Your SlideShare is downloading. ×
Laboratorio Internet: 1. Introduzione
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Laboratorio Internet: 1. Introduzione

621
views

Published on

Slide per il corso di Laboratorio Internet tenuto da R.Polillo all'Università degli Studi di Milano Bicocca (info in www.rpolillo.it)

Slide per il corso di Laboratorio Internet tenuto da R.Polillo all'Università degli Studi di Milano Bicocca (info in www.rpolillo.it)

Published in: Education, Technology, Business

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
621
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
58
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Università degli Studi di Milano Bicocca Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione Laboratorio di Internet / Laboratorio di progettazione (mod.1) Anno Accademico 2009-2010 LEZIONE 1: INTRODUZIONE AL CORSO Roberto Polillo
  • 2. PER CHI
    • Questo modulo (4 CFU) è destinato a:
    • - Laurea magistrale in Informatica
    • esame a scelta del II anno, col nome di “Laboratorio Internet”
    • Laurea magistrale in TTC
    • primo modulo del corso (obbligatorio) del II anno “Laboratorio di progettazione”
  • 3. CHI E QUANDO
    • Roberto Polillo
    • Piero Schiavo Campo
    • Martedì dalle 15,30 alle 17,30, in U14-T023
    • Giovedì dalle 15,30 alle 17,30, aula U14-T023
    • Dal 5 ottobre al 17 dicembre 2009
  • 4. CHE COSA FAREMO
    • Progetteremo e realizzeremo il prototipo di un vero sito web, “di qualità”
    PROGETTARE (dal lat. proicere , gettare avanti) “ immaginare, ideare qualcosa e studiare il modo di attuarla” REALIZZARE (dal lat. res , realtà) “ rendere reale qualcosa, attuandola praticamente”
  • 5. IN PRATICA…
    • Vi organizzerete in gruppi di lavoro di 3 studenti (meglio di provenienza mista: Informatica e TTC)
    • Presenterò la metodologia in poche lezioni, via via che il lavoro procede
    • Faremo 6 incontri di revisione individuali con ogni gruppo di lavoro, con un calendario che verrà definito durante il corso
    • Presenterete il prototipo e il materiale finale all’esame
  • 6. L’OBIETTIVO DIDATTICO
    • Farvi percorrere tutte le fasi del progetto di realizzazione (o redesign) di un sito web reale, anche se “in miniatura”…
    • esaminandone tutti gli aspetti…
    • per farvi meglio comprendere la natura interdisciplinare di un progetto web…
    • e le diverse professionalità e problemi coinvolti…
    • NB: Non ci occuperemo degli aspetti tecnici, che daremo per acquisiti
  • 7. COME PROCEDEREMO
    • Procederemo insieme , attraverso 6 fasi di lavoro ben definite , seguendo una road-map precisa, e discutendo via via i risultati
    • La road-map è descritta nel seguente libro, che è stato scritto appositamente per questo corso e che dovete leggere:
    • R.Polillo, “Plasmare il web – Road-map per siti di qualità”, Apogeo, 2006
  • 8. LA ROAD MAP (COMPLETA) DI OGNI PROGETTO WEB: 3 4 5 6 7 Web design Visual design Sviluppo Redazione dei contenuti Pubblicazione 1 Definizione dei requisiti Documento dei requisiti Prototipo di navigazione Prototipo funzionale Prototipo editoriale Sistema on line Prototipo di comunicazione 2 Avviamento del progetto Piano di qualità Gestione del sito Committente Gestione del progetto Controllo di avanzamento Reporting
  • 9. CAMBIAMENTI RISPETTO AGLI ANNI PASSATI
    • Questa è la sesta edizione del corso, che si tiene dal 2005: da allora, il Web è molto cambiato (“Web 2.0”)
    • Da quest’anno, cambieremo anche noi: non più strumenti e filosofia “Web 1.0” (Dreamweaver, FrontPage), ma strumenti e filosofia “Web 2.0”
    • Dovremo adattare la metodologia al nuovo contesto
    • Inoltre, cambieremo anche il tipo di siti da progettare
  • 10. METODOLOGIA: finora, in questo corso, abbiamo adottato la seguente road-map semplificata: REVISIONE 1: - Documento dei requisiti REVISIONE 3: - Mappa del sito - Gabbia logica delle pagine - Prototipo di navigazione REVISIONE 5: - Diagrammi di navigazione - Forms - Diagrammi della base dati - Prototipo funzionale REVISIONE 6: - Prototipo Editoriale - Test di usabilità finale REVISIONE 4: - Prototipo di comunicazione - Costituzione gruppi di lavoro - Scelta del sito da realizzare 3 4 5 6 Web design Visual design Sviluppo Redazione dei contenuti 1 Definizione dei requisiti 2 Avviamento del progetto REVISIONE 2: - Documento dei requisiti - Piano di qualità … che dovrà essere un po’ adattata al nuovo contesto
  • 11. L’ESAME
    • Dovrete mostrare la demo del sito finale, e portare tutto il materiale realizzato (in formato elettronico)
    • L’obiettivo è sostenerlo subito a fine corso
    • Il voto terrà conto della qualità complessiva del sito; il voto pieno viene attribuito a chi ha realizzato un sito che, a nostro parere, è immediatamente pubblicabile con vantaggio per il committente
  • 12. QUALI STRUMENTI
    • L’enfasi non è sugli strumenti, ma sul prodotto finale: sceglieremo gli strumenti che permettano di raggiungere i risultati migliori con il minimo sforzo…
    • … per quanto possibile senza programmazione di software (o con quella strettamente necessaria, ma solo per gli studenti di Informatica)…
    • Utilizzando al massimo strumenti e servizi gratuiti disponibili on-line (“cloud computing”)
    • (Qualunque deviazione da quanto sopra dovrà essere giustificata da esigenze del sito, e verrà comunque considerata con “sospetto”…)
  • 13. DOVE SVILUPPARE IL PROGETTO
    • Utilizzerete solo i vostri portatili (necessario almeno un portatile per ogni gruppo, per le revisioni)
    • I gruppi che, come suggerito, utilizzeranno servizi di hosting gratuiti, non dovranno installare nulla sul proprio PC
  • 14. QUALE PROGETTO
    • Ogni gruppo proporrà un progetto di proprio interesse, che dovrà essere approvato
    • Il progetto dovrà essere reale , ed avere committenti reali, disponibili a fornire e discutere i requisiti
    • I “committenti” dovranno essere organizzazioni non-profit
    • Cercheremo di evitare in tutti i modi i progetti banali, per esplorare le potenzialità del Web 2.0
  • 15. PERCHE’ NON-PROFIT ?
    • Il settore è grandissimo, e molto importante
    • Dal punto di vista informatico è estremamente arretrato (mancanza di fondi, di know-how e risorse, concentrazione sul focus primario)
    • Oggi, change we can! Il Web 2.0 rende possibili applicazioni a basso costo, che fino a pochi anni fa non erano accessibili al settore
    • E’ molto importante promuovere questi concetti
    • [email_address] ( www.labtango.wordpress.com )
  • 16. La galassia del non profit IMPRESE TERZO SETTORE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO ONG ONLUS
    • In Italia, nel 2001:
    • - 220.000 enti
    • circa 4 ml persone (di cui 3.2 ml volontari)
    FONDAZIONI ASSOCIAZIONI
  • 17. TECNOLOGIE ABILITANTI
    • Connettività internet a basso costo (soprattutto banda larga)
    • Telefonia mobile a basso costo
    • VOIP
    • Software open source
    • “ Freee” cloud computing
    • “ Free” social computing
    • Mashups technologies
    • Application usability
  • 18. ESEMPI PER QUESTO CORSO
    • www.worpress.com , www.webs.com , www.weebly.com , ... (Per realizzare blog e siti, hosting gratuito)
    • www.ning.com , www.socialgo (Per realizzare social network private, con hosting gratuito)
    • www.dropbox,com, www.youtube.com , www.flickr.com , www.slideshare.com, (Repository gratuiti per files qualsiasi, video, immagini, slides)
    • www.skype.com (Per telefonare gratuitamente)
    • E poi aggregatori di feed rss, Google apps, e molto ancora da individuare
  • 19. corso (lezioni + revisioni) PIANO DI LAVORO ottobre novembre dicembre gennaio febbraio 4 sett 4 sett 3 sett corso (lezioni + revisioni) I appello: 21 genn II appello: 21 genn Familiarizzazione con lo strumento (Wordpress?) 3 4 5 6 7 Web design Visual design Sviluppo Redazione dei contenuti Pubblicazione 1 Definizione dei requisiti Documento dei requisiti Prototipo di navigazione Prototipo funzionale Prototipo editoriale Sistema on line Prototipo di comunicazione 2 Avviamento del progetto Piano di qualità Gestione del sito
  • 20. LO SFORZO RICHIESTO
    • 4 CFU = 100 ore complessivamente x 3 studenti per gruppo = 300 ore-persona per progetto
    • Ma bisogna seguire il piano di lavoro: se non seguite le tappe indicate o se “perdete il treno” non potrete sostenere l’esame (non verranno fatte revisioni dopo Natale)
    • La presenza è richiesta:
      • Alle lezioni (circa 10)
      • Alle 6 revisioni individuali (col proprio gruppo, su appuntamento di martedì o giovedì)
    • Alle revisioni verranno raccolte le firme di frequenza: ne dovrete avere almeno 5 per poter sostenere l’esame
  • 21. IL SITO DEL CORSO
    • Useremo, per tutto quanto serve, una social network “privata” del corso:
    • - slides
    • - comunicazioni sulla didattica
    • - pagine personali dei partecipanti - gruppi di lavoro e comunicazione all’interno dei gruppi
    • - appuntamenti per le revisioni
    • - iscrizione agli appelli di esame
    • www.labint2009.socialgo.com
    • (accessibile anche da www.rpolillo.it )
    • Dovete iscrivervi subito e aprire la vostra pagina personale
  • 22. ED ORA… - Costituzione dei gruppi di lavoro - Scelta del sito da realizzare 3 4 5 6 Web design Visual design Sviluppo Redazione dei contenuti 1 Definizione dei requisiti 2 Avviamento del progetto
  • 23. INDICAZIONI
    • Gruppi di lavoro: - 3 persone - Almeno un portatile nel gruppo - Auspicabili gruppi misti (informatici + TTC)
    • Scelta del progetto: - Scegliete un progetto “ reale ” - In un dominio per il quale avete accesso a persone esperte e disponibili a darvi indicazioni - Deve avere tutte le funzionalità di back-office necessarie - Le proposte devono essere discusse con i docenti e approvate
  • 24. PROSSIMI PASSI:
    • Giovedì 8 ottobre: tutti
    • lezione sulla metodologia (road map e modello di qualità)
    • discussione e approvazione delle proposte dei gruppi di lavoro
  • 25.
    • [email_address]
    • Benvenuti a bordo!

×