Your SlideShare is downloading. ×
  • Like
12. Introduzione ai social media
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Now you can save presentations on your phone or tablet

Available for both IPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

12. Introduzione ai social media

  • 973 views
Published

Slides del corso "Strumenti e applicazioni del Web" - Università di Milano Bicocca - Prof.R.Polillo - A.A.2012-13 …

Slides del corso "Strumenti e applicazioni del Web" - Università di Milano Bicocca - Prof.R.Polillo - A.A.2012-13
Lezione del 17 aprile 2013
Vedi anche www.corsow.wordpress.com

Published in Education
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
No Downloads

Views

Total Views
973
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3

Actions

Shares
Downloads
54
Comments
0
Likes
2

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Università degli Studi di Milano BicoccaDipartimento di Informatica, Sistemistica e ComunicazioneCorso di Strumenti e applicazioni del Web12. I social mediaRoberto Polillo Edizione 2012-13
  • 2. Queste slides2 Queste slides fanno parte del corso “Strumenti e applicazioni del Web”. Il sito del corso, con il materiale completo, si trova in www.corsow.wordpress.com . Data la rapida evoluzione della rete, il corso viene aggiornato ogni anno. Il presente materiale è pubblicato con licenza Creative Commons “Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo – 3.0” (http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/3.0/it/deed.it ): La licenza non si estende alle immagini provenienti da altre fonti e alle screen shots, i cui diritti restano in capo ai rispettivi proprietari, che, ove possibile, sono stati indicati. Lautore si scusa per eventuali omissioni, e resta a disposizione per correggerle. R.Polillo - Marzo 2013
  • 3. Argomenti3  Generalità sulle reti sociali  Social media: concetti generali R.Polillo - Marzo 2013
  • 4. Premessa: le reti sociali4  Una rete sociale è un gruppo di persone fra loro connesse da legami sociali (conoscenza, lavoro, famiglia, …)  Nella teoria delle reti sociali (social network theory) la società è studiata come rete di relazioni. Il presupposto è che ogni individuo si relaziona con gli altri e questa interazione ne plasma e modifica il comportamento.  http://it.wikipedia.org/wiki/Rete_sociale R.Polillo - Marzo 2013
  • 5. Tipi di legami in una rete sociale5 Nel suo libro The Strenght of the Weak Ties (1973) Il sociologo Mark Granovetter distingue tre tipi di legami:  Forti (es. famigliari, amici, incontri frequenti)  Deboli (es. conoscenti, incontri occasionali)  Assenti (es. negozianti) R.Polillo - Marzo 2013
  • 6. La forza dei legami deboli6  In una rete sociale, sono i legami deboli e non quelli forti che permettono il maggior interscambio di informazioni utili (es.per trovare un nuovo lavoro).  Infatti, le persone con legami forti tendono a frequentare gli stessi ambienti, e pertanto a possedere le stesse informazioni  Senza i legami deboli, una comunità sarebbe frammentata in tanti gruppi isolati  http://en.wikipedia.org/wiki/Weak_tie R.Polillo - Marzo 2013
  • 7. Capitale sociale7  Capitale sociale: La somma delle risorse (attuali o virtuali) che un individuo (o un gruppo) possiede per il fatto di avere una rete duratura di relazioni più o meno istituzionalizzate di mutua conoscenza e riconoscimento  Esso deriva:  sia da legami deboli con individui che possono fornire utili informazioni o nuove prospettive ma non supporto emotivo (“bridging social capital”)  sia da legami forti, a carattere emotivo: famiglia, amici intimi (“bonding social capital”)  “Weak ties provide people with access to information and resources beyond those available in their own social circle; but strong ties have greater motivation to be of assistance and are typically more easily available.” (M. Granovetter) R.Polillo - Marzo 2013
  • 8. Il numero di Dunbar8  Quanto è grande una “tipica” rete sociale?  Dunbar , da un’analisi delle reti sociali nei primati, ipotizza che ci possano essere dei vincoli di tipo cognitivo alla dimensione di una rete sociale: “…the limit imposed by neocortical processing capacity is simply on the number of individuals with whom a stable inter-personal relationship can be maintained."  … e stima che la dimensione tipica di una rete sociale umana sia di circa 150 individui  http://en.wikipedia.org/wiki/Dunbars_number#cite_note-1  R.Dunbar, Di quanti amici abbiamo bisogno? – Ed.Cortina, 2011 R.Polillo - Marzo 2013
  • 9. Un esperimento9  Analisi degli auguri di Natale inviati da una popolazione di 43 famiglie (dati raccolti tramite questionari): http://www.liv.ac.uk/evolpsyc/Hill_Dunbar_networks.pdf R.Polillo - Marzo 2013
  • 10. Reti sociali: rappresentazione mediante grafi10   Nodo C    B  Hub     Link  A       D    R.Polillo - Marzo 2013
  • 11. Reti sociali e leggi di potenza11 In una rete sociale gli hub sono tipicamente distribuiti secondo una legge di potenza, e non secondo una distribuzione a campana: Distribuzione secondo N(n) Distribuzione a N(n) campana una legge di Potenza numero di nodi numero di nodi con n link con n link n n Numero di link Numero di link R.Polillo - Marzo 2013
  • 12. 12 Social graph Tratto da: http://www.fmsasg.com/Social NetworkAnalysis/ R.Polillo - Marzo 2013
  • 13. Una visualizzazione [di una parte] del web13 La immagine mostra una porzione di Internet costituita da 535.000 nodi e più di 600.000 links WALRUS Visualization tool, 2001 http://www.caida.org/tools/visualization/walrus/ R.Polillo - Marzo 2013
  • 14. Una visualizzazione [di una parte] del web14 R.Polillo - Marzo 2013
  • 15. Una visualizzazione [di una parte] del web15 R.Polillo - Marzo 2013
  • 16. Gradi di separazione16 gli amici degli amici dei miei amici (3°grado) B A C D gli amici dei miei I miei amici ("legami") amici (2° grado) (1° grado) A e D si possono conoscere attraverso 2 persone (B e C) che possono metterli in contatto (si dice che hanno 3 gradi di separazione) R.Polillo - Marzo 2013
  • 17. I 6 gradi di separazione17  Un esperimento dello psicologo Stanley Milgram (1967) mostrò che ogni abitante degli Stati Uniti aveva, in media, circa 3 gradi di separazione da ogni altro abitante del paese  Esperimenti recenti (attraverso mail) suggeriscono che i gradi di separazione fra gli abitanti del pianeta siano, in media, fra 6 e 7  Il concetto dei 6 gradi di separazione è diventato, dai primi anni ‘90, popolare sui media; da esso è nato la prima social network su internet, www.sixdegrees.com (1997)  http://en.wikipedia.org/wiki/Six_degrees_of_separation R.Polillo - Marzo 2013
  • 18. 199318 R.Polillo - Marzo 2013
  • 19. Le reti piccolo mondo19  Nella teoria dei grafi, una rete piccolo mondo (small world network) è un grafo in cui da ogni nodo si può raggiungere ogni altro nodo attraverso un piccolo numero di link  Il World Wide Web, la blogosfera, le reti sociali, i social graph dei social network posseggono caratteristiche delle reti piccolo mondo  http://en.wikipedia.org/wiki/Small-world_network  Un libro importante: Albert-Laszlo Barabasi, Link – La scienza delle reti, Einaudi R.Polillo - Marzo 2013
  • 20. Facebook è una rete piccolo mondo20 Sulla rete di Facebook, a maggio 2011 (721 ml utenti, 69 mdi di link di amicizia) il grado di separazione medio era 4,74 http://vigna.dsi.unimi.it/ftp/papers/FourDegreesOfSeparati on.pdf R.Polillo - Marzo 2013
  • 21. Social media21 Servizi online che permettono la creazione, la condivisione e lo scambio di contenuti informativi di vario tipo allinterno di reti e comunità virtuali Due categorie principali: Social networking sites ("social networks") Servizi online che permettono di comunicare e interagire con la propria "rete sociale" Social sharing sites Servizi online che permettono di pubblicare in rete e di condividere con altri utenti materiale di varia natura R.Polillo - Marzo 2013
  • 22. I social media più diffusi22 Link sharing Pinterest Delicious …. NB: Questi li dovete conoscere tutti R.Polillo - Marzo 2013
  • 23. Social media: definizione funzionale23 Servizi in cui un utente può: creare un proprio profilo, che ne riporta le informazioni essenziali costruire e manutenere una propria rete di "contatti" composta da altri utenti del servizio pubblicare contenuti (o compiere azioni) che saranno visibili alla sua rete di contatti, secondo le impostazioni di privacy da lui stesso definite vedere i contenuti pubblicati dai propri contatti, o le azioni da essi compiute, in accordo con le impostazioni di privacy da essi definite commentare o condividere con i propri contatti tali contenuti comunicare direttamente con specifici membri o gruppi di membri della propria rete di contatti. R.Polillo - Marzo 2013
  • 24. Il profilo24 Alcuni social media distinguono fra: Profilo personale Profilo di una organizzazione o di un brand ("pagina") (Es.: Facebook, Google+, LinkedIn, …) Altri non fanno distinzioni (es. Twitter, Flickr, YouTube, …) R.Polillo - Marzo 2013
  • 25. I contatti25 Due modelli diversi: 1.La richiesta di contatto deve essere accettata: "friending" (es. profili personali Facebook e LinkedIn) 2.Non è necessaria alcuna richiesta: "following" (es. Google+, Twitter, media sharing, pagine FB e Linkedin) Friend Follower Follower      Follower  R.Polillo - Marzo 2013
  • 26. Profilo, Bacheca, Stream, Attività26 Profilo Stream CARLO  (azioni dei contatti)  Visibile solo Elenco contatti: allutente Contatti  … Attività Bacheca  (segnalazion i di azioni   dei contatti) Visibile ai propri contatti  Visibile solo secondo le regole di  … Allutente … privacy R.Polillo - Marzo 2013
  • 27. Terminologia: Facebook27 Profilo Stream CARLO Profilo /  Home, Pagina [fan]  notizie Elenco contatti: Contatti Amici /  … [Fan] Attività Bacheca Diario,  Notifich e  timeline    … … R.Polillo - Marzo 2013
  • 28. Terminologia: Twitter28 Profilo Stream CARLO Account  Home  Elenco contatti: Contatti Followers /  … Following Attività Bacheca Tweet  Interazion i,   Menzioni   … … R.Polillo - Marzo 2013
  • 29. Terminologia: Pinterest29 Profilo Stream CARLO Profilo  Activity  Elenco contatti: Contatti Followers /  … Following Attività Bacheca Boards,  Recent activities  Pins,  Likes   … … R.Polillo - Marzo 2013
  • 30. Terminologia: Flickr30 Profilo Stream CARLO Profilo  Foto recenti  Elenco contatti: Contatti Contatti  … Attività Bacheca Album  Attività  (set,  raccolte )   … … R.Polillo - Marzo 2013
  • 31. Sharing31 R.Polillo - Marzo 2013
  • 32. Sharing32 R.Polillo - Marzo 2013
  • 33. Sharing33 Pinterest Flickr Condivisione interna Condivisione esterna al social medium al social medium R.Polillo - Marzo 2013
  • 34. 34La "legge di Zuckenberg" "Ogni anno le persone condividono il doppio di informazioni dellanno precedente" R.Polillo - Marzo 2013
  • 35. 35R.Polillo - Marzo 2013
  • 36. Diffusione virale36 Contatti di a Contatti di b  b   Passaparola a tradizionale MSG        b   Condivisione a MSG    in rete    R.Polillo - Marzo 2013
  • 37. Diffusione virale: esempi37  Top 10 viral photos in 2012: http://bit.ly/ZTcBkE  Top 10 viral videos in 2012: http://mashable.com/2012/11/13/viral-videos-2012/  Video: Gangnam Style (http://bit.ly/VMnIkg) - Pezzo musicale del cantante coreano Psy - 1.500.000.000 view da luglio 2012 - Gentleman: 100 milioni di view in 3 giorni  Video: Dramatic surprise in a quiet square (http://bit.ly/YTjFCj )  Video: Kony 2012 (http://bit.ly/ZVlgu3 , 30) - Per fermare lattività del capo di un esercito di guerriglieri bambini in Uganda, diffuso via FB e Twitter (Info on http://bit.ly/10ukxKm) - 100 milioni di view nel primo mese R.Polillo - Marzo 2013
  • 38. Marketing "virale"38  “un virus è un programma di marketing definitivo. Quando si deve diffondere un messaggio in poco tempo, con un budget minimo e con il massimo effetto, nulla al mondo batte un virus. Ogni specialista di marketing vorrebbe avere un impatto radicale sui pensieri e sui comportamenti del suo target: ogni virus di successo fa esattamente questo.” J.Rayport R.Polillo - Marzo 2013
  • 39. Lavoro individuale39  Esplorare i social media citati in questa lezione, e analizzarne le analogie e le differenze strutturali R.Polillo - Marzo 2013