Your SlideShare is downloading. ×
  • Like
Corso Web 2.0: Chi sono i wikipedians?
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Now you can save presentations on your phone or tablet

Available for both IPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Corso Web 2.0: Chi sono i wikipedians?

  • 762 views
Published

Presentazione tesi di laurea in corso su Wikipedia. Vedi anche www.corsoweb20polillo.blogspot.com

Presentazione tesi di laurea in corso su Wikipedia. Vedi anche www.corsoweb20polillo.blogspot.com

Published in Education
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
No Downloads

Views

Total Views
762
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3

Actions

Shares
Downloads
31
Comments
0
Likes
2

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Una ricerca esporativa: it.wikipedia.org Laurea Specialistica in Psicologia delle Organizzazioni e dei Comportamenti di Consumo Francesca Battaglino Matricola: 051336 Relatori: Marcello Sarini Chiara Volpato
  • 2. Perché Wikipedia
    • “ Wikipedia è la più grande, libera, gratuita e discussa
    • enciclopedia on line, fatta dalla collettività, per la collettività.”
    • (Stefania Capaccioni, “7th floor”, 2006)
    sito http://www.wikipedia.org/ “ Come in un grande puzzle, il grande mondo della conoscenza ha così cominciato a prendere forma sotto la mano di sconosciuti internauti che, con pazienza e devozione, tentativi ed errori, incastrano quotidianamente e “sapientemente” tante piccole sagome in un armonico insieme” (Stefania Capaccioni, “7th floor”, 2006)
  • 3. Obiettivo principale della ricerca
    • Avvicinare l’interesse della disciplina psicologica
    • anche a temi quali “la condivisione del sapere in
    • Internet”, “la partecipazione di un numero sempre
    • crescente di persone alla Rete” e“ la nascita di
    • comunità virtuali come Wikipedia”.
    Si cercherà quindi di analizzare il caso Wikipedia con l’obiettivo di fornire interpretazioni psicologiche equiparabili o quantomeno simili a quelle del mondo reale.
  • 4. Strumenti di rilevazione
    • Osservazione fenomenologica
    • 30 Interviste semi-strutturate
    I soggetti
    • Utenti registrati (creazione e modifica delle voci)
    • Check user (gestione tecnica)
    • Burocrati ( Rappresentanti di Wikimedia Italia)
    • Amministratori (lavoro sporco)
  • 5. Tematiche di interesse
    • la distribuzione di potere all’interno di Wikipedia, la dimensione gerarchica e la suddivisione dei ruoli
    • l’analisi del conflitto , come viene gestito, con quali mezzi e in quali occasioni
    • l’appartenenza alla community , il sentimento ad essa associato, il tipo di relazioni di cui è costituita e su quali basi è fondata
  • 6. Tematiche di interesse
    • l’utilizzo dello pseudonimo e i rischi ad esso associati in termini di responsabilità
    • l’analisi dei contenuti , come vengono creati, quali sono i temi più scottanti nell’Enciclopedia, la fiducia associata al suo utilizzo in termini di attendibilità, l’utilizzo dello strumento wiki e le sue possibilità anche all’interno delle imprese
  • 7. Alcune domande..
    • Mi può riassumere quali i 5 pilastri su cui si basa Wikipedia?
    • Cosa significa per lei appartenere alla comunità di Wikipedia?
    • Come può definire i rapporti che si instaurano fra gli utenti di Wikipedia?
    • A suo parere l’utilizzo della firma o dello pseudonimo ha conseguenze diverse nel responsabilizzare l’utente?
    • Chi ha il potere in Wikipedia?
    • Mi faccia un esempio di conflitto a cui ha partecipato,particolarmente significativo per lei, mi descriva quanti sono stati i partecipanti, quali gli interventi. Mi dica com’è andata a finire
    • Lei ha fiducia nell’attendibilità dei contenuti in Wikipedia? Secondo lei quali sono i fattori che aumentano i livelli di fiducia in Wikipedia?
    • Usi una metafora (oggetti, animali ecc..) per rappresentare l’organizzazione Wikipedia e descriva il perché della scelta.
  • 8. I Wikipediani..Alcune risposte
    • “ Parto dal presupposto di fiducia, in Wikipedia più che di
    • vera e propria amicizia ”
    “ Mi piace pensare che stiamo lavorando per costruire, mattone dopo mattone, un qualcosa di unico nel panorama culturale mondiale. Non so se sia così davvero. ” “ Sul Web non si instaura mai quel meccanismo psicologico per cui le persone tendono ad essere accondiscendenti per amicizia, o viceversa ad esprimere contrarietà per partito preso. Il filtro creato dal mezzo informatico almeno in un primo momento rende più attendibili le reazioni alla discussione ”
  • 9. I Wikipediani..Alcune risposte
    • “ Fuori da Wikipedia, con molti ho trovato punti in comune
    • e ammirazione (e allora anche amicizia, spero ricambiata)
    • verso le persone che si celano dietro l'utenza. Dare del “tu”
    • a professionisti affermati è qualcosa di particolare.”
    • “ Non credo che Nonciclopedia sia contro Wikipedia,
    • utilizza lo stesso modello con modi goliardici. Wikipedia
    • vuole essere seria, non seriosa. Potrebbe essere addirittura
    • una specie di valvola di sfogo, ho scritto anch’io una voce su
    • Nonciclopedia”
  • 10. Analisi dei dati
    • Teorie metodologiche di riferimento
    • Ricerca- intervento di Lewin (1945)
    • Prospettiva fenomenologica
    • Analisi organizzativa proposta da Shein (2001)
  • 11. Sintesi trasversale
    • Prima parte
    • Il contenuto - l’oggetto su cui il gruppo lavora, nello specifico le pagine di discussione
    • Il processo - come vengono creati e gestiti gli articoli, il meccanismo della Peer Review, la gestione dei conflitti
    • La struttura - l’analisi di modi operativi stabili e ricorrenti. Nel caso particolare analizzeremo i ruoli di leadership e la struttura decentrata della community
  • 12. Sintesi trasversale
    • Seconda parte
    • Come vengono gestiti i legami intragruppo e i legami intergruppo.
    “ Sono i legami deboli dell’idrogeno a tenere insieme le gigantesche molecole d’acqua.” (Granovetter,1974)
  • 13. I risultati..
    • Mettiamoci al lavoro..
    ” Ma quanti si sono fermati? Quanti non sopportano di trovarsi a disagio con il mouse? O temono la dispersione delle capacità di attenzione, parametrata sullo sviluppo lineare di un testo, di fronte alla dinamica non lineare di un iper-testo? Di quell’ipertesto di ipertesti che è Internet?” (Carlo Infante, “7th floor”,2007)