Allergie+e+intolleranze+alimentari
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Allergie+e+intolleranze+alimentari

on

  • 8,502 views

Ottima presentazione intolleranze alimentari

Ottima presentazione intolleranze alimentari

Statistics

Views

Total Views
8,502
Views on SlideShare
8,333
Embed Views
169

Actions

Likes
0
Downloads
44
Comments
1

6 Embeds 169

http://depaolarosanna.blogspot.com 81
http://depaolarosanna.blogspot.it 80
http://www.depaolarosanna.blogspot.it 3
http://www.linkedin.com 3
http://depaolarosanna.blogspot.fr 1
http://feeds.feedburner.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
  • Presentazione ottima come modello di studio sulle malattie croniche
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Allergie+e+intolleranze+alimentari Allergie+e+intolleranze+alimentari Presentation Transcript

  • Gruppo di informazione Allergie e intolleranze alimentari Malnate, 29 Marzo 2011Paolo Acerbis – Dipartimento Scientifico © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • PROGRAMMA DELL’INCONTRO Parte I Le intolleranze alimentari: etiopatogenesi e cura Parte II Etiopatogenesi della malattia allergica e cenni di immunologia Parte III La malattia allergica: la visione PRMe omotossicologica e la soluzione terapeutica
  • Gruppo di informazione Parte ILe intolleranze alimentari: etiopatogenesi e cura © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • Elenco allergeni alimentari dimostrati (anche in tracce)secondo la Direttiva 2000/13/EC e successive integrazioni (Direttive 2003/89/EC, 2006/142/EC e 2007/68/EC) dell’EFSA (European Food Safety Authority): Cereali con glutine Latte Crostacei Frutta a guscio Uova Sedano Pesce Senape Arachidi Semi di sesamo Soia Anidride solforosa Solfiti
  • INTOLLERANZE ALIMENTARI …ma soprattutto mancanza di corretta igienealimentare (eccesso di consumo di alcuni alimenti). © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • SOVRACCARICHI ALIMENTARI PIU’ COMUNI E PERICOLOSI • CEREALI (GLUTINE, LIEVITO DI BIRRA) • LATTE E LATTICINI FRESCHI DI MUCCA TERAPIE ALLOPATICHE PREDISPONENTI • ORMONALI (ESTROPROGESTINICI, CORTISONICI) • ANTIBIOTICI • ANTIMICOTICI
  • PERCORSO PATOGENETICO DELL’INTOLLERANZA ALIMENTAREALTERAZIONE DELLA MICROFLORA INTESTINALE (DISBIOSI INTESTINALE) PROCESSI DI IMMUNOFLOGOSI A CARICO DELLA MUCOSA INTESTINALE SCREZIO DELLA PARETE MUCOSALE PERDITA DELLA TOLLERANZA VERSO GLI ALIMENTI SENSIBILIZZAZIONE VERSO GLI ALIMENTICOORTE SINTOMATOLOGICA DA INTOLLERANZA O ALLERGIA ALIMENTARE DA ESPORTAZIONE ANTIGENICA IN ALTRE MUCOSE (RESPIRATORIA, GENITOURINARIA)
  • EQUILIBRIO DELLINTESTINO: EUBIOSI TROFISMO PARIETALEIMPORTANZA DELLA DIETA
  • Ecosistema intestinale
  • Macrofago:la sentinella
  • Ecosistema intestinale EUBIOSI : Per eubiosiintestinale si intende lapresenza di una corretta flora batterica nellintestino Ci sono più di 400 specie batteriche che vivono nel tratto gastrointestinale, costituendo un vero e proprio ecosistema. proteggono la mucosa digestiva e intestinale, facilitando i processi digestivi e assimilativi. Lequilibrio tra i vari gruppi e sottogruppi di questi BATTERI è indispensabile per la salute.
  • Ecosistema intestinaleDISBIOSI : ALTERAZIONEDELLA CORRETTA FLORA BATTERICA DELL’INTESTINO CON LA DISBIOSI SI POSSONO CREARE I PRESUPPOSTI PER LE INFEZIONI : INTESTINALE, RESPIRATORIA URINARIA, GENITALE, GENERALE
  • Epidemiologia della disbiosi Studi epidemiologici dimostrano che la maggioranza della popolazione soffre di alterazioni della florabatterica intestinale. Uno studio svolto nel 1985 dal Dr.F. Perger nell’Università di Vienna (Austria) documentache in un gruppo di 705 campioni fecali (coprocoltura) solo 21 presentava una situazione di eubiosi (2,98%), mentre i restanti 684 mostravano squilibri disbiotici (97,02%); il dato è stato poi confermato da altre evidenze.
  • Cause di disbiosi - 1deficit nella produzione di acido lattico (indispensabile alla vita dei lattobacilli)disordini alimentari (eccessivo consumo di carboidrati raffinati o di proteine animali)uso smodato di antibiotici, cortisonici, chemioterapici citostatici, immunosoppressori, anticoncezionali, antimicotici, lassativideficit enzimatici digestivi che producono malassorbimento
  • Cause di disbiosi - 2tossici ambientali, tra cui spiccano i metalli pesanti (in particolare mercurio e piombo), i concimi chimici, i coloranti e conservanti, i pesticidi e l’esposizione a radiazioni ionizzanti (naturali o terapeutiche)alterazioni anatomiche (malformative, acquisite o iatrogene, come stenosi, diverticoli, incontinenze valvolari o le modificazioni chirurgiche della canalizzazione)stress psicoemotivi (neuropeptidi e ormoni che alterano il microambiente intestinale)
  • Quadri sindromici riconducibili alla disbiosi ADDOME DILATATO (GONFIORE) IRREGOLARITA’ DELL’ALVO MANIFESTAZIONI CUTANEE INFEZIONI CATARRALI RECIDIVANTI DELLE VIE AEREE (INFANZIA) ALLERGIE RESPIRATORIE DEFICIT METABOLICO-FUNZIONALI DI FEGATO E PANCREAS COLON IRRITABILE – DISTONIA VEGETATIVA INFIAMMAZIONE/CONGESTIONE ANO-RETTALE INTOLLERANZE ALIMENTARI INFEZIONI UROGENITALI (CISTITI, VAGINITI, PROSTATITI) IATROGENIA (ANTIBIOTICI, CORTISONICI, ANTIMICOTICI, ETC.)
  • SINTOMI CORRELATI DOLORE SPONTANEO O ALLA PALPAZIONE, METEORISMO, STIPSI, DIARREA, FECI POCO FORMATE (POLTACEE), FLATULENZA FOLLICOLITI, ACNE, ECZEMI, ORTICARIA, DERMATITI ALLERGICHE SINUSITI, ADENOTONSILLITI, OTITI, TRACHEOBRONCHITI, SUSCETTIBILITA’ INFETTIVA (INFEZIONI RICORRENTI) RINOCONGIUNTIVITE ALLERGICA, BRONCOREATTIVITA’, ASMA ALLERGICO DISPEPSIA, EPATOSTEATOSI (TIPO NASH) CON AUMENTO TRANSAMINASICO E IPERAMILASEMIE SU BASE TOSSICA SPASMI ADDOMINALI, PRURITO ANALE, EMORROIDI, RAGADI, ULCERE, FISTOLE SINTOMI VAGHI E INDEFINITI (IRRITABILITA’, ASTENIA, PESANTEZZA POSTPRANDIALE, CEFALEA, EMICRANIA) E SENSAZIONE DI MALESSERE GENERALIZZATO BRUCIORE URINARIO, CISTITI E VAGINITI RICORRENTI, SPASMI, TENESMO, SECREZIONI INFETTE, SENSO DI PESANTEZZA (PROSTATA) MUCOSITI, NAUSEA, MALASSORBIMENTO, ANEMIA, AFTE, ULCERA PEPTICA O DUODENALE, RETTOCOLITE ULCEROSA.
  • Alcuni spunti bibliografici (dimostrazione) Fonte sito web: http://www.nslij-genetics.org/search_pubmed.html alle voci: disbiosis (11 contributi) pulmonary infections probiotics (23 contributi)) atopic dermatitis probiotics (146 contributi) probiotics urogenital (167 contributi) antibiotic-associated disorders (348 contributi) intestinal infections probiotics (528 contributi) gastrointestinal diseases probiotics (1655 contributi)
  • EUBIOSI SYMBIO LACT comp.•1 miliardo di unità colonizzanti per grammo• contiene i lattobacilli specifici per ogni segmento intestinale
  • Formulazione di Symbiolact comp. Lattobacilli (5 ceppi) Ogni bustina contiene 2 grammi di Lactobacillus acidophilus Lactobacillus paracasei Bifidobacterium bifidum Bifidobacterium lactis Lactococcus lactisper un totale di due miliardi di unità per bustina (conf. da 10 o 30 buste) Un sesto ceppo (Lactobacillus salivarius) è presente come eccipiente con il compito di favorire la conservazione e lo sviluppo degli altri. Non contiene glutine, né latte, lattosio, caseina.
  • Finalità terapeutiche di Symbiolact comp•Ripristinare la corretta gerarchia dei batteri neutri, commensali e mutualistici;•Ricostruire la barriera batterica intestinale;•Acidificare l’ambiente intestinale;•Resistere alla colonizzazione di agenti patogeni;•Regolare il sistema immunitario (macrofagi)•Fornire sostanze nutritive alla flora del crasso (acidi grassi a corta catena).
  • EUBIOSI
  • Titolo garantito / mg / Funzione bustina dopo 2 anni a TProflora® Bustina monodose bustina ≤ 25°C (miliardi CFU) Bifidobacterium lactis Probial® BS01 AF (LMG P-21384) 50 ≥ 1,00 Lactobacillus acidophilus Probial® LA02 AF (DSM 21717) 12,5 ≥ 0,25Lactobacillus paracasei Probial® LPC00 AF (LMG P-21380) 12,5 ≥ 0,25 componente Lactobacillus rhamnosus Probial® LR06 AF (DSM 21981) 12,5 ≥ 0,25 probioticaLactobacillus plantarum Probial® LP02 AF (LMG P-210120) 12,5 ≥ 0,25 Lactobacillus salivarius Probial® LS03 AF (DSM 22776) 10 ≥ 0,02 Frutto-oligosaccaridi a catena corta (FOSsc) 1.500 fibra prebiotica Maltodestrina da patata 830 eccipiente Biossido di silicio (E 551) 60 anti-agglomerante Totale 2.500 ≥ 2,02
  • Legenda La prima sigla (es. “BS01” riferito a Bifidobacteriumlactis Probial®) identifica il biotipo, ovvero indica che il ceppo è stato prodotto secondo un procedimento brevettato (WO/2007/054989), la cui innovazione consiste nel garantire il NON USO in tutto il ciclo produttivo di materie prime potenzialmente allergizzanti appartenenti alla lista inserita nell’allegato III bis della Direttiva 2000/13/EC e successive integrazioni (Direttive 2003/89/EC, 2006/142/EC e 2007/68/EC). I brevetti sono registrati a livello internazionale (European Food SafetyAuthority, EFSA); la seconda sigla “AF” precisa appunto la natura “Allergen Free”, la terza tra parentesi (es. LMG P-21384) corrisponde al numero del brevetto.
  • Unicità e innovazione (caratteristiche del prodotto) Probiotico originale composto da 6 specie di ceppi specifici, registrati e brevettati, secondo le Direttive Europee (claims) Elevata e pronta capacità di colonizzazione (maggior adesività garantita da L. salivarius LS 03)Capacità di produrre batteriocine in grado di contrastare E. coli e coliformi (infezioni vie urinarie) (Lattobacilli rhamnosus e plantarum) Carica complessiva garantita a scadenza (2 anni) superiore a 2 miliardi/bustina
  • Unicità e innovazione (caratteristiche del prodotto) - segueGaranzia certificata di totale assenza di potenziali allergeni, anche in tracce, secondo Direttive EFSA (European Food Safety Authority) Indicato per i soggetti allergici o intolleranti, sia pediatrici che adulti Totale assenza di: aromi, conservanti, coloranti, edulcoranti Privo di qualunque odore e sapore Con aggiunta di FOSSC (frutto-oligo-saccaridi a corta catena) da barbabietola da zucchero, in grado di stimolare lo sviluppo dei ceppi presenti nel prodotto e nell’intestino del soggetto che lo assume
  • In altre parole stiamo parlando di una vera e propria unità simbioticaovvero dell’associazione tra lattobacilli eFOSsc (fruttoligosaccaridi a catena corta) in grado di riequilibrare l’ecosistema intestinale ed influenzare positivamente il metabolismo dell’ospite.
  • Posologia 1 bustina mezz’ora prima del pasto in almeno mezzo bicchiere d’acqua L’assunzione pre-prandiale è suggerita dallo stesso produttore, per meglio garantireun’opportuna quantità di lattobacilli nel tenuee una loro più corretta distribuzione. Il transitodallo stomaco (ambiente sfavorevole) è così più rapido. La filmatura della parete intestinale viene comunque assicurata dalla presenza del ceppo L. salivarius.
  • Quando Symbiolact / proFlora Symbiolact proFlora •Intolleranze/Allergie • Alvo alterno/stipsi •Infezioni genitourinarie •Diarrea viaggiatore (Rhamnosus/Plantarum) •Diarrea da rotavirus •Dermatiti/osi •Durante l’antibiotico (FOS)(Bifidobact. Lactis BB12) •Gravidanza, neonati, anziani (fragilità)
  • Symbiolact comp® proFlora®bustina monodose bustina monodose Bifidobacterium lactis BB12 Bifidobacterium lactis Probial® BS01 AF (LMG P-21384) Lactobacillus acidophilus LA5 Lactobacillus acidophilus Probial® LA02 AF (DSM 21717) Lactobacillus paracasei LC01 Lactobacillus paracasei Probial® LPC00 AF (LMG P-21380) Bifidobacterium bifidum Lactobacillus rhamnosus Probial® LR06 AF (DSM 21981) Lactococcus lactis Lactobacillus plantarum Probial® LP02 AF (LMG P-210120) Lactobacillus salivarius Lactobacillus salivarius Probial® LS03 AF (DSM 22776)
  • Bifidobacterium animalis subsp. lactis Bb-12 Study situationCurrently there are more than 70 published studies on Bb-12 with more than 2000 participants. Studies were conducted mainly on: Antibiotic side effects Diarrhea (Traveller) Rotavirus diarrhea Atopic dermatitis NEC Cholesterol Immunity (adults & children) IBS Safety
  • TROFISMO PARIETALE
  • PERCHE’ COLOSTRO NONIL’Apparato Digerente, con la sua ampia superficie (…), rappresenta l’interfaccia tra “mondo esterno” e “mondo interno” più importante dell’organismo. In condizioni fisiologiche le sue delicate strutture mucosali rappresentano unefficace filtro capace di discernere tra ciò che è utile per l’organismo e ciò che èdannoso ed una straordinaria barriera difensiva nei confronti di agenti patogeni o di sostanze potenzialmente lesive della loro integrità (radicali liberi), ma incondizioni patologiche esse possono diventare la principale “via d’entrata” pervirus, batteri, parassiti, miceti e l’innesco etio-patogenetico di una moltitudine di malattie infiammatorie, infettive, funzionali. © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • COLOSTRO NONIFattori immunitari. E’ stato dimostrato che i fattori presenti nel colostroaiutano l’organismo a respingere virus, batteri e funghi. Ogni fattoregioca un ruolo specifico nella difesa del nostro organismo.Inoltre, il colostro contiene oltre 20 anticorpi specifici, inclusi quelli perColi, Salmonella, Rotavirus, Candida, Streptococco, Stafilococco,Haemofilus, H. pilori, ed altri.Diversi studi - sia in vitro che clinici - hanno evidenziato che oltre alleimmunoglobuline il colostro presenta un fattore che rinforza un sistemaimmunitario poco attivo, mentretende ad equilibrare un sistemaimmunitario iperattivo, come quellopresente nelle malattie autoimmuni onelle allergie. © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • LA TRIPLICE AZIONE DI COLOSTRO NONI1. POTENZIARE il Sistema Immunitario Associato alle Mucose2. PRESERVARE l’integrità istologica della mucosa digerente 3. FAVORIRE l’eubiosi intestinale Le 3 azioni di COLOSTRO NONI perché l’intestino non sia …”la madre di tutte le malattie”. © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • IL TRIPLICE RUOLO DI COLOSTRO NONI 1. POTENZIARE il Sistema Immunitario Associato alle Mucose • PREVENZIONE E TRATTAMENTO DELLE PATOLOGIE INFLUENZALI E PARAINFLUENZALI.• INFEZIONI GASTRO-INTESTINALI DI ORIGINE BATTERICA O VIRALE (diarrea e dissenteria) • MALATTIE INTESTINO CORRELATE (Cistite, Prostatiti, Candidosi) • IRR • SINUSOPATIE 2. PRESERVARE l’integrità istologica della mucosa digerente • GASTROENTERITI EROSIVO-ULCEROSE • IBD (Inflammatory Bowel Disease) • IBS (Irratble Bowel Syndrome) 3. FAVORIRE l’eubiosi intestinale • DISBIOSI INTESTINALI • INTOLLERANZE E ALLERGIE ALIMENTARI © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • MORINDA CITRIFOLIA (Noni) possiede proprietàantibatteriche, antivirali, antimicotiche,e, in generale, immunoregolatrici, toniche e ricostituenti sull’intero organismo.
  • SUCCO DI NONI PRO-XERONINA INTESTINO FEGATO Rilascio ogni 2 ore DIVERSI DISTRETTI DELL’ORGANISMO XERONINAProxeronase ATTIVAZIONE SINTESI PROTEINE
  • IGIENE ALIMENTARE• LIMITARE FARINE • RUOTARE MARCHE E TIPI DI CEREALI• DIMINUIRE L’IMPATTO • CONSUMARE PIU’ RISO CON IL GLUTINE E MAIS• CONTENERE IL CONSUMO • PREFERIRE LATTE E DI LATTE E LATTICINI FORMAGGI STAGIONATI FRESCHI DI VACCA DI CAPRA E PECORA• RICORRERE AI FARMACI • TRATTARE IL PIU’ ALLOPATICI SOLO PER POSSIBILE CON REALI NECESSITA’ FARMACI NATURALI
  • Latte e suoi derivati Diluizioni: 4CH, 8CH, 12CH, 15CH, 20CH,ALLERGY PLEX 1 24CH, 30CH Lac defloratum D10 Lattosio D8, D10, D12, D20, D30 Desensibilizzazione specifica Aethusa cynapium D6, D10, D12Calcium carbonicum D8, Sostegno Allium sativum D6 D10 Controllo della dell’attività Carbo vegetabilis D12 Lattasi 4CH enzimatica sintomatologia Guajacum D10 Proteasi 4CH Magnessium muriaticum Drenaggio D10 Staphysagria D12 Homarus D6, D8, D10, D12 Lycopodium D12 Pulsatilla D8 © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • ALLERGY PLEX 19 Lievito naturale Aleurisma (castellani Lievito di birra et lugdunense) Diluizioni: D10, D12, D15, Aspergillus D18, D20, D24, D28, D30 (bronchalis, niger, fumigatus) Candida albicans Aleurisma (castellani Desensibilizzazione Cladosporum m. et lugdunense) specifica Mucor (mucedo, Aspergillus plumbeus, Ripristino Stimolazione (bronchalis, niger, racemosus) fumigatus) dell’eubiosi del Sistema intestinale Immunitario Rizopus nigricans Candida albicans Tricophyton spp. Cladosporum m. Controllo della sintomatologia Streptococcus Mucor (mucedo, faecalisplumbeus, racemosus) Diluizioni: D10, D12, D15, Rizopus nigricans D18, D20, D24, D28, D30 Manganum aceticum D8 Tricophyton spp. Carbo vegetabilis D8Streptococcus faecalisDiluizioni: D10, D12, D15, Bornite D8D18, D20, D24, D28, D30 Pirite D8 © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • Cereali: frumento, frumento integrale, avena, segale, farina di frumento,ALLERGY PLEX 7 glutine, miglio, lievito per la panificazione, cicoria, fibre Diluizioni: 4CH, 6CH, 9CH, 12CH, 15CH, 20CH, 24CH Desensibilizzazione specifica Pankreas suis 4CH Sostegno Controllo della • Carbo vegetabilis dell’attività Amylase 4CH sintomatologia D8, D10, D12, D15 enzimatica • Eichhornia D2 Predisposi zione Importante: Natrium carbonicum D1, D10 Natrium sulfuricum D6, D8 Non somministrare ai celiaci © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • Riassumendo Schemi di trattamento standard: Symbiolact comp /proFlora: 1 bustina/die in acqua durante la cena/prima della cena Colostro Noni: 1 bustina sulla lingua lontano pasti (prima di cena?)Allergyplex 19: 10 gtt/2 volte die lontano pasti sublinguale Allergyplex 7: idem al precedente (no celiaci) Allergyplex 1: idem al precedente
  • Una diversa gestione…PIENO DI INTESTINO TENUE: TRA 13 – 15 VUOTO: OPPOSTO, CIOE’ TRA 1 – 3 Dunque somministrare intera posologia (10 – 20 – 30 gtt o più) PRIMA DI CORICARSI Per medesimo motivo (facilitare collaborazione) far assumere Colostro Noni almeno 15 minuti prima della cena e proFlora poco prima o Symbiolact durante
  • La soluzione per le intolleranze ed allergie alimentari non stasolo nella confezione di diete appropriate. Tra le cause delle “intolleranze alimentari” vi è – secondo gli Autori – anche una problematica inconscia ed irrisolta con le figure primarie, una difficoltà di relazione con il mondo o una nevrosi proiettata sull’”oggetto” alimentare. – Il fenomeno può nascondersi tra le pieghe dell’inconscio. La risoluzione del problema non può prescindere dalla sola esclusione dell’alimento identificato come dannoso. È necessario smascherare il contenuto inconscio connesso all’alimento che ha scatenato la risposta anomala alla sua ingestione.
  • Come per tutte le altre affezioni, anche per le allergie e leintolleranze alimentari, la presa in carico della malattia deve essere la più completa possibile e tener conto delle manifestazioni psicologiche, somatiche, ambientali e simboliche. I tre Autori, attivi cultori di Medicine Complementari ed Integrative, prendono in rassegna i principali nutrienti per poi valutarne l’aspetto più celato, intrinseco, enigmatico ed analogico mediante la psicosomatica, la mitologia ed i riferimenti simbolici. Il libro offre sicuramente un contributo nuovo ed originale per chi voglia affacciarsi oltre la soglia delle sollecitazioni alimentari, per meglio comprendere ciò che un cibo può esprimere, oltre il proprio valore nutrizionale, energetico emetabolico, ed interpretare – così – le motivazioni profonde delle scelte o avversioni alimentari.
  • F. Piterà, L. Cappello, M. Taglietto IL SEGRETO DEI CIBI Libro di 413 pagine Prezzo: € 40,00 Editore: Nova ScriptaSalita San Francesco da Paola, 20/7 – 16126 Genova www.novascripta.com ISBN: 978-88-88251-19-6 Anno di pubblicazione: 2009 (Settembre)
  • Gruppo di informazione Parte IIEtiopatogenesi della malattia allergica e cenni di immunologia
  • IL SISTEMA IMMUNITARIOTh1 Th2 64 64 © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • LA BILANCIA Th1/Th2 Th1 UP-REGULATION Th-2 Th2 UP-REGULATION IL-12 IL-4 IFN-g Th-2 Th-1 IL-5Crohn’s Disease Asthma Psoriasis IL-4 IL-12 IL-5 IFN-g Atopy Th2 DOWN-REGULATION Th1 DOWN-REGULATION © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a. 65
  • …NELL’ALLERGIA: SWITCH Th1/Th2 Th2 •IL-4 •IL-5 Th1 © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • IL PUZZLE ALLERGICO ATOPIA SWITCH Th1/Th2ESPOSIZIONE SENSIBILIZZAZIONE © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • SISTEMA IMMUNITARIO E RISPOSTA ALLERGICA LINFOCITI T CD4 CD8 T Suppressor T Citotossici virus T helper 0 batteri allergeni IL 4 IL 13T helper 1 T helper 2b INF-g parassiti ed elminti IL 12 TNF-α IL 5 T helper 2a Linf. B Ig E IL 2 Linf. B RISPOSTA Ig M RISPOSTA Ig G ALLERGICA Ig A NORMALE © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • IL CAMMINO DELLA REAZIONE ALLERGICA © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • IL CAMMINO DELLA REAZIONE ALLERGICA degranulazione; liberazione di istamina; SINTOMI Th2 2° contattodell’allergene Th1 •IL-4 •IL-5 1 stimolazione LINFOCITI B MASTOCITA 2 produzione EOSINOFILI IgE © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • APC (Antigen Presenting Cell) Stimolazione dei Linfociti Bpresenta l’antigene ai Linfociti Th e produzione di IgE Sensibilizzazione 2°contatto con l’allergene Degranulazione dei mastociti © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • SENSIBILIZZAZIONE © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • Gruppo di informazione Parte III La malattia allergica: la visione PRM eomotossicologica e la soluzione terapeutica © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • IL PUZZLE ALLERGICO ATOPIA SWITCH Th1/Th2ESPOSIZIONE SENSIBILIZZAZIONE © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • ALLERGIAMALATTIA DEL SISTEMA IMMUNITARIO SWITCH Th1/Th2 : IL VERO “PECCATO ORIGINALE” DELL’ALLERGIA PERCHE’? •PREDISPOSIZIONE GENETICA•FATTORI AMBIENTALI (ipotesi igienica) © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • Il grande elemento innovativo propostodall’Omotossicologia prima e dalla MedicinaFisiologica di Regolazione poi consiste nel poter agiresullo SWITCH Th1/Th2 attraverso meccanismi diregolazione immunitaria per mezzo di sostanzevegetali (Vincetoxicum hirundinaria -ENGYSTOL1-) omessangers molecules (IL-12 e IFN-γ) in low dosefisiologica (4CH) SKA2 in grado di cross-regolare labilancia immunitaria. E’ QUESTO IL SENSO PROFONDO DELLA TERAPIA PREVENTIVA DELLE ALLERGIE1.Embergs H. – Effects of the homeopathic preparation Engystol on Interferon-gamma production by humanT-Lymphocytes - Immunol Invest. 2006; 35(1): 19-272.Gariboldi S. et al. – Low dose oral administration of cytokines for treatment of allergic asthma, PulmonaryPharmacology & Therapeutics 22 (2009) 497-510, doi: 10.1016/j.pupt.2009.05.002 © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • STIMOLA Th0 STIMOLA IL-12 IL-4 Th1 Th2 INF-γ, IL-12 IL-4 INIBISCE INIBISCE INF-γ IL CONCETTO DI BILANCIAInterleuchine Th1 sono in grado di stimolare la secrezione delle stesse citochine e la differenziazione di linfociti Th0 in altri linfociti Th1. Nello stesso tempo le interleuchine Th1 sono in grado di inibire la secrezione di interleuchine a polarità Th2. © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • IL CONCETTO DELL’USO BILANCIATO DELLE CITOCHINE IN LOW DOSES SKA ATTIVATE Lo sviluppo dei sottotipi Th cross-regola l’aumento e le funzioni di tutti gli altri.Dunque l’IL-4 stimola la differenziazione TH2 e antagonizzaquella dei TH1, e l’ IFN-γ stimola la differenziazione TH1 eantagonizza quella dei TH2. Entrambe, infine, antagonizzano la differenziazione dei TH17.- Bettelli E. et al. Th17: the third member of the effector T cell trilogy. Current Opinion in Immunology 2007, 19: 652-657© Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a. in cooperation with:Effects of low dose cytokines in treatment of inflammatory pathologies: use in an animal model of ALLERGIC ASTHMA 80 80
  • Low dose oral administration of cytokines for treatment of allergic asthma Gariboldi S. et al. – Low dose oral administration of cytokines for treatment of allergic asthma, Pulmonary Pharmacology & Therapeutics 22 (2009) 497-510, doi: 10.1016/j.pupt.2009.05.002 Silvia Gariboldi, Marco Palazzo, Laura Zanobbio, Giuseppina F Dusio, Valentina Mauro, Umberto Solimene, Diego Cardani, Martina Mantovani, Cristiano Rumio and S.G.M.P. contributed equally to this workReviewer #1: INTRUIGING WORK: Low dose oral administration of IL-12plus IFN-gamma for treatment in murine model of allergic asthma. solveBHR.Anti-asthmatic activity for 8- 15 days confirmed by histological analysis oflungs and balfluid cell count, it is convincing for this murine model.Serum OVA-specific IgE also inhibited by this low-dose activated cytokinessolution, SUGGESTING A NOVEL APPROACH. © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • EXPERIMENTAL PROTOCOL DAY 1 DAY 7 DAY 13LUCKY Injection of 1 mg Injection of 1 mg Aerosol of 1 mgMOUSE of egg-albumin + of egg-albumin + of egg-albumin + 5 mg Al(OH)3 in 5 mg Al(OH)3 in 5 mg Al(OH)3 in PBS (IP) PBS (IP) PBS TREATMENT WITH IL-12+IFN-γ from DAY 18 until DAY 38 ALLERGIC Blood drawing MOUSE DAY 38 DAY 30 DAY 27 Bronchoalveolar 5% egg-albumin in Injection of 1 mg of lavage fluid PBS 0,5. (Aerosol) egg-albumin + 5 mg Al(OH)3 in PBS (IP) © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • Asthma © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a. Th1 BALF – after treatment with egg albumin and Al (OH)3 Th2 180 Legend 60 160 •1-Untr=healthy mouse •2-OVA=allergic mouse 140 50 120 [IL-5] (pcg/ml)[IL-4] (pcg/ml) 40 100 30 80 60 20 40 10 20 0 0 UNTR OVA UNTR OVA
  • © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • Number of cells expressed in cells/BALF (x104) © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a. 87
  • © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • IL PUZZLE ALLERGICO ATOPIA SWITCH Th1/Th2ESPOSIZIONE SENSIBILIZZAZIONE © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • IL PUZZLE ALLERGICO LA SOLUZIONE TERAPEUTICA ATOPIA TERAPIA IMMUNOLOGICAESPOSIZIONE SENSIBILIZZAZIONEDRENAGGIO DESENSIBILIZZAZIONE (specifica e aspecifica) © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • ALLERGIE STEP TERAPEUTICI DRENAGGIO +RIEQUILIBRIO DELLO SWITCH Th1/Th2 PREVENZIONE +DESENSIBILIZZAZIONEASPECIFICA/SPECIFICA TERAPIA CURA SINTOMATICA © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • DRENAGGIO © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • Prevenzione dei -Thuja -Pyrogenium Disattivazione e fenomeni di danno -Galium aparine -Clematis clivaggio delle istologico della matrice tossine di deposito. -Ononis spinosa -Apis Stimolo del ricambio -Caltha palustris -Betula alba della Sostanza-Galium aparine -Saponaria -Hedera helix fondamentale.-Thuja Contrasto della gelificazione-Acidum nitricum Drenaggio connettivale-Calcium fluoratum della-Phosphorus matrice-Argentum -Betula alba Azione Centrifugazione-Aurum metallicum antidegenerativa emuntoriale -Galium aparine-Sedum acre -Ononis spinosa-Caltha palustris Azione -Juniperus communis-Sempervivum tectorum antiinfiammatoria -Urtica Antagonismo dello stato di infiammazione Attivazione della cronica, preludio -Apis funzione renale per all’innesco dei fenomeni l’escrezione di vicariazione -Echinacea vicariante del carico progressiva © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a. GALIUM HEEL® omotossico
  • Galium-HeelD12D10D8D6D5D4D3D2 Galium Semperv. Caltha Hedera Echinacea Aurum Acidum aparine tectorum palustris Helix angust. met. nitr. Galium Clematis Ononis Betula Calcium Argentum Pyrogenium album spinosa alba fluoratum Sedum Thuja Juniperus Saponaria Phosphorus Apis Urtica acre communis mellifica © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • Galium-HeelDrenaggio connettivaleGalium aparine, Clematis, Ononis spinosa, Calthapalustris, Betula alba, Saponaria, etc.Galium-Heel Azione antiinfiammatoria Apis, Pyrogenium, Echinacea, etc.Azione Anti-degenerativaGalium aparine, Sedum acre, Sempervivum tectorum, Thuja, Caltha palustris, Phosphorus,Acidum nitricum, Aurum, Argentum, etc. © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • ATOPIA – PREDISPOSIZIONE GENETICA – TERRENO ALLERGICO Th2 •IL-4 •IL-5 Th1 © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • IL NETWORK P.N.E.I. E LE MESSANGERS MOLECULESOGNI MALATTIA E’ L’ESPRESSIONE, LA CONSEGUENZA DI MUTATECONCENTRAZIONI DI MOLECOLE DI RELAZIONE © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • STIMOLA Th0 STIMOLA IL-12 IL-4 Th1 Th2 INF-γ, IL-12 IL-4 INIBISCE INIBISCE INF-γ IL CONCETTO DI BILANCIAInterleuchine Th1 sono in grado di stimolare la secrezione delle stesse citochine e la differenziazione di linfociti Th0 in altri linfociti Th1. Nello stesso tempo le interleuchine Th1 sono in grado di inibire la secrezione di interleuchine a polarità Th2. © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • Th2 Th1ENGYSTOL STIMOLAIL12 4CH STIMOLAINF-γ 4CH INIBISCE © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • ALLERGIE: TERAPIA DI TERRENOStimolazione dei Th1 e •Regolazione del soppressione dei Th2 terreno allergico nelle per attivazione dei T riniti allergiche e nelle suppressor rino-congiuntiviti allergiche TRANSFACTOR 22 capsule SHIFT Th1-Th2 ENGYSTOL LUFFA COMPOSITUM compresse compresse IL-12 4CH IFN-gamma 4CH •Potenziamento delle difese immunitarie •Diminuzione della •Stimolazione dei Th1 liberazione dei super- e soppressione dei ossidi radicalici da Th2 parte dei granulociti © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • ENGYSTOL © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • ENGYSTOLMeccanismo d’azione di Engystol nelle allergie Th1 INF γ Th2 IL4 Linfociti B Key words: riduce i sintomi allergici per riequilibrio rapporto Th1/Th2 (vincetoxicum) e drena gli allergeni IgE (sulfur) © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • Transfactor 22 capsule Attivazione della sintesi di recettori specifici sulla superficie dei Th per un miglior riconoscimento antigenico Transfer Factor AIS – Immunosuppressor alla diluizione omeopatica D7. E’ ottenuto mediante stimolazione delle cellule linfoidi con pool di allergeni. I Transfer Factor AIS – Immunosuppressor – sono in grado di riequilibrare la bilancia Th1-Th2 che nel soggetto allergico vede la prevalenza dei Th2 (con l’innesco della cascata della reazione allergica),inducendo lo shift a favore dei Th1 per soppressione dei Th2.
  • DESENSIBILIZZAZIONE ASPECIFICA AC. FORMICICUM HISTAMIN INJEEL INJEEL1 fiala alla settimana apartire da 2 mesi prima 1 fiala alla settimana a della prevedibile partire da 2 mesi primamanifestazione allergica della prevedibile manifestazione allergica © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • OVIX © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • OVIX © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • DESENSIBILIZZAZIONESPECIFICA NELL’ALLERGIA RESPIRATORIAAllergy Plex n° 2920 gocce 2 volte al dì a partire da 2 mesi prima della prevedibile manifestazione allergica © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • ALLERGYPLEX n° 29 gocce•Graminaceae miscela •Allium cepa D6/9•Ambrosia artemisifolia •Arsen. alb. D10/12/15/20•Populus nigra Pool di •Cinnabaris D8 allergeni •Euphrasia D6/9•Corylus avellana Sintomatici•Betula alba (Desensib.•Parietaria officinalis Specifica) •Solidago D6/D9•Forfora di cane •Ambra grisea D10/12•Forfora di gatto Desensib.•Dermatophagoides pteronyssinus aspecifica•Dermatophagoides farinae •Histaminum CH 7/9/12CH 4/6/8/10/12/15/18/20/28/30 • Desensibilizzazione specifica e aspecifica • Controllo sintomatico nelle allergie.
  • Allergia respiratoria - Protocollo relativo al quadro clinico di bassa-media gravità: GALIUM-HEEL® + ENGYSTOL® + ALLERGYPLEX 29 Allergia respiratoria - Protocollo relativo al quadro clinico di media-alta gravità:GALIUM-HEEL® + (IL-12 4CH + INFγ 4CH)+ ALLERGYPLEX 29 + OVIX © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • Posologia per asma allergico/rinite allergica: bambini sotto 6 anni: 10 gtt x 2/die; adulti: 15-20 gocce x 2/diesia per Galium Heel e Allergyplex 29 che per IL-12 4CH e INFγ 4CH Engystol: 1 cpr x 2/die sia adulti che bambini Ovix: da 1 a 6 cpr/die Transfactor 22: 1 cps/die x 5 giorni settimanali © Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  • Riassumendo Engystol Interferon-γ 4CH Allergyplex 29Interleuchina-12 4CH Transfactor 22 Istamin injeel Acidum formicicum injeel Ovix
  • Sinossi di terapia sintomatica Parole chiave• Apis Homaccord gocce = desensibilizzazione• Euphorbium compositum spray nasale = decongestionante• Euphrasia collirio = lacrimazione/edema• Cuprum Heel fiale = spasmo• Arnica comp. Heel fiale = infiammazione• Guna basic bustine = regolazione infiammatoria• Ovix crema = prurito/irritazione cute• Allergyplex 36 - 37 - 38 = desensibilizzazione generale, orticaria, punture insetti
  • GRAZIE DELLATTENZIONE!