4. Introduzione al web (Parte I)

918 views

Published on

Slides dalle lezioni del corso di Strumenti e applicazioni del Web per il corso di laurea magistrale in Teoria e tecnologia della comunicazione - Università di Milano Bicocca (prof.R.Polillo)

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
918
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
410
Actions
Shares
0
Downloads
36
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide
  • Questa sequenza mostra le immagini dell’inizio di Myst, contigue.
    Myst, di Rand e Robin Miller
    Broderbund - Cyan, 1994
    Myst, realizzato dagli stessi autori di The Manholer, ha avuto un enorme successo di mercato. Gli autori hanno poi realizzato il seguito di Myst, The Riven.
  • 4. Introduzione al web (Parte I)

    1. 1. Edizione 2013-14 Università degli Studi di Milano Bicocca Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione Corso di Strumenti e applicazioni del Web 4. Introduzione al Web Roberto Polillo
    2. 2. 2 Queste slides fanno parte del corso “Strumenti e applicazioni del Web”. Il sito del corso, con il materiale completo, si trova in www.corsow.wordpress.com . Data la rapida evoluzione della rete, il corso viene aggiornato ogni anno. Il presente materiale è pubblicato con licenza Creative Commons “Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo – 3.0” (http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/3.0/it/deed.it ): La licenza non si estende alle immagini provenienti da altre fonti e alle screen shots, i cui diritti restano in capo ai rispettivi proprietari, che, ove possibile, sono stati indicati. L'autore si scusa per eventuali omissioni, e resta a disposizione per correggerle. R.Polillo - Marzo 2014 Queste slides
    3. 3. Sintesi delle puntate precedenti  Internet è una rete di reti  Il protocollo TCP/IP suddivide il data stream in pacchetti che seguono strade diverse (routing)  Ogni nodo della rete è individuato da un indirizzo IP, assegnato da un server DHCP  Si usano nomi di dominio strutturati, che vengono associati agli indirizzi IP da server DNS distribuiti  La governance di Internet è complessa e multistakeholder; le regole per l'assegnazione dei nomi su Internet vengono gestite da ICANN  Internet è una rete progettata per essere stupida (best effort delivery, end-to-end principle)  L’accesso alla rete è fornito dagli ISP, di varia dimensione e livello; con mutui accordi di peering e di transit  L’ecosistema di Internet è molto complesso, gli attori hanno ruoli che variano nel tempo e interessi comuni e contrapposti  Il principio della neutralità della rete è contrastato dagli operatori di telecomunicazioni  Il dibattito sulla regolamentazione è molto vivo R.Polillo - Marzo 2014 3
    4. 4. LINK NODO Ipertesto R.Polillo - Marzo 2014 4
    5. 5. stack card area sensibile (bottone invisibile) script clic Ipertesti off-line: Hypercard (1987) R.Polillo - Marzo 2014 5 Realizzato da Bill Atkinson per Apple Macintosh, 1984+
    6. 6. Hypercard: esempi (video)  Computer chronicles: Hypercard Mania! https://www.youtube.com/watch?v=BeMRoYDc2z8 Intervista a Bill Atkinson, con esempi importanti (22', da vedere)  The Manhole (1988, 8') di Rand e Robin Miller https://www.youtube.com/watch? v=YyOTq1EpV5o  A children hypercard adventure (3'): http://bit.ly/XFN1hT R.Polillo - Marzo 2014 6
    7. 7. Myst, 1993 (di Rand e Robin Miller) R.Polillo - Marzo 2014 7
    8. 8. (Le immagini che seguono sono contigue) R.Polillo - Marzo 20148
    9. 9. R.Polillo - Marzo 20149
    10. 10. R.Polillo - Marzo 201410
    11. 11. R.Polillo - Marzo 201411
    12. 12. R.Polillo - Marzo 201412
    13. 13. R.Polillo - Marzo 201413
    14. 14. R.Polillo - Marzo 201414
    15. 15. R.Polillo - Marzo 201415
    16. 16. R.Polillo - Marzo 201416
    17. 17. L'idea di base del World Wide Web  Archiviare pagine di ipertesto su computer in Internet, permettendo di linkarle fra loro (indipendendentemente dalla loro collocazione)  Permetterne l’accesso da qualunque computer in Internet  Specificandone soltanto un nome simbolico (URL, Uniform Resource Locator), o cliccando il link su una pagina R.Polillo - Marzo 2014 17
    18. 18. Il world wide web INTERNET Pagina (file) Link R.Polillo - Marzo 2014 18
    19. 19. Che cos’è il World Wide Web Un sistema di tecnologie correlate, evolutesi con continuità a partire dai primi anni ’90: R.Polillo - Marzo 2014 19 Concetto di ipertesto (es.Hypercard, 1987) Protocolli internet: - TCP/IP (primi anni 70) - DNS (primi anni 80) • HTTP • HTML • URI • BROWSER (da1990-91) + WW W =
    20. 20. Il World Wide Web 20 Tim Berners-Lee (1995) "I just had to take the hypertext idea and connect it to the TCP Protocol and Domain Name System ideas and – Ta-da! – the World Wide Web!” R.Polillo - Marzo 2014
    21. 21. Il protocollo HTTP R.Polillo - Marzo 2014 21 HOST HOSTROUTER ROUTER Web server Trasporto Internet Network Internet Network Internet Network Browser Trasporto Internet Network Protocollo HTTP TCP: Transmission Control Protocolo IP: Internet Protocolo ClientServer HyperText Transfer Protocol: le regole che governano il trasferimento di pagine web dal computer che le archivia (“server”) al computer che le richiede (“client”) HyperText Transfer Protocol: le regole che governano il trasferimento di pagine web dal computer che le archivia (“server”) al computer che le richiede (“client”)
    22. 22. Il protocollo HTTP 22 HTTP internet Browser Web server HTML GET (URL) HTML PUT Protocollo stateless
    23. 23. HTTP: privacy R.Polillo - Marzo 2014 23 HTTP internet Browser Web server HTML GET (URL) HTML PUT Log file •Indirizzo IP •Referrer •Browser name •Screen resolution •OS •… Il browser trasmette al Web server alcune informazioni sul richiedente… … e il web server le raccoglie in un log file
    24. 24. Web analytics  In tempo differito analisi ex-post dei dati raccolti nel log file  In tempo reale analisi della situazione corrente Es.: Google Analytics R.Polillo - Marzo 2014 24
    25. 25. HTTP: privacy R.Polillo - Marzo 2014 25 HTTP internet Browser Web server HTML GET (URL) HTML PUT Cookies • Files che vengono “parcheggiati” dall’applicazione Web nel browser dell’utente, per ricordarsi che cosa ha fatto sul sito • L’utente può chiedere al browser di non accettarli • Files che vengono “parcheggiati” dall’applicazione Web nel browser dell’utente, per ricordarsi che cosa ha fatto sul sito • L’utente può chiedere al browser di non accettarli
    26. 26. Naming: URI, URL, URN 26 URI Uniform Resource Identifier URN Uniform Resource Name Specifica il nome della risorsa Esempio: (International Standard Book Number) R.Polillo - Marzo 2014 URL Uniform Resource Locator Specifica l'indirizzo della risorsa
    27. 27. Esempio 27 R.Polillo - Marzo 2014 Web server Root / A corso B Index.ht ml Filesystemdel computer
    28. 28. URL shortening  Gli URL tendono ad essere lunghi → servizi che accorciano gli URL  Esempio: http://www.rpolillo.it/index.php/2013/01/workshop-su-digital-heritage- levoluzione-della-memoria-1-feb-2012-in-bicocca/ → http://bit.ly/YbLyml R.Polillo - Marzo 2014 28 Esempi: bit.ly tinyurl.com t.Co …. Statistiche d'accesso e altri servizi HTTP internet Browser Web server HTML HTML PUT GET Servizio di URL shortening
    29. 29. Lavoro individuale  Quali informazioni il browser trasmette al web server in un dialogo HTTP? Approfonditelo, per es. sulle pagine di Wikipedia  Approfondite la problematica dei cookies, e verificate le opzioni del vostro browser relativamente all’accettazione dei cookies, e i settaggi in atto.  Approfondite il concetto di URL  Provate qualche servizio di URL shortening, e verificate quali servizi aggiuntivi vi vengono offerti, e il modello di business che permette al servizio di sopravvivere sul mercato R.Polillo - Marzo 2014 29

    ×