Laboratorio internet: 5. Requisiti (parte III)

  • 1,116 views
Uploaded on

Slide per il corso di Laboratorio Internet tenuto da R.Polillo all'Università degli Studi di Milano Bicocca (info in www.rpolillo.it)

Slide per il corso di Laboratorio Internet tenuto da R.Polillo all'Università degli Studi di Milano Bicocca (info in www.rpolillo.it)

More in: Education , Technology , Design
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
1,116
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
61
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide
  • www.spizzico.com Luglio 2003 anche novembre 2003
  • Indagine ISTAT sulle condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari (1999-2000); si veda il Libro bianco “Tecnologie per la disabilità: una società senza esclusi”, risultato del lavoro della Commissione Interministeriale sullo sviluppo e l’impiego delle tecnologie dell’informazione per le categorie deboli”, costituita nel maggio 2002

Transcript

  • 1. Università degli Studi di Milano Bicocca Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione Laboratorio di Internet / Laboratorio di progettazione (mod.1) Anno Accademico 2009-2010 LEZIONE 5: FASE 1: SPECIFICA DEI REQUISITI (III) Roberto Polillo
  • 2. CHE COSA FAREMO OGGI 3 4 5 6 7 Web design Visual design Sviluppo Redazione dei contenuti Pubblicazione 1 Definizione dei requisiti Documento dei requisiti Prototipo di navigazione Prototipo funzionale Prototipo editoriale Sistema on line Prototipo di comunicazione 2 Avviamento del progetto Piano di qualità Gestione del sito
  • 3. INDICE DEL DOCUMENTO Origine e scopo del documento Parte prima: Generalità Parte seconda: Requisiti
    • Requisiti di architettura
    • Requisiti di comunicazione
    • Requisiti funzionali
    • Requisiti di contenuto
    • Requisiti di gestione
    • Requisiti di accessibilità
    • Requisiti di usabilità
    Indice del documento dei requisiti
  • 4. Accessibilità
    • “ La capacità dei sistemi informatici, nelle forme e nei limiti consentiti dalle conoscenze tecnologiche, di erogare servizi e fornire informazioni fruibili, senza discriminazioni, anche da parte di coloro che a causa di disabilità necessitano di tecnologie assistive o configurazioni particolari .”
    • Per tecnologie assistive si intendono gli strumenti e le soluzioni tecniche, hardware e software, che permettono alla persona disabile, superando o riducendo le condizioni di svantaggio, di accedere alle informazioni e ai servizi erogati dai sistemi informatici.”
    Legge 4/2004
  • 5. TEMPLATE: Requisiti di accessibilità
    • Prestazioni
    • Specificare i requisiti relativi alle prestazioni del sito. In particolare, i vincoli posti al peso della home page e delle pagine principali .
    •  
    • Reperibilità
    • Specificare attraverso quali URL il sito (o sue sezioni) dovrà essere accessibile e se i domini richiesti sono già disponibili.
    • Specificare gli obiettivi di posizionamento in relazione ai principali motori di ricerca e indicare quali azioni dovranno essere attuate per raggiungerli.
    •  
    • Compatibilità con i browser
    • Specificare i requisiti di compatibilità con i diversi browser in circolazione , anche in relazione ai dati disponibili sul corredo tecnologico degli utenti del sito.
    •  
    • Accessibilità da parte di utenti disabili
  • 6. Compatibilità con i browser IE Windows IE Macintosh
  • 7. IE Windows IE Macintosh
  • 8.  
  • 9. TEMPLATE: Requisiti di accessibilità
    • Prestazioni
    • ……
    •  
    • Reperibilità
    • …… .
    •  
    • Compatibilità con i browser
    • ……
    •  
    • Accessibilità da parte di utenti disabili
    • Specificare se il sito deve essere accessibile da parte di utenti disabili . In tal caso, specificare a quali linee guida per l’accessibilità il sito dovrà risultare conforme.
    • Specificare come dovrà essere verificato il raggiungimento di tali requisiti (quali verifiche tecniche, quali verifiche soggettive).
    • Specificare se è richiesta una certificazione per l’accessibilità e di quale livello.
  • 10. Disabilità: alcuni numeri
    • Almeno il 10% della popolazione mondiale è disabile.
    • Nell’Unione Europea, almeno 37 milioni di cittadini sono disabili, e il 70% ha un’età superiore ai 70 anni.
    • In Italia, i disabili sono oltre 2.800.000, pari a circa il 5% della popolazione. Di questi, il 75% ha almeno 65 anni (Fonte: Istat, 2003).
  • 11. Disabilità: iniziative
    • Web Accessibility Iniziative ( WAI ) del W3C criteri e strumenti per la realizzazione dei siti web accessibili Raccomandazione: WCAG (Web Content Accessibility Guidelines) (WCAG 1.0 -1999, che elenca 14 linee guida - WCAG 2.0 più recente)
    • Legge 4/2004 e norme associate Prescrive che i contratti stipulati dalla PA italiana per la realizzazione di siti web siano nulli, qualora non rispettino i requisiti di accessibilità Regole tecniche e metodologia per la verifica: stabilite per decreto ministeriale (i 22 requisiti e sono una rielaborazione di analoghi requisiti stabiliti da altre organizzazioni, e in particolare dal WAI. Vedi http://www.pubbliaccesso.gov.it/
  • 12. L’idea di base
    • Progettare le pagine web in modo che siano comprensibili nonostante la disabilità
    • Ove ciò non sia possibile, dobbiamo poterle trasformare in modo che esse diventino comprensibili
    • Per questo, può essere necessario usare opportune tecnologie assistive : lettori di schermo, tastiere braille, browser vocali, ecc.
  • 13.
    • Utenti non vedenti Lettori di schermo e browser vocali
    • Utenti ipo-vedenti Realizzare il sito in modo che il testo possa essere visualizzato, su richiesta dell’utente, in caratteri più grandi o di colore più contrastato rispetto al colore dello sfondo
    • Utenti daltonici Realizzare il sito in modo che esso risulti comprensibile anche a chi non distingua i colori
    • Disturbi nella percezione del colore sono presenti:
      • nel 9% dei maschi (1 ogni 12)
      • nel 0,5% delle femmine (1 ogni 165)
    • Sono dovuti a difetti di pigmentazione dei coni della retina
    • I disturbi più frequenti riguardano la capacità di distinguere il rosso dal verde (circa nel 5% delle persone), ma ci sono diversi tipi di disturbi
    Disabilità visive
  • 14. Un esempio da non seguire
  • 15. www.smartmoney.com In questo sito l’utente può selezionare la coppia di colori qui a destra
  • 16. Esempio: www.disco.unimib.it
  • 17. Il testo degli articoli può essere ingrandito senza pregiudicare una corretta impaginazione
  • 18. Esempio
  • 19. Browser vocali
    • “ Leggono ad alta voce” il contenuto delle pagine, nella lingua prescelta (a scelta)
    • I link vengono letti con voce diversa (es. voce femminile)
    • Tasti funzione per cliccare la parola appena letta
    • Esempio: Home Page Reader (IBM)
    • La pagina deve essere progettata in modo che sia comprensibile alla “lettura ad alta voce”: i processi cognitivi coinvolti sono molto differenti da quelli usuali
    • Esempio: le immagini necessarie alla comprensione della pagina devono avere un equivalente testuale che possa essere letto dal browser vocale quando incontra l’immagine HTML: ALT=“testo alternativo”
  • 20.  
  • 21. <img src=&quot;immagini/logo_trasp.gif&quot; width=&quot;160&quot; height=&quot;80&quot; alt=&quot;Logo dell'UIC&quot; hspace=&quot;0&quot; align=&quot;left&quot;>
  • 22. Esempio 2: una home page con testi alternativi corretti
  • 23. Esempio 2 (segue): i testi alternativi
  • 24. Esempio 3: la home page del Ministero della Salute…
  • 25. Esempio 3: … provate a leggerla ad alta voce
  • 26. Esempio 4: una vecchia home page della Fiat, totalmente inaccessibile
  • 27. Validatori di accessibilità
    • Esistono dei tools automatici che effettuano dei controlli sintattici di conformità alle linee guida del WAI (es.: Bobby )
    • L’uso di questi tools va sempre integrato con controlli manuali (ad es., lo strumento può verificare che ad ogni ogni immagine sia associato un testo alternativo, ma non può verificare la “sensatezza” di tale testo)
    • In ogni caso sono indispensabili anche test di usabilità con utenti disabili
  • 28. INDICE DEL DOCUMENTO Origine e scopo del documento Parte prima: Generalità Parte seconda: Requisiti
    • Requisiti di architettura
    • Requisiti di comunicazione
    • Requisiti funzionali
    • Requisiti di contenuto
    • Requisiti di gestione
    • Requisiti di accessibilità
    • Requisiti di usabilità
    Indice del documento dei requisiti
  • 29. TEMPLATE: Requisiti di usabilità
    • Specificare come dovrà essere valutata l’usabilità del sito, per esempio fornendo indicazioni su come condurre i test di usabilità finali e sugli scenari d’uso da utilizzare .
    • Specificare quali misure dovranno essere raccolte al termine del progetto, per verificare il raggiungimento degli obiettivi di usabilità (per esempio, per valutare l’efficacia e l’efficienza in rapporto ad altri siti).
  • 30. Test di usabilità
    • Si individuano compiti tipici, e si osservano utenti “cavie” mentre li eseguono, senza interferire
    Osservatore Osservato
  • 31. Tipi di test di usabilità (I)
    • Formative evaluation
    • Questi test servono a scoprire problemi di usabilità all’interno di un ciclo iterativo di progettazione e sviluppo.
    • Obbiettivo: scoprire il maggior numero possibile di problemi
    • Summative evaluation
    • Questi test servono a stabilire (“assess”) l’usabilità di un prototipo o di un prodotto, o confrontare alternative.
    • Obbiettivo: confronto valido e statisticamente significativo
    • Noi faremo solo una valutazione formativa.
  • 32. Esempio: quali misure
    • Metriche elementari:
    • il tempo richiesto da un determinato compito
    • il tasso di errore
    • la soddisfazione dell’utente
    • la percentuale di compiti portati a termine con successo (“success rate”)
  • 33. Tipi di test di usabilità (II)
    • Test di compito Agli utenti viene chiesto di svolgere compiti specifici, che permettano di esercitare le funzionalità principali del sistema
    • Test di scenario Agli utenti viene indicato un obiettivo da raggiungere attraverso una serie di compiti elementari, senza indicarli esplicitamente: l’utente dovrà quindi impostare una propria strategia di azioni
  • 34. Esempio: test di compito per un sito di e-commerce
    • Task 1: Registrarsi
    • Task 2: Verificare se si può pagare con Visa e qual è l’importo minimo per un ordine
    • Task 3: Verificare quali sono i tempi di consegna
    • Task 4: Acquistare una scatoletta da 500 gr di tonno sott’olio
    • Task 5: Cercare se vendono confezioni di sciroppo di acero
    • Task 6: Verificare lo stato degli ordini effettuati
    • Task 7: Verificare se esistono offerte speciali di pasta
  • 35. Esempio: test di scenario per un sito di e-commerce
      • Domani sera hai due amici a cena, ma non hai tempo di andare al supermercato. Decidi quindi di fare la spesa on-line, pagando con la tua Visa. Collegati al sito e ordina gli ingredienti per una cena veloce e poco costosa, ma simpatica.
  • 36. Origine e scopo del documento Parte prima: Generalità Parte seconda: Requisiti Parte terza: Requisiti di gestione progetto Indice del documento dei requisiti Il template del documento dei requisiti contiene anche una parte terza. Voi non la farete: passerete direttamente al Piano di Qualità
  • 37. Supporti didattici
    • - Tutto questo è descritto in dettaglio nel capitolo 4 del libro sulla road-map
    • Per per le caratteristiche di qualità e i test di usabilità, vedere il libro sul Check-up dei siti Web