• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
4. Presenza web nel non profit
 

4. Presenza web nel non profit

on

  • 2,584 views

Slides dal corso di Laboratorio Internet del prof.R.Polillo - Università di Milano Bicocca, A.A.2010-11

Slides dal corso di Laboratorio Internet del prof.R.Polillo - Università di Milano Bicocca, A.A.2010-11

Statistics

Views

Total Views
2,584
Views on SlideShare
2,527
Embed Views
57

Actions

Likes
1
Downloads
116
Comments
1

2 Embeds 57

http://www.rpolillo.it 56
http://translate.googleusercontent.com 1

Accessibility

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel

11 of 1 previous next

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
  • Buongiorno, vi segnalo 2 iniziative realizzate e promosse dalla Associazione Italiana sclerosi multipla su questi argomenti, un toolkit dedicato ai social network e all'attivismo digitale www.aism.it/socialmedia e una guida dedicata al digital storytelling www.aism.it/storytelling
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    4. Presenza web nel non profit 4. Presenza web nel non profit Presentation Transcript

    • Corso Laboratorio Internet – Prof. Roberto Polillo
      Università degli Studi di Milano Bicocca – Anno Accademico 2010-11
      4. PRESENZA WEB per il non-profit
    • Perché il non-profit sul Web?
      2
      Per farsi conoscere
      Per spiegare che cosa si fa e si è fatto
      Per raccogliere volontari
      Per raccogliere fondi
      Per restare in contatto con la propria comunità
      COMUNICAZIONE – INTERAZIONE - FINANZIAMENTO
      R.Polillo – Ottobre 2010
    • Il Web oggi
      È molto cambiato rispetto a pochi anni fa (Web 2.0)
      Non solo il sito istituzionale, ma una presenza molteplice e distribuita
      La comunicazione non è solo unidirezionale, ma bidirezionale
      I visitatori contribuiscono alla diffusione dei messaggi (“marketing virale”)
      È facile da usare
      Costa poco – o nulla
      3
      R.Polillo – Ottobre 2010
    • La presenza web tradizionale
      Sito web
      Visitatore
      4
      R.Polillo – Ottobre 2010
    • La presenza web, oggi
      Sito web
      Blog
      Visitatore
      5
      R.Polillo – Ottobre 2010
    • Tutti i siti sono collegati in un “sistema”
      Sito web
      Blog
      Visitatore
      6
      R.Polillo – Ottobre 2010
    • Social buttons
      R.Polillo – Ottobre 2010
    • 8
      Pagina Facebook: esempio
      R.Polillo – Ottobre 2010
    • 9
      Canale YouTube: esempio
      R.Polillo – Ottobre 2010
    • 10
      Pagina Flickr: esempio
      R.Polillo – Ottobre 2010
    • 11
      Pagina Twitter: esempio
      R.Polillo – Ottobre 2010
    • R.Polillo – Ottobre 2010
      Sezioni tipiche di un buon sito web per il non profit
      Chi siamo
      Missione
      Attività/Progetti
      Gallerie di documenti fotografici e video
      Notizie
      Newsletter
      Come aiutarci
      Raccolta fondi
      Ricerca
      Social buttons
      Share buttons
      Comunicazione con organi stampa
      12
      R.Polillo – Ottobre 2010
    • 13
      R.Polillo – Ottobre 2010
    • 14
      Feeds da altri siti: esempio
      R.Polillo – Ottobre 2010
    • Sito web
      Blog
      Visitatore
      15
      R.Polillo – Ottobre 2010
    • Il visitatore può interagire
      Sito web
      Blog
      Visitatore
      16
      R.Polillo – Ottobre 2010
    • 17
      R.Polillo – Ottobre 2010
    • 18
      R.Polillo – Ottobre 2010
    • 19
      R.Polillo – Ottobre 2010
    • 20
      R.Polillo – Ottobre 2010
    • 21
      R.Polillo – Ottobre 2010
    • Il visitatore come megafono
      Sito web
      Blog
      Visitatore
      Presenza Web del visitatore
      Blog
      Sito web
      22
      R.Polillo – Ottobre 2010
    • Il visitatore come megafono
      Sito web
      Blog
      Visitatore
      Presenza Web del visitatore
      Sharebuttons
      Blog
      Sito web
      23
      R.Polillo – Ottobre 2010
    • Marketing virale
      24
      La rete dei nostri visitatori
      La rete degli amici dei nostri visitatori
      La rete degli….
      R.Polillo – Ottobre 2010
    • A che punto siamo oggi in Italia
      25
      Una valutazione della qualità dei siti delle ONG riconosciute dal Ministero Affari Esteri
      (circa 240)
      (Francavilla e Polillo, dic 2009)
      R.Polillo – Ottobre 2010
    • Profilo 1: Siti statici
      La grande maggioranza dei siti italiani:
      Nessuna funzionalità interattiva (solo motore di ricerca)
      Spesso molto ricchi di contenuti
      Spesso architettura informativa scadente
      R.Polillo – Ottobre 2010
      26
      Esempi tipici:
      www.abcsverona.it
      www.africa70.org
      www.africamission.org
      www.puntoapunto.org
      www.iahm.org
      www.ice.it
      www.icsitalia.org
      www.lvia.it
      www.nuovispazialservire.it
    • R.Polillo – Ottobre 2010
      27
      www.africa70.org
    • R.Polillo – Ottobre 2010
      28
      www.iahms.org
    • R.Polillo – Ottobre 2010
      29
      www.abcsverona.it
    • R.Polillo – Ottobre 2010
      www.africamission.org
      30
    • R.Polillo – Ottobre 2010
      www.puntoapunto.org
      31
    • Profilo 2: siti interattivi
      Caratteristiche dei siti statici, più:
      Donazioni on-line
      Form per inviare msg alla organizzazione (per es. offerte di collaborazione)
      Feed RSS per le notizie
      Share buttons
      Area riservata (intranet)
      R.Polillo – Ottobre 2010
      32
      Esempi:
      www.aispo.org
      www.actionaid.it
      www.aifo.it
      www.oafi.org
      www.icu.it
    • R.Polillo – Ottobre 2010
      33
      www.aifo.it
    • R.Polillo – Ottobre 2010
      34
      www.iboitalia.org
    • Profilo 3: Siti sociali
      A questo livello, in Italia, solo poche organizzazioni
      Funzionalità dei siti interattivi, più:
      Profili sulle principali social network
      Integrazione delle informazioni sui diversi profili (es. foto embedding da flickr)
      Donazioni on-line più articolate
      A volte, social network per i membri
      R.Polillo – Ottobre 2010
      35
      Esempi:
      www.acra.it
      www.amref.it
      www.emergency.it
      www.manitese.it
      www.savethechildren.it
      www.soleterre.it
      www.wwf.it
    • R.Polillo – Ottobre 2010
      www.amref.it
      36
    • R.Polillo – Ottobre 2010
      37
      Fanpage di Amref su Facebook
    • Canale di Amref su Youtube
      R.Polillo – Ottobre 2010
      38
      Canale Youtube di Amref
    • R.Polillo – Ottobre 2010
      39
      www.soleterre.it
    • In sostanza…
      Essenzialmente siti “vetrina”, in gran parte rudimentali
      No interattività, no community, no donazioni online
      Presenza Web 2.0 quasi inesistente
      Sostenibilità problematica (no CMS diffusi)
      Incertezza e diffidenza verso la tecnologia
      40
      R.Polillo – Ottobre 2010
    • Che cosa si può fare
      I siti si costruiscono in fretta (site builder Web 2.0); la loro gestione non richiede competenze tecniche;
      Non servono infrastrutture hardware e tecnici in casa (hosting gratuiti o a basso costo)
      I costi di realizzazione e gestione sono modestissimi
      Le applicazioni social sono gratuite (Facebook, Youtube, Flickr, Twitter, …)
      Indispensabile grande attenzione alla comunicazione(grafica e multimedialità, testi, usabilità)
      41
      R.Polillo – Ottobre 2010
    • 42
      Vedi tesi di Maggioni
      R.Polillo – Ottobre 2010
    • Buon lavoro, ora tocca a voi!
      R.Polillo – Ottobre 2010
      43
    • Queste slides…
      R.Polillo – Ottobre 2010
      44
      Queste slide sono disponibili con licenza Creative Commons (attribuzione, non commerciale, condividi allo stesso modo) a chiunque desiderasse utilizzarle, per esempio a scopo didattico, senza necessità di preventiva autorizzazione.
      La licenza non si estende alle immagini fotografiche e alle screen shots, i cui diritti restano in capo ai rispettivi proprietari, che sono stati indicati, ove possibile. L’autore si scusa per eventuali omissioni, e resta a disposizione per correggerle.