Your SlideShare is downloading. ×
0
Agenda digitale italiana - iniziative per e-inclusion
Agenda digitale italiana - iniziative per e-inclusion
Agenda digitale italiana - iniziative per e-inclusion
Agenda digitale italiana - iniziative per e-inclusion
Agenda digitale italiana - iniziative per e-inclusion
Agenda digitale italiana - iniziative per e-inclusion
Agenda digitale italiana - iniziative per e-inclusion
Agenda digitale italiana - iniziative per e-inclusion
Agenda digitale italiana - iniziative per e-inclusion
Agenda digitale italiana - iniziative per e-inclusion
Agenda digitale italiana - iniziative per e-inclusion
Agenda digitale italiana - iniziative per e-inclusion
Agenda digitale italiana - iniziative per e-inclusion
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Agenda digitale italiana - iniziative per e-inclusion

1,490

Published on

Presentazione del 6 giugno 2012 durante l'evento di e-skill week al VEGA (Parco Tecnologico - Venezia)

Presentazione del 6 giugno 2012 durante l'evento di e-skill week al VEGA (Parco Tecnologico - Venezia)

Published in: Education
0 Comments
4 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
1,490
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
26
Comments
0
Likes
4
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dellIstruzione, dellUniversità e della Ricerca Agenda digitale Italiana Iniziative per l’inclusione digitale Roberto Scano – Cabina di Regia Agenda Digitale Italiana Gruppo di lavoro Competenze Digitali 1
  • 2. Ministero dello Sviluppo Economico Agenda Digitale Italiana (ADI) Ministero dellIstruzione, dellUniversità e della Ricerca • Cabina di Regia. Istituita il primo marzo 2012 con decreto del Ministro dello sviluppo economico di concerto con il Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione, il Ministro per la coesione territoriale, il Ministro dellistruzione, delluniversità e della ricerca e il Ministro delleconomia e delle finanze. • La Cabina di Regia ha il compito di definire la strategia italiana per attuare gli obiettivi definiti nella Comunicazione europea all’interno della Strategia EU2020. • Partendo da un’analisi del contesto Nazionale, sono state analizzate le principali motivazioni frenanti lo sviluppo della cosiddetta “network society, individuando le priorità e le modalità di intervento per elaborare una propria strategia di recepimento dell’Agenda Digitale, che permetta all’Italia di crescere puntando sull’economia digitale. 2
  • 3. Ministero dello Sviluppo Economico Agenda Digitale Italiana (ADI) Ministero dellIstruzione, dellUniversità e della Ricerca • La Cabina di Regia dell’Agenda Digitale è articolata in sei gruppi di lavoro che curano i principali target dell’Agenda Digitale. Ogni gruppo di lavoro è coordinato da un referente del Ministero maggiormente coinvolto, ma vede la partecipazione anche di un referente per ciascuna delle altre amministrazioni. • La cabina di regia ha aperto una consultazione pubblica accessibile da tutti gli stakeholders dall 11 aprile all 15 maggio 2012 per la definizione delle politiche di sviluppo del Paese basate sulleconomia digitale. Contestualmente apre una sezione «social» in adi.ideascale.com. • Entro il trenta giugno la Cabina di Regia dovrà produrre la relazione “la strategia italiana per un’Agenda digitale”, una relazione articolata che dovrà presentare una serie di contenuti prodotti da ogni gruppo di lavoro. • Tale relazione si tradurrà concretamente in progetti operativi e in un pacchetto normativo – che si chiamerà “Decreto DigItalia”. 3
  • 4. Ministero dello Sviluppo Economico GDL «Competenze digitali» Ministero dellIstruzione, dellUniversità e della Ricerca • La Cabina di Regia dell’Agenda Digitale è articolata nei seguenti gruppi di lavoro che curano i principali target dell’Agenda Digitale: – INFRASTRUTTURE E SICUREZZA – E-COMMERCE – E-GOV /OPEN DATA – INFORMATIZZAZIONE DIGITALE & COMPETENZE DIGITALI – RICERCA E INNOVAZIONE – SMART COMMUNITIES 4
  • 5. Ministero dello Sviluppo Economico Obiettivi GDL «competenze digitali» Ministero dellIstruzione, dellUniversità e della Ricerca 1. Estendere il modello della scuola digitale (banda larga per la didattica nelle scuole; cloud per la didattica; trasformare gli ambienti di apprendimento; contenuti digitali e libri di testo /adozioni; formazione degli insegnanti in ambiente di blended e-learning; LIM – e-book; e-participation...); 2. Affrontare il problema dellinclusione sociale (diversamente abili, stranieri, minori ristretti, ospedalizzati, anziani...) anche attraverso soluzioni di telelavoro; 3. Incentivare il target femminile alluso delle ICT; 4. Sicurezza e uso critico e consapevole dei contenuti e dellinfrastruttura della rete; 5
  • 6. Ministero dello Sviluppo Economico Obiettivi GDL «competenze digitali» Ministero dellIstruzione, dellUniversità e della Ricerca 5. Promuovere luso delle ICT nei vari settori professionali, del mondo del lavoro pubblico e privato, per garantire la riqualificazione e la formazione professionale continua; 6. Costruire un quadro normativo abilitante per il fund raising privato per partnership pubblico-privato; 7. Promuovere la standardizzazione dei beni e dei servizi da acquistare favorendo lutilizzazione delle-procurement pubblico; 8. Sostenere attraverso campagne di comunicazione istituzionale lutilizzo delle tecnologie e la promozione delle conoscenze. 6
  • 7. Ministero dello Sviluppo Economico Alcune proposte per e-inclusion Ministero dellIstruzione, dellUniversità e della Ricerca • Alfabetizzazione digitale. Diffondere la cultura dell’ICT tramite attività di diffusione della conoscenza di base (con media tradizionali), nonché tramite adeguamento dei programmi formativi sia in ambito scolastico che in ambito lavorativo (settore pubblico e privato). In ambito degli skill per ICT, recepimento del modello europeo CEN per il framework delle competenze (ECF). • Campagna istituzionale di sensibilizzazione e comunicazione. Promuovere lutilizzo di ausili e tecnologie assistive per le persone con disabilità. Le ICT possono rappresentare una possibilità di inclusione sociale senza precedenti, ma spesso non si conoscono le potenzialità di queste nuove tecnologie che permettono alle persone con disabilità di svolgere la propria quotidianità e la propria attività lavorativa senza discriminazione. Tale iniziativa, quindi è volta a far conoscere ai soggetti coinvolti le possibilità offerte dalle nuove tecnologie capaci di migliorare e semplificare la loro vita, permettendo così la diffusione di una cultura dell’integrazione a tutti i livelli. 7
  • 8. Ministero dello Sviluppo Economico Alcune proposte per e-inclusion Ministero dellIstruzione, dellUniversità e della Ricerca • Campagna di comunicazione e di orientamento per affrontare il digital divide di genere. Proporre esempi e modelli positivi per le donne che vogliono entrare nel settore delle tecnologie digitali e/o intraprendere una carriera da start-upper. Promuovere il ruolo delle donne come utenti attive, creatrici e produttrici di tecnologie e protagoniste dellinnovazione. • Generazioni digitali. Ridurre il divario digitale caratterizzante la popolazione adulta tramite la promozione di modelli di apprendimento intergenerazionale e attraverso il coinvolgimento degli studenti, i nativi digitali, che svolgeranno funzioni di tutor verso gli adulti. • Telelavoro. Utilizzare le ICT per una completa inclusione di tutta la popolazione, con particolare attenzione verso le persone con disabilità che possono beneficiare in modo consistente delle potenzialità delle tecnologie digitali contribuendo così al primario obiettivo di valorizzarli dal punto di vista professionale, oltre che relazionale, evitandone di conseguenza l’esclusione sociale e lavorativa. 8
  • 9. Ministero dello Sviluppo Economico Alcune proposte per e-inclusion Ministero dellIstruzione, dellUniversità e della Ricerca • Scuola in chiaro. Garantire una maggiore trasparenza e libero accesso ai dati degli istituti scolastici, offrire informazioni più esaustive alle famiglie, attraverso un confronto tra diverse offerte formative che consentano un orientamento più consapevole. Generare, altresì, un collegamento tra studenti, scuole e mondo del lavoro, offrendo servizi di comunicazione unitari e coerenti tra studenti, docenti, famiglie e segreterie. Attuare, inoltre, la semplificazione del lavoro delle segreterie mediante iscrizioni on line e applicazioni in linea con il processo di digitalizzazione della Pubblica Amministrazione. • Il cloud della scuola. È un progetto che sostiene l’innovazione nella didattica e, al tempo stesso, la favorisce. Obiettivo del progetto è quello di creare un cloud per mettere a sistema servizi, contenuti e soluzioni per la didattica, offrendo a docenti e studenti uno spazio protetto e riservato. 9
  • 10. Ministero dello Sviluppo Economico Risultati dell’«ideario» Ministero dellIstruzione, dellUniversità e della Ricerca • La partecipazione alla piattaforma ha prodotto: – 343 idee al 24.05.2012 – oltre 11.000 voti al 31.05.2012 – 1.967 commenti al 31.05.2012 • Due Gruppi di Discussione, “Competenze Digitali” e “eGovernment/OpenData” hanno attratto maggiormente l’attenzione e generato un picco partecipativo degli utenti, raccogliendo il 60% delle idee prodotte. • La discussione è stata caratterizzata da grande civiltà e competenza, a conferma che iniziative di questo tipo richiedono bassi costi di gestione e di impegno nell’attività di animazione dei contenuti e dei dibattiti. A dimostrazione di questo, nessun utente è escluso dalla discussione pubblica. 10
  • 11. Ministero dello Sviluppo Economico Risultati dell’«ideario» Ministero dellIstruzione, dellUniversità e della Ricerca • La qualità dei commenti e degli interventi è stata elevata ed ha caratterizzato positivamente l’andamento della discussione. In molti casi gli autori delle idee hanno arricchito, specificato e argomentato con esempi e riferimenti internazionali la loro proposta grazie alla dialettica costruttiva prodotta dalla piattaforma che in questo frangente non è servita soltanto come collettore di idee ma anche come strumento per migliorare e approfondire le tematiche proposte. 11
  • 12. Ministero dello Sviluppo Economico «ideario» per Cultura Digitale Ministero dellIstruzione, dellUniversità e della Ricerca • Sintesi dei temi ricorrenti. – Editoria digitale, offerta digitale dei materiali didattici e flessibilità dei servizi per scuola e università. – Ruolo delle infrastrutture tecnologiche nell’evoluzione dei modelli educativi. – Maggiore attenzione per le politiche su disabilità e accessibilità. – Facilitazione e valorizzazione delle esperienze di condivisione della conoscenza ed esperienze in rete di docenti e studenti, oltre che riconoscimento delle professionalità Web (PA e scuole). – Ruolo degli spazi pubblici e del servizio pubblico: biblioteche, punti di accesso e RAI. – Educazione “olistica” alle tecnologie e alla Società dell’Informazione. – Supporto a progetti già esistenti nel campo educativo. 12
  • 13. Ministero dello Sviluppo Economico Prossimi passi Ministero dellIstruzione, dellUniversità e della Ricerca To be continued…. 13

×