• Like
  • Save
23. Open internet
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

23. Open internet

on

  • 744 views

Slides dalle lezioni del corso di Strumenti e applicazioni del Web per il corso di laurea in Teoria e tecnologia della comunicazione - Università di Milano Bicocca (prof.R.Polillo) - Lezione dl 27 ...

Slides dalle lezioni del corso di Strumenti e applicazioni del Web per il corso di laurea in Teoria e tecnologia della comunicazione - Università di Milano Bicocca (prof.R.Polillo) - Lezione dl 27 maggio 2014

Statistics

Views

Total Views
744
Views on SlideShare
517
Embed Views
227

Actions

Likes
1
Downloads
7
Comments
0

2 Embeds 227

http://corsow.wordpress.com 225
http://192.168.6.184 2

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment
  • Il primo invito di Linus Torvalds a lavorare su Linux. <br />

23. Open internet 23. Open internet Presentation Transcript

  • Edizione 2013-14 Università degli Studi di Milano Bicocca Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione Corso di Strumenti e applicazioni del Web Open Internet Roberto Polillo
  • 2 Queste slides fanno parte del corso “Strumenti e applicazioni del Web”. Il sito del corso, con il materiale completo, si trova in www.corsow.wordpress.com . Data la rapida evoluzione della rete, il corso viene aggiornato ogni anno. Il presente materiale è pubblicato con licenza Creative Commons “Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo – 3.0” (http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/3.0/it/deed.it ): La licenza non si estende alle immagini provenienti da altre fonti e alle screen shots, i cui diritti restano in capo ai rispettivi proprietari, che, ove possibile, sono stati indicati. L'autore si scusa per eventuali omissioni, e resta a disposizione per correggerle. R.Polillo - Maggio 2014 Queste slides
  • La rete e la creatività R.Polillo - Maggio 2014 3 “Per inventare, serve una buona immaginazione e un mucchio di cianfrusaglie” Thomas A.Edison
  • La rete e la creatività R.Polillo - Maggio 2014 4 “I think it is in collaboration that the nature of art is revealed” Steve Lacy
  • Open internet 5 La rete può essere un gigantesco ambiente cooperativo “aperto” che stimola e rende possibile la creatività  Gli utenti creano contenuti  I contenuti sono condivisi e riutilizzati  La partecipazione e la comunicazione sono libere R.Polillo - Maggio 2014
  • Filosofia “open” 6 Favorire al massimo grado la disponibilità di opere dell’ingegno in formati che ne permettano l’uso, la riproduzione, la modifica e il riutilizzo da parte di chiunque, nel rispetto di specificate regole (“licenze d’uso”)  Open source http://en.wikipedia.org/wiki/Open_source  Open content http://it.wikipedia.org/wiki/Open_content  Open data http://en.wikipedia.org/wiki/Open_Data  Open API http://en.wikipedia.org/wiki/Open_API R.Polillo - Maggio 2014
  • R.Polillo - Maggio 20147 Il riuso di opere altrui per creare nuove opere c'è sempre stato, ma ora è possibile a un livello mai visto prima: Tecnologie di riproduzione ed editing Tecnologie di distribuzione
  • Creazione collettiva vs diritto d’autore 8 “Artists have always influenced and imitated one another, but in the 20th century various forms of appropriation, from collage to sampling, emerged as an alternative to ex nihilo creativity. Instead of making things entirely from scratch, artists began to use found images and sounds in their work. The rise of appropriation, driven initially by technologies of mechanical reproduction, became even more pronounced with the appearance of personal computers, the Internet, and peer-to-peer file sharing networks. Meanwhile, the intellectual property laws that regulate access to appropriated material have become increasingly restrictive. As the tension between artistic practices and intellectual property policies has increased, an unlikely alliance of progressive legal scholars, artists, and technologists has developed alternative models, such as CopyLeft and Creative Commons, for sharing intellectual property.” http://en.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:School_and_university_projects/Open_Source_Culture R.Polillo - Maggio 2014
  • R.Polillo - Maggio 20149 A.Renoir, La déjeuner des canotiers, 1880-82
  • 10 R.Polillo - Maggio 2014 Caravaggio Van Gogh Picasso HolbeinLeonardo Ingres Renoir Renoir Renoir
  • R.Polillo - Maggio 201411
  • Collage 12 Kurt Schwitters, 1919 Richard Hamilton, 1956 R.Polillo - Maggio 2014
  • 13 R.Polillo - Maggio 2014 Photoshop
  • 14 R.Polillo - Maggio 2014
  • R.Polillo - Maggio 201415 Musica: mashup & remixRemix is revisiting of a piece of content. Mashup is a particular remix technique utilizing content from multiple sources. (from a tweet)
  • Music remixes & mashups: esempi  http://remix.vg/madonna-vs-lady-gaga-vs-pitbull-you-know-i-want-love-  http://topmusictracks.com/remix-top-20/  http://www.capitalxtra.com/xplore/lists/best-remixes-2014/  https://www.youtube.com/playlist?list=PLD68198AF5FA07756  http://en.wikipedia.org/wiki/Mashup_(music) R.Polillo - Maggio 2014 16
  • Video e cinema R.Polillo - Maggio 2014 17 http://remix.vg/michael-jackson-legendary- megamix-robin-skouteris-mashup-2708/ A tribute to Michael Jackson by R.Skouteris http://www.youtube.com/movie?v=JaFVr_cJJIY&feature=mv_sr Crowdsourced movie (2011) 8000 video clips, 4500 ore di video da 192 Paesi La vita sul pianeta nel giorno 24 luglio 2010 Assiemato da Ridley Scott, visibile su YouTube, circa 1,30h http://en.wikipedia.org/wiki/Life_in_a_Day_(2011_film)
  • Scultura R.Polillo - Maggio 2014 18 Marcel Duchamp, 1913
  • 3D printing R.Polillo - Maggio 2014 19
  • 3D printing R.Polillo - Maggio 2014 20
  • Alcuni problemi  Che cos'è un'opera derivata?  Quali sono le modalità lecite per produrla?  Chi è l'autore di un'opera derivata?  Chi è l'autore di un'opera (massivamente) collettiva?  Quali sono i diritti degli autori e dei fruitori? R.Polillo - Maggio 2014 21
  • Il problema della pirateria  Utilizzo illecito di opere dell'ingegno altrui  In Italia è molto diffusa  Costituisce un grave danno per l'economia  È molto difficile da contrastare R.Polillo - Maggio 2014 22
  • Diritto d'autore Art.2575 CC: Formano oggetto del diritto di autore le opere dell’ingegno di carattere creativo che appartengono alle scienze, alla letteratura, alla musica, alle arti figurative, all’architettura, al teatro e alla cinematografia, qualunque ne sia il modo o la forma di espressione. Art.2577 CC: L’autore ha il diritto esclusivo di pubblicare l’opera e di utilizzarla economicamente in ogni forma e modo, nei limiti e per gli effetti fissati dalla legge. L’autore, anche dopo la cessione dei diritti previsti dal comma precedente, può rivendicare la paternità dell’opera e può opporsi a qualsiasi deformazione, mutilazione o altra modificazione dell’opera stessa, che possa essere di pregiudizio al suo onore o alla sua reputazione. http://it.wikipedia.org/wiki/Diritto_d%27autore_italiano R.Polillo - Maggio 2014 23
  • Il nuovo regolamento AGCOM AGCOM: Autorità per le Garanzie nelle Telecomunicazioni Regolamento in materia di tutela del diritto d'autore sulle reti di comunicazione elettronica e procedure attuative http://www.agcom.it/Default.aspx?DocID=12229 Dopo lungo dibattito, emesso nel dicembre 2013, in vigore da 31 marzo 2014 "…mira a promuovere lo sviluppo dell'offerta legale di opere digitali e l'educazione alla corretta fruizione delle stesse e reca le procedure volte all'accertamento e alla cessazione delle violazioni del diritto d'autore e dei diritti connessi […] non si riferisce agli utenti finali che fruiscono di opere digitali in modalità downloading o streaming nonché alle applicazioni e ai programmi per l'elaborazione attraverso i quali si realizza la condivisione diretta fra utenti finali di opere digitali attraverso reti di comunicazione elettronica" R.Polillo - Maggio 2014 24
  • Punti chiave del regolamento AGCOM  Istituzione di un Comitato per lo sviluppo e la tutela dell'offerta legale di opere digitali, cui partecipano tutti i principali stakeholder  Definizione delle procedure (rapide) per richiedere la rimozione delle violazioni del diritto d'autore, su istanza della parte lesa all'Autorità  L'Autorità valuta l'istanza e la archivia, o ordina al provider di rimuovere l'opera o impedirne l'accesso  L'Autorità non interviene in caso di procedimento presso la Magistratura. R.Polillo - Maggio 2014 25
  • Pubblico dominio 26  Un’opera d'ingegno si dice di pubblico dominio quando non esiste nessuna legge che stabilisce dei diritti di proprietà, o quando l'oggetto in questione è specificatamente escluso da tali diritti dalle leggi vigenti  Esempio: Quando il diritto d’autore di un’opera scade, essa rientra nel pubblico dominio (i termini variano a seconda dei Paesi)  http://it.wikipedia.org/wiki/Pubblico_dominio R.Polillo - Maggio 2014
  • Creative commons (CC) 27  Organizzazione non-profit costituita nel 2001, per iniziativa di Laurence Lessig, professore di diritto a Stanford, con la missione di: “design methods and technologies that facilitate sharing of scientific, creative and other intellectual works with the general public.”  CC ha prodotto diversi modelli di licenze che permettono ai creatori di opere di specificare in modo semplice e chiaro quali diritti sulla loro opera sono riservati, e quali vengono ceduti ad altri creatori (NB Le licenze CC non riguardano il software)  http://www.creativecommons.org R.Polillo - Maggio 2014
  • L'idea: uno spettro di possibilità 28 “Share, Remix, Reuse – legally R.Polillo - Maggio 2014
  • Le licenze Creative Commons 29 http://creativecommons.org/licenses/ R.Polillo - Maggio 2014 BY NC ND/SA Es.: Wikipedia Es.: Queste slides
  • La licenza di Wikipedia R.Polillo - Maggio 2014 30 http://en.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Copyrights http://en.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Text_of_Creative_Commons_At tribution-ShareAlike_3.0_Unported_License
  • Le licenze di Wikipedia 31  All text in Wikipedia was covered by GNU Free Documentation License (GFDL), a copyleft license permitting the redistribution, creation of derivative works, and commercial use of content while authors retain copyright of their work, up until June 2009, when the site switched to Creative Commons Attribution-ShareAlike (CC-by-SA) 3.0.  Wikipedia had been working on the switch to Creative Commons licenses because the GFDL, initially designed for software manuals, is not suitable for online reference works and because the two licenses were incompatible.  In response to the Wikimedia Foundation's request, in November 2008, the Free Software Foundation (FSF) released a new version of GFDL designed specifically to allow Wikipedia to relicense its content to CC-BY-SA by August 1, 2009. Wikipedia and its sister projects held a community-wide referendum to decide whether or not to make the license switch.[  In consequence of the referendum, the Wikimedia Board of Trustees voted to change to the Creative Commons license, effective June 15, 2009 R.Polillo - Maggio 2014
  • La licenza di queste slides 32 R.Polillo - Maggio 2014
  • E per il software? Closed source  Il codice sorgente non viene diffuso  Tutti i diritti sono riservati all'autore, che è l'unico che può modificarlo  Il codice oggetto viene distribuito con licenza d'uso, ma rimane di proprietà dell'autore e non può essere copiato R.Polillo - Maggio 2014 33
  • E per il software? (segue) Open source Il codice sorgente viene diffuso Chiunque può modificarlo per migliorarlo o costruire opere derivate, a specificate condizioni (variano da licenza a licenza) L'autore mantiene tutti i diritti Viene spesso sviluppato in modo collaborativo, attraverso la rete R.Polillo - Maggio 2014 34
  • 35 “Open source is transparent. The source code itself is viewable and available to study and comprehend. The code can be changed and then redistributed to share the changes and improvements. It can be executed for any purpose without discrimination. Its process of development is largely open, with the evolution of free and open systems typically preserved in a repository accessible via the Internet, including archives of debates on the design and implementation of the systems and he opinions of observers about proposed changes. Open source differs vastly from proprietary code where all these transparencies are generally lacking. Proprietary code is developed largely in private, albeit its requirements are developed with its prospective constituencies. Its source code is generally non disclosed and is tipically distributed under the shield of binary executables. Its use is controlled by proprietary software licensing restrictions. The right to copy the program executables is restricted and the user is generally forbidden from attempting to modify and certainly from redistributing the code or possible improvements. In most respect, the two modalities of program development are polar opposites, though this is not to say there are not many areas where the commercial and open communities have cooperated.” Deek & McHugh, Open Source, Cambridge Univ.Press, 2008 R.Polillo - Maggio 2014
  • Le due anime del movimento open source 36  Il movimento del free software, iniziato da Richard Stallman con il Progetto GNU (1983) e la Free Software Foundation (1985) http://www.fsf.org/ "Free software is a matter of liberty, not price. To understand the concept, you should think of 'free' as in ‘free speech’, not as in ‘free beer’ Richard Stallman  La Open Source Initiative, fondata da Bruce Peters e Eric Raymond (1989) http://opensource.org/ R.Polillo - Maggio 2014
  • Stallman: le 4 libertà 37 0. Libertà di eseguire il programma per qualsiasi scopo 1. Libertà di studiare il programma e modificarlo 2. Libertà di copiare il programma in modo da aiutare il prossimo 3. Libertà di migliorare il programma e di distribuirne pubblicamente i miglioramenti, in modo tale che tutta la comunità ne tragga beneficio R.Polillo - Maggio 2014
  • Open Source Initiative 38  Fondazione non profit costituita quando Netscape pubblicò il codice sorgente del suo browser  Adotta un punto di vista pragmatico e non ideologico, per promuovere l’uso del software open source, in particolare nelle applicazioni commerciali  “Open source is a development method for software that harnesses the power of distributed peer review and transparency of process. The promise of open source is better quality, higher reliability, more flexibility, lower cost, and an end to predatory vendor lock-in.The Open Source Initiative (OSI) is a non-profit corporation formed to educate about and advocate for the benefits of open source and to build bridges among different constituencies in the open-source community.”  Mantiene una lista di licenze software consistenti con i principi dell’open source (meno restrittivi di quelli di FSF)  http://en.wikipedia.org/wiki/Free_software R.Polillo - Maggio 2014
  • 39  “The fundamental difference between the two movements is in their values, their ways of looking at the world. For the Open Source movement, the issue of whether software should be open source is a practical question, not an ethical one. As one person put it, “Open source is a development methodology; free software is a social movement.” For the Open Source movement, non-free software is a suboptimal solution. For the Free Software movement, non-free software is a social problem and free software is the solution.” Richard Stallman, http://www.gnu.org/philosophy/free-software-for-freedom.html  “We realized it was time to dump the confrontational attitude that has been associated with ‘free software’ in the past and sell the idea strictly on the same pragmatic business-case grounds that motivated Netscape” www.opensource.org/docs/history.php R.Polillo - Maggio 2014
  • FLOSS – F/OSS - FOSS 40 Free[/Libre/]Open Source Software Acronimo usato per riferirsi genericamente a entrambi gli approcci Il termine “Libre” è usato per evitare l’ambiguità del termine “Free”, che significa anche “gratuito” NOTA IMPORTANTE Non confondere il software libero o open source (che è soggetto alle regole espresse nella licenza e il cui autore mantiene tutti i diritti) con il software public domain (PD) (il cui autore non ha più diritti, e che non è soggetto ad alcuna regola). Né FSF né OSI promuovono il concetto di PD. R.Polillo - Maggio 2014
  • Esempio: Linux  Sistema operativo open-source  Sviluppato originalmente da Linus Torvald nel 1991, che mise il codice a disposizione gratuitamente di chi fosse interessato a migliorarlo  Distribuito con licenza GNU General Public License (GPL)  Il primo e più importante caso di sviluppo cooperativo di software open-source  Oggi circa 12% market share dei server OS (1% desktop OS) R.Polillo - Maggio 2014 41
  • Linux: come è stato possibile? 42  Miglioramenti spontanei, incrementali e locali, a partire da una architettura di massima preesistente  Testing e debugging immediato e contemporaneo da parte di un enorme numero di utenti  Problem solving massivamente parallelo  Integrazioni e rilasci frequentissimi (anche giornalieri) R.Polillo - Maggio 2014
  • Linux: come è nato 43  Linus Torvalds, studente di sistemi operativi, realizza una prima versione elementare, per studio personale  Poi mette i sorgenti in rete e chiede aiuto a tutti coloro che sono interessati al progetto, via Internet (5 ott 1991)  Ciò crea una ampia comunità di programmatori, che comunicano attraverso la rete e producono un enorme numero di miglioramenti a partire dal codice iniziale  Linus Torvalds mantiene nel processo un controllo lasco, consultivo e non prescrittivo, assieme a numerosi “guru” emersi spontaneamente nel tempo  Le modifiche al codice vengono integrate e rese disponibili a tutti in rete con estrema frequenza  Il nuovo codice viene immediatamente testato da un gran numero di programmatori, che identificano e rimuovono gli errori R.Polillo - Maggio 2014
  • From: torvalds@klaava.Helsinki.FI (Linus Benedict Torvalds) Newsgroups: comp.os.minix Subject: Free minix-like kernel sources for 386-AT Message-ID: <1991Oct5.054106.4647@klaava.Helsinki.FI> Date: 5 Oct 91 05:41:06 GMT Organization: University of Helsinki Do you pine for the nice days of minix-1.1, when men were men and wrote their own device drivers? Are you without a nice project and just dying to cut your teeth on a OS you can try to modify for your needs? Are you finding it frustrating when everything works on minix? No more all- nighters to get a nifty program working? Then this post might be just for you :-) As I mentioned a month(?) ago, I'm working on a free version of a minix-lookalike for AT-386 computers. It has finally reached the stage where it's even usable (though may not be depending on what you want), and I am willing to put out the sources for wider distribution. <omissis> I can (well, almost) hear you asking yourselves "why?". Hurd will be out in a year (or two, or next month, who knows), and I've already got minix. This is a program for hackers by a hacker. I've enjouyed doing it, and somebody might enjoy looking at it and even modifying it for their own needs. It is still small enough to understand, use and modify, and I'm looking forward to any comments you might have. I'm also interested in hearing from anybody who has written any of the utilities/library functions for minix. If your efforts are freely distributable (under copyright or even public domain), I'd like to hear from you, so I can add them to the system. I'm using Earl Chews estdio right now thanks for a nice and working system Earl), and similar works will be very wellcome. Your (C)'s will of course be left intact. Drop me a line if you are willing to let me use your code. Linus Il primo post di Linus 44 R.Polillo - Maggio 2014
  • (1997-1999) 45 R.Polillo - Maggio 2014 Ci sono due modi di costruire sistemi complessi…
  • La filosofia del bazaar 46 "In the cathedral-builder view of programming, bugs and development problems are tricky, insidious, deep phenomena. It takes months of scrutiny by a dedicated few to develop confidence that you've winkled them all out. Thus the long release intervals, and the inevitable disappointment when long-awaited releases are not perfect. In the bazaar view, on the other hand, you assume that bugs are generally shallow phenomena - or, at least, that they turn shallow pretty quickly when exposed to a thousand eager co-developers pounding on every single new release." (Eric S.Raymond) R.Polillo - Maggio 2014
  • LAVORO INDIVIDUALE 47  Esplora il sito ufficiale di Creative Commons Italia  Impara a trovare materiale (immagini, video, …) liberamente riutilizzabile (PD, CC), attraverso Google, su Flickr e su YouTube  Mettete sempre sulle vostre slides il simbolo R.Polillo - Maggio 2014