18. La presenza sul web delle aziende (i)

1,024 views
956 views

Published on

Slides dalle lezioni del corso di "Strumenti e applicazioni del Web" - Università di Milano Bicocca - Prof.R.Polillo - A.A.2012-13 - Lezione del 16 maggio 2013
La registrazione della lezione si trova su YouTube:
Parte I: http://youtu.be/k3zWTj4B_D4
Parte II: http://youtu.be/4HmvNltAvY4
Vedi anche ww.corsow.wordpress.com

Published in: Education
0 Comments
4 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,024
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
518
Actions
Shares
0
Downloads
39
Comments
0
Likes
4
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

18. La presenza sul web delle aziende (i)

  1. 1. Edizione 2012-13Università degli Studi di Milano BicoccaDipartimento di Informatica, Sistemistica e ComunicazioneCorso di Strumenti e applicazioni del Web18. La presenza sul Webdelleorganizzazioni(Parte Prima)Roberto Polillo
  2. 2. La presenza sul Web delle organizzazioniObiettivi:Brand identityBrand visibilityBrand positioningBrand reputationProduct / service descriptionAdvertisingCustomer relations & support[e-commerce]R.Polillo - Marzo 20133
  3. 3. Il sito istituzionale ("corporate website") È il cuore della presenza online di unorganizzazionee, in molti casi, il suo più importante canale dicomunicazione Sezioni tipiche: Chi siamo (Missione, Organizzazione, Finanza) I nostri prodotti/servizi (con eventuale shop) Notizie e comunicatiR.Polillo - Marzo 20134
  4. 4. Il sito aziendale nellera del mobileDue possibili approcci:[Un sito mobile separato da quello desktop]Un sito responsiveLa filosofia del "Web unico": un cambiamentoradicale di paradigma nella progettazione WebR.Polillo - Marzo 20135
  5. 5. Esempi di siti responsive http://www.ge.com http://www.gatesfoundation.orgR.Polillo - Marzo 20136
  6. 6. La qualità del sito istituzionale La qualità di un sito ha molte facce: contenuto,comunicazione, funzionalità, usabilità, prestazioni,disponibilità, … Un sito è il risultato di un processo complesso, checoinvolge numerosi attori, sia in fase di progettazione siain fase di esercizio ed evoluzione La sua "qualità" è il risultato di questo processo, edemerge dal contributo di tutti gli attori coinvoltiR.Polillo - Marzo 20137
  7. 7. Site development processObiettivi del sitoRequisitiAnalisi dellaconcorrenza
  8. 8. Site development processDESIGN RESPONSIVEPROTOTIPOWIREFRAMEWEBDESIGNER
  9. 9. Site development processVISUALDESIGNER
  10. 10. Site development processSviluppo softwareFunzioni interattivePluginSOFTWAREDEVELOPER
  11. 11. Site development processCONTENTEDITORContenutiinformativi
  12. 12. Site development processEvoluzionecontinua del sito[+ communitymanagement]TUTTI +WEBMASTER +SERVER ADMIN +NETWORK ADMIN
  13. 13. R.Polillo - Marzo 201314La forza di una catena èquella del suo anello piùdebole
  14. 14. Modelli di qualità per i siti Web Per governare tutti questi fattori in modosistematico ci serve un modello di qualità, cioèuna selezione delle caratteristiche cheriteniamo importanti Può essere utilizzato:- per valutare il sito- per confrontarlo con altri siti simili- per tenerne sotto controllo la qualità durante la suaprogettazione / realizzazione NB: Il modello dipende fortemente dagli obiettiviR.Polillo - Marzo 201315
  15. 15. Esempio: European corporate website ranking http://www.webranking.eu/KWD Webranking reviews over 900 websitesyearly Europe 500 top sites (2012-13):1. www.telecomitalia.com (responsive)2. www.eni.com 6. www.pirelli.com 11. www.unicreditgroup.euR.Polillo - Marzo 201316
  16. 16. Esempio: un modello di qualità per gli alberghi   Caratteristiche Sottocaratteristiche1 Camere comfort, dimensioni, eleganza, pulizia2 Spazi comuni comfort, dimensioni, eleganza, pulizia3 Servizio reception, servizi in camera, cortesia del personale4 Ristoranti qualità del cibo, ambiente, servizio, varietà del cibo5 Piscina comfort, dimensioni, ambiente, attrezzature, pulizia6 Spiaggia vicinanza, privata/pubblica, attrezzature, paesaggio7 Dintorni possibilità di escursioni, vicinanza a un centro abitato8 Impianti sportivi tennis, golf, fitness, altri9 Bambini nursery, zone riservateR.Polillo - Marzo 201317
  17. 17. Alcuni modelli qualità per i siti WebR.Polillo - Marzo 201318Polillo, cit.
  18. 18. Il nostro approccio1. Definire le caratteristiche di qualità in relazione aidiversi "attori" che possono intervenire permigliorarle2. Rinunciare a un modello unico per tutte leapplicazioni Web, e definire un modello "core" dapersonalizzare in funzione delle diverse classi diapplicazioniCfr. R.Polillo, A core quality model for Web applications, in Journal ofWeb Engineering, Vol.11, N.3 (2012), pp.181-208R.Polillo - Marzo 201319
  19. 19. ContentSiteInformationarchitecture& navigationWebdesignerA3Graphics&brandingVisualdesignerA4UsabilityproA2UserCommunitymanagerA6UsergeneratedcontentContenteditorA5CompanygeneratedcontentSoftwarefunctionsFunctiondesignerA7DBmngerA8 A9SoftwaredeveloperR.Polillo - Marzo 201320Un modello di qualità per siti eapplicazioni Web
  20. 20. SiteplatformContentSiteInformationarchitecture& navigationWebdesignerA3Graphics&brandingVisualdesignerA4UsabilityproA2UserSoftwarefunctionsFunctiondesignerA7DBmngerA8SWarchitectA10SoftwaredeveloperA9CommunitymanagerA6UsergeneratedcontentContenteditorA5CompanygeneratedcontentR.Polillo - Marzo 201321Un modello di qualità per siti eapplicazioni Web
  21. 21. ServerplatformContentSiteInformationarchitecture &navigationWebdesignerA3Graphics&brandingVisualdesignerA4SWarchitectA10ServeradminA11SiteplatformUsabilityproA2UserSoftwarefunctionsFunctiondesignerA7DBmngerA8SoftwaredeveloperA9CommunitymanagerA6UsergeneratedcontentContenteditorA5CompanygeneratedcontentR.Polillo - Marzo 201322Un modello di qualità per siti eapplicazioni Web
  22. 22. ConnectivityplatformContentSiteServerplatformInformationarchitecture &navigationWebdesignerA3Graphics&brandingVisualdesignerA4SWarchitectA10ServeradminA11SiteplatformUsabilityproA2NetworkadminA12UserSoftwarefunctionsFunctiondesignerA7DBmngerA8SoftwaredeveloperA9CommunitymanagerA6UsergeneratedcontentContenteditorA5CompanygeneratedcontentR.Polillo - Marzo 201323Un modello di qualità per siti eapplicazioni Web
  23. 23. InternetmarketContentSiteServerplatformInformationarchitecture &navigationWebdesignerA3Graphics&brandingVisualdesignerA4SWarchitectA10ServeradminA11SiteplatformUsabilityproA2ConnectivityplatformNetworkadminA12UserWebMarketingA1SoftwarefunctionsFunctiondesignerA7DBmngerA8SoftwaredeveloperA9CommunitymanagerA6UsergeneratedcontentContenteditorA5CompanygeneratedcontentR.Polillo - Marzo 201324Un modello di qualità per siti eapplicazioni Web
  24. 24. ContentSiteServerplatformInformationarchitecture &navigationWebdesignerA3Graphics&brandingVisualdesignerA4SWarchitectA10ServeradminA11SiteplatformUsabilityproA2ConnectivityplatformNetworkadminA12UserArchitectureInternetmarketEditorial Data centreInformation TechnologyProduct designMarketingWebMarketingA1PlatformMarketpresenceSoftwarefunctionsFunctiondesignerA7DBmngerA8SoftwaredeveloperA9CommunitymanagerA6UsergeneratedcontentContenteditorA5CompanygeneratedcontentCommunicationContentDatacentreUsabilityAccessibilityFunctionalitySWcodeR.Polillo - Marzo 201325Un modello di qualità per siti eapplicazioni WebCommunity
  25. 25. Legenda A1..A12 sono gli attori del processo di progettazione e gestione delsito, responsabili degli elementi rappresentati dai box rettangolari Le macrocaratteristiche del modello sono indicate allinterno dellabarra grigia sottostante, accanto agli attori responsabili della loroqualità Oltre alle caratteristiche, il modello prevede una quarantina disotto-caratteristiche, qui non descritte per brevità Il modello di qualità citato è descritto in:R.Polillo, A core quality model for Web applications, Journal WebEngineering, vol.11, n.3 (2012)R.Polillo - Marzo 201326
  26. 26. Il diagramma della qualitàR.Polillo - Marzo 201328
  27. 27. Per esempio, sul vostro blogR.Polillo - Marzo 201329
  28. 28. Per approfondire… Per una versione del modello di qualità disponibile inrete si veda:R.Polillo, "Quality models for Web sites: amethodologycal approach and a proposal", 2011,http://gplsi.dlsi.ua.es/congresos/qwe11/fitxers/QWE11_Polillo.pdfR.Polillo - Marzo 201330

×