Vittime della mafia: Peppino Impastato
La mafia e’ un’organizzazione criminale che punta a conseguire il potere politico ed economico attraverso l’uso della viol...
Le analisi moderne del fenomeno della mafia la considerano, prima ancora che una organizzazione criminale, una "organ...
La mafia adotta comportamenti basati su un modello di economia statale, ma è parallela e sotterranea. L'organizzazione maf...
Peppino Impastato è una delle numerose vittime di mafia. Nel 1976 costituisce il gruppo  Musica e cultura , che svolge att...
Candidato nelle liste di Democrazia Proletaria alle elezioni comunali di Cinisi del 1978, viene assassinato nella notte tr...
Magistratura e stampa, sostennero la tesi dell’attentato terroristico nel corso del quale l’attentatore sarebbe rimasto uc...
Grazie all’impegno della madre e del fratello venne smontata l’ipotesi terroristica e Peppino Impastato fu riconosciuto vi...
Il 5 marzo 2001 La Corte d’Assise ha riconosciuto Vito Palazzolo e Gaetano Badalamenti responsabili della morte di Peppino...
È grazie a persone come Peppino Impastato e alle centinaia, come lui uccise dalla mafia, che in Italia è ancora possibile ...
Per approfondire la vicenda politica ed umana di Peppino Impastato è possibile consultare il sito http://www.peppinoimpast...
film di riferimento: I cento passi di M.T. Giordana 2000 tratto da  www.mymovies.it Alla fine degli anni Sessanta a Cinisi...
realizzato nell'ambito del progetto Cinema e Storia Il secolo breve italiano a cura del Prof. Pietro Volpones 2009 Le slid...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Vittime Della Mafia: Peppino Impastato

3,119 views

Published on

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
3,119
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
12
Actions
Shares
0
Downloads
31
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Vittime Della Mafia: Peppino Impastato

  1. 1. Vittime della mafia: Peppino Impastato
  2. 2. La mafia e’ un’organizzazione criminale che punta a conseguire il potere politico ed economico attraverso l’uso della violenza, operando in un’area spesso contigua allo stato, tramite legami con la vita politica sia a livello locale che nazionale.
  3. 3. Le analisi moderne del fenomeno della mafia la considerano, prima ancora che una organizzazione criminale, una "organizzazione di potere"; ciò evidenzia come la sua principale garanzia di esistenza non stia tanto nei proventi delle attività illegali, quanto nelle alleanze e collaborazioni con funzionari dello Stato, in particolare politici, nonché del supporto di certi strati della popolazione. Di conseguenza il termine viene spesso usato per indicare un modo di fare o meglio di organizzare attività illecite. Quindi il termine "mafioso" può essere utilizzato nel linguaggio comune per definire, per esempio, un sindaco che dia concessioni edilizie solo ai suoi "amici" o un professore universitario che fa vincere borse di studio a persone anche valide ma a lui legate, o la nomina da parte di un governo di altissimi dirigenti anche capaci ma "politicamente vicini" alla maggioranza di cui il governo è espressione. da wikipedia
  4. 4. La mafia adotta comportamenti basati su un modello di economia statale, ma è parallela e sotterranea. L'organizzazione mafiosa trae profitti da numerosi tipi di attività criminali. I capimafia (spesso a causa della latitanza) comunicano principalmente in modo scritto, con i pizzini , poiché non sempre sono in grado di comunicare di persona a tutti i loro sottoposti (capifamiglia, picciotti). da wikipedia
  5. 5. Peppino Impastato è una delle numerose vittime di mafia. Nel 1976 costituisce il gruppo Musica e cultura , che svolge attività culturali; nel 1977 fonda Radio Aut , radio libera autofinanziata, da cui denuncia i delitti e gli affari dei mafiosi di Cinisi e Terrasini, in primo luogo del capomafia Gaetano Badalamenti, trafficante internazionale di droga, Il programma più seguito era Onda pazza , trasmissione satirica con cui sbeffeggiava mafiosi e politici.
  6. 6. Candidato nelle liste di Democrazia Proletaria alle elezioni comunali di Cinisi del 1978, viene assassinato nella notte tra l'8 e il 9 maggio, nel corso della campagna elettorale, con una carica di tritolo posta sotto il corpo gettato sui binari della ferrovia. Pochi giorni dopo, gli elettori votano il suo nome, eleggendolo, simbolicamente, al Consiglio comunale.
  7. 7. Magistratura e stampa, sostennero la tesi dell’attentato terroristico nel corso del quale l’attentatore sarebbe rimasto ucciso; si accreditò anche la pista del suicidio dopo il ritrovamento di una lettera scritta in realtà molti mesi prima. L'uccisione, avvenuta in piena notte, passò la mattina seguente quasi inosservata poiché proprio in quelle ore veniva ritrovato in via Caetani a Roma il corpo del presidente della Democrazia Cristiana Aldo Moro, assassinato dalle Brigate Rosse.
  8. 8. Grazie all’impegno della madre e del fratello venne smontata l’ipotesi terroristica e Peppino Impastato fu riconosciuto vittima della mafia, che aveva combattuto con coraggio, creando un movimento di giovani a Cinisi e a Terrasini deciso ad opporsi al potere criminale ed alle sue complicità politiche ed economiche.
  9. 9. Il 5 marzo 2001 La Corte d’Assise ha riconosciuto Vito Palazzolo e Gaetano Badalamenti responsabili della morte di Peppino Impastato, condannando il primo a trent’anni di reclusione ed il secondo all’ergastolo.
  10. 10. È grazie a persone come Peppino Impastato e alle centinaia, come lui uccise dalla mafia, che in Italia è ancora possibile parlare di legalità e di dignità, anche se troppo spesso lo Stato non ha fatto l’unica cosa che si dovrebbe fare: applicare le leggi che pure ci sono!
  11. 11. Per approfondire la vicenda politica ed umana di Peppino Impastato è possibile consultare il sito http://www.peppinoimpastato.com
  12. 12. film di riferimento: I cento passi di M.T. Giordana 2000 tratto da www.mymovies.it Alla fine degli anni Sessanta a Cinisi, un piccolo paese siciliano, la mafia domina e controlla la vita quotidiana oltre agli appalti per l'aeroporto di Punta Raisi e il traffico della droga. Il giovane Peppino Impastato entra nel vortice della contestazione piegandola, con originalità, alle esigenze locali. Apre una piccola radio dalla quale fustiga con l'arma dell'ironia i potenti locali fra i quali Zio Tano (Badalamenti). Peppino verrà massacrato facendo passare la sua morte per un suicidio. Se lo si guarda con gli occhiali dell'ideologia I cento passi (che si ispira a fatti realmente accaduti), con la chiusura sulle bandiere rosse e i pugni chiusi del funerale di Impastato, potrebbe sembrare un film di propaganda. In realtà è un film di impegno civile (che non si vergogna di citare il Rosi di Le mani sulla città ) che si assume il compito di ricordarci che la lotta a quel complesso fenomeno che passa sotto il nome di mafia non appartiene a una 'parte'.
  13. 13. realizzato nell'ambito del progetto Cinema e Storia Il secolo breve italiano a cura del Prof. Pietro Volpones 2009 Le slide e la conversione nel formato flash sono state realizzate con OpenOffice 3.1

×