• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
5. Il progetto di esame
 

5. Il progetto di esame

on

  • 1,535 views

Corso di Interazione Uomo Macchina del Prof.R.Polillo - Università di Milano Bicocca - DISCO - AA. 2010-2011

Corso di Interazione Uomo Macchina del Prof.R.Polillo - Università di Milano Bicocca - DISCO - AA. 2010-2011

Statistics

Views

Total Views
1,535
Views on SlideShare
1,194
Embed Views
341

Actions

Likes
0
Downloads
119
Comments
0

1 Embed 341

http://www.rpolillo.it 341

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    5. Il progetto di esame 5. Il progetto di esame Presentation Transcript

      • Corso di Interazione Uomo Macchina AA 2010-2011
      • Roberto Polillo
      • Corso di laurea in Informatica Università di Milano Bicocca Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione
      IL PROGETTO D’ESAME R.Polillo - Ottobre 2010 Edizione 2010-11
    • Scopo di questa lezione
      • Discutere obiettivi e modalità di realizzazione
      • del progetto di esame
      R.Polillo - Ottobre 2010
    • Il progetto
      • Prototipo di un oggetto / sistema interattivo usabile
      • Tema proposto dagli studenti e approvato dai docenti
      • Esempi:
        • Applicazioni basate su cellulari di nuova generazione
        • Applicazioni basate su palmari
        • Applicazioni basate su tablet iPad
        • Applicazioni basate su nuovi tipi di device
      R.Polillo - Ottobre 2010
    • Gli obiettivi
      • 1. Applicare a un caso concreto quanto appreso in questo corso su:
      • - progettazione per prototipi successivi
      • - principi per la progettazione di sistemi usabili
      • - test di usabilità
      R.Polillo - Ottobre 2010
    • Gli obiettivi (segue)
      • 2. Dimostrare di avere applicato in modo consapevole quanto appreso, comunicando in modo chiaro e strutturato motivazioni, modalità e risultati di quanto fatto
      R.Polillo - Ottobre 2010
    • Gli obiettivi (segue)
      • 3. Sperimentare una situazione di lavoro di gruppo
      R.Polillo - Ottobre 2010
    • Il processo Prototi- pazione Test usabilità Proget- tazione Inizio Esame Requisiti Lezione sui requisiti Lezione sulla Valutazione Lezione sulla prototipazione Prima: prototipi di carta Poi: prototipiPowerPoint Scelta del tema Tutte le altre lezioni R.Polillo - Ottobre 2010
    • Che cosa dovete fare
      • Documento dei requisiti del prodotto (slides PowerPoint)
      • Il prototipo di carta
      • Test di usabilità
      • Il prototipo PowerPoint
      • Test di usabilità
      • Correzioni de prototipo PowerPoint
      • Rapporto di valutazione (Word)
      R.Polillo - Ottobre 2010
    • Il documento dei requisiti
      • Sintetico ma completo, ben strutturato,
      • Userete un template PowerPoint molto semplice, da personalizzare
      • Verrà valutato su forma e contenuti (chiarezza, proprietà di linguaggio, sinteticità/esaustività, originalità)
      R.Polillo - Ottobre 2010
    • Documento dei requisiti: indice di massima
      • Parte Prima: Generalità
      • Descrizione generale del prodotto
      • Obiettivi del prodotto
      • Utenti
      • Contesti d’uso
      • Scenari d’uso
      • Fattibilità tecnologica
      • Parte Seconda: Posizionamento
      • Situazione attuale
      • Analisi della concorrenza
      • Posizionamento competitivo
      • Parte Terza: Requisiti
      • Casi d’uso
      • Analisi dei compiti
      • Requisiti per la esperienza utente
      • Altri requisiti
      • Riferimenti
      R.Polillo - Ottobre 2010
    • Il processo di prototipazione
      • Realizzate un primo prototipo a bassa fedeltà di carta
      • Fate qualche semplice test di usabilità voi stessi e con qualche utente, e mettetelo a punto
      • Poi il prototipo navigabile in PowerPoint, mettendolo a punto in modo iterativo
      • Fate un test di usabilità finale
      R.Polillo - Ottobre 2010
    • R.Polillo - Ottobre 2010
    • Statechart R.Polillo - 2009 S 1 S 2 E [C] / A significa : quando il sistema è nello stato S 1 , se si verifica l’evento E e se vale la condizione C , il sistema effettua l’azione A e va nello stato, S 2
    • R.Polillo - 2009 Attesa selezione bevanda Erogazione bevanda Macchina spenta Attesa inserimento monete on off [bevanda erogata] Prelievo bevanda Annullamento richiesta / restituzione monete Selezione bevanda Inserimento monete [bevanda non erogata]
    • R.Polillo - Ottobre 2010 Chiamata da contatto Chiamata da sconosciuto SMS ricevuto Chiamata persa
    • R.Polillo - Ottobre 2010 Componi numero Chiama Indietro 1 2 3 4 5 6 7 8 # * 0 9 Salva Canc
    • R.Polillo - Ottobre 2010
    • R.Polillo - Ottobre 2010
    • Il test di usabilità
      • Durante il processo di prototipazione possono essere fatti test di usabilità informali, non documentati
      • Sul prototipo finale deve essere fatto un test di usabilità strutturato e documentato, con almeno 3 utenti, scelti con esperienza diversa
      • I compiti devono essere significativi: sceglieteli fin dall’inizio
      • Il rapporto sul test di usabilità (Word) segue un template standard
      R.Polillo - Ottobre 2010
    • Il rapporto del test di usabilità: indice
      • Obiettivi del test
      • Metodologia usata
          • Utenti
          • Compiti/scenari
          • Strumentazione
          • Modalità di svolgimento
      • Risultati del test
          • Analitici, con le misure
      • Raccomandazioni finali
          • Analitiche, con livelli di priorità
      • Allegati:
          • Eventuali questionari utilizzati
      R.Polillo - Ottobre 2010
    • Interazioni con i docenti
      • 3 momenti di interazione con i docenti:
        • Revisione del documento dei requisiti / prototipo di carta
        • Revisione del primo prototipo PowerPoint Alcuni gruppi lo presenteranno in aula
        • (al momento dell’esame): revisione del prototipo finale PowerPoint (portare anche la relazione sul test di usabilità)
      • Nota: Alle revisioni devono partecipare tutti i componenti del gruppo
      R.Polillo - Ottobre 2010
    • Scelta del tema
      • Una buon tema è essenziale per la buona riuscita del progetto
      • Se avete un hobby, o conoscete bene un argomento, scegliete un progetto in quell’ambito
      • Scegliete un tema in un ambito che non conoscete solo se avete accesso a delle persone che lo conoscono bene e che possono aiutarvi a definire i requisiti
      • In ogni caso, non scegliete temi troppo complessi o fantascientifici
      • Anche un tema in apparenza banale può portare a un progetto innovativo, se sviluppato in modo appofondito
      R.Polillo - Ottobre 2010
    • Suggerimenti
      • Tenete sempre presenti gli obiettivi del prototipo, e concentratevi sugli aspetti importanti, lasciando perdere i dettagli irrilevanti (es. messaggi di errore, login, …)
      • Un prototipo PowerPoint è di tipo “usa e getta”: non lasciatevi prendere la mano
      • Deve permettere un test di usabilità significativo, quindi... - deve essere navigabile - deve funzionare - non deve contenere meta-commenti
      R.Polillo - Ottobre 2010
    • Ed ora…
      • Formazione dei gruppi
      • Discussione delle proposte
      • Buon lavoro!
      R.Polillo - Ottobre 2010
    • Queste slides…
      • … si basano sul libro “Facile da usare”, dell’autore, dove si trovano tutte le necessarie spiegazioni. Vedi www.rpolillo.it
      • Queste slide sono disponibili con licenza Creative Commons (attribuzione, non commerciale, condividi allo stesso modo) a chiunque desiderasse utilizzarle, per esempio a scopo didattico, senza necessità di preventiva autorizzazione.
      • La licenza non si estende alle immagini fotografiche e alle screen shots, i cui diritti restano in capo ai rispettivi proprietari, che sono stati indicati, ove possibile, nelle didascalie del libro. L’autore si scusa per eventuali omissioni, e resta a disposizione per correggerle.
      R.Polillo - Ottobre 2010