Your SlideShare is downloading. ×
20. Le organizzazioni sul web
20. Le organizzazioni sul web
20. Le organizzazioni sul web
20. Le organizzazioni sul web
20. Le organizzazioni sul web
20. Le organizzazioni sul web
20. Le organizzazioni sul web
20. Le organizzazioni sul web
20. Le organizzazioni sul web
20. Le organizzazioni sul web
20. Le organizzazioni sul web
20. Le organizzazioni sul web
20. Le organizzazioni sul web
20. Le organizzazioni sul web
20. Le organizzazioni sul web
20. Le organizzazioni sul web
20. Le organizzazioni sul web
20. Le organizzazioni sul web
20. Le organizzazioni sul web
20. Le organizzazioni sul web
20. Le organizzazioni sul web
20. Le organizzazioni sul web
20. Le organizzazioni sul web
20. Le organizzazioni sul web
20. Le organizzazioni sul web
20. Le organizzazioni sul web
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

20. Le organizzazioni sul web

980

Published on

Slides dalle lezioni del corso di Strumenti e applicazioni del Web per il corso di laurea magistrale in Teoria e tecnologia della comunicazione - Università di Milano Bicocca (prof.R.Polillo) - …

Slides dalle lezioni del corso di Strumenti e applicazioni del Web per il corso di laurea magistrale in Teoria e tecnologia della comunicazione - Università di Milano Bicocca (prof.R.Polillo) - Lezione dell'8 maggio 2014

Published in: Education
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
980
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
10
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Edizione 2013-14 Università degli Studi di Milano Bicocca Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione Corso di Strumenti e applicazioni del Web Le organizzazioni sul Web Roberto Polillo
  • 2. 2 Queste slides fanno parte del corso “Strumenti e applicazioni del Web”. Il sito del corso, con il materiale completo, si trova in www.corsow.wordpress.com . Data la rapida evoluzione della rete, il corso viene aggiornato ogni anno. Il presente materiale è pubblicato con licenza Creative Commons “Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo – 3.0” (http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/3.0/it/deed.it ): La licenza non si estende alle immagini provenienti da altre fonti e alle screen shots, i cui diritti restano in capo ai rispettivi proprietari, che, ove possibile, sono stati indicati. L'autore si scusa per eventuali omissioni, e resta a disposizione per correggerle. R.Polillo - Maggio 2014 Queste slides
  • 3. Obiettivi della presenza in rete  Visibilità e identità del marchio (brand)  Descrizione dei prodotti / servizi  Promozione dei prodotti / servizi Vendita (e-commerce)  Relazioni con il pubblico  Relazioni con la clientela  R.Polillo - Maggio 2014 3 Web 1.0 Web 2.0
  • 4. La presenza in rete come sistema  Non solo il sito, ma un ecosistema…  … un ecosistema di informazioni, servizi, conversazioni, punti di contatto  Multicanalità R.Polillo - Maggio 2014 4
  • 5. Il "sistema” della presenza sul Web Sito Profili sui social media Servizi online Istituzioni Partner Directory, Wikipedia Blog E-newsletter ad ad Banner ads su altre pagine web ad Search ads su search engines R.Polillo - Maggio 2014 5
  • 6. La diversità dei canali  Ogni canale ha caratteristiche proprie  natura del canale  pubblico  visibilità  Il processo di comunicazione va pianificato e continuamente migliorato R.Polillo - Maggio 2014 6
  • 7. Advertising Pubblicazione & Community management 3 Strategia di comunicazione e definizione KPI 2 Obiettivi della comunicazione 1 Sistemadi presenzaWeb Il processo Raccolta dati (Web analytics) 4 Proposte migliorative 7 6 Analisi dei risultati Dashboard 5 R.Polillo - Maggio 2014 7 KPI=Key Performance Indicators
  • 8. Misurare il pubblico e il suo coinvolgimento  Reach  Potenziale: il pubblico potenziale dei msg dell’organizzazione  Effettivo: quanto i msg sono effettivamente letti  Engagement Quanto il pubblico è effettivamente “coinvolto” (fa le cose che l’organizzazione desidera facesse) R.Polillo - Maggio 2014 8 Molte metriche possibili
  • 9. Reach: esempi di metriche  Potenziale  N° degli iscritti a un certo social medium  N° dei follower del profilo dell’organizzazione  N° degli amici (o dei follower) dei follower  Effettivo  Page views  N° delle visite al sito  Tasso di rimbalzo (bounce rate)  Durata media della visita  N° dei visitatori unici, ripetuti, nuovi, di ritorno R.Polillo - Maggio 2014 9
  • 10. Engagement: esempi di metriche  Basso livello di engagement  Like, follow di unprofilo  N° di visite al sito veicolate da un social  Vedere un video  Medio livello di engagement  Like, commento su un post  Sharing, retweet, …  Menzioni dell’organizzazione  Alto livello di engagement  Iscrizioni alla newsletter  Rispsoste a un questionario  Iscrizioni a un gruppo dell’organizzazione  Acquisti di prodotti o servizi R.Polillo - Maggio 2014 10 “conversioni”
  • 11. Analisi dei trend: esempio R.Polillo - Maggio 2014 11
  • 12. … dati grezzi di canale (annuali e mensili) KPI di canale (annuali e mensili) KPI del sistema (annuali e mensili) Canale1Canale2CanaleN daglianalyticsdicanale La dashboard
  • 13. Esempio R.Polillo - Maggio 2014 13
  • 14. Il sito istituzionale ("corporate website")  È il cuore della presenza online di un'organizzazione e, in molti casi, il suo più importante canale di comunicazione  Sezioni tipiche:  Chi siamo (Missione, Organizzazione, Finanza)  I nostri prodotti/servizi (con eventuale shop)  Notizie e comunicati R.Polillo - Maggio 2014 14
  • 15. Il sito aziendale nell'era del mobile Due possibili approcci:  m-site [un sito mobile separato da quello desktop]  un sito responsive La filosofia del "Web unico": un cambiamento radicale di paradigma nella progettazione Web R.Polillo - Maggio 2014 15
  • 16. Esempi di siti responsive  http://www.ge.com  http://www.gatesfoundation.org R.Polillo - Maggio 2014 16
  • 17. Corporate site: esempi  http://www.armani.com/  http://www.prada.com/  http://www8.hp.com  http://www.apple.com/  http://www.fiat.it  http://www.unicreditgroup.eu  https://www.unicredit.it R.Polillo - Maggio 2014 17
  • 18. I social media: perché le organizzazioni  Branding Far conoscere il proprio marchio  Community building Creare una community attorno al brand  Customer support Interagire con i propri clienti  Sales Vendere i propri prodotti / servizi R.Polillo - Maggio 2014 18
  • 19. Le “pagine” di Facebook  Prima: “pagina fan”  Non amici, ma follower (“Mi piace”), senza limiti di numero  Esempi: https://www.facebook.com/emergency.ong https://www.facebook.com/fiat500  Uno o più amministratori, con un profilo personale  Strumenti di amministrazione  Facebook Insights Es.: https://www.facebook.com/Thinktheinnovationknowledgefoundation 19
  • 20. Marketing "virale" “un virus è un programma di marketing definitivo. Quando si deve diffondere un messaggio in poco tempo, con un budget minimo e con il massimo effetto, nulla al mondo batte un virus. Ogni specialista di marketing vorrebbe avere un impatto radicale sui pensieri e sui comportamenti del suo target: ogni virus di successo fa esattamente questo.” J.Rayport R.Polillo - Maggio 2014 20
  • 21. La presenza sui social media R.Polillo - Maggio 2014 21 Indagine sull'uso dei social media da parte di un campione di aziende italiane (ANVED, eCircle, CRIBIS D&B, gennaio 2013: http://www.socialmediaeasy.it/blog/2013/03/06/quanto-sono-social-le-aziende-italiane-i-risultati-dellindagine-2013-di-ecircle/
  • 22. R.Polillo - Maggio 201422 Fonte: Indagine di Anved con eCircle e CRIBIS D&B, Feb 2013
  • 23. La e-newsletter  Inviata per e-mail  Il suo scopo è di essere aperta e letta  open rate: 20-25%  click-through rate: 10-15%  conversion rate: 2-4%  Quindi deve essere breve: messaggi essenziali, no ridondanze e decorazioni inutili  Rinvia al sito istituzionale per approfondimenti  Le newsletter migliori sono una sorta di "micro- siti" inviati per email R.Polillo - Maggio 2014 23
  • 24. R.Polillo - Maggio 201424 Esempio
  • 25. Privacy D.lgs.2003/196 "Codice in materia di protezione dei dati personali"  L'indirizzo di email è un dato personale, l'utente deve dare il suo consenso all'uso  Il consenso deve essere "informato" → l'utente deve esplicitamente approvare un'informativa contenente le informazioni prescritte dalla norma R.Polillo - Maggio 2014 25
  • 26. Lavoro individuale  Esaminate il sistema di presenza Web di importanti aziende di vostro interesse: - come comunicano? - quale immagine trasmettono? R.Polillo - Maggio 2014 26

×