Stress panico-resilienza

821 views

Published on

Published in: Health & Medicine
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
821
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
18
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Stress panico-resilienza

  1. 1. Stress, paura, panico resilienza durante l’ emergenza R.R. PEPE 1
  2. 2. Psiche:stato psico-fisicogeneticaesperienzaconvinzioni 2
  3. 3. mente-pensiero:Platone (Repubblica, Fedro)La mente è costituita da tre parti:la prima= razionalitàle altre due= non razionali 3
  4. 4. Razionale= le norme e gli Super-Ioideali trasmessi dai genitoriIrrazionali: Es:energia sessuale libidopulsione di morte distruttività 4
  5. 5. All’ inizio degli anni ‘20S. Freud, fondatore della psicanalisi,abbandona il modello conscio/inconscioe si rifà al modello di Platone(razionale/irrazionale):Super Io/Es 5
  6. 6. L’ Io funge da mediatore fra:realtà esterna (tutto ciò che mi circonda),l’ Es (con la sua libido e distruttività)e il Super-Io (razionale). 6
  7. 7. Il modello Platone/Freudè detto anche“modello a tre agenti”:La mente è come una piccolasocietà formata da tre agenti. 7
  8. 8. …mitologia …etimologia Pan= tuttodio PAN dio PAN …nella mitologia greca, dio arcadico dei greggi, della fertilità, dei pastori, delle foreste e della vita selvaggia. “Panico” perché era così brutto che tutte le donne, vedendolo, scappavano! Animale con testa di uomo, coperto di peli, coda e zampe caprine…
  9. 9. Pre…messa: parliamo di un “sentimento” (la PAURA)che può diventare “sintomo” (il PANICO) in una realtà euristica (discontinua) che è l’ UOMO.
  10. 10. 7 novembre 1940: ore 11.10 a.m. Tacoma Narrows Bridge COLLASSO
  11. 11. ...momento di NON ritorno…
  12. 12. Congiunzione spazio-temporale istante-momento di NON RITORNO
  13. 13. STRESS Hans SELYE (Vienna 1907 +Canada 1982) 1936 Nature,London 138,32,4.VII.1936“A syndrome produced by diverse nocuous agents”
  14. 14. Stress sul lavoro (modello di Cooper – 1976) Inerente al lavoro Ruolo dell’ organiz. Rapporti sul lavoro Fonte di stress Evoluzione della carriera Clima e struttura organiz. Interfaccia casa-lavoroINDIVIDUO Aumento prex. sanguigna Stato di pressione Individuali Bere in modo eccessivo Irritabilità Dolore al petto Sintomi di stress Elevata % di assenteismo Organizzativi Elevata rotazione del personale Difficoltà nelle relazioni aziendali Controllo di qualità scarso
  15. 15. STRESSScienza delle costruzioni: “punto critico di rottura” …un momento oltre il quale esiste il ragionevole pericolo di crollo dell’ intera struttura o di una parte di essa e che si manifesta sull’ opera realizzata attraverso elementi visivi (crepe, fessurazioni) che comunicano con una certa immediatezza la situazione in atto, situazione che tuttavia non è necessaria- mente destinata a degenerare.
  16. 16. STRESSEUSTRESS: positivo o spinta verso il benessere. Lo utilizziamo quando vogliamo raggiungere degli obiettivi prefissati.DISTRESS: negativo o stanchezza non appagata, frustrazione per gli obiettivi non raggiunti, ecc.
  17. 17. PERCHE’ LE COSE VANNO MALEPERCHE’ LE COSE VANNO BENEPERCHE’ LE COSE VANNO BENE,quando potevano andare male…
  18. 18. Gli ostaggi libanesi (Agosto 1991)Edward TRACY John McCARTHY 5 anni di prigioniaSfinito GentileDisorientato EducatoFu ricoverato in ospedale Di buon umore…. Di buon aspetto ……
  19. 19. 1992……Emma Werner (psicologa)Ricerca longitudinale durata 30 aa (inizi anni ‘60): 698 neonati dell’ isola di Kanai (Hawaii). Nascita difficile, povertà, famiglie con alcolismo, malattie mentali, aggressività, divorzi. ….a 18 aa 2/3 dei bambini presentavano difficoltà di apprendimento ed altri disagi. Ma i restanti 72 avviarono relazioni stabili, si impegnarono nel lavoro, si prodigarono per gli altri.
  20. 20. RESILIENZALa “resilienza” vicaria la definizionedalla ingegneria meccanica:capacità dell’ oggetto di deformarsi allostimolo nocivo esterno per poi ritornarealla forma iniziale.Werner: psicologa USA che usò per laprima volta il termine “resilienza” fine anni ‘70..Nel 2002 Cyrulnik definì la “resilienza” come:“l’ arte di navigare nei torrenti”.
  21. 21. …maggiormente“RIGIDO” sarà l’approccioal problema “PANICO”più rapidamente siarriverà alla congiunzionespazio-temporale fraistante-momento di NONritorno!!! R.R. PEPE
  22. 22. EVITAMENTO: ho paura di ciò che ho provato per cui evito i luoghi e le situazioni che mi hanno scatenato il tutto…CIRCOLO VIZIOSO: che perpetuaed alimenta il quadro clinico:evitando le situazioni “pericolose”ho la prova che non mi accadepiù nulla…
  23. 23. Nella discussioneSotto stress (di-stress)Quando si litigaNel panico individualeNel’ “attacco di panico”Nel panico di gruppo o di massa ...momento di NON ritorno…
  24. 24. Film: "The Commitments” 1987
  25. 25. Film: “La tenda rossa” (1969) con Massimo Girotti
  26. 26. Film: “Improvvisamente l’ estate scorsa”1959 con Elizabeth Taylor e Montgomery Clift
  27. 27. Film: “La notte di San Lorenzo” (1982) dei fratelli Taviani.
  28. 28. Film: “Jarhead” USA del 2005 regia di San Mendes
  29. 29. Film: “U-Boat 96” del 1981
  30. 30. Film: “U-Boat 96” del 1981
  31. 31. Film:”Dirty War: strategia del terrore” 2004regia di D. Percival
  32. 32. Film: “Don’t say a word” 2001 con Michael Douglas
  33. 33. Film: "Copycat-omicidi in serie”. 1995
  34. 34. Film: "Copycat-omicidi in serie”. 1995
  35. 35. Film: "Copycat-omicidi in serie”. 1995
  36. 36. Film “Panico allo stadio” 1976
  37. 37. Film “Summer of Sam” (USA 1999 regia di Spike Lee)
  38. 38. Film “Il sipario strappato” di Alfred Hitchcock, 1966
  39. 39. …quando la paura è controllata, non divenendo panico, è anche usata come “tecnica educativa”: ad esempio in contesti religiosi, didattici (civili-militari) ecc. ecc. ecc. …paura del diavolo, satana, la morte, il buio, …paura del peccato, l’ inferno, la punizione…PERICOLO: sette religiose…nonnismo…bullismo…serial-killersCONGIUNZIONE SPAZIO-TEMPORALE
  40. 40. Film: “Full Metal Jacket” USA 1987
  41. 41. La paura più temibile, la paura diffusa, sparsa,indistinta, libera, disancorata, fluttuante, priva di unindirizzo o di una causa chiari; la paura che ciperseguita senza una ragione, la minaccia chedovremmo temere e che si intravede ovunque, manon si mostra mai chiaramente. Paura’… il nome chediamo alla nostra incertezza, alla nostra ignoranza…verso la minaccia, o verso ciò che c’è da fare… Zygmunt Bauman (1925- )
  42. 42. il tutto mescolato ad un animo umano capace diaccogliere questa massima:“NON PRENDERSI MAI TROPPO SUL SERIO”. R.R. PEPE rrp

×