Copernico

1,299 views
1,164 views

Published on

Liceo scientifico "G. Vailati" Presentazione realizzata da A. De Angelis, S. del Pidio, L. Galieti, G. Pantani nell'ambito di un'attività di webquest coordinata dal Prof. P. Volpones

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,299
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
12
Actions
Shares
0
Downloads
18
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Copernico

  1. 1. Si sviluppa nel periodo rinascimentale (XIV-XV sec.) edelinea una nuova visione del cosmo che presental’uomo in una posizione non più centrale.Questo processo è stato agevolato dalla:• Laicizzazione del sapere• Libertà della ricerca• Riscoperta delle dottrine e figure classiche
  2. 2. NiccolòCopernico,nasce aTorun il 19 febbraio1473 e muore aFrombork il 24 maggio1543. Fu un Prete eastronomopolacco famoso peraver portatoallaffermazione lateoria eliocentrica,contribuendo così allarivoluzioneastronomica.
  3. 3. Prima opera di Copernico,il “Commentariolus” fuscritto circa trent’anniprima del “DeRivolutionibus OrbiumCoelestium ” dovel’astronomo espose le sueprime teoriesull’eliocentrismo. L’operagià dava dei presuppostischematici sull’Universo.
  4. 4. L’opera si può riassumere in sette punti:• Non vi è un singolo centro per tutte le orbite o sfere celesti.• Il centro della Terra non è il centro del mondo ma solo della gravità e dell’ orbita lunare
  5. 5. • Tutte i pianeti circolano attorno al Sole, anche se esso non rappresenta il centro dell’Universo• La distanza Sole- Terra è trascurabile rispetto alla distanza delle stelle
  6. 6. • La Terra coni suoielementi, cioèterra, acqua,aria e fuoco,ruota in motogiornalieroattorno al suoasse polare,mentre ilFirmamento èl’immobile eultimo cieloeterno;
  7. 7. • Ciò che appare a noi un moto del Sole è dovuto in realtà alla Terra con cui stiamo compiendo una rivoluzione proprio come ogni altro pianeta
  8. 8. • Ciò che appare nel moto dei pianeti come retrogrado e progressivo non è dovuto a loro stessi ma al movimento della Terra;
  9. 9. “De RevolutionibusOrbium Coelestium” èdiviso in sei libri ed èsenza dubbio il piùimportante trattato diCopernico. Ha rivoluzionato einfluenzato scienziati efilosofi ed ha posto le basidell’astronomia moderna.
  10. 10. Dato che le idee proposte andavano in contrasto con i dogmi ecclesiastici, all’opera venne aggiunta una prefazione di Andrea Osiander il quale sottolineava quanto il modello fosse solo una costruzione matematica e non necessariamente il vero.« Non dubito che alcuni studiosi, diffusa ormai la fama della novità di questa opera, che pone la  terra mobile e il sole immobile in mezzo alluniverso, si siano fortemente risentiti, e ritengano  che non cera alcun bisogno di rendere incerte le discipline liberali, una volta sapientemente  stabilite. (…)Permettiamo dunque anche a queste nuove ipotesi, fra le antiche, il diritto di  farsi conoscere, ma non come più verosimili, tanto più che sono ammirevoli e semplici, e  recano con sé un grande tesoro di osservazioni dottissime.(...)Salute. »Nonostante ciò il componimento fu messo all’indice nel 1616 e rimosso nel 1835
  11. 11. • L’Universo è finito ma più grande di quello tolemaico e delimitato dalla sfera delle stelle fisse• I corpi celesti sono sostenuti dalle sfere cristalline• La Luna è un satellite della terra• L’Universo è omogeneo e regolato dalle stesse leggi ovunque
  12. 12. • La Terra presenta tre movimenti: rotazione, rivoluzione e declinazione• Il Sole è come Dio: illumina e da vita all’Universo• Vengono mantenuti ancora dei caratteri aristotelici: Orbite circolari Epiciclo lunare Le Sfere sono costituite da materia
  13. 13. Dubbi e Contraddizioni Ci sono domande a cui Niccolò Copernico non aveva risposto …• Se Venere ruotava intorno al Sole doveva avere le fasi come laLuna, anche se ciò non era visibile ad occhio nudo• Se la Terra ruotava intorno al Sole sicuramentevi era una variazione della prospettivadell’osservatore nel corso dell’anno definita“angolo di parallasse”•Non esisteva alcun motore fisico che permettesse il moto delle sfereplanetarie.Per risolvere quest’ultimo problema Copernico si affidò ad unaspiegazione puramente geometrica: le sfere ruotavano perché eranorotonde
  14. 14. A.S. 2010 – 2011 Liceo Scientifico “Giovanni Vailati”La presentazione è stata realizzata da Arianna De Angelis,Simone Del Pidio, Lorenzo Galieti, Gianandrea Pantaninellambito di unattività di webquest coordinata dal Prof.Pietro Volpones

×