Your SlideShare is downloading. ×
Employment strategies - Belluno
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Saving this for later?

Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime - even offline.

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Employment strategies - Belluno

220
views

Published on

The relation between territory and local social and economic processes must not be intended just as spatial projection of economic dynamics, but as relation between a complex number of elements whose …

The relation between territory and local social and economic processes must not be intended just as spatial projection of economic dynamics, but as relation between a complex number of elements whose territorial specificities are basically expressed by the quality of social interactions and communication systems, co-operation and exchange within concrete spheres of cultural identification.

Published in: Business, Career

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
220
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. ALI A ccompagnamento al L avoro I ntegrato Equal II Fase PS IT-G2-VEN-019 Ritorno su focus-group U nità di I nserimento L avorativo
  • 2. VALUTAZIONE PREVENTIVA
  • 3.
    • Utenza:
      • disabili, disoccupati, dipendenze, immigrati
    • Committenza: Sistema Equal
    • Operatori: Unità di Inserimento Lavorativo
    • Beneficiari ultimi: Territorio – Provincia di Belluno
    CHI
  • 4. DISABILI aree critiche emerse
    • Utenza:
      • individuazione di un target specifico per il progetto:
        • Aree problematiche:
          • Disabili psichici
          • Gruppo sopra i 40 anni
    • UIL:
      • rapporto tra pubblico e privato sociale
  • 5. DISABILI soluzioni emerse
    • UTENZA:
      • Gruppo giovani disabili psichici
    • UIL
      • Riferimento legge 328/00
      • Tavolo ex-art. 14 L. 30/2003
      • Ampliamento rete dei servizi accordo 27/12/04
  • 6. RISULTATI ATTENDIBILI
    • L’integrazione effettiva pubblico/privato sociale potrebbe permettere l’inserimento di soggetti con disabilità psichiche in ambienti protetti (cooperative sociali) al fine di agevolare un percorso di inserimento lavorativo.
  • 7. LEGGE 328/00
    • La Legge 8 novembre 2000, n. 328 e la modifica di alcuni articoli della Costituzione italiana, hanno introdotto un nuovo modello di intervento e di servizi sociali. Questo prevede un sistema integrato di interventi e servizi sociali da realizzarsi mediante politiche e prestazioni coordinate nei diversi settori della vita sociale, interrelando servizi alla persona e al nucleo familiare con eventuali misure economiche e la definizione di percorsi attivi volti a ottimizzare l'efficacia delle risorse, impedire sovrapposizioni di competenze e settorializzazione delle risposte. La programmazione e l'organizzazione del sistema di interventi e servizi compete agli enti locali, alle regioni e allo Stato che, nell'ambito delle rispettive competenze, riconoscono e agevolano il ruolo degli Organismi Non Lucrativi di Utilità Sociale (ONLUS), degli organismi della cooperazione, delle associazioni e degli enti di promozione sociale, delle fondazioni e degli enti di patronato, delle organizzazioni di volontariato, degli enti riconosciuti, delle confessioni religiose con le quali lo Stato ha stipulato patti, accordi o intese operanti nel settore nella programmazione, nella organizzazione e nella gestione del sistema integrato di interventi e servizi sociali.
  • 8.  
  • 9. DISOCCUPATI aree critiche emerse
    • Utenza:
      • individuazione di un target specifico per il progetto:
        • Aree problematiche:
          • Over 40:
            • Bassa scolarizzazione;
            • Scarsa attitudine a spostarsi;
            • Bisogno immediato di lavoro
    • UIL:
      • Rapporto tra pubblico e privato sociale
  • 10. DISOCCUPATI soluzioni emerse
    • UTENZA:
      • Sensibilizzazione nel territorio:
        • Marketing sociale
        • Utilizzo di opinion-leader informali
      • Formazione come empowerment
      • Utilizzo di borse erogate da EQUAL
    • UIL:
      • Rafforzamento e formalizzazione rapporti tra enti privato sociale e pubblico (es. progetto ENAC-INAIL).
  • 11.  
  • 12. DIPENDENZE aree critiche emerse
    • UTENZA
      • individuazione di un target specifico per il progetto:
        • Problemi lavorativi maggiori con dipendenti da eroina con doppia diagnosi
        • Campione relativo al solo CeIS (?)
        • Area di residenza degli utenti
        • Utenti al termine del percorso o inseriti nel percorso
        • La maggior parte degli utenti sono privi di patente
    • UIL:
      • Nel territorio del Bellunese esistono 3 Ser.T per due dipartimenti (Feltre e Belluno) scarsamente coinvolti, al momento, nel progetto
      • Assenza di un accordo di programma pubblico / privato-sociale
      • Scarsità di appalti per le cooperative
  • 13. DIPENDENZE soluzioni emerse
    • UTENZA
      • La formazione avviene in cooperativa
      • Il problema della patente potrebbe essere un fattore di esclusione dal progetto se il lavoro non è in luogo raggiungibile
      • Accordo con Ser.T. e Psichiatria per seguire utenti con doppia diagnosi
      • Inclusione sia di utenti in Reinserimento che ancora nelle fasi di comunità.
    • UIL
      • Stesura di un accordo di programma tra Privato sociale (comunità e cooperative) e Pubblico (Ser.T., CPI; SIL;)
      • Sensibilizzazione delle amministrazione per accordi di appalti (es. Manutenzione verde) con cooperative sociali.
  • 14. IMMIGRATI aree critiche emerse
    • UTENZA
      • Riferimento L.189/02
        • Rinnovo permesso di soggiorno
      • Discriminazione sul posto di lavoro:
        • Quando i lavoratori stranieri sono inseriti in modo regolare e stabile nel sistema produttivo, la discriminazione ha relativamente poco peso sulle condizioni salariali
    • UIL
      • La categoria lavoratore immigrato è difficilmente inseribile nel normale quadro dell’inserimento lavorativo, ponendo problemi riguardanti le diverse competenze e creazione di un sistema in rete
  • 15. IMMIGRATI soluzioni emerse
    • UTENZA:
      • Rivolgere l’attenzione verso mogli di immigrati che lavorano regolarmente nel territorio bellunese
    • UIL:
      • Necessità di collegamento con le diverse associazioni che si occupano di questo settore.
      • Necessità di mediatori culturali per l’aggancio del gruppo target.