19. Social network sites
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

19. Social network sites

on

  • 513 views

Slides dalle lezioni del corso di Strumenti e applicazioni del Web per il corso di laurea magistrale in Teoria e tecnologia della comunicazione - Università di Milano Bicocca (prof.R.Polillo) - ...

Slides dalle lezioni del corso di Strumenti e applicazioni del Web per il corso di laurea magistrale in Teoria e tecnologia della comunicazione - Università di Milano Bicocca (prof.R.Polillo) - Lezione del 6 maggio 2014

Statistics

Views

Total Views
513
Views on SlideShare
226
Embed Views
287

Actions

Likes
0
Downloads
12
Comments
0

1 Embed 287

http://corsow.wordpress.com 287

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment
  • Sixdegrees: non esiste più <br /> Livejournal: è stata acquisita da una società russa <br /> Friendster: acquisita da una società asiatica, riposizionato come social gaming, non più come social network <br /> Orkut: di Google, importante in India e Brasile <br /> Inoltre: Badoo, nato nel 2006, da un imprenditore russo, 180 milioni di utenti, centrato sul dating, importante in Italia, <br />

19. Social network sites 19. Social network sites Presentation Transcript

  • Edizione 2013-14 Università degli Studi di Milano Bicocca Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione Corso di Strumenti e applicazioni del Web Social network sites Roberto Polillo
  • 2 Queste slides fanno parte del corso “Strumenti e applicazioni del Web”. Il sito del corso, con il materiale completo, si trova in www.corsow.wordpress.com . Data la rapida evoluzione della rete, il corso viene aggiornato ogni anno. Il presente materiale è pubblicato con licenza Creative Commons “Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo – 3.0” (http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/3.0/it/deed.it ): La licenza non si estende alle immagini provenienti da altre fonti e alle screen shots, i cui diritti restano in capo ai rispettivi proprietari, che, ove possibile, sono stati indicati. L'autore si scusa per eventuali omissioni, e resta a disposizione per correggerle. R.Polillo – Aprile 2014 Queste slides
  • Social media Due categorie principali:  Content sharing sites Servizi online che permettono di pubblicare in rete e di condividere con altri utenti materiale di varia natura  Social networking sites ("social networks") Servizi online che permettono di comunicare e interagire con la propria "rete sociale" R.Polillo – Aprile 2014 3
  • Social network sites: tipologie 4  SN generaliste Connettono persone di ogni tipo Es.: Facebook, Google+  SN d’interesse Connettono persone con un interesse comune Es.: MySpace (musica), LinkedIn (business connections), Goodreads (libri), … SN di scopo Connettono persone per uno scopo d’azione specifico Es.: MeetUp (organizzazione di gruppi locali), … R.Polillo – Aprile 2014
  • SN di interesse: le origini  Newsgroup di Usenet (dal 1979)  Forum tematici  Google Groups Servizio gratuito che permette di creare e gestire gruppi di discussione, attraverso un browser Contiene anche l'archivio più completo di post Usenet creati a partire dal 1981 (acquistati nel 2001). https://groups.google.com http://en.wikipedia.org/wiki/Google_Groups http://groups.google.com/support/?hl=it Ora: da comunità tema-centriche a comunità ego-centriche R.Polillo – Aprile 2014 5
  • Social network sites timeline R.Polillo – Aprile 2014 6
  • Social network: active monthly users R.Polillo – Aprile 2014 7 Fonte: http://vincos.it/social-media-statistics/ su dati provenienti dai servizi (per LinkedIn e Pinterest mancano dati)
  • I principali social network nel mondo R.Polillo – Aprile 2014 8
  • www.facebook.com 9  Creato nel febbraio 2004 da Mark Zuckenberg, studente diciannovenne presso l’Università di Harvard, come rete sociale per gli studenti universitari  Il nome si riferisce agli annuari con le foto di tutti gli studenti (facebooks) che alcune scuole statunitensi pubblicano all'inizio dell'anno scolastico  Oggi è il 2° sito più visitato al mondo (dopo Google, fonte Alexa)  Gratuito, con ricavi da pubblicità  http://en.wikipedia.org/wiki/Facebook R.Polillo – Aprile 2014
  • …   …   Attività → Notifiche www.facebook.com R.Polillo – Aprile 2014 10 … CARLO Elenco contatti: Profilo → - Pagina [fan] - Profilo personale Contatti → - Fan (like) - Amici, followers Bacheca → Diario, timeline    …  Stream → Home, notizie
  • Facebook: qualche dato (inizio 2014)  Utenti attivi mensilmente: 1,31 Mdi (in Italia: 24 ml)  53% donne, 30% 25-34 anni  Crescita utenti 2013/2012: +22%  Utenti mobili: 945 Ml  Fakes: 81 Ml  In media, 20 minuti per visita  Lingue utilizzate: 70  300 ml di foto caricate ogni giorno  N° medio di amici per utente: 130 Fonti:  http://www.statisticbrain.com/facebook-statistics/  http://zephoria.com/social-media/top-15-valuable-facebook-statistics/ R.Polillo – Aprile 2014 11
  • Di che cosa si parla su Facebook (un'analisi di S.Wolfram su un campione) R.Polillo – Aprile 2014 12 http://blog.stephenwolfram.com/2013/04/data-science-of-the-facebook-world
  • Facebook: la pagina fan  Dal 2007, destinata alle organizzazioni e ai brand (che "non devono" utilizzare profili personali)  Non amici, ma "fan" ("Mi piace")  Gestita da uno o più amministratori (che devono avere una loro pagina personale)  Gli amministratori non possono inviare messaggi broadcast ai fan  Facebook Insights Dashboard (per gli amministratori) R.Polillo – Aprile 2014 13
  • La pagina fan R.Polillo – Aprile 2014 14
  • Esempio R.Polillo – Aprile 2014 15
  • Statistiche sulle pagine fan in Italia http://www.socialbakers.com/facebook-statistics/italy R.Polillo – Aprile 2014 16
  • Pagina fan: statistiche (I) R.Polillo – Aprile 2014 17 Persone che hanno generato "notizie": mi piace su un post, commento, tag, ecc. Persone che hanno visualizzato contenuti della pagina
  • Pagina fan: statistiche (II) R.Polillo – Aprile 2014 18
  • Pagina fan: statistiche (III) R.Polillo – Aprile 2014 19
  • www.linkedin.com 20  SN per il networking professionale, attivo dal 2003, freemium  Permette di contattare persone attraverso conoscenze comuni, che possono anche scrivere recommendations (recruiting, contatti di tipo commerciale, business networking in generale)  "If it's social, we'll leave that to Facebook. But if it's about money, then it's LinkedIn." (K.Guericke , cofondatore di Linkedin)  In borsa dal 2011 (NYSE)  Oggi, circa 200 ml utenti registrati in oltre 200 paesi, 4 ml in Italia  http://en.wikipedia.org/wiki/LinkedIn R.Polillo – Aprile 2014
  • Linkedin: i gradi di separazione 21 Mario Rossi Luigi Bianchi Luigi’s connections Luigi gradi di separazione R.Polillo – Aprile 2014
  • www.goodreads.com  Social network "to help people find and share books they love", dal 2007  A fine 2012 > 12 ml membri, > 400 ml libri, >20.000 book clubs R.Polillo – Aprile 2014 22
  • www.myspace.com 23  Fondato nel 2003, nel 2005 acquisito dalla News Corporation (Rupert Murdoch), che lo ha venduto nel 2011  Membership gratuita, i ricavi provengono solo dalla pubblicità  A metà 2006 raggiuge i 100 ml di iscritti, a fine 2008 secondo alexa.com è il 7°sito più popolare al mondo, poi il declino  Nel 2013: completo redesign  http://en.wikipedia.org/wiki/MySpace R.Polillo – Aprile 2014
  • Build your own SNS  Servizi online che permettono di costruire interattivamente SNS privati (aperti o chiusi)  Esempi: www.ning.com (dal 2004) www.socialgo.com (UK, dal 2009) www.grou.ps R.Polillo – Aprile 2014 24
  • www.ning.com 25  Fondato nel 2004 da Marc Andreessen e Gina Bianchini  Permette a chiunque di creare facilmente, in modo interattivo, un social network site, pubblico o privato  Il servizio (che comprende l’hosting del sito), inizialmente gratuito, da tempo è a pagamento  A ottobre 2008, dichiarava 500.000 social networks http://en.wikipedia.org/wiki/Ning_(website) R.Polillo – Aprile 2014
  • Ning - caratteristiche 26  Membri, profili, gruppi  Blogs, forum  Mail, chat  Eventi  Upload di foto e video  Tags e ricerche  Feed RSS  Accesso privato o pubblico R.Polillo – Aprile 2014
  • R.Polillo – Aprile 201427 Fonte: http://trends.builtwith.com/widgets/Ning (feb 2014)
  • Ning: esempi di reti di interesse 28  Fire engineers http://community.fireengineering.com/groups?page=7  Occult community (http://paganspace.ning.com/profiles/members/)  Navy for moms (http://navyformoms.ning.com/) R.Polillo – Aprile 2014
  • www.meetup.com  Nato nel 2001, ispirato ai raggruppamenti spontanei di persone nell'attacco dell'11 settembre  Facilita l'organizzazione di incontri fra persone che condividono gli stessi interessi  (2013) 13 ml membri in quasi 200 Paesi, 25.000 gruppi  In Italia, il principale strumento del M5* R.Polillo – Aprile 2014 29
  • Social network: temi importanti 30  Costruzione e manutenzione del capitale sociale  Definizione e gestione della propria identità in rete  Gestione della reputazione in rete  Privacy e diritto all'oblio R.Polillo – Aprile 2014
  • Impression management 31  Nella psicologia sociale, l'impression management è il processo attraverso il quale gli individui tentano di controllare la loro impressione sugli altri  Nel suo libro seminale The presentation of self in everyday life (1959), il sociologo Erwin Goffman (1922-1982) usa la metafora della performance teatrale (http://en.wikipedia.org/wiki/Erving_Goffman)  “All the world's a stage, And all the men and women merely players: They have their exits and their entrances; And one man in his time plays many parts, His acts being seven ages. […]” W.Shakespeare, As you like it (1600) (Il seguito in http://www.phrases.org.uk/meanings/28900.html ) R.Polillo – Aprile 2014
  • The presentation of self as a theatrical performance 32 “The perspective employed in this report is that of the theatrical performance; the principles derived are dramaturgical ones. I shall consider the way in which the individual in ordinary work situations presents himself and his activity to others, the ways in which he guides and controls the impression they form of him, and the kinds of things he may and may not do while sustaining his performance before them. In using this model I will attempt not to make light of its obvious inadequacies. The stage presents things that are make-believe; presumably life presents things that are real and sometimes not well rehearsed. More important, perhaps, on the stage one player presents himself in the guise of a character to characters projected by other players; the audience constitutes a third party to the interaction - one that is essential and yet, if the stage performance were real, one that would not be there. In real life, the three parties are compressed into two; the part one individual plays is tailored to the parts played by the others present, and yet these others also constitute the audience. Still other inadequacies in this model will be considered later. “ dalla prefazione ddel libro di Erwin Goffman http://www.mdx.ac.uk/WWW/STUDY/xgof.htm#Presentation R.Polillo – Aprile 2014
  • ☺ digital self Identità digitale R.Polillo – Aprile 2014 33 ☺ ☺☺ ☺ ☺ others self self1 self2 self3 ☺☺ ☺ ☺☺☺ ☺ Un profilo diverso per ogni applicazione? → coerenza • Audience sconosciuta • Fusione di contesti separati • Persistenza • Ricercabilità • Replicabilità Cfr. danah boyd
  • Gestione della privacy R.Polillo – Aprile 2014 34 Associare diritti di accesso all'informazione a ciascuna cerchia di contatti Le nostre cerchie Ma nel tempo cambiano: •le cerchie •le nostre esigenze di privacy •le opzioni dei servizi •i servizi che utilizziamo
  • Identità digitale: alcuni problemi 35  Audience sconosciuta Nella vita reale, vediamo il nostro interlocutore e il contesto dell’incontro; queste informazioni ci aiutano a presentarci nel modo più appropriato. In un SNS non sappiamo chi ci potrà vedere in futuro, ed il contesto.  Fusione di contesti separati Nella vita reale, manteniamo separati aspetti diversi del nostro“self” collocandoli in contesti fisicamente separati (es. l’ufficio, il bar, la casa). In un SNS questo è molto difficile: come fare? Possiamo creare il nostro profilo in modo che sia generalmente accettabile, ma la rete dei nostri amici “dice di noi” in modo non controllabile.  Per un’analisi molto interessante dei profili di Friendster, vedi http://www.danah.org/papers/HICSS2006.pdf R.Polillo – Aprile 2014
  • Spazi pubblici mediati dalla tecnologia: caratteristiche secondo danah boyd 36  1 Persistence: Unlike the ephemeral quality of speech in unmediated publics networked communications are recorded for posterity. This enables asynchronous communication but it also extends the period of existence of any speech act.  2 Searchability: Because expressions are recorded and identity is established through text, search and discovery tools help people find like minds. While people cannot currently acquire the geographical coordinates of any person in unmediated spaces, finding one’s digital body online is just a matter of keystrokes.  3 Replicability: Hearsay can be deflected as misinterpretation, but networked public expressions can be copied from one place to another verbatim such that there is no way to distinguish the “original” from the “copy.”  4 Invisible audiences: While we can visually detect most people who can overhear our speech in unmediated spaces, it is virtually impossible to ascertain all those who might run across our expressions in networked publics. This is further complicated by the other three properties, since our expression may be heard at a different time and place from when and where we originally spoke  http://www.danah.org/papers/WhyYouthHeart.pdf R.Polillo – Aprile 2014
  • Alcuni riferimenti 37  Boyd, Ellison, Social Network Sites: Definition, History, and Scholarship (2007), http://jcmc.indiana.edu/vol13/issue1/boyd.ellison.html  Cercare in rete altri articoli (più recenti) di danah boyd  http://www.firstmonday.org/issues/issue11_12/boyd/ind ex.html (però è del 2006) R.Polillo – Aprile 2014
  • Spunti di riflessione 38 The social self http://www.slideshare.net/jtneill/lecture2-social-self-2 The widgetized self in the blogosphere http://www.slideshare.net/silvertje/the-widgetized-self-in- the-blogosphere Autocartography: mapping the self http://www.slideshare.net/rsmyth/autocartography- mapping-the-self R.Polillo – Aprile 2014
  • LAVORO INDIVIDUALE 39  Sperimentate Google Groups  Confrontate Facebook e Google+ (struttura, meccanismi di privacy, applicazioni e meccanismi di sharing)  Esplorate www.goodreads.com , www.linkedin.com e www.meetup.com R.Polillo – Aprile 2014