11. Creazione collettiva

1,335 views
1,257 views

Published on

Slides delle lezioni del corso di Design dell'interazione del prof.R.Polillo, Università degli Studi di Milano Bicocca, A.A.2010-11

Published in: Education, Technology
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,335
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
128
Actions
Shares
0
Downloads
48
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide
  • Il primo invito di Linus Torvalds a lavorare su Linux.
  • 11. Creazione collettiva

    1. 1. Università degli Studi di Milano Bicocca Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione Corso di Design dell’Interazione Creazione collettiva Roberto Polillo Nuova edizione 2010-11
    2. 2. I wiki 5  Sono lo strumento più semplice per scrivere testi cooperativi bottom-up sul web R.Polillo - Ottobre 2010
    3. 3. Wiki 7  Un wiki è un ambiente web di condivisione e gestione di documenti dove gli utilizzatori, attraverso un browser e in un linguaggio molto semplice, possono visualizzare e aggiungere contenuti, ma anche modificare i contenuti esistenti inseriti da altri utilizzatori  La modifica dei contenuti libera, ma viene registrata in una cronologia permettendo in caso di necessità di riportare la parte interessata alla versione precedente  Lo scopo è quello di supportare progetti collaborativi di creazione e condivisione della conoscenza (es.: Wikipedia)  Wiki wiki in lingua hawaiana che significa “rapido” oppure “molto veloce”; infatti, caratteristica distintiva della tecnologia wiki è la facilità con cui le pagine possono essere create e aggiornate  http://it.wikipedia.org/wiki/Wiki R.Polillo - Ottobre 2010
    4. 4. email vs wiki collaboration 8 Tratto da http://www.socialenterprise.it/index.php/2008/05/03/un-business-case-per-gli-enterprise-wiki-la-riduzione-deR.Polillo - Ottobre 2010
    5. 5. Gestori wiki 9  Con il termine wiki si indica di solito sia l’ambiente di gestione del sito che il sito realizzato  Ward Cunnigham, che ha inventato il nome e il concetto, ha realizzato il primo gestore wiki nel 1995, come strumento collaborativo per discutere pattern languages  Oggi esistono molti gestori di wiki, generalmente open source, per esempio:  Twiki  MediaWiki (usato da Wikipedia)  http://c2.com/cgi/wiki?TopTenWikiEngines R.Polillo - Ottobre 2010
    6. 6. MediaWiki 10  Realizzato per sviluppare Wikipedia a partire dal 2001, è usato per tutti i wiki ospitati da Wikia  Il nome (dato nel 2003) è un gioco di parole derivato da Wikimedia Foundation  Free e open source, distribuito sotto GNU General Public License R.Polillo - Ottobre 2010
    7. 7. Wiki farms 11  Ospitano i wiki, e sono spesso gratuite http://en.wikipedia.org/wiki/Wiki_farm http://en.wikipedia.org/wiki/Comparison_of_wiki_farms  La più famosa è Wikia, fondata nel 2004 da Jimmy Wales, fondatore di Wikipedia (aprile 2010: 100.000 wiki ospitati) Inizialmente gratuita, ora freemium se si vuole rimuovere la pubblicità http://www.wikia.com/wiki/Wikia http://www.wikia.com/wiki/Most_active_communities  ☺ :// . / /http uncyclopedia org wiki Main_Page  Un’altra è www.wikispaces.com, molto facile da usare. Circa 1 ml wiki R.Polillo - Ottobre 2010
    8. 8. Corporate wiki 12  Supportano la condivisione di conoscenza nelle organizzazioni (informazioni aziendali, di clienti, di progetti e del flusso documentale)  Sono all’interno della intranet aziendale, e quindi non accessibili all’esterno  In un sistema di wiki aziendale sono possibili diverse integrazioni con i sistemi informativi aziendali e la realizzazione di funzioni aggiuntive http://en.wikipedia.org/wiki/Corporate_wiki  Principali sistemi di corporate wiki sono PmWiki ed il progetto open source di Socialtext (www.socialtext.net) (http://en.wikipedia.org/wiki/Socialtext ) R.Polillo - Ottobre 2010
    9. 9. www.wikipedia.org 14  Enciclopedia online, multilingue, ipertestuale, a contenuto libero, redatta in modo collaborativo da volontari e sostenuta dalla Wikimedia Foundation, organizzazione senza fini di lucro  È curata da volontari seguendo un modello di sviluppo di tipo wiki : le pagine possono essere modificate da chiunque, utilizzando un sistema di modifica e pubblicazione aperto, con licenza GNU FDL (GNU Free Documentation License)  Nata il nel gennaio 2001 come progetto complementare di Nupedia (un progetto con scopo analogo ma la cui redazione era affidata ad esperti).  http://en.wikipedia.org/wiki/Wikipedia  http://wikimediafoundation.org/wiki/Home R.Polillo - Ottobre 2010
    10. 10. Wikipedia: crescita  Pubblicata in oltre 250 lingue differenti (la versione in inglese è la maggiore)  È uno dei dieci siti più visitati al mondo,ricevendo circa 60+ milioni di accessi al giorno (dato ago 2008) (secondo www.alexa.com : ago 2009: 7° posto; nov 2009: 6° posto nov 2010: 7°)  Ad aprile 2008: più di 10 milioni di voci, 34 milioni di pagine (modificate 470 milioni di volte) e 11 milioni di utenti registrati.  Ad Ago 2009: 13 milioni di voci, di cui 3 in lingua inglese 15 R.Polillo - Ottobre 2010
    11. 11. Wikipedia: altri progetti 16  La Wikimedia Foundation ha successivamente dato vita a progetti complementari tra cui Wikizionario (multilingue), Wikibooks, Wikisource, Wikispecie, Wikinotizie e Wikiversità  http://it.wikipedia.org/wiki/Wikimedia_Foundation#Progetti  Wikizionario : http://it.wikipedia.org/wiki/Wiktionary , http://it.wiktionary.org/wiki/Pagina_principale  Wikibooks: http://it.wikipedia.org/wiki/Wikibooks , http://it.wikibooks.org/wiki/Pagina_principale  Wikisource: http://it.wikipedia.org/wiki/Wikisource , http://it.wikisource.org/wiki/Pagina_principale  Wikispecie: http://it.wikipedia.org/wiki/Wikispecies , http://species.wikimedia.org/wiki/Pagina_principale  Wikiquote: http://it.wikipedia.org/wiki/Wikiquote , http://it.wikiquote.org/wiki/Pagina_principale  Wikinotizie: http://it.wikipedia.org/wiki/Wikinotizie , http://it.wikinews.org/wiki/Pagina_principale  Wikiversità: http://it.wikipedia.org/wiki/Wikiversit%C3%A0 , http://it.wikiversity.org/wiki/Pagina_principale R.Polillo - Ottobre 2010
    12. 12. Wikipedia: visione 17 “Uno sforzo per creare e distribuire una enciclopedia libera della più alta qualità possibile ad ogni singola persona sul pianeta nella propria lingua”. “The neutral point of view (NPOV) attempts to present ideas and facts in such a fashion that both supporters and opponents can agree. Of course, 100% agreement is not possible; there are ideologues in the world who will not concede to any presentation other than a forceful statement of their own point of view. We can only seek a type of writing that is agreeable to essentially rational people who may differ on particular points.” Jimmy Wales, fondatore di Wikipedia http://meta.wikimedia.org/wiki/Neutral_point_of_view R.Polillo - Ottobre 2010
    13. 13. Wikipedia: i cinque pilastri 18 1. Wikipedia è un’enciclopedia 2. Wikipedia ha un punto di vista neutrale (NPOV, neutral poin of view) 3. Wikipedia è libera 4. Wikipedia ha un codice di condotta 5. Wikipedia non ha regole fisse http://it.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Cinque_pilastri R.Polillo - Ottobre 2010
    14. 14. Dispute 22 R.Polillo - Ottobre 2010
    15. 15. 3. Wikipedia è libera 23  “Wikipedia è libera, il suo contenuto è quindi modificabile da chiunque. Tutto il testo è rilasciato sotto licenza GNU Free Documentation License (GFDL) e può essere citato o distribuito in accordo ad essa. Si tenga presente che le voci possono essere modificate da chiunque e non sono sotto il controllo di un singolo; di conseguenza ciascuna voce aggiunta o modificata può essere a sua volta modificata liberamente e ridistribuita dalla comunità. Non inserire materiale protetto da copyright o con licenze in contrasto con la GFDL.”  http://it.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Testo_della_GNU_Free_Documenta R.Polillo - Ottobre 2010
    16. 16. 4. Wikipedia ha un codice di condotta 24 “Wikipedia ha un codice di condotta: occorre rispettare ciascun wikipediano anche quando non si è d'accordo con lui; ci si comporti civilmente, cercando di prediligere il WikiLove ed evitando attacchi personali o facili generalizzazioni; si evitino inutili edit war, cercando di non ricorrere a ripetuti ripristini di pagina; si ricordi che ci sono 515.686 voci nella Wikipedia in italiano su cui lavorare e discutere; si agisca in buona fede senza mai danneggiare Wikipedia per sostenere il proprio punto di vista, valutando il lavoro altrui con una prospettiva di buona fede. Si cerchi di essere aperti nella maniera più pacata possibile nei rapporti fra wikipediani.” http://it.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Wikiquette R.Polillo - Ottobre 2010
    17. 17. 5. Wikipedia non ha regole fisse 25  “Wikipedia non ha regole fisse, eccetto i cinque principi elencati in questa pagina. Si cerchi dunque di non essere timidi nel modificare le voci, perché il piacere di contribuire non richiede per forza di raggiungere la perfezione. Non ci si preoccupi eccessivamente di fare eventuali pasticci: tutte le versioni precedenti di una voce vengono salvate, per cui è impossibile danneggiare Wikipedia in maniera irreparabile. Ma ci si ricordi che, allo stesso modo, tutto ciò che si scrive sarà conservato per i posteri.”  http://it.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Ignora_le_regole R.Polillo - Ottobre 2010
    18. 18. Wikipedia: dimensione http://en.wikipedia.org/wiki/Category:Wikipedia_statistics 26 R.Polillo - Ottobre 2010
    19. 19. Wikipedia: dimensione http://en.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Size_of_Wikipedia http://en.wikipedia.org/wiki/Category:Wikipedia_statistics The following illustrates how big the English-language Wikipedia would be printed and bound in book form. (Each volume 25cm tall, 5cm thick, and containing 1,600,000 words or 8,000,000 characters.) It uses the live article count. 27 R.Polillo - Ottobre 2010 Sett 2009 Nov 2010
    20. 20. Wikipedia: scale free network D.Spinellis, P.Louridas, The collaborative organization of knowledge, http://www.spinellis.gr/pubs/jrnl/2008-CACM-Wikipedia/html/SL08.pdf 28 R.Polillo - Ottobre 2010
    21. 21. Wikipedia: crescita http://en.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Size_of_Wikipedia 29 R.Polillo - Ottobre 2010 (Nov 2010)
    22. 22. Wikipedia: crescita (n°articoli) http://en.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Size_of_Wikipedia 30 R.Polillo - Ottobre 2010 (Nov 2010)
    23. 23. Wikipedia: crescita 31 R.Polillo - Ottobre 2010 (Nov 2010)
    24. 24. Sostenibilità della crescita di Wikipedia  Secondo lo studio qui indicato, nuovi articoli contenenti link a voci non esistenti (stubs) stimolano la creazione di nove voci per “riempire” questi stubs  In sostanza, la crescita di Wikipedia non rallenta, ma si “autosostiene”, generando nuove voci  Ricordate il racconto di J.L.Borges in cui venne creata una mappa dell’impero così dettagliata che, alla fine, coincideva con l’impero stesso? D.Spinellis, P.Louridas, The collaborative organization of knowledge, http://www.spinellis.gr/pubs/jrnl/2008-CACM-Wikipedia/html/SL08.pdf 32 R.Polillo - Ottobre 2010
    25. 25. http://www.alexa.com/data/details/traffic_details?url=wikipedia.org Wikipedia: la crescita iniziale (% of global Internet users who visit this site) 33 R.Polillo - Ottobre 2010
    26. 26. Wikipedia: la crescita recente www.alexa.com 34 R.Polillo - Ottobre 2010 (Nov 2010)
    27. 27. Wikipedia: la community 35  Autori (“wikipedians”):  Registrati (oltre 13 milioni) o anonimi  Possono avere pagine personali  Attualmente circa 300.000 autori editano Wikipedia ogni mese; di questi, 5000 fanno più di 100 correzioni ciascuno (dati mid 2009)  Amministratori:  Volontari, accettati per consenso dalla comunità  Hanno accesso a strumenti di amministrazione per bloccare e cancellare pagine, bloccare altri autori, …  Non sono pagati, e non fanno parte della Wikimedia Foundation  http://en.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Who_writes_Wikipedia  http://en.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Community_portal#Collaborations R.Polillo - Ottobre 2010
    28. 28. Wikipedia: affidabilità 37  Wikipedia non contiene alcun processo formale e sistematico di revisione: gli stessi contributori potrebbero non essere esperti negli argomenti di cui scrivono  Quindi sono possibili errori, imprecisioni e vandalismi  Si presuppone che l'esposizione di una voce a un grande numero di lettori generi processi di correzione alquanto rapidi e, di fatto, produca affidabilità  Legge di Linus: dato un numero sufficiente di occhi, tutti i bug vengono a galla Eric Raymond, La cattedrale e il bazaar http://it.wikipedia.org/wiki/Legge_di_Linus R.Polillo - Ottobre 2010
    29. 29. Wikipedia: le modifiche 38 Log delle modifiche recenti: http://en.wikipedia.org/w/index.php?title=Special:RecentChanges&hidebots=0&hidemino Una visione in tempo reale: http://www.lkozma.net/wpv/index.html R.Polillo - Ottobre 2010
    30. 30. Wikipedia: affidabilità (IV) 41 “Il punto non è che ogni voce di Wikipedia sia probabilistica, ma che l'intera enciclopedia si comporto in modo probabilistico ... Per dirlo in altro modo, nella Britannica la qualità varia da, diciamo, 5 a 9 con una media di 7. In Wikipedia varia da 0 a 10, con una media, diciamo, di 5. Ma visto che Wikipedia ha dieci volte le voci della Britannica, avete maggiori probabilità di trovare su Wikipedia una voce sensata su un qualunque argomento” “A rendere Wikipedia davvero straordinaria è il fatto che migliora nel corso del tempo: si cura organicamente come se la sua enorme e crescente armata di addetti fosse un sistema immunitario” “Il vero miracolo di Wikipedia è che questo sistema, aperto ai contributi di utenti non professionisti, non collassi nell'anarchia” C. Anderson, La Coda Lunga R.Polillo - Ottobre 2010
    31. 31. Citizendium  www.citizendium.org (“citizen compendium”)  Enciclopedia collaborativa basata su wiki, lanciata la Larry Sanger (co-fondatore di Wikipedia) nel febbraio 2007  Intende costituire una enciclopedia “affidabile”, migliorando il processo usato da Wikipedia come segue:  Gli autori usano i loro nomi reali  Gli articoli sono moderati da esperti (“gentle expert oversight”)  Gli articoli “approvati” vengono chiusi, e le modifiche vengono proposte su draft separati  1 sett 09: circa 12.000 articoli in draft, e 113 approvati  Nov 2010: 15.181 articoli in draft, 155 approvati, 45 autori che fanno almeno 20 edit al mese 43 R.Polillo - Ottobre 2010
    32. 32. Esempio Confrontare: http://en.wikipedia.org/wiki/Citizendium e http://en.citizendium.org/wiki/Citizendium (draft) http://en.wikipedia.org/wiki/Homeopathy e http://en.citizendium.org/wiki/Homeopathy (approvato) 45 R.Polillo - Ottobre 2010
    33. 33. Wikipedia  Un video in italiano di introduzione a come si collabora a wikipedia, di 7 minuti, ben fatto  http://www.youtube.com/watch?v=qoLBZ7_vY-k
    34. 34. L’intelligenza collettiva 47 R.Polillo - Ottobre 2010
    35. 35. Intelligenza collettiva 48 “L’intelligenza collettiva è una forma di intelligenza che emerge dalla collaborazione e dalla competizione di molti individui. Essa appare in una vasta varietà di forme di consensus decision making, nei batteri, negli animali, negli uomini e nei computers. Lo studio dell’intelligenza collettiva può essere considerato un campo della sociologia, del business, della computer science, e del comportamento delle masse – un campo che studia il comportamento collettivo, dal livello dei quark al livello delle società di batteri, piante, animali, e umani.” http://en.wikipedia.org/wiki/Collective_intelligence R.Polillo - Ottobre 2010
    36. 36. Esempi Tre esempi molto diversi:  www.thebetterproject.com che cosa vogliamo migliorare?  http://www.openstreetmap.org/ Realizzazione cooperativa di mappe libere del territorio Vedere http://wiki.openstreetmap.org/wiki/Beginners%27_Guide  www.discogs.com “A community-built database of music information. Imagine a site with discographies of all labels, all artists, all cross- referenced. It's getting closer every day” 49 R.Polillo - Ottobre 2010
    37. 37. Common-based peer production 56  Termine coniato da Yochai Benkler (“The Wealth of Networks”) per denotare un modello di produzione in cui l’energia creativa di un grande numero di persone viene coordinata (di solito attraverso internet) in progetti di grandi dimensioni, spesso senza un’organizzazione tradizionale di tipo gerarchico e senza compenso economico  Viene contrapposta alla firm production, in cui un processo decisionale centralizzato decide che cosa deve essere fatto e da chi, e alla market-based production (in cui si associano differenti prezzi a differenti attività, per attrarre le persone interessate a svolgerle).  http://en.wikipedia.org/wiki/Commons-based_peer_production  Un esempio paradigmatico: lo sviluppo di Linux R.Polillo - Ottobre 2010
    38. 38. Linux: come è nato 57  Linus Torvalds, studente di sistemi operativi, realizza una prima versione elementare, per studio personale  Poi mette i sorgenti in rete e chiede aiuto a tutti coloro che sono interessati al progetto, via Internet  Ciò crea una ampia comunità di programmatori, che comunicano attraverso la rete e producono un enorme numero di miglioramenti a partire dal codice iniziale  Linus Torvalds mantiene nel processo un controllo lasco, consultivo e non prescrittivo, assieme a numerosi “guru” emersi spontaneamente nel tempo  Le modifiche al codice vengono integrate e rese disponibili a tutti in rete con estrema frequenza (anche più di una volta al giorno)  Il nuovo codice viene immediatamente testato da un gran numero di programmatori, che identificano e rimuovono gli errori R.Polillo - Ottobre 2010
    39. 39. From: torvalds@klaava.Helsinki.FI (Linus Benedict Torvalds) Newsgroups: comp.os.minix Subject: Free minix-like kernel sources for 386-AT Message-ID: <1991Oct5.054106.4647@klaava.Helsinki.FI> Date: 5 Oct 91 05:41:06 GMT Organization: University of Helsinki Do you pine for the nice days of minix-1.1, when men were men and wrote their own device drivers? Are you without a nice project and just dying to cut your teeth on a OS you can try to modify for your needs? Are you finding it frustrating when everything works on minix? No more all- nighters to get a nifty program working? Then this post might be just for you :-) As I mentioned a month(?) ago, I'm working on a free version of a minix-lookalike for AT-386 computers. It has finally reached the stage where it's even usable (though may not be depending on what you want), and I am willing to put out the sources for wider distribution. <omissis> I can (well, almost) hear you asking yourselves "why?". Hurd will be out in a year (or two, or next month, who knows), and I've already got minix. This is a program for hackers by a hacker. I've enjouyed doing it, and somebody might enjoy looking at it and even modifying it for their own needs. It is still small enough to understand, use and modify, and I'm looking forward to any comments you might have. I'm also interested in hearing from anybody who has written any of the utilities/library functions for minix. If your efforts are freely distributable (under copyright or even public domain), I'd like to hear from you, so I can add them to the system. I'm using Earl Chews estdio right now thanks for a nice and working system Earl), and similar works will be very wellcome. Your (C)'s will of course be left intact. Drop me a line if you are willing to let me use your code. Linus Il primo post di Linus 58 R.Polillo - Ottobre 2010
    40. 40. Come è stato possibile? 59  Miglioramenti spontanei, incrementali e locali, a partire da una architettura di massima preesistente  Testing immediato e contemporaneo da parte di un enorme numero di utenti  Debugging contemporaneo da parte di un grande numero di programmatori  Problem solving massivamente parallelo  Integrazioni e rilasci frequentissimi (anche giornalieri) R.Polillo - Ottobre 2010
    41. 41. (1997-1999) 60 R.Polillo - Ottobre 2010
    42. 42. Auto-organizzazione 63  Emergenza spontanea di un comportamento globale ordinato a partire da una miriade di comportamenti individuali semplici non coordinati  http://it.youtube.com/watch?v=gdQgoNitl1g R.Polillo - Ottobre 2010
    43. 43. Intelligenza collettiva LAVORO INDIVIDUALE 65 ATTIVITA’ OBBLIGATORIE:  Prendere dimestichezza con Wikipedia, esaminando i tab “sotto” ogni voce: cronologia, discussioni, ecc.  Leggere la pagina su “Wikipedia” di Wikipedia  Esplorare gli altri progetti della Wikimedia Foundation ATTIVITA’ SUGGERITE:  Effettuare alcune modifiche sulle voci di Wikipedia, e verificare che cosa accade nell’arco di qualche giorno  Esplorare Wikia R.Polillo - Ottobre 2010

    ×