• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
La didattica nel tempo di Google
 

La didattica nel tempo di Google

on

  • 1,116 views

Due lezioni tenute da R.Polillo (24 e 31 marzo 2014) al corso PAS (Percorsi Abilitanti Speciali) all'Università di Milano Bicocca

Due lezioni tenute da R.Polillo (24 e 31 marzo 2014) al corso PAS (Percorsi Abilitanti Speciali) all'Università di Milano Bicocca

Statistics

Views

Total Views
1,116
Views on SlideShare
251
Embed Views
865

Actions

Likes
2
Downloads
24
Comments
0

1 Embed 865

http://www.rpolillo.it 865

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    La didattica nel tempo di Google La didattica nel tempo di Google Presentation Transcript

    • LA DIDATTICA NEL TEMPO DI GOOGLE Roberto Polillo DISCO – Università di Milano Bicocca Riflessioni ed esperienze di un docente di Informatica Intervento al corso PAS, Percorsi Formativi Abilitanti Speciali Università di Milano Bicocca 24 e 31 marzo 2014
    • Chi sono www.rpolillo.it roberto.polillo@unimib.it 2 R.Polillo, 24.3.2014
    • Agenda  Come la didattica sta cambiando e perché  Il ruolo della rete e come usarla  Alcuni strumenti utili  Alcune esperienze nella didattica universitaria 3 R.Polillo, 24.3.2014
    • Una premessa importante4 R.Polillo, 24.3.2014
    • Leggo su una nota rivista online … CheFuturo, http://bit.ly/X3EhWS 5 R.Polillo, 24.3.2014
    • Se 10 anni fa anno fa vi avessero detto che…  Il costo delle telefonate non sarebbe stato proporzionale alla distanza e alla durata, ma… gratuito?  La nostra principale fonte di informazione sarebbe stata una enciclopedia scritta da volontari senza controllo, di cultura media inferiore a quella dei miei studenti?  Le fotografie non servono a ricordare i momenti passati, ma a comunicare istantaneamente ai nostri amici? (250 ml di foto condivise ogni giorno solo su Facebook)  Avreste potuto mandare un messaggio direttamente al Papa o al presidente degli Stati Uniti, istantaneamente e gratis? E forse vi avrebbe risposto?  Un famoso regista avrebbe montato un film girato da 8.000 autori? 6 R.Polillo, 24.3.2014
    • E cosa faremo fra 3 anni? https://www.youtube.com/watch?v=ErpNpR3XYUw apr 2012 http://www.youtube.com/watch?v=fNATuCkRWFE feb 2013 7 R.Polillo, 24.3.2014
    • E fra 10 anni? Thks Wikipedia 8 R.Polillo, 24.3.2014
    • La crescita della tecnologia Thks Wikipedia 9 R.Polillo, 24.3.2014
    • Kurweil’s Law of accelerating returns (2005) Thks Wikipedia 10 R.Polillo, 24.3.2014
    • "Tutto il mio sapere è sapere che nulla so" Socrate "Nulla è permanente tranne il cambiamento" Eraclito 11 R.Polillo, 24.3.2014
    • Le tecnologie che ho usato negli anni Qui ho imparato a digitare… (La macchina da scrivere di mio nonno avvocato, classe 1883) Oggi uso questo R.Polillo, 24.3.2014 12
    • Come sta cambiando la didattica?13
    • Student Teacher Student Student CLASSROOM Il modello tradizionale Book 14 R.Polillo, 24.3.2014
    • La crisi del modello tradizionale  La rapida trasformazione della società e quindi degli obiettivi e contenuti dell'insegnamento rende rapidamente obsoleti i "learning objects"  Questo è particolarmente evidente nelle aree legate alla tecnologia e al suo uso  Oggi l'insegnamento è orientato alla formazione di "knowledge workers" in grado di fronteggiare il cambiamento rapido e continuo, apprendendo rapidamente da fonti molteplici, spesso non strutturate e di varia attendibilità 15 R.Polillo, 24.3.2014
    • Da così…. 16 R.Polillo, 24.3.2014
    • … a così Il docente come facilitatore Lo studente come protagonista… In gruppo … 17 R.Polillo, 24.3.2014
    • Social ties Cultural identity ExcellenceEmulation L'importanza dello "spirito di gruppo"18 R.Polillo, 24.3.2014
    • Due paradigmi completamente diversi19 R.Polillo, 24.3.2014
    • Due processi differenti Theory Practice Principles Deduction Laboratory TOP-DOWN - DEDUCTIVE Practice Theory Laboratory Induction Principles BOTTOM-UP – INDUCTIVE (EXPERIENTIAL) 20 R.Polillo, 24.3.2014
    • …adatti a contenuti diversi Theory Practice Principles Deduction Laboratory TOP-DOWN - DEDUCTIVE Practice Theory Laboratory Induction Principles BOTTOM-UP – INDUCTIVE (EXPERIENTIAL) PROGRAMMAZIO NE PROGETTAZIONE 21 R.Polillo, 24.3.2014
    • Alcune esperienze22
    • Il corso “Interazione uomo- macchina”  Contesto: laurea triennale in Informatica (III anno)  Obiettivo: progettazione di sistemi interattivi facili da usare  L'idea: Insegnare a programmare richiede un approccio top-down, insegnare a progettare richiede un approccio differente 23 R.Polillo, 24.3.2014
    • Laboratorio di Interazione Uomo- Macchina 1) Practice first, concepts follow 2) Situated design, not simulation 3) Interaction, not description 4) Coaching, not teaching 5) Test with users 6) Improve prototypes until "WOW!" 7) Learn design, not design tools 8) Flee from intrusive tools 9) Stimulate creativity 10) Internet as the primary source 24 R.Polillo, 24.3.2014
    • Il corso “Laboratorio Internet”  Contesto: laurea magistrale in Informatica, e Teoria e tecnologia della comunicazione (II anno)  Obiettivo: progettazione e realizzazione di un sito web  L'idea: Gruppi di lavoro, road map assistita 25 R.Polillo, 24.3.2014
    • La road map REVISIONE 1: - Documento dei requisiti REVISIONE 3: - Mappa del sito - Gabbia logica delle pagine - Prototipo di navigazione REVISIONE 5: -Prototipo funzionale REVISIONE 6: - Prototipo Editoriale - Test di usabilità finale REVISIONE 4: - Prototipo di comunicazione - Costituzione gruppi di lavoro - Scelta del sito da realizzare 3 4 5 6 Web design Visual design Sviluppo Redazione dei contenuti 1 Definizione dei requisiti 2 Avviamento del progetto REVISIONE 2: - Documento dei requisiti - Piano di qualità 26 R.Polillo, 24.3.2014
    • Le difficoltà Theory Practice Principles Deduction Laboratory TOP-DOWN - DEDUCTIVE Practice Theory Laboratory Induction Principles BOTTOM-UP – INDUCTIVE (EXPERIENTIAL) Questo passaggio viene molto spesso lasciato agli studenti Questo passaggio DEVE essere assistito dal docente 27 R.Polillo, 24.3.2014
    • La rete, oggi28
    • Blog.quintarelli.it , 15/3/2014 Premessa 29 R.Polillo, 24.3.2014
    • Nella rete, siamo già al quarto cambio di paradigma… 1995+  Company web sites  Web portals  Search engines  E-commerce  Web as an interface  …. HYPERTEXT, eCOMMERCE 2005+  Blogs  Social networks  UGC  Cooperative creation  Sharing  Reusable contents  … SOCIAL MEDIA 1985+  E-mail  File transfer  Newsgroups  …. COMMUNICATION NETWORK 30 R.Polillo, 24.3.2014
    • 2015+ MOBILE WEB  Device mobili  Cloud computing  Geolocalizzazione  Camera phone  Realtà aumentata  Borsellino elettronico L’utilizzo dei servizi online si sta rapidamente spostando dal desktop ai dispositivi mobili. L’utilizzatore profilato e nel suo contesto Nella rete, siamo già al quarto cambio di paradigma… 31 R.Polillo, 24.3.2014
    • Thks B.Fling http://slidesha.re/110qVw Solo un esempio: realtà aumentata32 R.Polillo, 24.3.2014
    • Desktop (1981+) Tks Lara Ciccarelli per i disegni
    • Smartphone (2007+) Tks Lara Ciccarelli per i disegni
    • Tablet (2010+) Tks Lara Ciccarelli per i disegni
    • Smart Tv Tks Lara Ciccarelli per i disegni
    • Un utente con molti device CLOUD Tks Lara Ciccarelli per i disegni 37 R.Polillo, 24.3.2014
    • Responsive design, non apps! 38 R.Polillo, 24.3.2014
    • Esempio 39
    • La rete nella didattica40
    • … a così Il docente come facilitatore Lo studente come protagonista… In gruppo … ∂ ∂ ∂ ∂∂ ∂ Internet e connessi 41 R.Polillo, 24.3.2014
    • R.Polillo, 24.3.201442
    • R.Polillo, 24.3.2014 43 Teens & Internet (USA, Q3 2012) http://www.pewinternet.org/2013/03/13/teens-and-technology-2013/
    • Cellulare/tablet in classe sì o no? R.Polillo, 24.3.2014 44
    • Teacher Student StudentStudentExpert/ Testimonial StudentStudentStudent CLASSROOM The Net La rete e il nuovo modello della didattica 45 R.Polillo, 24.3.2014
    • Teacher Student StudentStudentExpert/ Testimonial StudentStudentStudent CLASSROOM The Net La rete e il nuovo modello della didattica 46 R.Polillo, 24.3.2014
    • Teacher Student StudentStudentExpert/ Testimonial StudentStudentStudent CLASSROOM The Net La rete e il nuovo modello della didattica 47 R.Polillo, 24.3.2014
    • La rete: che cosa possiamo utilizzare ora  Enorme quantità di materiali online  Piattaforme di comunicazione / interazione  Piattaforme di lavoro cooperativo  L’importanza dei servizi cloud  Social media di classe o di scuola? http://www.onlinecolleges.net/2013/01/23/majo r-ed-tech-trends-for-2013/ 48 R.Polillo, 24.3.2014
    • Alcuni strumenti utili49
    • Materiale didattico e di supporto  Slides: www.slideshare.net  Video: www.youtube.com  Articoli: http://scholar.google.it  Informazioni: www.wikipedia.org  Ricerca: www.google.it www.wolframalpha.com  Corsi: www.ocwconsortium.org 50 R.Polillo, 24.3.2014
    • OpenCourseWare (OCW)  "An OpenCourseWare is a free and open digital publication of high quality college and university‐level educational materials. These materials are organized as courses, and often include course planning materials and evaluation tools as well as thematic content."  "OCW are free and openly licensed, accessible to anyone, anytime via the internet."  www.ocwconsortium.org  http://en.wikipedia.org/wiki/OpenCourseWare  Code of best practices for fair use in OCW: http://centerforsocialmedia.org/ocw 51 R.Polillo, 24.3.2014
    • MIT OpenCourseWare  www.ocw.mit.edu “The idea is simple: to publish all of our course materials online and make them widely available to everyone.”  "MIT OpenCourseWare is a web-based publication of virtually all MIT course content. OCW is open and available to the world and is a permanent MIT activity."  Available on Creative commons licence http://ocw.mit.edu/terms/index.htm#cc 52 R.Polillo, 24.3.2014
    • Comunicazione / collaborazione  Blog del corso: www.wordpress.org www.blogger.com  Comunicazione: www.twitter.com  Social network private: www.ning.it  File sharing: www.dropbox.com  Lavoro collaborativo: http://drive.google.com mediawiki (es.: www.wiki-site.com) 53 R.Polillo, 24.3.2014
    • Alcune esperienze: il corso “Strumenti e applicazioni del Web” 54
    • Generalità  Contesto: laurea magistrale in Teoria e tecnologia della comunicazione (I anno)  Studenti: Informatici, Scienza della Comunicazione, Scienze e tecniche psicologiche, …  Obiettivo: comprendere gli strumenti Internet e la loro evoluzione  L'idea: lavoro cooperativo con gli studenti  Organizzazione del corso: Parte istituzionale: lezioni, esame scritto Parte monografica: lezioni, presentazioni degli studenti , relatori invitati, progetti degli studenti 55 R.Polillo, 24.3.2014
    • I progetti degli studenti  Presentazioni degli studenti (in aula) Su argomento concordato (45’ per ogni gruppo di 3 studenti; slides su slideshare, demo, video. Le bozze vengono prima discusse con il docente)  Progetti degli studenti Realizzazione di blog tematici su argomento concordato per ogni gruppo (WordPress.org, Altervista, strumenti di content curation)  Tutto online su www.corsow.wordpress.com (slides da Slideshare, video da YouTube), creative commons 56 R.Polillo, 24.3.2014
    • Altre esperienze effettuate  Comunicazione viaTwitter  Videoregistrazione delle lezioni caricate sul Web con strumenti a basso costo (la scelta finale: Camtasia)  Wiki collaborativo (Mediawiki) 57 R.Polillo, 24.3.2014
    • In order to arrive at what you do not know
 You must go by a way which is the way of ignorance. 
In order to possess what you do not possess
 You must go by the way of dispossession.
 In order to arrive at what you are not
 You must go through the way in which you are not.
 And what you do not know is the only thing you know
And what you own is what you do not own
And where you are is where you are not. T.S.Eliot, Four Quartets 58 R.Polillo, 24.3.2014
    • Grazie dell'attenzione! www.rpolillo.it roberto.polillo@unimib .it 59