Laboratorio Internet: 1. Introduzione

784 views
718 views

Published on

Slide per il corso di Laboratorio Internet tenuto da R.Polillo all'Università degli Studi di Milano Bicocca (info in www.rpolillo.it)

Published in: Education, Technology, Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
784
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
185
Actions
Shares
0
Downloads
60
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Laboratorio Internet: 1. Introduzione

  1. 1. Università degli Studi di Milano Bicocca Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione Laboratorio di Internet / Laboratorio di progettazione (mod.1) Anno Accademico 2009-2010 LEZIONE 1: INTRODUZIONE AL CORSO Roberto Polillo
  2. 2. PER CHI <ul><li>Questo modulo (4 CFU) è destinato a: </li></ul><ul><li>- Laurea magistrale in Informatica </li></ul><ul><li>esame a scelta del II anno, col nome di “Laboratorio Internet” </li></ul><ul><li>Laurea magistrale in TTC </li></ul><ul><li>primo modulo del corso (obbligatorio) del II anno “Laboratorio di progettazione” </li></ul>
  3. 3. CHI E QUANDO <ul><li>Roberto Polillo </li></ul><ul><li>Piero Schiavo Campo </li></ul><ul><li>Martedì dalle 15,30 alle 17,30, in U14-T023 </li></ul><ul><li>Giovedì dalle 15,30 alle 17,30, aula U14-T023 </li></ul><ul><li>Dal 5 ottobre al 17 dicembre 2009 </li></ul>
  4. 4. CHE COSA FAREMO <ul><li>Progetteremo e realizzeremo il prototipo di un vero sito web, “di qualità” </li></ul>PROGETTARE (dal lat. proicere , gettare avanti) “ immaginare, ideare qualcosa e studiare il modo di attuarla” REALIZZARE (dal lat. res , realtà) “ rendere reale qualcosa, attuandola praticamente”
  5. 5. IN PRATICA… <ul><li>Vi organizzerete in gruppi di lavoro di 3 studenti (meglio di provenienza mista: Informatica e TTC) </li></ul><ul><li>Presenterò la metodologia in poche lezioni, via via che il lavoro procede </li></ul><ul><li>Faremo 6 incontri di revisione individuali con ogni gruppo di lavoro, con un calendario che verrà definito durante il corso </li></ul><ul><li>Presenterete il prototipo e il materiale finale all’esame </li></ul>
  6. 6. L’OBIETTIVO DIDATTICO <ul><li>Farvi percorrere tutte le fasi del progetto di realizzazione (o redesign) di un sito web reale, anche se “in miniatura”… </li></ul><ul><li>esaminandone tutti gli aspetti… </li></ul><ul><li>per farvi meglio comprendere la natura interdisciplinare di un progetto web… </li></ul><ul><li>e le diverse professionalità e problemi coinvolti… </li></ul><ul><li>NB: Non ci occuperemo degli aspetti tecnici, che daremo per acquisiti </li></ul>
  7. 7. COME PROCEDEREMO <ul><li>Procederemo insieme , attraverso 6 fasi di lavoro ben definite , seguendo una road-map precisa, e discutendo via via i risultati </li></ul><ul><li>La road-map è descritta nel seguente libro, che è stato scritto appositamente per questo corso e che dovete leggere: </li></ul><ul><li>R.Polillo, “Plasmare il web – Road-map per siti di qualità”, Apogeo, 2006 </li></ul>
  8. 8. LA ROAD MAP (COMPLETA) DI OGNI PROGETTO WEB: 3 4 5 6 7 Web design Visual design Sviluppo Redazione dei contenuti Pubblicazione 1 Definizione dei requisiti Documento dei requisiti Prototipo di navigazione Prototipo funzionale Prototipo editoriale Sistema on line Prototipo di comunicazione 2 Avviamento del progetto Piano di qualità Gestione del sito Committente Gestione del progetto Controllo di avanzamento Reporting
  9. 9. CAMBIAMENTI RISPETTO AGLI ANNI PASSATI <ul><li>Questa è la sesta edizione del corso, che si tiene dal 2005: da allora, il Web è molto cambiato (“Web 2.0”) </li></ul><ul><li>Da quest’anno, cambieremo anche noi: non più strumenti e filosofia “Web 1.0” (Dreamweaver, FrontPage), ma strumenti e filosofia “Web 2.0” </li></ul><ul><li>Dovremo adattare la metodologia al nuovo contesto </li></ul><ul><li>Inoltre, cambieremo anche il tipo di siti da progettare </li></ul>
  10. 10. METODOLOGIA: finora, in questo corso, abbiamo adottato la seguente road-map semplificata: REVISIONE 1: - Documento dei requisiti REVISIONE 3: - Mappa del sito - Gabbia logica delle pagine - Prototipo di navigazione REVISIONE 5: - Diagrammi di navigazione - Forms - Diagrammi della base dati - Prototipo funzionale REVISIONE 6: - Prototipo Editoriale - Test di usabilità finale REVISIONE 4: - Prototipo di comunicazione - Costituzione gruppi di lavoro - Scelta del sito da realizzare 3 4 5 6 Web design Visual design Sviluppo Redazione dei contenuti 1 Definizione dei requisiti 2 Avviamento del progetto REVISIONE 2: - Documento dei requisiti - Piano di qualità … che dovrà essere un po’ adattata al nuovo contesto
  11. 11. L’ESAME <ul><li>Dovrete mostrare la demo del sito finale, e portare tutto il materiale realizzato (in formato elettronico) </li></ul><ul><li>L’obiettivo è sostenerlo subito a fine corso </li></ul><ul><li>Il voto terrà conto della qualità complessiva del sito; il voto pieno viene attribuito a chi ha realizzato un sito che, a nostro parere, è immediatamente pubblicabile con vantaggio per il committente </li></ul>
  12. 12. QUALI STRUMENTI <ul><li>L’enfasi non è sugli strumenti, ma sul prodotto finale: sceglieremo gli strumenti che permettano di raggiungere i risultati migliori con il minimo sforzo… </li></ul><ul><li>… per quanto possibile senza programmazione di software (o con quella strettamente necessaria, ma solo per gli studenti di Informatica)… </li></ul><ul><li>Utilizzando al massimo strumenti e servizi gratuiti disponibili on-line (“cloud computing”) </li></ul><ul><li>(Qualunque deviazione da quanto sopra dovrà essere giustificata da esigenze del sito, e verrà comunque considerata con “sospetto”…) </li></ul>
  13. 13. DOVE SVILUPPARE IL PROGETTO <ul><li>Utilizzerete solo i vostri portatili (necessario almeno un portatile per ogni gruppo, per le revisioni) </li></ul><ul><li>I gruppi che, come suggerito, utilizzeranno servizi di hosting gratuiti, non dovranno installare nulla sul proprio PC </li></ul>
  14. 14. QUALE PROGETTO <ul><li>Ogni gruppo proporrà un progetto di proprio interesse, che dovrà essere approvato </li></ul><ul><li>Il progetto dovrà essere reale , ed avere committenti reali, disponibili a fornire e discutere i requisiti </li></ul><ul><li>I “committenti” dovranno essere organizzazioni non-profit </li></ul><ul><li>Cercheremo di evitare in tutti i modi i progetti banali, per esplorare le potenzialità del Web 2.0 </li></ul>
  15. 15. PERCHE’ NON-PROFIT ? <ul><li>Il settore è grandissimo, e molto importante </li></ul><ul><li>Dal punto di vista informatico è estremamente arretrato (mancanza di fondi, di know-how e risorse, concentrazione sul focus primario) </li></ul><ul><li>Oggi, change we can! Il Web 2.0 rende possibili applicazioni a basso costo, che fino a pochi anni fa non erano accessibili al settore </li></ul><ul><li>E’ molto importante promuovere questi concetti </li></ul><ul><li>[email_address] ( www.labtango.wordpress.com ) </li></ul>
  16. 16. La galassia del non profit IMPRESE TERZO SETTORE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO ONG ONLUS <ul><li>In Italia, nel 2001: </li></ul><ul><li>- 220.000 enti </li></ul><ul><li>circa 4 ml persone (di cui 3.2 ml volontari) </li></ul>FONDAZIONI ASSOCIAZIONI
  17. 17. TECNOLOGIE ABILITANTI <ul><li>Connettività internet a basso costo (soprattutto banda larga) </li></ul><ul><li>Telefonia mobile a basso costo </li></ul><ul><li>VOIP </li></ul><ul><li>Software open source </li></ul><ul><li>“ Freee” cloud computing </li></ul><ul><li>“ Free” social computing </li></ul><ul><li>Mashups technologies </li></ul><ul><li>Application usability </li></ul>
  18. 18. ESEMPI PER QUESTO CORSO <ul><li>www.worpress.com , www.webs.com , www.weebly.com , ... (Per realizzare blog e siti, hosting gratuito) </li></ul><ul><li>www.ning.com , www.socialgo (Per realizzare social network private, con hosting gratuito) </li></ul><ul><li>www.dropbox,com, www.youtube.com , www.flickr.com , www.slideshare.com, (Repository gratuiti per files qualsiasi, video, immagini, slides) </li></ul><ul><li>www.skype.com (Per telefonare gratuitamente) </li></ul><ul><li>E poi aggregatori di feed rss, Google apps, e molto ancora da individuare </li></ul>
  19. 19. corso (lezioni + revisioni) PIANO DI LAVORO ottobre novembre dicembre gennaio febbraio 4 sett 4 sett 3 sett corso (lezioni + revisioni) I appello: 21 genn II appello: 21 genn Familiarizzazione con lo strumento (Wordpress?) 3 4 5 6 7 Web design Visual design Sviluppo Redazione dei contenuti Pubblicazione 1 Definizione dei requisiti Documento dei requisiti Prototipo di navigazione Prototipo funzionale Prototipo editoriale Sistema on line Prototipo di comunicazione 2 Avviamento del progetto Piano di qualità Gestione del sito
  20. 20. LO SFORZO RICHIESTO <ul><li>4 CFU = 100 ore complessivamente x 3 studenti per gruppo = 300 ore-persona per progetto </li></ul><ul><li>Ma bisogna seguire il piano di lavoro: se non seguite le tappe indicate o se “perdete il treno” non potrete sostenere l’esame (non verranno fatte revisioni dopo Natale) </li></ul><ul><li>La presenza è richiesta: </li></ul><ul><ul><li>Alle lezioni (circa 10) </li></ul></ul><ul><ul><li>Alle 6 revisioni individuali (col proprio gruppo, su appuntamento di martedì o giovedì) </li></ul></ul><ul><li>Alle revisioni verranno raccolte le firme di frequenza: ne dovrete avere almeno 5 per poter sostenere l’esame </li></ul>
  21. 21. IL SITO DEL CORSO <ul><li>Useremo, per tutto quanto serve, una social network “privata” del corso: </li></ul><ul><li>- slides </li></ul><ul><li>- comunicazioni sulla didattica </li></ul><ul><li>- pagine personali dei partecipanti - gruppi di lavoro e comunicazione all’interno dei gruppi </li></ul><ul><li>- appuntamenti per le revisioni </li></ul><ul><li>- iscrizione agli appelli di esame </li></ul><ul><li>www.labint2009.socialgo.com </li></ul><ul><li>(accessibile anche da www.rpolillo.it ) </li></ul><ul><li>Dovete iscrivervi subito e aprire la vostra pagina personale </li></ul>
  22. 22. ED ORA… - Costituzione dei gruppi di lavoro - Scelta del sito da realizzare 3 4 5 6 Web design Visual design Sviluppo Redazione dei contenuti 1 Definizione dei requisiti 2 Avviamento del progetto
  23. 23. INDICAZIONI <ul><li>Gruppi di lavoro: - 3 persone - Almeno un portatile nel gruppo - Auspicabili gruppi misti (informatici + TTC) </li></ul><ul><li>Scelta del progetto: - Scegliete un progetto “ reale ” - In un dominio per il quale avete accesso a persone esperte e disponibili a darvi indicazioni - Deve avere tutte le funzionalità di back-office necessarie - Le proposte devono essere discusse con i docenti e approvate </li></ul>
  24. 24. PROSSIMI PASSI: <ul><li>Giovedì 8 ottobre: tutti </li></ul><ul><li>lezione sulla metodologia (road map e modello di qualità) </li></ul><ul><li>discussione e approvazione delle proposte dei gruppi di lavoro </li></ul>
  25. 25. <ul><li>[email_address] </li></ul><ul><li>Benvenuti a bordo! </li></ul>

×