapevate che durante lultimo anno fiscale circa tre quarti del disavanzo è statofinanziato dalla Federal Reserve? I governi stranieri ne hanno sottoscritto la maggiorparte, mentre i cittadini americani e le istituzioni si trovano con un saldo a zero tra gliacquisti e le vendite. La Fed ora possiede un dollaro su sei di debito pubblico la più grandepercentuale di PIL nella storia, superiore anche a quella della fine della seconda guerramondiale."La Fed di fatto si è sostituita allintero mercato monetario interbancario e ad ampi
  • 11. segmenti in altri mercati. Essa si determina il tasso di interesse dichiarando quello chepagherà sui saldi di riserva presso la Fed, senza considerare la domanda e lofferta dimoneta. Sostituendo grandi mercati decentrati con un controllo centralizzato fatto da unpaio di funzionari del governo la Fed sta dando incentivi distorti interferendo così nelladeterminazione dei prezzi, il che alla fine avrà delle conseguenze economiche non volute."Lo sapevate che la Federal Reserve ora sta dando i soldi alle banche, di fatto aggirando ilprocesso che è stato definito? Per pagare il quantitative easing lacquisto di debitopubblico, i titoli garantiti da ipoteca, ecc, le linee di credito presso la Fed sono dei depositielettronici cioè dei fondi di riserva presso la Federal Reserve. I fondi di riserva sonoesplosi arrivando ora a $1,5 trilioni dai $8 miliardi del settembre 2008."La Fed ora paga lo 0,25% di interesse sulle riserve in suo possesso. Così la Fed pagaalle banche circa $4 miliardi di dollari allanno. Se i tassi di interesse dovessero salire al2% e la Federal Reserve alzasse di conseguenza il tasso sulle riserve, il pagamentosalirebbe a $30 miliardi di dollari lanno. Sarebbe opportuno che il Congresso decidesse dinon prestare più soldi alle banche?"... lOperation Twist della Fed, ossia lacquisto del debito a lungo termine e lacorrispondente vendita di quello a breve termine si è di fatto sostituita alla gestionetradizionale del debito da parte del Tesoro."Questa grande espansione delle riserve crea due rischi. Se non viene controllata leriserve potrebbero riversarsi nelleconomia generando inflazione. In tal caso la Fedavrebbe trasformato il debito pubblico e titoli garantiti da ipoteca in denaro e a quel puntoquesto avrà un impatto esplosivo. A quel punto se le riserve vengono ritirate troppo infretta, le banche potrebbero trovarsi in difficoltà nella gestione e nella raccolta. Taleoperazione sarebbe già difficile da gestire ora e lo diventerà sempre di più man mano cheil bilancio sale sempre di più."Quando le imprese e le famiglie devono affrontare una grande incertezza, tendono adaspettare che ci sia una maggiore chiarezza prima di assumersi degli impegni importantisul lato della spesa, sugli investimenti e nellassumere. In questo momento si trovano aconfrontarsi con una montagna di incertezza normativa e con il fiscal cliff, che potrebbesignificare un forte aumento delle tasse e un forte calo della spesa che alla fine potrebbeavere degli effetti negativi sulleconomia."Siete sorpresi dal fatto che ci siano così tanti soldi che sono stati messi li in disparte? …"In poche parole si rischia di arrivare al punto di non ritorno sotto il profilo economico,fiscale e finanziario. I problemi stanno per diventare ingestibili. Se continuiamo amantenere la stessa strada il tutto finirà per essere completamente ingestibile e alla fine siconcluderà con unesplosione indesiderata e una crisi.Le correzioni da fare sono evidenti. La teoria economica, gli studi empirici e lesperienzastorica insegnano che le soluzioni sono aliquote di tassazione più basse possibili, perdisporre di una base più ampia possibile sufficiente a finanziare le necessarie funzioni digoverno durante il ciclo economico; una sana politica monetaria; una liberalizzazione degliscambi; un controllo della spesa e una completa riforma delle norme; dei regolatori, delcontenzioso e una riforma dellistruzione. I bisogni sono chiari. Perché aspettare il
  • 12. disastro? Il futuro è davanti a noi in questo momento."Atlanta, New York, Orlando e South AmericaMi incontrerò mercoledì con i miei amici di Altegris ad Atlanta. Sarà presente Martin Truaxcosì come anche Jeff Saut di Raymond James che non vedo da molto tempo. PoiDomenica sera sarò a New York con alcuni del team di Mauldin Economics e Kiron Sarkararriverà da Londra. Il giorno seguente sarà ricco di incontri, oltre ad una cena con ungrande gruppo che sta raccogliendo informazioni su temi di attualità. Il giorno successivosarò con Tom Keene su Bloomberg alle 7 del mattino! Poi andrò ad Orlando ospite di UBSin un evento organizzato da Altegris. Infine mi divertirò un po insieme al mio amico PatCox e poi farò ritorno a casa.Ti va di venire con me a seguire la notte delle elezioni il 6 novembre ... in Argentina? Dal28 ottobre al 8 novembre sarò in Brasile, Uruguay e in Argentina a parlare agli incontriorganizzati dal CFA. Come parte del viaggio poi mi fermo per linizio della stagione diapertura dal 05 al 10 novembre con un amico e partner Doug Casey a La Estancia deCafayate, dove con un gruppo di amici guarderò i risultati delle elezioni in un caffè sullapittoresca piazza del posto. Se volete unirvi a me e ad un gruppo di persone interessantiche provengono da tutto il mondo in quella che si preannuncia essere unesperienza unicamanda una mail a LiveMore@LaEst.com. David Galland mi ha promesso delle birreanalcoliche per quella sera. I recenti sondaggi suggeriscono che forse potrebbe esserenecessario un qualcosa di più forte ma credo di poter resistere.Mercoledì sera ho fatto un intervento a Chicago per John Arthur del network finanziarioRDA. E stato così gentile poi da portarmi a cena con Mike Shedlock (il 2° o il 3° bloggerfinanziario) e Steve Blumenthal al Ditka, la conversazione è stata davvero incredibile. Noiviviamo in tempi interessanti anche se incerti.E davvero il momento di premere il pulsante di invio. Fate attenzione ci sarà un annuncioMOLTO speciale da parte mia questa settimana. Ci sono alcuni cambiamenti piuttostoimportanti in arrivo. Sono davvero molto entusiasta di tutto quello che sta succedendo.Abbiate una buona settimana.Il vostro analista sempre più a suo agio con lincertezza,John Mauldinsubscribers@mauldineconomics.comCopyright 2010-2012 John Mauldin. All Rights ReservedCopyright 2010-2012 Horo Capital. Tutti i Diritti RiservatiDisclaimer: La presente pubblicazione è distribuita da Horo Capital srl. Pur ponendo lamassima cura nella traduzione della presente pubblicazione e considerando affidabili isuoi contenuti, Horo Capital srl non si assume tuttavia alcuna responsabilità in meritoall’esattezza, completezza e attualità dei dati e delle informazioni nella stessa contenuti
  • 13. ovvero presenti sulle pubblicazioni utilizzate ai fini della sua predisposizione. Diconseguenza Horo Capital srl declina ogni responsabilità per errori od omissioni. HoroCapital srl si riserva il diritto, senza assumersene lobbligo, di migliorare, modificare ocorreggere eventuali errori ed omissioni in qualsiasi momento e senza obbligo di avviso.La presente pubblicazione viene fornita per meri fini di informazione ed illustrazione, noncostituendo in nessun caso offerta al pubblico di prodotti finanziari ovvero promozione diservizi e/o attività di investimento né nei confronti di persone residenti in Italia né dipersone residenti in altre giurisdizioni, a maggior ragione quando tale offerta e/opromozione non sia autorizzata in tali giurisdizioni. Le informazioni fornite noncostituiscono unofferta o una raccomandazione per effettuare o liquidare un investimentoo porre in essere qualsiasi altra transazione. Esse non possono essere considerate comefondamento di una decisione dinvestimento o di altro tipo. Qualsiasi decisionedinvestimento deve essere basata su una consulenza pertinente, specifica eprofessionale. Tutte le informazioni pubblicate non devono essere considerate unasollecitazione al pubblico risparmio o la promozione di alcuna forma dinvestimento néraccomandazioni personalizzate ai sensi del Testo Unico della Finanza trattandosiunicamente di informazione standardizzata rivolta al pubblico indistinto. Né Horo Capitalsrl né John Mauldin potranno essere ritenuti responsabili, in tutto o in parte, per i danni(inclusi, a titolo meramente esemplificativo, il danno per perdita o mancato guadagno,interruzione dell’attività, perdita di informazioni o altre perdite economiche di qualunquenatura) derivanti dall’uso, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, dei dati e delleinformazioni presenti nella presente pubblicazione. Ogni decisione di investimento edisinvestimento è pertanto di esclusiva competenza del Cliente che può decidere di darvi omeno esecuzione con qualsivoglia intermediario autorizzato; qualsiasi eventuale decisioneoperativa presa dal Cliente in base alle informazioni pubblicate è, infatti, da considerarsiassunta in piena autonomia decisionale e a proprio esclusivo rischio. Il Contenutopresente nella pubblicazione può essere riprodotto unicamente nella sua interezza edesclusivamente citando il nome di Horo Capital srl e di John Mauldin, restandone in ognicaso vietato ogni utilizzo commerciale. Si intende per Contenuto tutte le analisi, grafici,immagini, articoli i quali sono tutti protetti da copyright. Horo Capital srl ha la facoltà diagire in base a/ovvero di servirsi di qualsiasi elemento sopra esposto e/o di qualsiasiinformazione a cui tale materiale si ispira ovvero è tratto anche prima che lo stesso vengapubblicato e messo a disposizione della sua clientela. Horo Capital srl puòoccasionalmente, a proprio insindacabile giudizio, assumere posizioni lunghe o corte conriferimento ai prodotti finanziari eventualmente menzionati nella presente pubblicazione. Innessun caso e per nessuna ragione Horo Capital srl, sarà tenuta, ad agireconformemente, in tutto o in parte, alle opinioni riportate nella presente pubblicazione.Ogni violazione del copyright in qualsiasi modo si esprima ai danni di Horo Capital srl eJohn Mauldin, sarà perseguita legalmente.
  • 14. Per iscriversi alla newsletter GRATUITA settimanale SCENARI FINANZIARI cliccare qui:www.scenarifinanziari.it/Registrazione.aspxPer modificare il proprio indirizzo email di invio della newsletter, effettuare il login suwww.scenarifinanziari.it e andare sulla pagina di registrazione.Per cancellare liscrizione alla newsletter scrivere una mail a:info@scenarifinanziari.itThoughts from the Frontline3204 Beverly DriveDallas, Texas 75205Horo CapitalIndependent Financial Advisory FirmVia Silvio Pellico, 1220121 MilanoTel. 02 89096674

×