1.Introduzione al corso
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

1.Introduzione al corso

on

  • 385 views

Slide dalle lezioni del corso di Interazione Uomo Macchina di R.Polillo, per il corso di laurea triennale in Informatica, Università di Milano Bicocca.

Slide dalle lezioni del corso di Interazione Uomo Macchina di R.Polillo, per il corso di laurea triennale in Informatica, Università di Milano Bicocca.

Prima lezione, del 4 marzo 2014

Statistics

Views

Total Views
385
Views on SlideShare
385
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
50
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment
  • “Human-computer interaction is a discipline concerned with the design, evaluation and implementation of interactive computing systems for human use and with the study of major phenomena surrounding them.” <br />
  • Visione ingenua: &quot;meccanizzazione dei compiti manuali&quot; <br />
  • &quot;Coevoluzione&quot; dell&apos;uomo e dei suoi strumenti <br /> Anni 80 <br /> Per esempio: Vinograd e Flores, Understanding Human Cognition, 1986 <br /> Visione recepita nello sviluppo iterativo dei sistemi, che non termina sostanzialmente mai. <br /> Evoluzione fluida? Un miglioramento continuo guidato dai bisogni? <br /> Le cose sono molto più complicate <br />
  • Semplificando un discorso più complesso: <br /> I componenti tecnologici stessi suggeriscono delle nuove possibilità. <br /> Innovatori e venture capitale (e la concorrenza) anche. <br /> Nascono strumenti che non derivano da bisogni espressi. Ma forse nemmeno da bisogni latenti. <br />
  • Questo è particolarmente evidente oggi , perché i componenti tecnologici disponibili sono cresciuti enormemente, ed esiste un enorme mercato dell&apos;ICT <br />

1.Introduzione al corso 1.Introduzione al corso Presentation Transcript

  • 1 INTRODUZIONE AL CORSO Corso di Interazione Uomo Macchina AA 2013-2014 Roberto Polillo Corso di laurea in Informatica Università di Milano Bicocca Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione R.Polillo - Marzo 2014 14 301 e2 on izi Ed
  • Il corso 4 Chi siamo Roberto Polillo Piero Schiavo Campo Orario delle lezioni Martedì 10,30-12,30 Aula U6-10 Mercoledì 14,30-16,30 Aula U6-10 Giovedì 14,30-16,30 Aula U6-10 R.Polillo - Marzo 2014
  • Obiettivi del corso 5   Fornire una introduzione (pratica e teorica) alle problematiche del design dell'interazione uomomacchina, per la progettazione di sistemi interattivi facili da usare (“usabili”) Terminologia: Design = progettazione Progettare = “ideare qualcosa e studiare il modo di attuarla” Sistema interattivo = qualsiasi sistema che interagisce con utenti umani R.Polillo - Marzo 2014
  • Organizzazione del corso 6 Impostazione laboratoriale: Lezioni con discussioni in aula Verranno raccolte le firme di presenza, e il voto finale ne terrà conto Realizzazione di un prototipo si sistema interattivo Gruppi di 3 studenti Diverse fasi di lavoro, con revisioni individuali Prerequisiti: Conoscenza di un toolkit per realizzare app mobili (Android o iOS) R.Polillo - Marzo 2014
  • L’esame 7    Scritto: domande a risposta chiusa e aperta sugli argomenti trattati nel libro di testo Orale: discussione del progetto di gruppo Criteri di Valutazione: Progetto: 66% Scritto: 17% Presenza: 17%  5 Appelli: giugno, luglio, settembre, gennaio, febbraio R.Polillo - Marzo 2014
  • Materiale didattico 8   Libro di testo - Indispensabile per superare l’esame scritto - In libreria o scaricabile da www.rpolillo.it Slides usate a lezione - Su www.rpolillo.it R.Polillo - Marzo 2014
  • Il progetto 9 Realizzazione del prototipo di un semplice sistema interattivo per smartphone (iOS o Android) concordato con il docente (diverso per ogni gruppo): Fase 1: Requisiti, video scenario e "paper prototype" Revisione 1 Fase 2/3: Prototipo preliminare a media fedeltà (toolkit) Revisione 2/3 Fase 3: Prototipo finale, test usabilità (report+video) Esame NB: Le revisioni vengono fatte solo durante il corso e durante le sessioni di esame R.Polillo - Marzo 2014
  • Impegno 10 CORSO = 8 crediti * 25 ore di lavoro ⇒ 200 ore di lavoro Esempio:     Presenza alle lezioni Studio individuale Scritto e revisioni Progetto 40 h 65 h 20 h 75 h (a testa!) -------- Totale 200 h R.Polillo - Marzo 2014
  • 11 La settimana prossima definiamo i progetti: dovete costituire i gruppi e definire le vostre proposte R.Polillo - Marzo 2014
  • Human-Computer Interaction: che vuol dire? 12 “HCI è una disciplina che si occupa della progettazione, valutazione e realizzazione di sistemi interattivi basati su computer destinati all’uso umano e dello studio dei principali fenomeni che li circondano” Da: ACM SIGCHI Curricula for Human Computer Interaction, 1992 http://www.acm.org/sigchi/cdg/ R.Polillo - Marzo 2014
  • 13 La varietà dei sistemi interattivi R.Polillo - Marzo 2014
  • Temi dell’HCI 14      Criteri, metodi e strumenti per la progettazione dell'interazione fra uomo e sistemi interattivi Criteri, metodi e strumenti per la valutazione della facilità d'uso (che significa?) dei sistemi interattivi Progettazione di nuove tecniche di interazione Sviluppo di modelli descrittivi e predittivi dell’interazione … R.Polillo - Marzo 2014
  • Sistemi e interfacce d’uso 15 mondo esterno utente interazione uomo-sistema sistema interattivo Interfaccia d’uso R.Polillo - Marzo 2014
  • I dispositivi per l’interazione 16 R.Polillo - Marzo 2014
  • Origini dell’HCI 17 Nasce negli anni '80 - diffusione di massa dei personal computer (1981: IBM PC, 1984: Apple Macintosh) - ACM CHI (conferenza annuale) dal 1983 Ha le sue origini in due aree disciplinari molto diverse: - l’ergonomia (ergon: lavoro; nomos: legge) - la scienza dei computer R.Polillo - Marzo 2014
  • Ergonomia: esempio 18 R.Polillo - Marzo 2014
  • Interdisciplinarietà dell’HCI 19 Scienze dell’uomo Scienza dei computer • paradigmi di interazione • device di interazione • ui programming • modelli di dialogo • computer graphics e tecniche di visualizzazione • intelligenza artificiale • …. HCI Scienza della progettazione • psicologia • scienze cognitive • psicologia sociale • linguistica • scienze della comunicazione •… • interaction design • industrial design • information architecture • tecniche di valutazione • ergonomia • project management •…. R.Polillo - Marzo 2014
  • Accelerazione della complessità 20 45 anni 45 anni R.Polillo - Marzo 2014
  • L'evoluzione della tecnologia 21 NUOVI NUOVI BISOGNI BISOGNI PROGETTAZIONE PROGETTAZIONE NUOVI SERVIZI / NUOVI SERVIZI / PRODOTTI PRODOTTI R.Polillo - Marzo 2014 USO USO
  • L'evoluzione della tecnologia 22 NUOVI NUOVI BISOGNI BISOGNI PROGETTAZIONE PROGETTAZIONE NUOVI SERVIZI / NUOVI SERVIZI / PRODOTTI PRODOTTI R.Polillo - Marzo 2014 USO USO
  • L'evoluzione della tecnologia 23 INNOVATORI, INNOVATORI, VENTURE CAPITAL VENTURE CAPITAL NUOVI NUOVI BISOGNI BISOGNI PROGETTAZIONE PROGETTAZIONE NUOVI SERVIZI / NUOVI SERVIZI / PRODOTTI PRODOTTI R.Polillo - Marzo 2014 USO USO
  • L'evoluzione della tecnologia 24 INNOVATORI, INNOVATORI, VENTURE CAPITAL VENTURE CAPITAL NUOVI NUOVI BISOGNI BISOGNI PROGETTAZIONE PROGETTAZIONE NUOVI SERVIZI / NUOVI SERVIZI / PRODOTTI PRODOTTI R.Polillo - Marzo 2014 USO USO
  • L'evoluzione della tecnologia 25 INNOVATORI, INNOVATORI, VENTURE CAPITAL VENTURE CAPITAL NUOVI NUOVI BISOGNI BISOGNI PROGETTAZIONE PROGETTAZIONE INTERNET , TELEFONIA MOBILE, GPS, … NUOVI SERVIZI / NUOVI SERVIZI / PRODOTTI PRODOTTI R.Polillo - Marzo 2014 USO USO
  • L'evoluzione della tecnologia 26 INNOVATORI, INNOVATORI, VENTURE CAPITAL VENTURE CAPITAL INTERNET , TELEFONIA MOBILE, GPS, … CAMBIANO I COMPORTAMENTI NUOVI NUOVI BISOGNI BISOGNI PROGETTAZIONE PROGETTAZIONE NUOVI SERVIZI / NUOVI SERVIZI / PRODOTTI PRODOTTI R.Polillo - Marzo 2014 USO USO
  • Perchè è necessario semplificare l’uso 29    Pervasività della tecnologia nel mondo di oggi Necessità di semplificarne l’utilizzo e di renderla accessibile a tutti (chi non la sa o non la può usare viene “tagliato fuori” - digital divide) Necessità di comprendere ruoli e possibilità della tecnologia per migliorare la qualità della vita R.Polillo - Marzo 2014
  • 30 R.Polillo - Marzo 2014
  • Le dimensioni della complessità 31 Complessità d’uso Complessità funzionale Complessità strutturale R.Polillo - Marzo 2014
  • 32 L’interfaccia utente come “filtro semplificatore” Complessità d’uso utente Complessità - funzionale - strutturale Sistema interattivo Filtro R.Polillo - Marzo 2014
  • Per contattarmi 33  polillo@disco.unimib.it  Il sito del corso www.rpolillo.it (con forum per date esami e revisioni)  Nel periodo in cui tengo corsi ricevo Prima o dopo la lezione, davanti all'aula (previo appuntamento) R.Polillo - Marzo 2014