Media EducationMedia Education
Web 2.0Web 2.0
Dalla comunicazione fra amiciDalla comunicazione fra amici
alle comunità di ...
Caccia all’oggetto misterioso …
Oggi, attraverso un unico apparecchio (notebook, tablet,
smartphone), è possibile produrre e fruire di messaggi
scritti, v...
Web1.0→Web2.0
Online ogni
60 secondi
nel mondo
Le sfide della cultura partecipativaLe sfide della cultura partecipativa
Henry Jenkins individua alcune questioni fondamen...
TECNOLOGICO
ETICO COGNITIVO
Integrato
Esplorare ed
affrontare in modo
flessibile situazioni
tecnologiche nuove
Accesso, se...
Immigrati e nativi digitaliImmigrati e nativi digitali
Capacità comunicative e stili di apprendimento
quote Veen, W. & Vra...
Come è cambiato il mio lavoro …Come è cambiato il mio lavoro …
EDIMAGAZINE SCUOLA
1995
LA MIA LETTERA AL MONDO
2008
ITALIA...
e il mio modo di lavorare …e il mio modo di lavorare …
EDIMAGAZINE SCUOLA
1995
ACQUISTO BIGLIETTI DEL TRENO
PAGO BONIFICI ...
La frequenza di Internet per fasce di età
I Social Media più diffusi fra gli adulti e gli adolescenti
Come gli adolescenti usano i Social Media
IL GIOXI
Istituto
tecnico
industriale Giovanni XXIII
di Rom
a
Tor Sapienza
Navigare: dove?Navigare: dove?
SOCIAL
NETWORK
SI’
YOUTUBE 19
GOOGLE 19
FACEBOOK 18
WIKIPEDIA 15
I-TUNES 11
SKYPE 9
TWITTER...
CreareCreare ipertesti e ipermediaipertesti e ipermedia
FotocopiareFotocopiare libri e rivistelibri e riviste
Nel Centro r...
GIOXI: 7 giugno
Post del prof su
facebook:
giovedì è l’ultimo
incontro che
facciamo; ricordatevi
di portare il LIBRO e
un'...
Esplorare libri e tabletEsplorare libri e tablet
In contemporanea:
- durante la discussione in aula, alcuni
studenti posta...
Esplorare libri e tabletEsplorare libri e tablet
In contemporanea:
i ragazzi si alternano sul notebook
collegato alla LIM ...
mentre usiamo la LIM …mentre usiamo la LIM …
si corregge qualche
errore di ortografia
… e si divaga un po’
giocando con l'...
Analisi degli ScenariAnalisi degli Scenari
 I Nativi digitali e la Scuola: diventare sapienti
nell’epoca del Web 2.0
 Cl...
Quadro delle politiche nazionali e europeeQuadro delle politiche nazionali e europee
Agenda Digitale Europea > Italiana (...
Le raccomandazioni di LisbonaLe raccomandazioni di Lisbona
Nel Consiglio Europeo tenutosi a Lisbona nel Marzo 2000 è stato...
Le Key Competences XXI
1. comunicazione nella madrelingua
2. comunicazione nelle lingue straniere
3. competenza matematica...
come tutti … avete solo bisognocome tutti … avete solo bisogno
di capire e accettare cambiamenti e di averedi capire e acc...
Web 2.0: dalla comunicazione fra amici alle comunità di apprendimento e di lavoro
Web 2.0: dalla comunicazione fra amici alle comunità di apprendimento e di lavoro
Web 2.0: dalla comunicazione fra amici alle comunità di apprendimento e di lavoro
Web 2.0: dalla comunicazione fra amici alle comunità di apprendimento e di lavoro
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Web 2.0: dalla comunicazione fra amici alle comunità di apprendimento e di lavoro

378 views

Published on

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
378
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
15
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Web 2.0: dalla comunicazione fra amici alle comunità di apprendimento e di lavoro

  1. 1. Media EducationMedia Education Web 2.0Web 2.0 Dalla comunicazione fra amiciDalla comunicazione fra amici alle comunità di apprendimento e di lavoroalle comunità di apprendimento e di lavoro di Rosario Garradi Rosario Garra ITALIA LAVORO - FixO S & UITALIA LAVORO - FixO S & U Istituto Giovanni XXIII di Roma – 20 marzo 2014 Idee per un mondo possibile Idee per un mondo possibile Studio GarraStudio Garra Progetti editoriali & FormazioneProgetti editoriali & Formazione
  2. 2. Caccia all’oggetto misterioso …
  3. 3. Oggi, attraverso un unico apparecchio (notebook, tablet, smartphone), è possibile produrre e fruire di messaggi scritti, vocali e audiovisuali, ricercare e accedere a informazioni e conoscenze, depositate in enormi archivi di memoria, realizzare e trasmettere copie digitali di documenti, ovunque e in ogni momento.
  4. 4. Web1.0→Web2.0
  5. 5. Online ogni 60 secondi nel mondo
  6. 6. Le sfide della cultura partecipativaLe sfide della cultura partecipativa Henry Jenkins individua alcune questioni fondamentali della cultura partecipativa e dell’apprendimento fra pari, che giustificano e rendono necessaria la realizzazione di interventi di Media Education. Eccone una sintesi. IL GAP DI PARTECIPAZIONE Oltre alle diseguaglianze relative all’accesso alle tecnologie, occorre colmare il divario esistente nelle opportunità di partecipazione ad attività e risorse online che consentono di imparare a utilizzare le tecnologie in modo interessante e significativo, nell’apprendimento formale e informale, per la continuazione degli studi e per l’avvio alle professioni e al lavoro. IL PROBLEMA DELLA TRASPARENZA I giovani devono imparare a riconoscere i modi in cui i media formano la loro percezione del mondo. Portare dal livello implicito (spontaneo) al livello esplicito (consapevole) le regole del gioco (e) della comunicazione. LA SFIDA ETICA La facilità di socializzare mediante le tecnologie della comunicazione, comporta conseguenze di cui i giovani devono essere consapevoli. Incoraggiare i giovani a riflettere sulla opacità etica spesso indotta dal web e a compiere scelte etiche e responsabili nelle loro attività in rete. COMUNITA’ DI PRATICA Il compito della Media Education è di formare “comunità” che si focalizzano su “pratiche” create nel corso di progetti di gruppo, pratiche che si fondano sull’intreccio di storie e la condivisione di contenuti e che diventano fonte di coesione fra i partecipanti.
  7. 7. TECNOLOGICO ETICO COGNITIVO Integrato Esplorare ed affrontare in modo flessibile situazioni tecnologiche nuove Accesso, selezione e valutazione critica delle informazioni Comprendere il potenziale delle tecnologie di rete per la costruzione collaborativa della conoscenza Interagire con le TIC in modo responsabile Competenze digitali e comunità di apprendimento
  8. 8. Immigrati e nativi digitaliImmigrati e nativi digitali Capacità comunicative e stili di apprendimento quote Veen, W. & Vrakking, B. (2006). Homo Zappiens, Growing up in a Digital Age. London, Network Continuum Ed Paolo Ferri, Corso di perfezionamento in Didattica digitale (Iuline, 2012) Digital immigrants Codice alfabetico Apprendimento lineare Stile comunicativo uno a molti Apprendimento per assorbimento Internalizzazione riflessione Autorità del testo Primo leggere. Digital native Codice digitale Apprend. Multitasking Condividere e creare la conoscenza (Mp3, Wikipedia) Apprendere ricercando giocando esplorando Esternalizzazione dell’apprendimento Comunicazione versus riflessione No autorità del testo multicodicalità Connettersi navigare ed esplorare.
  9. 9. Come è cambiato il mio lavoro …Come è cambiato il mio lavoro … EDIMAGAZINE SCUOLA 1995 LA MIA LETTERA AL MONDO 2008 ITALIA PIANETA LIBRO 2002 - 2009 NETWORK RIVISTE CULTURALI 2014
  10. 10. e il mio modo di lavorare …e il mio modo di lavorare … EDIMAGAZINE SCUOLA 1995 ACQUISTO BIGLIETTI DEL TRENO PAGO BONIFICI E TASSE PARTECIPO A BANDI EUROPEI CONDIVIDO RICERCHE
  11. 11. La frequenza di Internet per fasce di età
  12. 12. I Social Media più diffusi fra gli adulti e gli adolescenti
  13. 13. Come gli adolescenti usano i Social Media
  14. 14. IL GIOXI Istituto tecnico industriale Giovanni XXIII di Rom a Tor Sapienza
  15. 15. Navigare: dove?Navigare: dove? SOCIAL NETWORK SI’ YOUTUBE 19 GOOGLE 19 FACEBOOK 18 WIKIPEDIA 15 I-TUNES 11 SKYPE 9 TWITTER 4 MY SPACE 1 BLOG 1 SECOND LIFE 1
  16. 16. CreareCreare ipertesti e ipermediaipertesti e ipermedia FotocopiareFotocopiare libri e rivistelibri e riviste Nel Centro risorseNel Centro risorse editoriali, è possibile ...editoriali, è possibile ... ProdurreProdurre video e siti Internetvideo e siti Internet RealizzareRealizzare Giornali scolastici e dispenseGiornali scolastici e dispense attraverso un uso libero e corretto delle risorseattraverso un uso libero e corretto delle risorse multimediali e nel rispetto del diritto d’autore.multimediali e nel rispetto del diritto d’autore. CercareCercare materiali nel Webmateriali nel Web
  17. 17. GIOXI: 7 giugno Post del prof su facebook: giovedì è l’ultimo incontro che facciamo; ricordatevi di portare il LIBRO e un'altra cosa: chi ha un CELLULARE che si connette a Internet lo porti.
  18. 18. Esplorare libri e tabletEsplorare libri e tablet In contemporanea: - durante la discussione in aula, alcuni studenti postano le informazioni su facebook direttamente dai loro cellulari Alessio: dovrebbero dare un iPad a ogni alunno per avere tutte le informazioni di internet. Valerio: usare internet a scuola al posto dei libri fa lo zaino più leggero. Mirco: l'iPad non si dimentica a casa perché raccoglie tutti i libri e quindi non se ne dimentica nessuno. Rinaldo: l'iPad non lo dimentichiamo a casa perché oltre ai libri contiene giochi e applicazioni varie. Antonio: a differenza dei libri negli iPad si possono trovare non solo fotografie ma anche video.
  19. 19. Esplorare libri e tabletEsplorare libri e tablet In contemporanea: i ragazzi si alternano sul notebook collegato alla LIM per registrare frammenti della discussione. Lorenzo: perché ho scelto la rivista scientifica invece di un libro? un po' a caso ma anche perché era una rivista e contiene tanti articoli di argomento diverso. Gli articoli si scelgono guardando l'indice della rivista. Stefano: porto sempre con me il mio smartphone perché mi piace giocare anche quando sono a scuola. Ma solo perché ce l’ho da poco. Stefano: usare un telefono per fare ricerche può essere più divertente e interessante. Invece che sprecare tempo a cercare il libro giusto per la ricerca.
  20. 20. mentre usiamo la LIM …mentre usiamo la LIM … si corregge qualche errore di ortografia … e si divaga un po’ giocando con l'effetto ondulazione su Webcam Toy!
  21. 21. Analisi degli ScenariAnalisi degli Scenari  I Nativi digitali e la Scuola: diventare sapienti nell’epoca del Web 2.0  Classe 2.0: come cambia(re) l’ambiente di apprendimento; lo spazio fisico e le tecnologie  Didattica 2.0: come cambia(re) il modello didattico; progettare per competenze  La Scuola sulla Nuvola: Facebook, Mindomo, Linoit, Dropbox, Google Apps, EdMondo, Wikya, Glogster …  Contenuti Digitali: eBook, eJournal; piattaforme editoriali e Open Education (OER)  Biblioteca 2.0: ricerca e creatività: dall’Information Literacy alla Digital Competence nell’uso delle risorse
  22. 22. Quadro delle politiche nazionali e europeeQuadro delle politiche nazionali e europee Agenda Digitale Europea > Italiana (ADI) http://ec.europa.eu/digital-agenda/ http://www.agenda-digitale.it/agenda_digitale Piano Nazionale Scuola Digitale http://www.scuola-digitale.it/ Normativa sui libri di testo misti e digitali http://hubmiur.pubblica.istruzione.it/web/istruzione/libri Linee Guida sull’edilizia scolastica http://hubmiur.pubblica.istruzione.it/web/ministero/cs110413 Nuovo Obbligo di istruzione in Italia (DM 139/2007) Competenze chiave del 21° secolo (2006/962/CE) Indicazioni nazionali per i licei (DPR 89/2010) http://archivio.pubblica.istruzione.it/riforma_superiori/nuovesuperiori/index.html
  23. 23. Le raccomandazioni di LisbonaLe raccomandazioni di Lisbona Nel Consiglio Europeo tenutosi a Lisbona nel Marzo 2000 è stato prefissati l’obiettivo strategico per il decennio 2000 - 2010: "Diventare l'economia basata sulla conoscenza più competitiva e dinamica del mondo, in grado di realizzare una crescita economica sostenibile con nuovi e migliori posti di lavoro e una maggiore coesione sociale” Queste competenze, mediate dall’utilizzo delle tecnologie digitali come amplificatore degli apprendimenti, dovrebbero essere acquisite al termine del periodo obbligatorio di istruzione o di formazione e servire come base al proseguimento dell’apprendimento nel quadro dell’educazione e della formazione permanente. Esse si riferiscono, dunque, a tre aspetti fondamentali della vita di ciascuna persona: – la realizzazione e la crescita personale (capitale culturale); – a cittadinanza attiva e l’integrazione (capitale sociale); – a capacità di inserimento professionale (capitale umano)
  24. 24. Le Key Competences XXI 1. comunicazione nella madrelingua 2. comunicazione nelle lingue straniere 3. competenza matematica e competenze di base in scienza e tecnologia 4. competenza digitale 5. imparare a imparare 6. competenze sociali e civiche 7. spirito di iniziativa e imprenditorialità 8. consapevolezza ed espressione culturale Raccomandazione del Parlamento Europeo (2006/962/EC) Key Competences for Lifelong Learning
  25. 25. come tutti … avete solo bisognocome tutti … avete solo bisogno di capire e accettare cambiamenti e di averedi capire e accettare cambiamenti e di avere fiducia nel futuro !fiducia nel futuro !

×