Your SlideShare is downloading. ×
0
Presentazione Convegno EdoSm
Presentazione Convegno EdoSm
Presentazione Convegno EdoSm
Presentazione Convegno EdoSm
Presentazione Convegno EdoSm
Presentazione Convegno EdoSm
Presentazione Convegno EdoSm
Presentazione Convegno EdoSm
Presentazione Convegno EdoSm
Presentazione Convegno EdoSm
Presentazione Convegno EdoSm
Presentazione Convegno EdoSm
Presentazione Convegno EdoSm
Presentazione Convegno EdoSm
Presentazione Convegno EdoSm
Presentazione Convegno EdoSm
Presentazione Convegno EdoSm
Presentazione Convegno EdoSm
Presentazione Convegno EdoSm
Presentazione Convegno EdoSm
Presentazione Convegno EdoSm
Presentazione Convegno EdoSm
Presentazione Convegno EdoSm
Presentazione Convegno EdoSm
Presentazione Convegno EdoSm
Presentazione Convegno EdoSm
Presentazione Convegno EdoSm
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Presentazione Convegno EdoSm

738

Published on

Fotovoltaico: presentato a Benevento il Consorzio EdoSm: potrà creare per i primi mesi occasioni di lavoro a termine per circa cinquecento persone …

Fotovoltaico: presentato a Benevento il Consorzio EdoSm: potrà creare per i primi mesi occasioni di lavoro a termine per circa cinquecento persone


Sessanta milioni di investimento, duecento milioni di ricavi in vent’anni e occasioni di lavoro a termine per circa cinquecento persone: sono questi alcuni dei numeri presentati a Benevento della Costituenda Società Consortile EdoSm, Energia do’ Sole mio.
Il consorzio è stato lanciato ieri nel corso del convegno “Energie rinnovabili, un'occasione per lo sviluppo del Sud”, che si è tenuto questa mattina nella sede di Imeva spa e al quale hanno partecipato tutti gli attori della filiera del mondo dell’energia: enti, banche e imprese.
Il Consorzio, promosso da Valerio Marotta, nasce in una regione come la Campania che oggi è al fanalino di coda tra le regioni italiane nella potenza media degli impianti fotovoltaici. Con il quindicesimo posto, infatti segue regioni del Mezzogiorno come la Puglia e la Sicilia che negli ultimi anni hanno saputo cogliere le opportunità di sviluppo che possono nascere dalle energie alternative. Ed è a questo bisogno che vuole rispondere il Edosm che nel 2010 avrà l’obiettivo di realizzare impianti fotovoltaici per una potenza complessiva di 20 Megawatt .
Ad aprire i lavori è stata la presidente del Consiglio Regionale della Campania, Sandra Lonardo Mastella che ha sottolineato come: “La Campania deve recuperare il ritardo accumulato negli ultimi anni ed abbiamo già un modello virtuoso da seguire che è quello pugliese. Con il presidente della Commissione Consiliare Ambiente Michele Ragosta abbiamo deciso di convocare in audizione entro novembre tutti gli attori interessati ad una legge che disciplini in settore energetico che vogliamo sia approvata entro l'anno. E lo faremo partendo dall’invitare i presidenti di Provincia di Avellino, Benevento, Caserta, Napoli e Salerno ai quali oggi è delegato il rilascio delle autorizzazioni fino a un megawatt. Il mio è un impegno formale ma è necessario che tutti soggetti interessati, a partire dalle imprese, sensibilizzino i consiglieri regionali affinché la legge non slitti alla prossima legislatura. La Campania non può più aspettare.”

Ha fatto eco alla Lonardo il promotore della Costituenda Società Consortile EdoSm Valerio Marotta: “Con Edosm potremo far fare un salto in avanti alla Campania nella potenza media degli impianti fotovoltaici.
Il nostro obiettivo prudenziale, che coinvolge più di venti imprese, è quello di realizzare impianti, che potranno impegnare circa cinquecento persone, per una potenza complessiva di 20 Megawatt.
Quando il progetto partirà, infatti, ci saranno importanti ricadute occupazionali per la costruzione degli impianti fotovoltaici, per la manutenzione, per il controllo dell’efficienza e per le attività amministrative connesse. Basta pensare che solo l’installazione di un impianto da 400 Chilowatt di picco richiede una forza lavoro di 8 addetti per tre mesi e gli indiretti sono stimati per il 25%.”

Published in: News & Politics
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
738
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
14
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1.  
  • 2.  
  • 3. Il fotovoltaico nel mondo, in Europa e in Italia
  • 4. La potenza degli Impianti Fotovoltaici installata, nel Mondo a tutto il 2008, ammonta a 15 GW, che non è nulla rispetto alla potenza complessiva.
  • 5. Kaohsiung World Stadium, Taiwan
  • 6. L’attivazione di nuovi impianti fotovoltaici nel 2008 è stata straordinaria + 132,4, a tirare la domanda, prima assoluta la Spagna, che ha quasi quintuplicato le installazioni.
  • 7. Nel 2008 la Spagna è diventata il primo consumatore di pannelli foto-voltaici al Mondo con una quota del 45,2%, scalzando la Germania, che a partire dal 2004 e sino al 2007 si è sempre attestata su quote di mercato superiori o appena inferiori al 50%. L’Italia ne ha realizzati per 339 Mwp, quasi quintuplicando le installazioni, seguita dagli USA (342), dalla Corea del Sud (272) e dal Giappone (230). Tutti questi Paesi rappresentano il 94,8 della domanda mondiale.
  • 8.  
  • 9. Scenario futuro Il principale motore di sviluppo del Fotovoltaico nel Mondo, la Spagna, a fine 2008 ha smesso di trainare la domanda, perché il Governo ha modificato il “conto energia”, ponendo un tetto annuale di 500 MWp agli impianti da attivare negli anni successivi sino al 2020. La Finanza creativa ha destabilizzato il sistema bancario, generando uno Tsunami che nei primi sei mesi del 2009 ha travolto l’economia mondiale. Gli analisti delle società di consulenza valutano che l’effetto combinato “ Spagna ” - “ Tsunami finanza creativa ” genererà una flessione del 20% circa delle istallazioni di pannelli fotovoltaici nel 2009 rispetto al 2008. Ciò ha provocato una caduta verticale, che non si è ancora fermata, dei prezzi dei pannelli, poiché i magazzini sono pieni zeppi.
  • 10.  
  • 11. Solar Ark, Giappone
  • 12. In Italia <ul><li>La potenza media degli impianti è inferiore rispetto alla Spagna, che ha investito molto in megaimpianti e ciò è dovuto a diversi fattori: </li></ul><ul><li>la difficoltà nel rilascio delle autorizzazioni necessarie; </li></ul><ul><li>la struttura medio-piccola delle nostre imprese troppo impegnate nel core business, che risente della crisi in atto, e limitate nell’ accesso al credito; </li></ul><ul><li>la presenza sul territorio di aree vincolate e di beni storico-architettonici. </li></ul>
  • 13. La situazione a tutto il 31 agosto 2009, però, non è omogenea la ripartizione sul territorio si presenta a macchie. Le prime dieci regioni detengono il 76,2% della potenza di picco degli impianti in Italia. Pos Regioni 2006 2007 2008 2009 Ago 1 Puglia 0,27 7,15 52,39 78,57 2 Lombardia 1,87 8,86 49,21 68,49 3 Piemonte 4,87 9,99 36,84 52,45 4 Emilia 1,60 7,28 40,00 51,59 5 Veneto 1,10 5,33 28,12 41,99 6 Trentino 0,87 8,94 32,35 38,31 7 Toscana 0,40 5,59 28,60 38,22 8 Sicilia 0,41 4,35 17,52 30,78 9 Marche 0,36 2,75 23,78 30,26 10 Lazio 0,41 3,18 22,54 29,68   Altre 0,41 3,18 22,54 143,41 TOTALE 12,59 66,60 353,89 603,77
  • 14. Spiccano fra le regioni: Puglia, Lombardia e Piemonte seguite da Emilia, Veneto e Trentino Alto Adige, Toscana e Sicilia. La Campania si posiziona al 15° posto. La Basilicata con una performance 2009 eccezionale sale dal 17° posto a fine 2008 al 14°. Le performance della Puglia sono effetto delle semplificazioni procedurali attivate dalla Regione, che esporta energia. Nel 2009, a tutto agosto, in Italia, gli impianti, entrati in esercizio, sviluppano una potenza di 179,4 MWp e ai ritmi attuali di quasi 12 MW a settimana toccherà i 390 MWp, con un + 14,1%.
  • 15. &nbsp;
  • 16. &nbsp;
  • 17. Regioni 2007 2008 2009(Agosto) Puglia 3,3 31,3 46,7 Lombardia 0,5 17,0 22,9 Sicilia 2,3 7,4 15,3 Campania 1,0 5,5 9,1 Basilicata 0,1 1,5 3,5
  • 18. Regioni 2007 2008 2009(Agosto) Lombardia 8,4 32,2 45,6 Puglia 3,9 21,1 31,9 Sicilia 2,0 10,1 15,4 Campania 1,6 6,2 8,8 Basilicata 0,7 3,2 17,3
  • 19. Verona, Chiesa di San Giacomo Maggiore a Borgo Roma Considerati i risultati conseguiti in Campania, sarebbe necessaria una maggiore attenzione al comparto da parte degli Enti deputati allo sviluppo economico e sociale del territorio, l’Energia da fonti rinnovabili è un business importante e foriero di crescita, lo hanno dimostrato la Spagna e la Germania.
  • 20. promosso dalla costituenda Il Progetto
  • 21. I Soci fondatori Il Progetto EdoSm
  • 22. Il Progetto EdoSm
  • 23. Il Progetto EdoSm
  • 24. Il Progetto EdoSm
  • 25. Il Progetto EdoSm
  • 26. <ul><li>Credono che l’unione fa la forza e che da soli non si và da nessuna parte. </li></ul><ul><li>Hanno tutti lo stesso obiettivo: produrre energia elettrica utilizzando le fonti rinnovabili: sole, vento, biomasse. </li></ul><ul><li>L’obiettivo prudenziale di EdoSm , nel comparto della produzione di energia da impianti fotovoltaici, è quello di attivare: </li></ul><ul><li>Potenza impianti 20 Mwp </li></ul><ul><li>Da realizzare entro il 2010 </li></ul><ul><li>Investimento 60 mln di euro </li></ul><ul><li>Energia prodotta in 20 anni 450 mila Mwh </li></ul><ul><li>Ricavi di vendita-autoconsumo e “conto energia” 200 mln di euro </li></ul><ul><li>A questi ultimi corrispondono i costi connessi agli investimenti programmati (ammortamento e oneri finanziari del finanziamento a m/l termine) e manutenzione, assicurazione e spese generali, per le quali le singole imprese godono delle sinergie generate da EdoSm . </li></ul>Il Progetto EdoSm
  • 27. Il Progetto EdoSm Come si evince dal GANTT occorre attivarsi subito per cogliere questa opportunità. Al momento non sono stimabili gli investimenti da attivare per la produzione di energia con le altre fonti rinnovabili né quelli che attiveranno le imprese produttrici degli impianti di produzione in filiera.

×