Stress panico-resilienza

  • 281 views
Uploaded on

 

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
No Downloads

Views

Total Views
281
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
13
Comments
0
Likes
1

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Stress, paura, panico resilienza durante l’ emergenza R.R. PEPE 1
  • 2. Psiche:stato psico-fisicogeneticaesperienzaconvinzioni 2
  • 3. mente-pensiero:Platone (Repubblica, Fedro)La mente è costituita da tre parti:la prima= razionalitàle altre due= non razionali 3
  • 4. Razionale= le norme e gli Super-Ioideali trasmessi dai genitoriIrrazionali: Es:energia sessuale libidopulsione di morte distruttività 4
  • 5. All’ inizio degli anni ‘20S. Freud, fondatore della psicanalisi,abbandona il modello conscio/inconscioe si rifà al modello di Platone(razionale/irrazionale):Super Io/Es 5
  • 6. L’ Io funge da mediatore fra:realtà esterna (tutto ciò che mi circonda),l’ Es (con la sua libido e distruttività)e il Super-Io (razionale). 6
  • 7. Il modello Platone/Freudè detto anche“modello a tre agenti”:La mente è come una piccolasocietà formata da tre agenti. 7
  • 8. …mitologia …etimologia Pan= tuttodio PAN dio PAN …nella mitologia greca, dio arcadico dei greggi, della fertilità, dei pastori, delle foreste e della vita selvaggia. “Panico” perché era così brutto che tutte le donne, vedendolo, scappavano! Animale con testa di uomo, coperto di peli, coda e zampe caprine…
  • 9. Pre…messa: parliamo di un “sentimento” (la PAURA)che può diventare “sintomo” (il PANICO) in una realtà euristica (discontinua) che è l’ UOMO.
  • 10. 7 novembre 1940: ore 11.10 a.m. Tacoma Narrows Bridge COLLASSO
  • 11. ...momento di NON ritorno…
  • 12. Congiunzione spazio-temporale istante-momento di NON RITORNO
  • 13. STRESS Hans SELYE (Vienna 1907 +Canada 1982) 1936 Nature,London 138,32,4.VII.1936“A syndrome produced by diverse nocuous agents”
  • 14. Stress sul lavoro (modello di Cooper – 1976) Inerente al lavoro Ruolo dell’ organiz. Rapporti sul lavoro Fonte di stress Evoluzione della carriera Clima e struttura organiz. Interfaccia casa-lavoroINDIVIDUO Aumento prex. sanguigna Stato di pressione Individuali Bere in modo eccessivo Irritabilità Dolore al petto Sintomi di stress Elevata % di assenteismo Organizzativi Elevata rotazione del personale Difficoltà nelle relazioni aziendali Controllo di qualità scarso
  • 15. STRESSScienza delle costruzioni: “punto critico di rottura” …un momento oltre il quale esiste il ragionevole pericolo di crollo dell’ intera struttura o di una parte di essa e che si manifesta sull’ opera realizzata attraverso elementi visivi (crepe, fessurazioni) che comunicano con una certa immediatezza la situazione in atto, situazione che tuttavia non è necessaria- mente destinata a degenerare.
  • 16. STRESSEUSTRESS: positivo o spinta verso il benessere. Lo utilizziamo quando vogliamo raggiungere degli obiettivi prefissati.DISTRESS: negativo o stanchezza non appagata, frustrazione per gli obiettivi non raggiunti, ecc.
  • 17. PERCHE’ LE COSE VANNO MALEPERCHE’ LE COSE VANNO BENEPERCHE’ LE COSE VANNO BENE,quando potevano andare male…
  • 18. Gli ostaggi libanesi (Agosto 1991)Edward TRACY John McCARTHY 5 anni di prigioniaSfinito GentileDisorientato EducatoFu ricoverato in ospedale Di buon umore…. Di buon aspetto ……
  • 19. 1992……Emma Werner (psicologa)Ricerca longitudinale durata 30 aa (inizi anni ‘60): 698 neonati dell’ isola di Kanai (Hawaii). Nascita difficile, povertà, famiglie con alcolismo, malattie mentali, aggressività, divorzi. ….a 18 aa 2/3 dei bambini presentavano difficoltà di apprendimento ed altri disagi. Ma i restanti 72 avviarono relazioni stabili, si impegnarono nel lavoro, si prodigarono per gli altri.
  • 20. RESILIENZALa “resilienza” vicaria la definizionedalla ingegneria meccanica:capacità dell’ oggetto di deformarsi allostimolo nocivo esterno per poi ritornarealla forma iniziale.Werner: psicologa USA che usò per laprima volta il termine “resilienza” fine anni ‘70..Nel 2002 Cyrulnik definì la “resilienza” come:“l’ arte di navigare nei torrenti”.
  • 21. …maggiormente“RIGIDO” sarà l’approccioal problema “PANICO”più rapidamente siarriverà alla congiunzionespazio-temporale fraistante-momento di NONritorno!!! R.R. PEPE
  • 22. EVITAMENTO: ho paura di ciò che ho provato per cui evito i luoghi e le situazioni che mi hanno scatenato il tutto…CIRCOLO VIZIOSO: che perpetuaed alimenta il quadro clinico:evitando le situazioni “pericolose”ho la prova che non mi accadepiù nulla…
  • 23. Nella discussioneSotto stress (di-stress)Quando si litigaNel panico individualeNel’ “attacco di panico”Nel panico di gruppo o di massa ...momento di NON ritorno…
  • 24. Film: "The Commitments” 1987
  • 25. Film: “La tenda rossa” (1969) con Massimo Girotti
  • 26. Film: “Improvvisamente l’ estate scorsa”1959 con Elizabeth Taylor e Montgomery Clift
  • 27. Film: “La notte di San Lorenzo” (1982) dei fratelli Taviani.
  • 28. Film: “Jarhead” USA del 2005 regia di San Mendes
  • 29. Film: “U-Boat 96” del 1981
  • 30. Film: “U-Boat 96” del 1981
  • 31. Film:”Dirty War: strategia del terrore” 2004regia di D. Percival
  • 32. Film: “Don’t say a word” 2001 con Michael Douglas
  • 33. Film: "Copycat-omicidi in serie”. 1995
  • 34. Film: "Copycat-omicidi in serie”. 1995
  • 35. Film: "Copycat-omicidi in serie”. 1995
  • 36. Film “Panico allo stadio” 1976
  • 37. Film “Summer of Sam” (USA 1999 regia di Spike Lee)
  • 38. Film “Il sipario strappato” di Alfred Hitchcock, 1966
  • 39. …quando la paura è controllata, non divenendo panico, è anche usata come “tecnica educativa”: ad esempio in contesti religiosi, didattici (civili-militari) ecc. ecc. ecc. …paura del diavolo, satana, la morte, il buio, …paura del peccato, l’ inferno, la punizione…PERICOLO: sette religiose…nonnismo…bullismo…serial-killersCONGIUNZIONE SPAZIO-TEMPORALE
  • 40. Film: “Full Metal Jacket” USA 1987
  • 41. La paura più temibile, la paura diffusa, sparsa,indistinta, libera, disancorata, fluttuante, priva di unindirizzo o di una causa chiari; la paura che ciperseguita senza una ragione, la minaccia chedovremmo temere e che si intravede ovunque, manon si mostra mai chiaramente. Paura’… il nome chediamo alla nostra incertezza, alla nostra ignoranza…verso la minaccia, o verso ciò che c’è da fare… Zygmunt Bauman (1925- )
  • 42. il tutto mescolato ad un animo umano capace diaccogliere questa massima:“NON PRENDERSI MAI TROPPO SUL SERIO”. R.R. PEPE rrp