Sette 2012 10_19 aziende in fuga
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Sette 2012 10_19 aziende in fuga

on

  • 820 views

Il supplemento Sette del Corriere pubblica un articolo sulle motivazioni che portano le aziende a trasferirsi all'estero. Il quadro descritto è drammatico: urgente FERMARE il DECLINO (lo slogan di ...

Il supplemento Sette del Corriere pubblica un articolo sulle motivazioni che portano le aziende a trasferirsi all'estero. Il quadro descritto è drammatico: urgente FERMARE il DECLINO (lo slogan di Giannino non è casuale)

Statistics

Views

Total Views
820
Views on SlideShare
820
Embed Views
0

Actions

Likes
1
Downloads
17
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Sette 2012 10_19 aziende in fuga Sette 2012 10_19 aziende in fuga Document Transcript

  • Inchiesta Viaggio tra le aziende che scelgono di andare a produrre all’esteroFuga di aziende dall’ItaliaEcco dove si rifugianocapitali, talenti e lavoroÈ un’emorragia: le imprese più dinamiche non sopportano più gli eccessiitaliani e decidono di andare oltre confine, dove trovano basse tasse,aree, capannoni, logistica e possono pagare meglio il personaledi Ferruccio Pinotti e Massimo Sideri -illustrazione di Beppe GiacobbeS embra il titolo di un film, aggressivi nel trasformarsi in “piazzisti” per decidere dove trasferire capitali, tec- Escape for Survival, “Fuga pronti a offrire alle imprese italiane con- nologie, idee e spesso anche lavoratori per la salvezza”. Ma non è la dizioni sempre più allettanti per lasciare qualificati. classica storia dell’eroe buo- il Belpaese. L’offerta è vasta e all’esterono che scappa dalle minacce di qualche nascono agenzie governative ad hoc, In Svizzera ma anche in Usa. Uno deisuper-cattivo: è la realtà delle imprese come in Austria e in Svizzera. Basta fare principali contribuenti di Chiasso, in Can-italiane che decidono di trasferirsi armi un giro nel supermarket delle “corporate ton Ticino, è una società con sede in viae bagagli all’estero. Lo fanno per salvar- tax” dell’Europa a 27, per scoprire delle San Gottardo 30, il gruppo Bravofly. Dietrosi da un’Italia che le opprime in termini verità sconvolgenti: in Italia la tassazio- ci sono due imprenditori italiani: Fabiodi tassazione sulle attività produttive e ne media sugli utili d’impresa è del 31,4% Cannavale e Marco Corradino. Il sindacosui redditi personali. Se contro il 20% della vici- di Chiasso ogni settimana li chiama perne vanno per la carenza na Svizzera (con Cantoni sapere come va e se hanno bisogno didi infrastrutture logisti- Nel periodo tra come Zug e Schwyz che qualcosa, anche perché secondo la leggeche, per la lentezza della il giugno 2011 praticano dal 10 al 15%), il elvetica se l’azienda è in loco ma la pro-banda larga, ormai ne- e il giugno 2012 18% della Slovenia, il 12,5% prietà è straniera gli introiti fiscali noncessaria per essere com- dell’Irlanda e il 10% della vanno alla confederazione ma restano nel-petitivi. Fuggono per la il deflusso di Bulgaria. Ma se alla tassa- le casse municipali.scarsa detassabilità degli investimenti zione degli utili d’impre- Bravofly controlla una delle start up ita-investimenti in ricerca e esteri è stato di sa sommiamo quella sul liane che ce l’hanno fatta, Volagratis, ilsviluppo. Abbandonano lavoro (42,6% in Italia), sito leader nella vendita di biglietti aerei 235 miliardi, pariper la scarsezza di aree ecco che il carico fiscale low cost. La sede era già a Chiasso, ma diindustriali acessibili, per al 15% del Pil complessivo per le azien- recente i due imprenditori hanno decisoil mercato del lavoro in- mentre molte de italiane (il cosiddetto di spostare tutti i dipendenti oltre confi-gessato. E ora anche per aziende italiane “total tax rate”) arriva a ne. Per risparmiare sulle tasse? Certo, male difficoltà di accesso un peso pari al 68,6% dei andando a studiare l’emorragia di azien-al credito. In un mondo se ne sono profitti commerciali, ri- de che la Lombardia subisce a favore delglobalizzato, capitali, andate: un effetto spetto a una media euro- Canton Ticino ciò che emerge è la capacitàcompetenze tecnologi- globale esplosivo pea del 44,2% e mondiale promozionale dei nostri vicini e l’assenzache e capacità imprendi- del 47,8%. In Germania il totale dei nostri politici locali, che ragio-toriali si muovono. Ecco “total tax rate” è al 48,2% nano ancora in termini di sfruttamentoche allora per le imprese italiane, soprat- (venti punti in meno), nel Regno Unito dei fondi pubblici e non in termini com-tutto del Nord e del Centro, diventa più al 37,3% (trenta punti in meno). Sotto il petitivi.conveniente spostarsi altrove, talvolta 30% complessivo, invece, si collocano il Philippe Praz, direttore per l’Italia dianche molto lontano. La competizione Lussemburgo (21,2%), quello con la per- un’agenzia creata dal ministero dell’Eco-tra sistemi diventa fondamentale e si centuale più bassa in Europa; e Cipro, nomia elvetico, la Swiss Business Hub,fa sempre più specifica: non è solo tra Irlanda, Bulgaria e Danimarca. Non è un spiega: «La crescita del numero di aziendePaesi, ma tra regioni, “land”, cantoni e caso se i nostri imprenditori assediano italiane che decidono di stabilirsi in Sviz-persino aree metropolitane, sempre più consolati e rappresentanze commerciali, zera è dovuta alla debolezza italiana, alla 54 SEttE | 42 — 19.10.2012 Codice cliente: 7828913
  • 15% 16% 20% 19%Fuga dall’ItaliaDal basso a sinistra,in senso orario, letassazioni alle imprese 10%offerte da: Bulgaria,Svizzera, Lituania, 19%Romania, RepubblicaCeca e RepubblicaSlovacca. Un incentivo professore della sda bocconi e consulente d’impresaimportante per aprireunità produttive. reina: «il fisco è solo uno dei motivi» «La maggiore convenienza fiscale della Noi siamo ancora su gomma». Svizzera è strutturale. Ma il fenomeno C’è anche la burocrazia efficiente. Alla sua lentezza: da noi bastano un paio di delle migrazioni delle imprese è molto più fine è un benefit no? giorni per aprire un’azienda. La manodo- complesso. Pensate sia facile convin- «Quando all’imprenditore, in due setti- cere un imprenditore a smontare tutto mane, vengono messi a disposizione un pera è preparata, c’è flessibilità nei licen- e a ricominciare in un territorio che per capannone e dei documenti pronti per la ziamenti, i sindacati sono cooperativi, la quanto sia vicino è comunque diverso? La firma, la battaglia è già vinta». logistica è molto forte, i servizi finanziari Svizzera vince grazie a un intero portafoglio Quali altri benefit sono attraenti? alle imprese sono avanzati e i cantoni si di benefit, di cui il fisco è solo uno degli «La lingua italiana in Canton Ticino, un fanno concorrenza. Chiaro che molti im- strumenti. Anzi dovremmo dire che siamo elemento che non costringe nemmeno prenditori aprono da noi e lasciano la fa- noi a perdere questa sfida, non avendo ca- allo sforzo culturale. Il cuneo fiscale: in Italia miglia in Italia». Anche coi salari svizzeri, pacità attrattive». Davide Reina, professore un ingegnere con 2 mila euro di stipendio nettamente più alti dei nostri, passare la della Sda Bocconi, lavora spesso anche costa 4.200 euro all’impresa. Lì, a parità frontiera conviene. Praz allarga le braccia: come consulente delle aziende lombarde. di costo complessivo, all’ingegnere posso «A noi non interessa far chiudere un’azien- E la migrazione delle imprese è uno dei dare 2.700 euro. Posso decidere di guada- temi che affronta con più passione. gnarci io e il mio dipendente prende di più da in più in Italia, ma creare posti di lavoro Il fisco è un bel biglietto da visita per la ed è contento». e portare imprenditorialità in Svizzera». Si Svizzera e il Canton Ticino in particolare? Una situazione in cui vincono tutti? penserà: ma la Svizzera è piccola e a due «Sì, ma oltre alle tasse gli imprenditori han- «Esatto, aggiungiamo il fatto che dalla passi, chiaro che è competitiva. Oscar Fa- no un benefit system molto competitivo Lombardia alla Svizzera o dal Veneto alla rinetti, fondatore di Eataly, non la pensa che viene offerto loro. Prendiamo la ricerca, Slovenia le aziende che si muovono sono così. «Quando ho fatto la domanda per che per le aziende innovative è una voce quelle che fatturano più del 50% all’estero, aprire Eataly a New York, una delle città fondamentale. Nella nostra legislazione è cioè perdiamo le imprese più virtuose. E più ricche e complesse del mondo, mi permesso solo l’ammortamento ordinario. bisogna considerare che la migrazione non ha chiamato il sindaco Bloomberg». Fa- In Svizzera è molto più conveniente. Poi c’è è solo quella delle aziende che chiudono rinetti aveva fatto richiesta, scrivendo che l’energia: hanno il nucleare e l’idroelettrico. qui per aprire altrove. Quanti capannoni Il costo della bolletta per l’industria è più nascono direttamente lì sfuggendo alle avrebbe voluto assumere 250 persone. basso. Parliamo della logistica: in Svizzera statistiche?». Bloomberg gli mise a disposizione gli uf- hanno un sistema ferroviario intermodale. © RIpRoDUzIone RISeRvATA fici per velocizzare le pratiche. Oggi Eataly a Manhattan occupa 400 persone. Quella SEttE | 42 — 19.10.2012 55 Codice cliente: 7828913
  • Codice cliente: 7828913 la mappa dei “benefit” in europa Così gli altri paesi attraggono le nostre imprese Bassa tassazione alle imprese, incentivi fiscali, energia meno cara per le aziende, terreni a basso costo: tanti i “trucchi” per sedurre1 5 irlAndA finlAndiA12,5% tassa alle imprese 3 dAnimArcA 24,5% tassa alle imprese 426,1% tassa sul lavoro sVeziA 39,3% tassa sul lavoro 25% tassa alle imprese0,011 euro per kW/h 26,3% tassa alle imprese 0,068 euro per kW/h 34,8% tassa sul lavoroEntro il 2016 l’Irlanda punta 2 0,087 euro per kW/h 39% tassa sul lavoro inghilterrA Chiunque può avviarea diventare il Paese con 0,088 euro per kW/h un’attività in Finlandia, ai maggiori investimenti 24% tassa alle imprese Aprire una società in prescindere dalla nazionalità,stranieri diretti. Nel 2011 gli Danimarca è semplice, In Svezia ci sono eccellenti finché uno dei membri 25,7% tassa sul lavoroinvestimenti stranieri sono grazie a un regime infrastrutture, soprattutto fondatori della societàsaliti del 30% e la corporate 0,093 euro per kW/h di regolamentazione quelle per la Ricerca e è residente nell’areatax è tra le più basse nell’Ue. semplificato e alle oltre Sviluppo, su cui il Paese economica europea. Per bilanciare la crisi 2.500 imprese straniere già scandinavo spende in dell’industria tradizionale il operanti a Copenaghen. proporzione più di ogni altro governo inglese ha varato Paese al mondo.28 una serie di benefit per PortogAllo attrarre le società innovative:31,5% tassa alle imprese Londra è la capitale europea delle start up.23,4% tassa sul lavoro0,090 euro per kW/hIl Paese è in profonda crisi e iprezzi degli immobili stannocrollando. Un’opportunitàper chi vuole investire nelturismo, se provvisto dicapitali: i tassi di interesselocali sono tra i più alti.27 sPAgnA30% tassa alle imprese33% tassa sul lavoro0,108 euro per kW/hNonostante la crisi, la Spagnaattira parecchi italiani, prontiad avviare attività autonome.Esistono ancora incentivi, laburocrazia è più snella che inItalia. Nelle biotecnologie laCatalogna appare dinamica.26 frAnciA36,1% tassa alle imprese41% tassa sul lavoro0,072 euro per kW/hGli investitori del settore 23 olAndAmanifatturiero possonorivolgersi a un fondo di 25% tassa alle imprese200 milioni di euro per un 24 belgio 36,9% tassa sul lavorofinanziamento statale ainteressi zero non assistito da 34% tassa alle imprese 0,084 euro per kW/hgaranzie. 21 42,5% tassa sul lavoro L’Olanda è scelta da molti itAliA 0,097 euro per kW/h gruppi italiani per aprire la 31,4% tassa alle imprese sede della propria holding e 2225 mAltA 42,6% tassa sul lavoro lussemburgo Le Fiandre offrono aiuti per l’alto grado di apertura finanziari alle piccole e medie al mercato internazionale, 35% tassa alle imprese 0,114 euro per kW/h28,8% tassa alle imprese imprese. La Vallonia offre oltre che per le competenze 21,7% tassa sul lavoro32% tassa sul lavoro aiuto con l’acquisto di terreni, linguistiche diffuse. Tra giugno 2011 e giugno 0,180 euro per kW/h 2012 l’Italia ha sofferto una0,096 euro per kW/h case, attrezzature e con i costi di investimento inerenti fuga degli investitori esteri. Nel periodo 2008-2013, il il progetto. Il deflusso è stato di 235È la capitale del private governo ha stanziato 213 miliardi di euro, l’equivalentebanking della UE, è il maggior milioni di euro (tra fondi del 15 per cento del Pil. Lo hacentro al di fuori degli USA nazionali e comunitari) per rivelato l’Fmi.per la gestione di fondi l’attuazione di un pacchettod’investimento; inoltre è la Legenda: In rosso le imposte sui profitti di impresa; in blu le tasse di incentivi con il Maltasede principale per il ramo implicite sul lavoro; in verde la bolletta elettrica. Eurostat 2012 Enterprise Act.assicurazione vita in Ue.
  • Codice cliente: 7828913 6 estoniA di Bloomberg è una moderna capacità di 21% tassa alle imprese 8 fare politica per il bene del territorio. E si lituAniA 37% tassa sul lavoro chiama concorrenza sistemica. 0,061 euro per kW/h 15% tassa alle imprese Spostare un’azienda non è mai una decisio- 7 lettoniA 31,7% tassa sul lavoro ne facile e il vantaggio fiscale è solo uno de- Il capitale sociale minimo 0,104 euro per kW/h per avviare una società 15% tassa alle imprese gli elementi: nel caso della Svizzera c’è una per azioni è di 25.500 32,5% tassa sul lavoro logistica integrata efficiente e il cuneo fisca- La corporate tax per le euro. L’economia estone è 0,098 euro per kW/h imprese con meno di le permette agli imprenditori che si sposta- esplosa negli ultimi anni e ha 150mila euro di fatturato è perseguito un programma di La gamma dei soggetti no di pagare un lordo più basso e un netto al 5%. Uno stipendio medio affari di tipo liberale. imprenditoriali possibile è lordo è di 600 euro mensili. più alto ai propri dipendenti (la logica “win stato semplificato da 13 a 5, Nelle aree speciali esenzione win”). Poi c’è il risparmio in bolletta, per- più in linea con la tendenza fiscale iniziale per 6 anni. ché l’Italia ha un costo dell’energia per l’in- delle norme UE. Il capitale 9 minimo per aprire una dustria più alto: da noi l’elettricità per uso PoloniA società è di 3.090 euro. industriale costa il doppio che in Estonia, 11 19% tassa alle imprese ungheriA Bulgaria e Finlandia. E così le nostre azien- 30,1% tassa sul lavoro 20,6% tassa alle imprese de se ne vanno. Sono attività che muoiono, 0,096 euro per kW/h 39,4% tassa sul lavoro lampadine che si spengono. Ed è ormai dif- 10 sloVAcchiA ficile calcolare quanti sono i capannoni che Enormi i fondi Ue investiti: 0,097 euro per kW/h oltre 81 miliardi di euro 19% tassa alle imprese nascono direttamente all’estero. fino al 2013. Nelle 14 Zone 32% tassa sul lavoro Fino al 2013 l’Ue terminerà economiche speciali (Zes), di investire 29 miliardi. 0,123 euro per kW/h Nonostante il divieto fino al Per il Veneto l’Austria è un faro. Ma non per investimenti oltre 100mila euro, sono a 2014 di acquistare terre, c’è c’è solo la Svizzera: l’Austria si sta «man- Buona posizione (Bratislava grande spazio per il business disposizione esenzioni fiscali. è facile da raggiungere), giando» il Nordest. Il totale aggregato delle biomasse, incoraggiato bassi costi del lavoro, elevata dal governo. dell’investimento italiano in Austria am- produttività, costi contenuti monta a 26,65 miliardi di euro, secondo dei terreni rendono la12 Slovacchia interessante per solo alla Germania (30,66 miliardi di euro). romAniA gli investimenti esteri. Nel 2011, l’Italia è stata l’investitore numero 14 16% tassa alle imprese ciPro uno, superando la Germania. Le aziende 27,4% tassa sul lavoro 10% tassa alle imprese italiane in Austria nel 2007 erano 857, nel 24,4 energia 13 27% tassa sul lavoro 2011 ben 1.059 (+23,5%). Nel 2010 il totale bulgAriA 0,160 euro per kW/h degli investimenti dall’Italia in Austria ge- Terreni edificabili da 5 euro al 10% tassa alle imprese stiti da Austrian Business Agency è stato metro, costi di costruzione da 24,4% tassa sul lavoro Dal 2004 Cipro è entrato 400 a 550 euro al mq, salari di 22 milioni di euro (sono stati creati 117 a far parte dell’Ue ed è in medi lordi a partire da 520, 0,063 euro per kW/h nuovi posti di lavoro); nel 2011 è stato di pratica una piazza offshore, tassa sui dividendi al 10%, contributi europei a fondo Crescita media del PIL del dove costituire una società 6,6 milioni di euro, ma sono stati creati 175 costa il 30-40% in meno. Ha nuovi posti di lavoro). La grande differenza perduto. 5,7% negli ultimi 5 anni, 43 trattati contro la doppia l’80% dell’economia è imposizione fiscale. tra i due anni è dovuta a due progetti trai- privata, gli investimenti diretti nanti, sviluppati in ambito ricerca e svilup- esteri pari al 16,4% del PIL. 15 Tassa flat sui profitti aziendali po nel 2010: la società Durst Phototechnik greciA e redditi personali al 10%. con sede sociale a Bressanone, Alto Adige, 17 30% tassa alle imprese AustriA ha deciso di puntare tutto sulla sua filiale 31,3% tassa sul lavoro 25% tassa alle imprese austriaca investendo 15 milioni di euro 0,091 euro per kW/h 16 40,5% tassa sul lavoro in un nuovo centro di ricerca a Lienz. E la rePubblicA cecA 0,089 euro per kW/h Refrion, azienda produttrice di sistemi di La pesante crisi economica e 19% tassa alle imprese sociale riduce gli investimenti riscaldamento di Udine, ha inaugurato un 39% tassa sul lavoro Nessun tipo di Irap, quasi esteri in Grecia. Il mercato nuovo stabilimento di produzione a Her- completa deducibilità dei immobiliare è allo sbando: 0,109 euro per kW/h magor, in Carinzia. costi, totale deducibilità un’opportunità, forse, per chi crede nella ripresa del L’afflusso di investimenti degli investimenti in ricerca Le richieste di informazioni da parte di e sviluppo, premio cash del imprese italiane interessate a insediarsi in turismo nel futuro. esteri nella Repubblica Ceca 10% a chi investe in R&S, nel primo trimestre del forte rapporto con gli atenei. Austria sono state 235 nel 2011 e 155 nel 2012 è salito a 26 miliardi di corone. Si tratta di un periodo gennaio-giugno 2012. Nel 2011 gli aumento del 51 per cento investimenti italiani seguiti da Austrian Bu-18 sloVeniA rispetto al 2011. 20 siness Agency sono ammontati a 296,2 mi- sVizzerA18% tassa alle imprese lioni di euro. Solo nei primi 6 mesi del 2012 10-20% tassa imprese sono stati di 116 milioni di euro. Tra le im-35% tassa sul lavoro 19 29,7% tassa sul lavoro prese italiane del Nordest più note che han-0,088 euro per kW/h germAniA 0,041 euro per kW/h no investito in Austria ci sono grosse realtàLa corporate tax scenderà 29,8% tassa alle imprese Corporate tax e imposte sui come la Hausbrandt (caffè), Durst (prodottial 15% entro il 2015, lo 37,4% tassa sul lavorostipendio medio netto è redditi personali variabili per la stampa), Zuegg (marmellate), Danieli 0,090 euro per kW/h da cantone a cantone,di 900 euro al mese, la (acciaio), Tecnica Group (scarponi e sci Bliz-burocrazia è veloce, le ottimo sistema bancario, La Germania rimane la costituzione di un’impresa zard). E molte imprese artigiane di CortinaTlc avanzate. E ci sonoprivatizzazioni in vista. locomotiva d’Europa e in 2 giorni, incentivi alla spostano la sede in Austria. i land competono tra di creazione di posti di lavoro. Marion Bieber, direttrice della Austrian loro nell’offrire condizioni favorevoli agli investimenti. Business Agency, spiega: «Lo spostamento di molte vostre imprese in Austria è dovuto illustrazione d’arco sette | 42 — 19.10.2012 57
  • Le storie di chi si è insediato all’estero con successoSopra, la catena Eataly a New York: quando il fondatore ha chiamato ilsindaco Bloomberg dicendo che voleva assumere 250 persone, questilo ha immediatamente ricevuto offrendogli assistenza. In alto, a destra,lo stabilimento del gruppo Danieli in Carinzia. Qui a destra, la Aquafil delgruppo Bonazzi in Slovenia, premiata come miglior investimento estero.alla stabilità sociale, alla certezza delle legi- Repubblica di Slovenia Danilo Türk come al 20 per cento per le Pmi.slazioni, al basso numero di scioperi. Inol- “investitore straniero dell’anno”. Ma si «Per questi motivi gli investimenti esteritre in alcune zone come la Carinzia le aree sono avviate direttamente in loco aziende in Olanda continuano a crescere, compresiindustriali costano davvero poco: 25 euro innovative come la Pipistrel del pilota Ivo quelli provenienti dal Belpaese. Rispetto aial metro contro i 120-130 del Nord Italia. Boscariol, che produce piccoli velivoli. 25 miliardi di euro investiti dai Paesi BassiUn’azienda bresciana ha appena aperto da Il console sloveno di Milano Gianvito Cami- in Italia nel 2010 i 3,2 miliardi italiani in-noi per questa ragione. Poi siamo partico- sasca conferma: «Sono subissato di richie- vestiti in Olanda sono ancora relativamentelarmente forti nel premiare gli investimenti ste e non solo per il costo del lavoro, che in modesti, ma il tasso di crescita registratoin ricerca e sviluppo: a chi fa R&S non of- Slovenia vede stipendi medi di 900 euro al evidenzia un + 27%».friamo solo la detrazione totale, ma rendia- mese netti e 1.400 lordi. Anche trasporti e La delocalizzazione in Olanda rende l’a-mo cash il 10% dell’investimento effettuato. telecomunicazioni sono avanzati e la buro- zienda veramente internazionale: moltiAnche l’energia costa meno che da voi e la crazia è in stile austriaco. L’Italia non riesce headquarters di multinazionali, sia nord-logistica è efficiente e ben collegata col re- a semplificare e ridurre i carichi fiscali». americane che dei Bric countries, sono lì.sto d’Europa». «Sono presenti direttamente con unità Tra i tulipani, in Olanda. Anche l’Olanda, produttive primarie italiane quali Danieli-E la Slovenia è in pista. Anche la Slovenia che per attrarre imprese ha creato la Ne- Corus (metallo) con sede a Ijmuiden, Agpo-fa incetta di imprese italiane. L’ambascia- therland Foreign Investment Agency, pia- Ferroli (riscaldamento) a Breda, Perfetti-tore sloveno in Italia, il dinamico 43enne ce alle aziende italiane. Daniele Cunego, van Melle per il dolciario, Ciccolella nelIztok Mirosic, spiega: «La nostra corporate console dei Paesi Bassi e un passato in Abn florovivaistico, Prysmiam Group (fibre ot-tax è del 18% ed entro il 2015 la porteremo Amro, spiega: «I Paesi Bassi sono conside- tiche) arrivata nel 2010 con l’acquisizioneal 15%. L’energia costa il 20-30% in meno, la rati un gateway per l’Europa, ossia un mez- di Draka; oltre a una storica presenza diburocrazia è efficiente, il porto di Capodi- zo utile per internazionalizzare le aziende Ferplast di Vicenza, leader europeo nei petstria è dinamico. Siamo un hub per la Mit- italiane attraverso una delocalizzazione in- products», rivela Daniele Cunego.teleuropa e i Balcani». Le opportunità non telligente, non basata solamente su inizia- Francesco Ciccolella, già manager di Lego efiniscono qui: «Stanno per partire privatiz- tive labour intensive. La prima calamita per Bang & Olufsen e oggi ai vertici dell’omoni-zazioni importanti: energia, assicurazioni, attrarre investimenti è una forte sburocra- ma azienda, la prima florovivaistica quota-banche, manifatturiero». tizzazione, lavoratori che parlano due lin- ta in borsa in Europa, racconta: «Pur man-In Slovenia hanno basi produttive realtà gue straniere e una tassazione contenuta». tenendo la produzione in Puglia, abbiamoimportanti come il gruppo tessile Bonazzi La corporate tax olandese ha come aliquota acquistato le società di trading in Olanda:di Verona, presente in Slovenia con Aqua- massima il 25% sul reddito imponibile ed è per farlo abbiamo dovuto ottenere il bene-fil, premiata a Lubiana dal Presidente della omnicomprensiva. L’imposta viene ridotta stare del consiglio di fabbrica, i sindacati sono pronti a combattere anche lì, ma sono più ragionevoli e flessibili». L’Italia, a conti fatti, non appare competi- In Slovenia la tassazione alle imprese è del 18% e tiva su quasi nessun parametro. E se non ci sarà una reazione forte, da parte delle scenderà al 15% nel 2015. In Olanda molti gruppi italiani istituzioni di ogni livello, questo biblico portano la propria holding e non solo per ragioni fiscali: il “esodo” potrebbe essere solo l’inizio. trading mondiale delle merci ha le sue basi in Nord Europa Ferruccio Pinotti e Massimo Sideri © riproduzione riservata 58 SETTE | 42 — 19.10.2012 Codice cliente: 7828913