• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Location Based Service Benchmark
 

Location Based Service Benchmark

on

  • 4,250 views

Laboratorio servizi e tecnologie wireless e mobile

Laboratorio servizi e tecnologie wireless e mobile

Statistics

Views

Total Views
4,250
Views on SlideShare
4,246
Embed Views
4

Actions

Likes
7
Downloads
0
Comments
1

1 Embed 4

http://robertasanzani.blogspot.com 4

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel

11 of 1 previous next

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
  • HELLO,

    It's my pleasure to write you at this moment.My name is miss CYNTHIA i saw your profile today on www.slideshare.net and i wish to request for your true friendship.I have an important reason of contacting you and i hope we can share great experiences together beyond here. Write to me direct to my e-mail box:(cynthiayaya1@hotmail.com) and i will send you my picture for you to know whom i am, thanks for your understanding. I wish to hear from you soon, God bless you.

    Yours friend,
    CYNTHIA.

    cynthiayaya1@h/otmail.c/om
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Location Based Service Benchmark  Location Based Service Benchmark Document Transcript

    • SAPIENZA UNIVERSITÁ DI ROMA Facoltà di Scienze della Comunicazione – Comunicazione digitale Attività di ricerca – Sistemi e Tecnologie della Comunicazione Prof. C. Medaglia Location Based Services Di Roberta Sanzani
    • INDICE INDICE .................................................................................................................2 1 - INTRODUZIONE.............................................................................................4 1.1 – I location BASED SERVICES...........................................................................................................4 1.2 – L’orientamento del mercato...............................................................................................................5 2 – I DRIVER PER LO SVILUPPO DEGLI LBS..................................................8 2.1 – TIpOLOGIE DI DEVICE..................................................................................................................8 2.2 – LA SCOMMESSA DELLE RETI...................................................................................................11 2.3 – I Player...............................................................................................................................................16 3 – I SERVIZI ATTUALMENTE DISPONIBILI O IN FASE DI AVVIO...............20 3.1 – NAVIGATION SOLUTION E MAPPE DINAMICHE................................................................20 3.1.1 – Google maps 2.0..........................................................................................................................21 3.1.2 – NOKIA maps 2.0.........................................................................................................................22 3.1.3 – lE MAPPE DI tELE ATLAS.......................................................................................................24 3.2 – NAVIGATION APPLICATION E INFOMOBILITA’................................................................24 3.2.1 – activepilot.....................................................................................................................................25 3.2.2 – NAVIWEAtHER.........................................................................................................................26 3.2.3 – PARKWHIZ................................................................................................................................26 3.3 – SOCIAL NETWORKING...............................................................................................................27 3.3.1 – socialight......................................................................................................................................28 3.3.2 – re!live...........................................................................................................................................29 3.3.3 – loopt.............................................................................................................................................29 3.4 – Mobile Gaming..................................................................................................................................30 3.4.1 – PHONE TAG ELITE...................................................................................................................30 3.4.2 – JEWEL CHASER........................................................................................................................31 3.4.3 – Mscape.........................................................................................................................................31 3.5 – informazione e turismo.....................................................................................................................32 3.5.1 – eureka!mobile..............................................................................................................................33 3.5.2 – hollywood usa..............................................................................................................................35 3.5.3 – discover cities...............................................................................................................................35 3.6 – sicurezza e salute...............................................................................................................................36 3.6.1 – UBISAFE.....................................................................................................................................37 3.6.2 – WHERE.......................................................................................................................................39 3.6.3 – merlino.........................................................................................................................................39 2
    • 3.6.4 – followyou.....................................................................................................................................40 3.7 – mobile advertising e mobile commerce...........................................................................................41 3.7.1 – smarter agent................................................................................................................................42 3.7.2 – gpshopper.....................................................................................................................................43 3.7.3 – geosms..........................................................................................................................................44 3.8 – business solution................................................................................................................................44 3.8.1 – intelliwhere..................................................................................................................................46 3.8.2 – fleetnet..........................................................................................................................................47 3.8.3 – bizmap..........................................................................................................................................47 3.9 – sensitive billing..................................................................................................................................48 4 – CONCLUSIONI.............................................................................................49 5 – SITOGRAFIA FONDAMENTALE................................................................51 3
    • 1 - INTRODUZIONE 1.1 – I LOCATION BASED SERVICES Negli ultimi anni, la convergenza di diverse tecnologie, tra cui sistemi di informazione geografica (GIS, Geographic Information System), Internet, strumenti wireless, e tecniche che permettono di determinare la posizione di device mobili, ha dato origine allo sviluppo di un nuovo tipo di servizi informativi: i Location Based Services (LBS), ovvero tutti quei servizi che forniscono informazioni elaborate a partire dalla localizzazione di un utente. Se le tecnologie che permettono la localizzazione di oggetti e persone esistono già da tempo, un certo fermento intorno al settore dei servizi che vengono abilitati da queste tecnologie è piuttosto recente. Infatti, è un fenomeno degli ultimi anni quello per cui molte grandi aziende hanno cominciato a guardare a questo settore come a un’occasione di ampliamento per il proprio business. Sono così nate piccole e medie società che intendono presentarsi al mercato come aziende specializzate nel settore della localizzazione, grazie a progetti relativi a servizi fortemente innovativi. Le grandi aziende, dal canto loro, soprattutto quelle più interessate ad ampliare la propria offerta di servizi, fra cui spiccano quelle del settore della telefonia mobile, hanno capito che grazie alla conoscenza della collocazione spaziale di una persona o di una risorsa è possibile accrescere la dimensione e la natura dell’offerta di servizi ad oggi disponibili. La possibilità di conoscere il posizionamento degli utenti nello spazio permette infatti la creazione e l’erogazione di informazioni di grande appeal, poiché in grado di rispondere ad esigenze peculiari, che fondano la loro natura sull’effettivo spazio in cui egli si trova in un determinato intervallo di tempo. Le informazioni location-based permettono di avere a disposizione dati e strumenti estremamente personalizzati e mirati. Queste caratteristiche si inseriscono perfettamente nello scenario attuale in cui l’offerta è sempre più orientata verso attente forme di personalizzazione. Disporre di informazioni time e location based, nel momento in cui servono, modifica la natura stessa dei servizi: spesso l’utilità, sia reale sia soprattutto quella percepita, risulta essere di gran lunga superiore rispetto a quella derivante dalla consultazione a priori delle stesse informazioni. A questo proposito, infatti, una ricerca effettuata nel 2001 da Ericsson riguardante la tipologia di servizi che avranno la possibilità di riscontrare un interesse significativo da parte del mercato, ha verificato un elevato interesse e propensione alla spesa per servizi di ticketing e legati al positioning. Va specificato che la ricerca è stata effettuata su un campione di 6mila persone –di 4
    • età superiore a 20 anni e inferiore a 64 e di cultura medio-alta, ma composto tuttavia di “addetti ai lavori”. Avere la possibilità di sapere in ogni momento dove si trova una risorsa è di per sé un’informazione ricca di valore, ma se poi non si ha la possibilità di conoscere come raggiungerla quel valore perde di significato. Sapere real time dove ci si trova o quanto si è lontano da qualcosa o qualcuno o, ancora, ricevere indicazioni anche riguardo certi ostacoli per raggiungerlo, come ad esempio incidenti o lavori, aggiunge un’indubbia efficacia alle ricerche. In una società sempre più in movimento capita spesso di trovarsi in città che non sono quella di residenza e questa condizione può verificarsi quando si è in vacanza così come quando si è in viaggio per lavoro: poter contare su una tecnologia che permetta di non perdere il senso dell’orientamento diventa in queste situazioni estremamente vantaggioso. La maggioranza dei servizi LBS sono allora concepiti prendendo atto che l’uomo moderno è sempre più mobile e partendo dall’idea fondamentale che non solo l’utente non voglia fare a meno di tutte quelle informazioni e servizi che generalmente potrebbe ottenere tramite connessioni ad Internet o ad altre reti, ma che voglia anche ottenere informazioni adeguate e circostanziate, a seconda del luogo in cui si trova 1.2 – L’ORIENTAMENTO DEL MERCATO Grande interesse negli ultimissimi anni si è avuto per gli LBS anche da parte del mercato, sia consumer che business. Il segnale più emblematico per il mercato consumer è stato indubbiamente, almeno per quanto riguarda l’Italia, la vendita record di navigatori satellitari nel Natale 2007. Nonostante i consumi diminuiscano a causa dell’aumento del caro-vita, nel periodo natalizio 2007 i consumi che hanno sostenuto le vendite, secondo i dati della catena Media World, sono stati quelli relativi ai navigatori satellitari insieme a Tv flat, e smart phone. Anche secondo il Sole24Ore, in testa alla classifica dei più regalati ci sono stati i navigatori satellitari, facendo registrare per il settore un +90% delle vendite rispetto al 2006. E’ indubbio, dunque, “l’interesse straordinario dimostrato dai clienti”, come ha affermato la catena di elettronica Expert, che per le sue offerte natalizie ha scelto addirittura di abbinare il navigatore Tom Tom a telefonini o macchine fotografiche digitali. Questo dimostra come il grande pubblico, anche grazie all’abbassamento dei costi, abbia cominciato a interessarsi fortemente al settore dei navigatori satellitari tanto che questo 5
    • segmento, quello legato alla localizzazione, per le vendite è ormai divenuto strategico al pari dei settori telefonia e tv. E’ indubbio che gli utenti oggi percepiscano come utile e vantaggioso questo strumento. Del resto, già da un sondaggio d’opinione effettuato telefonicamente su un campione di 400 persone, nel novembre 2007 da Telesurvey, era risultato che sei italiani su dieci conoscevano il navigatore satellitare e tra questi il 18% ne possedeva fin da allora uno, mentre il 46% stava pensando di acquistarlo. Tra coloro che avevano dichiarato di conoscere i navigatori satellitari, il 68% riteneva che fosse molto (22%) o abbastanza (46%) utile, mentre tra le funzioni strettamente connesse con la navigazione, l'aggiornamento in tempo reale sul traffico era risultata quella considerata la più utile. Il grado medio di interesse, comunque, su una scala da 1 (per nulla importante) a 10 (molto importante), risultava essere di 7. Ora, considerando i dati appena citati, ovvero che il 18% della popolazione aveva già un navigatore prima del Natale 2007, che almeno il 46% della popolazione era intenzionata ad acquistarlo e che le vendite hanno registrato un + 90% rispetto all’anno precedente, è plausibile pensare che verosimilmente in questo momento almeno la metà del popolo italiano possegga effettivamente un navigatore. Questo dato è particolarmente importante per la maturazione e lo sviluppo del mercato legato ai location based service per almeno due motivi. Il primo riguarda la percezione che i consumatori hanno nei confronti della localizzazione: il fatto che il navigatore si stia diffondendo in maniera così massiccia sta a significare che gli utenti hanno compreso l’utilità di avere e utilizzare strumenti legati al posizionamento, che siano di supporto all’orientamento e alla mobilità. Il secondo fattore è legato al primo: il fatto che gli utenti utilizzino in maniera massiccia le tecnologie di supporto alla navigazione, in un certo senso li “prepara” e li “abitua” a usufruire dei servizi di localizzazione. In un certo sento, si potrebbe dire che la diffusione degli strumenti di supporto alla navigazione può considerarsi propedeutica allo sviluppo del mercato dei Location based services. L’uomo moderno passa molto tempo fuori casa, spesso trascorre ore in auto e in mezzo al traffico, nelle grandi città fatica a trovare parcheggio, è sempre di fretta e ha necessità di trovare ciò che gli serve in tempi rapidi e possibilmente in luoghi vicini a dove già si trova. Non è un caso che i navigatori lo scorso Natale abbiano fatto registrare un record di vendite: questo risultato non è altro che la conseguenza di una situazione che ha determinato la nascita di un bisogno. Bisogno che le tecnologie di localizzazione sono in grado di soddisfare. 6
    • Questo bisogno è ovviamente relativo all’esigenza di muoversi in maniera più “serena” e rilassata, liberandosi il più possibile da ogni fonte di nervosismo e tensione, come può essere la preoccupazione di trovare il percorso ottimale per raggiungere una risorsa. Oggi viene avvertita sempre più l’esigenza di trovare istantaneamente le risorse o i servizi nel momento in cui se ne avverte il bisogno, per risparmiare tempo ed energie. Questo bisogno è trasversale a tutte le fasce sociali, come l’interesse verso tecnologie che permettano di “trovare tutto e subito”, anche se poi è attualmente ancora la fascia medio-alta della popolazione, come ha rilevato la citata ricerca di Telesurvey, quella che è già cliente del più basilare servizio di localizzazione, la navigazione satellitare. In ogni caso, si può affermare tranquillamente che i servizi di localizzazione interessano la maggior parte della popolazione. Il target di questi servizi si preannuncia perciò piuttosto vario: può andare dall’utente altamente informatizzato e amante delle tecnologie al consumatore privo di sofisticati dispositivi wireless o di particolari conoscenze tecniche. A conferma dell’interesse intorno agli LBS, ci sono i dati delle ricerche di mercato effettuate sia da istituti di ricerca sia da aziende del settore. Secondo le stime effettuate nel 2006 dall’istituto Berg Insight, società internazionale che si occupa di ricerche di mercato per tutto il settore delle telecomunicazioni, in Europa dal 2008 il mercato degli LBS aumenterà del 34% l’anno, sino a raggiungere i 622 €M nel 2010, dato che per altro sembra confermato dall’andamento delle vendite nel Natale 2007. Sempre secondo questa ricerca, anche il numero dei telefoni intelligenti dotati di ricevitore GPS sarà destinato a crescere esponenzialmente fino a raggiungere quota 560 milioni entro l’anno 2012. Un’altra ricerca, condotta questa volta da Tele Atlas, azienda leader nel mondo in materia di dati cartografici digitali di alta qualità e contenuti dinamici per soluzioni di navigazione e localizzazione, ha mostrato che l’80% degli utenti mobili gradirebbe che il loro dispositivo mobile avesse un sistema GPS e che il 47% sarebbe disposto a pagare per servizi LBS e di Personal Navigation. Questo dimostra come i servizi location-based possano rivelarsi una grande opportunità per le aziende di quei settori che possono integrare questa tipologia di servizio nella propria offerta, come accade per il comparto della telefonia mobile. 7
    • 2 – I DRIVER PER LO SVILUPPO DEGLI LBS 2.1 – TIPOLOGIE DI DEVICE Gli LBS possono essere veicolati attraverso diversi media fra cui primeggiano i telefoni cellulari, smartphone e PDA –Personal Digital Assistant- oltre che ai dispositivi installati su autoveicoli come i navigatori satellitari. La telefonia mobile per la sua dissuasione massiccia – tutti o quasi abbiamo un cellulare – sembra attualmente il mercato migliore attraverso il quale veicolare gli LBS. Non è, quindi, un caso se la stragrande maggioranza dei servizi di localizzazione già presenti sul mercato è stata sviluppata per operare su cellulari, smartphone e palmari, come si vedrà più avanti Da notare che su PDA e telefoni cellulari già da tempo esistono portali con funzionalità di yellow pages (ovvero permettono di trovare delle risorse attraverso una ricerca per categorie) o vari software, come quelli presenti nei navigatori, che forniscono informazioni sulle risorse che l’utente può incontrare durante il tragitto. Tuttavia, nella maggior parte delle applicazioni attualmente fruibili non è possibile reperire informazioni georeferenziate, ovvero le informazioni che vengono cercate e poi presentate all’utente non partono dal calcolo automatico della sua posizione, ma dai dati forniti da quest’ultimo riguardo al luogo intorno al quale desidera informazioni. Questo accade principalmente poiché i produttori di questo tipo di servizi ancora oggi devono fare i conti con limitazioni derivanti dalla struttura della rete GSM e dalla tecnologia. Chi produce servizi legati alla localizzazione deve scontrarsi con una realtà in cui i dispositivi cellulari si interfacciano a una rete non affidabile in termini di posizionamento, poiché non sono in grado di localizzare con precisione un utente. La localizzazione basata sulla rete GSM può arrivare a un grado di imprecisione anche di qualche km nelle zone in cui sono presenti meno BTS (Base Transceiver Station), ovvero meno celle. Oltre a ciò, i dispositivi che supportano la funzione GPS sono ancora pochi e fanno ancora parte di quei dispositivi di fascia alta che non tutti sono disposti ad acquistare. Nonostante questo, ugualmente i cellulari, gli smartphone e i PDA sono i device che più si prestano a integrare i servizi location based: oltre a essere i dispositivi mobili a più alta diffusione, essi sono dispositivi che l’utente si è ormai abituato a portare sempre con sé. Difficilmente l’utente sarà disposto a portarsi appresso un altro device. Per questo la quasi totalità dei servizi già esistenti e di quelli che vengono attualmente progettati sono pensati e 8
    • implementati per questi device, piuttosto che strutturarsi su PND (Personal Navigation Devices), ovvero dispositivi espressamente dedicati alla navigazione. Di questo se ne è parlato anche durante il Mobile World Congress 2008 di Barcellona , dove gli esperti del settore della navigazione e quelli del settore delle telecomunicazioni si sono dati appuntamento ad una conferenza sul tema della localizzazione. Secondo questi addetti ai lavori, i Personal Navigation Devices verranno lentamente sostituiti da dispositivi come il telefono cellulare nel corso dei prossimi 5-7 anni, anche quelli di ultima generazione, dotati di grandi schermi e che rappresentano la fascia alta del mercato. Sempre secondo le previsioni fatte durante la conferenza, i prezzi delle periferiche legate alla localizzazione andranno abbassandosi in tempi non troppo lunghi permettendo una diffusione capillare di questi sistemi. Vincenti sul lungo periodo, saranno, inoltre, gli ibridi, ovvero dispositivi GPS che implementano molteplici soluzioni, ovvero utilizzano anche altre reti, ad esempio Wi-Fi, per migliorare il posizionamento, soprattutto in ambiente indoor. In ogni caso, considerando che allo stato attuale i telefoni dotati di GPS (almeno nel mercato europeo) non sono ancora molti, Nokia e altri produttori di accessori per la telefonia hanno pensato a una soluzione veloce e abbastanza economica per chi non volesse cambiare il suo vecchio cellulare, ma desiderasse al contempo sfruttare la tecnologia GPS. Questi produttori hanno dunque pensato di produrre delle antenne GPS che potessero essere implementate nei dispositivi che ne sono sprovvisti. Così sono stati prodotti i ricevitori GPS miniaturizzati per telefoni cellulari, di cui gli ultimi modelli sono dispositivi come lo Spectec GPS Mini SD con Bluetooth della Spectec o il Nokia LD-4W di Nokia, che possono interfacciarsi con il telefono o tramite Bluetooth o essere inseriti nello slot miniSD. Spectec miniSD GPS ad esempio va inserito nello slot miniSD, non necessita di installazioni particolari e può anche inviare il segnale ricevuto via bluetooth a un altro device che è sprovvisto di tale slot. Il dispositivo per ora sembra sia dedicato ai modelli con sistema operativo Windows Mobile. Ha un prezzo relativamente modico: appena 100 euro. Aspetto negativo è il fatto che l’antenna non è autoalimentata e quindi riduce la durata della batteria del telefono. 9
    • Il dispositivo di Nokia invece, il Nokia LD-4W, è pensato per i modelli più datati, sprovvisti anche di slot miniSD, e si collega al telefono solamente tramite Bluetooth. Nokia LD-4W è piccolo e leggero, appena 82,9×37x7,8 mm per 31 grammi di peso. Consente una precisione di 5-6 metri e un aggiornamento della posizione in pochissimi secondi. Nella confezione oltre all’antenna è presente anche un gancio che funge da portachiavi, una ventosa utile per disporre l’antenna nella posizione migliore sul vetro della macchina e una clip, utile quando viene utilizzato a piedi. Questi accessori lo rendono utilizzabile sia per viaggi in auto, in bici o anche a piedi. Inoltre, pur avendo uno spessore davvero limitato, ha buona autonomia: con utilizzo effettivo arriva a 11 ore mentre in stand-by può arrivare anche a 4 giorni. Anche in questo caso il costo è relativamente ridotto, 100 euro. Volgendo lo sguardo oltreoceano, infine, si può notare che non sono i telefoni cellulari stanno inglobando la tecnologia GPS. Infatti, negli Stati Uniti, già da un po’ la tecnologia GPS è sbarcata anche nel mercato degli orologi. Uno in particolare è un caso emblematico, poiché è un elemento cardine per un LBS legato alla sicurezza. Si tratta di un orologio utilizzato nei servizi di localizzazione dedicati al tracciamento dei bambini. Questo dispositivo è una dimostrazione di quanto può essere elevata la miniaturizzazione in atto dei ricevitori GPS. L’orologio ha colori sgargianti e immagini adatte ad un’utenza infantile è dotato di un GPS integrato, in grado di fornire la localizzazione con la precisione di pochi metri, e di due bottoni che, premuti contemporaneamente, lanciano un allarme al 911 (il numero di emergenza statunitense). 10
    • 2.2 – LA SCOMMESSA DELLE RETI Le tecnologie di rete che vengono usate per il posizionamento sono molteplici. Oltre al classico GPS, che è indubbiamente quella più massicciamente utilizzata, ci sono infatti le tecnologie per la localizzazione indoor, dove il segnale GPS o non arriva o non ha la precisione cha normalmente in ambienti esterni. Inoltre, l'esigenza di poter utilizzare strumenti di navigazione anche in ambienti interni ha spinto all'utilizzo di strumenti alternativi come bussole, magnetometri, sensori di pressione, accelerometri, ecc. Questi dispositivi permettono di utilizzare tecniche che si basano sulla stima della posizione, sulla base del calcolo degli spostamenti da un punto iniziale noto. Il calcolo degli spostamenti si basa su direzione e velocità in un dato intervallo di tempo. La stessa metodologia è utilizzata dalle tecnologie di rete che vengono utilizzare per sperimentare il posizionamento indoor. Quelle più sperimentate, sia dalle aziende sia dalle università, sono l’RFID (Radio Frequency IDentification), il protocollo ZigBee, il Wi-Fi e l’ UWB (Ultra Wide Band). In più, alcune Università, come l’Università Milano-Bicocca, puntano per gli interni sulla navigazione off-board. Quest’ultimo tipo di navigazione si basa su una integrazione di informazioni 11
    • multimediali (fotografie e brevi filmati) e di localizzazione (mappe) che possono essere distribuite sia su terminali dedicati che sugli stessi telefoni degli utenti. Può essere applicato a qualsiasi edificio senza l'installazione di infrastrutture, ma è necessario che gli edifici siano stati preventivamente quot;mappatiquot;. La particolarità di questo tipo di navigazione è l'utilizzo, per guidare gli utenti su un percorso selezionato, di fotografie annotate con segnalazioni del percorso: il sistema è in grado di funzionare sia con il solo ausilio fotografico che insieme a un sistema per il calcolo della posizione all'interno dell'edificio. In ogni caso, la tecnologia probabilmente più usata per sperimentare la localizzazione negli interni è l’RFID. Questa tecnica è stata adottata anche da Volkswagen per una delle sue autorimesse contenente ben dodicimila veicoli. L’azienda ha valutato che per il recupero di una vettura per la consegna al cliente finale fosse più efficiente utilizzare una tecnologia di posizionamento rispetto a quella manuale. Volkswagen ha quindi utilizzato la soluzione offerta da Identec Solutions, leader mondiale nei prodotti wireless per il tracciamento degli asset con tecnologia RFID attiva, basata sui prodotti RFID Attivi della famiglia ILR (Intelligent long range), che l’azienda stessa ha brevettato. Le autovetture vengono equipaggiate con un ricevitore ILR attivo, posto nello specchietto retrovisore, prima di essere poste nell’autorimessa. Quando un’auto deve essere trovata, viene utilizzato un furgone su cui è montato un computer dotato di tecnologia ILR e si inizia a cercare l’auto. Quando ci si avvicina alla macchina desiderata, il laptop emette un bip ed il dispositivo nella macchina comincia a lampeggiare. In questo modo si evita di dover controllare auto per auto. La casa automobilistica ha valutato che in questo modo nel tempo che un dipendente impiegherebbe per trovare l’auto giusta, se ne possono trovare ben quattro. In ogni caso, nonostante vada avanti la sperimentazione riguardo la localizzazione indoor, la quasi totalità dei location based service sviluppati dai service providers specializzati nel settore si basano sulla localizzazione tramite GPS. E non solo. Anche il mercato e gli addetti ai lavori attualmente dedicano gran parte dell’attenzione alla localizzazione satellitare. 12
    • Sempre in occasione della conferenza sul tema al Mobile World Congress 2008, gli esperti hanno effettivamente sollevato il problema dell’accuratezza del posizionamento. Tuttavia, oltre alla proposta di produrre sistemi ibridi che possano integrare anche tecniche come il Wi-Fi al GPS, le tematiche relative alle tecnologie per la localizzazione in ambiente indoor non sono state affrontate e il focus si è poi spostato sull’A-GPS (Assisted GPS). Non sono in pochi, infatti, a pensare che il futuro della localizzazione stia proprio in questa tecnologia, che è un potenziamento del GPS “tradizionale”. Questo sistema consente di abbattere i tempi necessari alla prima localizzazione durante l'uso di un terminale GPS ed è normalmente associato ai sistemi di localizzazione basati su telefonia cellulare. Lo scopo principale di questo sistema è quello di quot;assisterequot; il ricevitore GPS nel calcolo della posizione iniziare dell’utente, fornendogli informazioni sui satelliti in vista. Per fare questo è necessario il supporto degli operatori di telefonia mobile, poiché, una volta che un terminale A-GPS vuole conoscere la sua posizione, si fa in modo che sia la cella a cui è agganciato a ricavare quali siano i satelliti GPS ad essa in vista, istante per istante Il fatto che siano in molti a pensare che il futuro più probabile per una localizzazione più efficiente ed economia deriva dall’esempio americano. Molti, infatti, ritengono che in Europa presto usciranno delle normative sulla sicurezza come quelle presenti negli USA già dal 1996. In America in quell’anno la FCC (Federal Communication Commission) ha deliberato che anche i provider di telefonia mobile dovessero essere in grado di comunicare l’esatta ubicazione del numero chiamante al Public Safety Answering Point (punto pubblico di risposta per la sicurezza) senza richiedere alcuna sottoscrizione di uno specifico servizio. Secondo le specifiche in vigore, ogni cellulare venduto nel loro territorio deve essere in grado di essere localizzato con un errore massimo di 100 metri. E’ responsabilità dei gestori predisporre l’infrastruttura necessaria perché questo possa avvenire. In questo modo, una chiamata al 911 – che grazie a questa normativa ora è divenuto l’E911 (Enhanced 911) - viene dirottata sul più vicino punto di risposta che a sua volta lo gira al servizio più appropriato dopo aver rilevato la posizione. In questo modo, è possibile tracciare le chiamate di emergenza e garantire tempi di intervento molto più brevi. Nella Comunità Europea, dove ancora non tutti gli stati membri hanno adottato il numero comune 112 per le chiamate di emergenza, il quadro normativo non è stato ancora delineato, ma si ritiene tuttavia che una decisione in tal senso sarà presa attorno al 2010, non appena sarà disponibile il sistema satellitare Galileo. Si pensa che una direttiva a livello europeo migliorerà le chiamate ai servizi di emergenza creando nello stesso tempo in mercato di massa per la tecnologia di localizzazione Galileo. 13
    • Attualmente tentativi di utilizzare la rete GSM per servizi come l’E911 ce ne sono molti, ma il grado di precisione della localizzazione tramite cella – ottenuta calcolando la distanza approssimativa di un terminale dalla stazione radio - è attualmente insufficiente per garantire un livello di sicurezza adeguato, poiché può andare da un raggio di 300 metri fino a1000 metri (che potrebbero essere ancora di più se ci si trova in zone scarsamente popolate). Tuttavia, ugualmente, i gestori europei o i service providers in partnership con essi provano a offrire servizi di localizzazione cell-based, anche nell’ambito della sicurezza. Il primo servizio di questo tipo è stato fornito in Inghilterra dalla società inglese mTrack, con la collaborazione di tutti i principali gestori. Il principio su cui si basa è che, a richiesta dell’interessato, un certo telefono risponda all’invio di un piccolo segnale. L’elemento ricevente risponde con un altrettanto piccolo segnale, nel quale vi è localizzazione in termini di cella rispondente. La localizzazione è trasformata da un servizio Web in termini di mappa, con l’indicazione della posizione approssimativa del cellulare. Il genitore può visitare il sito Web di mTrack e, una volta autenticatosi, chiedere la localizzazione del proprio figlio in quel momento. L’informazione può essere richiesta anche da un dispositivo mobile e non richiede nessuna azione da parte del ricevente. Come si è già detto, ad ogni modo, la maggioranza dei local based services che si possono trovare oggi sul mercato o che sono in fase di implementazione si basano non su rete GSM bensì sul GPS. Ecco allora perché può diventare importante per l’Europa portare a termine il progetto Galileo. Il programma è la risposta Europea al sistema americano GPS. Il progetto fu avviato ufficialmente il 26 maggio 2003 con un accordo tra l'Unione europea e l'Agenzia spaziale europea (ESA) e secondo il disegno progettuale, si differenzia dal sistema americano per l’inclinazione verso il settore civile-commerciale piuttosto che militare. Galileo ha ovviamente come scopo più evidente l’opportunità di rendere indipendente l’Europa dall’ America che tutt’oggi, seppur in cambio dello sfruttamento gratuito del suo sistema, si riserva il diritto di ridurre la copertura del segnale, l'accuratezza o sospendere del tutto il servizio in qualunque momento. Il sistema europeo ha invece come ottica quella di essere sempre disponibile sia ai civili che ai militari con la massima accuratezza. Il servizio di base sarà liberamente disponibile a chiunque sia dotato di un ricevitore compatibile, mentre un servizio criptato commerciale a larga banda e alta accuratezza sarà 14
    • fornito ad un costo aggiuntivo. Oltre a questo, Galileo ha comunque una molteplicità di altri scopi, fra i quali spiccano una miglior copertura dei segnali dai satelliti, soprattutto per le regioni a più alte latitudini, e un sistema di posizionamento globale capace di funzionare anche in tempi di guerra. L'impiego di questa tecnologia può spaziare dal campo dei trasporti (aerei, su rotaia, marittimi, stradali, pedonali), al sincronismo, alla sorveglianza, alle applicazioni ingegneristiche, scientifiche, ambientali e ricreative. Il sistema dovrebbe garantire più affidabilità nella garanzia del servizio, nell'autenticazione del segnale, nell'integrità, e nella trasparenza delle operazioni in modo tale da abilitare applicazioni e servizi che richiedono delle caratteristiche particolari che mancano all'attuale sistema GPS. Secondo il piano di progetto, a regime Galileo conterà su 30 satelliti orbitanti su 3 piani inclinati sull'equatore ad una quota di 24.000 km. La piena attuazione del programma era prevista per il 2008, ma a causa delle difficoltà economiche generali la Commissione europea ha avuto difficoltà ad assicurare la copertura economica, stimata in 3 miliardi di euro, al proseguimento del progetto e ci sono state divisioni tra le nazioni coinvolte. Per questo motivo, ad oggi è stato lanciato e collaudato un solo satellite, Giove A1, nel dicembre 2005, cosa che ha segnato anche i rapporti con le aziende private ha portato all’accumulo di un ritardo complessivo di 5 anni. Attualmente le trattative per il ripristino del progetto sono in corso, ma se non ci saranno altre difficoltà, il servizio dovrebbe entrare in funzione per il 2013. Riguardo la compatibilità con il sistema GPS, l'Unione europea si è accordata con gli Stati Uniti per adottare uno schema di modulazione, che permetterà la trasmissione dei servizi Galileo sulle stesse frequenze adottate dal sistema americano senza procurare o subire da esso interferenze. Galileo è stato concepito come una tecnologia sopra la quale implementare diverse applicazioni. Secondo quanto definito nel progetto, sono quattro i servizi che Galileo potrà offrire a chi si appresta a fornire dei servizi di localizzazione: • l’Open Service (OS): accessibile a chiunque. I ricevitori consentiranno un’accuratezza inferiore ai 4 metri orizzontalmente e 8 metri verticalmente. • il Commercial Service (CS): criptato, consentirà dietro pagamento di avere un’accuratezza inferiore al metro. Il CS potrà essere completato da stazioni a terra per aumentarne l’accuratezza. • il Public Regulated Service (PRS): criptato, offrirà un’accuratezza comparabile con il servizio Open ServiceLa differenza sta nella robustezza del segnale contro disturbi e il rilevamento 15
    • affidabile dei problemi. Specificatamente progettato per gli operatori di sicurezza (polizia, militari, ecc). • il Safety of Life Service (SoL): criptato, per accuratezza e robustezza del tutto simile all’PRS, ma progettato per applicazioni relative alla sicurezza nei trasporti (air-traffic control, atterraggio automatizzato di velivoli, ecc). In base a queste premesse, si pensa già a tutta una serie di servizi e applicazioni che potranno nascere da questa tecnologia. Nell’aviazione l'avvento del GNSS (Global Navigation Satellite System), di cui a regime faranno parte il sistema americano GPS, il russo GLONASS (GLObal NAvigation Satellite System) e il sistema europeo Galileo, consentiranno di effettuare manovre critiche quali atterraggi e decolli anche in condizioni di scarsissima visibilità. Per il mercato consumer l’innovazione più interessante che questo sistema potrebbe portare riguarda il traffico su strada, in quando la precisione di questo sistema potrebbe portare un grande apporto all’implementazione degli Advanced Driver Assistence Systems, che già alcune case automobilistiche come Volkswagen (nel prototipo '53) stanno sperimentando. Questo avanzatissimo sistema che integra tutte le tecnologie oggi disponibili per quanto riguarda la sicurezza stradale sono utili ad evitare collisioni, aumentare la visibilità e addirittura consentono alcune manovre automatizzate. Gli esperti si aspettano che Galileo darà un forte impulso alla creazione dei location based services e stimano che le applicazioni create e implementate basandosi su questo sistema raggiungeranno 3 miliardi di utenti entro il 2020. 2.3 – I PLAYER Sono molte le aziende interessate allo sviluppo degli LBS. L’apertura di questo nuovo mercato permette infatti la creazione di un business che non si ferma ovviamente ai soli produttori di navigatori e alle società che si occupano dello sviluppo di sistemi GIS. La possibilità di erogare servizi personalizzati in base al profilo e alla posizione dell’utente apre scenari di business interessanti per i content providers e i service providers, soprattutto quelli che producono applicazioni per la telefonia mobile. Questi infatti al di là della tipologia di applicazione, sia essa di navigazione, sicurezza, entertainment o community hanno nuove opportunità per commercializzare servizi su abbonamento o pay-per-use. 16
    • Si apre la strada per lo sviluppo di molteplici servizi di tipo “nearest to me” quali fornitura “push” di informazioni di prossimità, forniti in seguito alla richiesta dell’utente, ad esempio un utente che chieda indicazioni su quali ristoranti ci sono nella zona. Oppure possono svilupparsi servizi di tipo “pull”, che vengono inviati secondo certi parametri dopo che l’utente ha sottoscritto il servizio, come informazioni turistiche rilevanti o contenuti pubblicitari in base a localizzazione e alla profilazione dell’utenza. In questo caso ad esempio è possibile inviare una pubblicità riguardante l’abbigliamento femminile di un determinato negozio soltanto alle donne che si trovano in quella città. Un grande vantaggio per gli utenti di telefonia mobile è che il cellulare può rendere non necessario specificare manualmente la propria posizione, digitando ad esempio codici di avviamento postale o di altri identificatoti di località. Senza bisogno di inserire la propria posizione, l’utente può ottenere indicazioni sulla presenza di un servizio nelle sue vicinanze o ricevere avvisi, come la notifica della presenza di un ingorgo sul suo percorso. Secondo il già citato rapporto di ricerca di Berg Insight, nel 2007 per i telefoni cellulari con GPS integrato la crescita è stata di 175 milioni di unità a un tasso di crescita annuale del 26,2 per cento per raggiungere 560 milioni di unità nel 2012. Secondo questo rapporto, i driver principali per una rapida adozione di massa della tecnologia GPS nel mercato sono i grandi costruttori di telefoni cellulari. “L'anno scorso ha segnato il passo - ha commentato André Malm, analista telecom presso Berg Insight - ora il GPS è uscito al di fuori del proprio mercato, per entrare in nuovi settori, con il successo del lancio di prodotti di Nokia e altri. Quest’anno [il 2008]ci aspettiamo di vedere abbondanza di nuovi modelli che supportino il GPS da parte di tutte le principali marche. Entro il 2009, il GPS sarà un componente di tutti i cellulari di fascia alta quot;. Anche l’istituto Berg Insight ritiene che la crescente penetrazione di telefoni cellulari con GPS integrato attiverà una nuova ondata di innovazioni nel campo dei servizi location-based. In effetti, Nokia si sta già muovendo in questo senso e sarà sicuramente una dei principali protagonisti di questo nuovo scenario. L’obiettivo del leader mondiale fra i costruttori di telefoni cellulari è portare il navigatore satellitare fuori dall'auto, per fornire al consumatore finale uno strumento capace di indicare la strada sia in auto che sia a piedi, approfittando del fatto che ormai l’utente si è abituato ad avere sempre con sé il telefono. La presenza di Nokia in questo settore si è del resto consolidata nell’ottobre 2007 con l’acquisizione, costata di 8,1 miliardi di dollari, del 100% di Navteq, uno dei due colossi insieme a TeleAtlas nel settore delle mappe digitali. 17
    • I nuovi Nokia, presentati al Barcellona in occasione del Mobile World Congress 2008 hanno tutti il navigatore satellitare, oltre a WiFi e Hsdpa (High Speed Downlink Packet Access), per l’accesso a internet veloce. In questo modo, si rendere possibile il geo-tagging, ovvero l'assegnazione delle coordinate geografiche a molte delle azioni compiute con il telefonino. Il fine è quello di arrivare alla fruizione di servizi “internet context aware”: la scommessa che Nokia sta facendo è quella di rendere la localizzazione non un’applicazione ma una parte integrante di Internet. Con Maps 2.0, le nuove mappe presentate a Barcellona e di cui si parlerà in seguito, Nokia è riuscita ad avere un vantaggio competitivo anche su Google che già dal 2006 aveva cominciato a interessarsi al mercato mobile, lanciando Google Maps, fruibile su telefoni cellulari abilitati alla tecnologia Java e con connessioni dati GPRS, EDGE o UMTS. In ogni caso, gli analisti del settore, oltre a questi due grandi colossi, Nokia e Google, si aspettano di vedere scendere in campo a breve anche altri grandi nomi, come ad esempio Facebook e Myspace, per l’area del mobile social networking. E’ ormai chiaro che tutta la filiera della telefonia mobile non può che trovare particolarmente interessante questa nuova fonte di business legata agli LBS e ovviamente anche i gestori ne hanno presto percepito l’importanza. Di fronte a una concorrenza sempre più accentuata e al fatto che negli ultimi anni si è registrato un calo dei ricavi derivanti dal traffico voce, i grandi operatori come pure i nuovi operatori virtuali danno sempre maggiore spazio alla sperimentazione e allo sviluppo di servizi innovativi basati sui dati. I Vas (value added service), i servizi a valore aggiunto sia che siano erogabili direttamente dal gestore sia in collaborazione con i content providers (ad esempio le suonerie di Buongiorno), hanno acquisito un’importanza strategica per mantenere alto il livello dell’Arpu (Average Revenue Per Unit), ovvero i ricavi medi per utente. In questo contesto poter annoverare nel proprio portafoglio di servizi anche gli LBS potrà diventare strategico per mantenere o migliorare la propria presenza su un mercato altamente concorrenziale come quello della telefonia mobile. Per capire meglio quanto possono essere importanti i servizi di localizzazione per un gestore, basta esaminare la stima di revenue fatta già nel 2001 da H3G, pensando a un ipotetico servizio location-based per trovare un ristorante. Gli utenti della telefonia mobile in Italia, compresi i turisti, in un giorno mediamente sono 60 milioni, di cui mediamente fuori casa sono in 7 milioni. Tra questi, si ipotizza che ad almeno 3 milioni occorre un ristorante, di cui verosimilmente 200mila non sanno dove andare a mangiare. Di questi ultimi 40mila, ( dato 18
    • calcolato su un 20% di share sugli utenti di telefonia mobile) hanno un abbonamento Umts, fra i quali in 12mila effettivamente potrebbero conoscere il servizio di localizzazione ristoranti. Sarebbero disposti a pagare il servizio probabilmente 4mila utenti. Ipotizzando un costo di 1 euro per il servizio, si ha: (4mila utenti) x (1 Euro) x (50 volte all'anno di uso del servizio) = 200mila Euro di fatturato all'anno. Considerando questa cifra, si intuisce il motivo per cui già dal 2001 il leader italiano della telefonia mobile, TIM in collaborazione con Webraska, fornitore mondiale di servizi e tecnologie di navigazione wireless era partito con la sperimentazione del primo servizio di localizzazione su rete GSM, con un servizio consistente nel fornire informazioni cartografiche via Wap, sms o attraverso il portale Uni.tim. Ad oggi, del servizio per il mercato consumer non c’è traccia, ma la sperimentazione è servita per lo sviluppo di un servizio di fleet management (gestione delle flotte) per i clienti business. Attualmente le sperimentazioni hanno preso altre strade, concentrandosi di più su concept che valorizzassero il posizionamento dell’utente all’interno di un altro servizio, piuttosto che sulla navigazione in senso stretto. Questo ha spinto i due colossi leader a livello globale di mappe digitali, Navteq e TeleAtlas a indire veri e propri contest alla ricerca di nuove idee da sviluppare. Da questo sono nati il Navteq Global LBS Challenge e il TeleAtlas LBS Innovators Serie. Il primo, in particolare, si svolge dal 2004, ha natura globale anche se da tre anni si divide in sezione Americana e EMEA(Europa, Medio Oriente e Africa). Ovviamente ha come obbiettivo quello di richiamare i service providers e i content providers di tutto il mondo al fine di realizzare applicazioni LBS innovative, che possano poi essere effettivamente commercializzabili. Nove tra i premiati delle passate edizioni del concorso hanno infatti successivamente lanciato applicazioni commerciali in collaborazione con importanti operatori di reti wireless e altri otto hanno ricevuto finanziamenti per investimenti nella loro attività. I partecipanti, una volta iscritti al concorso, possono utilizzare gratuitamente il database cartografico di Navteq oltre che strumenti, piattaforme e assistenza tecnica messi a disposizione da altre aziende leader di mercato, fra cui quest’anno si annoveravano Nokia (sponsor già da anni), Autodesk (società leader nella fornitura di piattaforme middleware per gli LBS), Vodafone, Deutsche Telekom, e Telecom Italia. I progetti vincitori vengono selezionati sulla base di fattibilità commerciale, funzionalità e design. Questo concorso dunque è particolarmente interessante in quanto è possibile avere una panoramica della direzione che sta prendendo il mercato degli LBS. 19
    • Anche guardando le categorie in cui già dall’anno scorso è stato diversificato il contest si può capire quali sono le tipologie di applicazione su cui si sta puntando. Le aziende sfidanti potranno infatti iscriversi nelle sezioni Contenuti, Soluzioni per le imprese, Intrattenimento, Navigazione e Social Networking. Per dare un’idea di quanti sono i soggetti – content providers e service providers - che sono interessati al mercato degli LBS basta dire che gli iscritti all’edizione europea di quest’anno sono stati oltre 115. Fra questi cominciano anche a vedersi società altamente specializzate che oltre a progettare e sviluppare servizi location based altamente innovativi, mettono a disposizione le piattaforme per chi intende svilupparne di propri, proponendosi al mercato oltre che come service providers anche come fornitori di middleware per altre società. Un esempio di questo tipo di azienda viene proprio dal panorama italiano. Si tratta di UbiEst, una società fondata nel 2001, vincitrice quest’anno del Navteq Global LBS Challenge con il servizio UbiSafe (di cui si parlerà in seguito). UniEst è specializzata in soluzioni location based, e mette a disposizione dei service providers la propria piattaforma tecnologica per l’integrazione della localizzazione all’interno di applicazioni mobile, oltre che la creatività per lo sviluppo delle idee che meglio sfruttano la componente di location. La piattaforma consente a operatori telefonici e mobile solution providers l’implementazione di applicazioni consumer localizzate abbattendo i costi di start up. 3 – I SERVIZI ATTUALMENTE DISPONIBILI O IN FASE DI AVVIO 3.1 – NAVIGATION SOLUTION E MAPPE DINAMICHE Le prime applicazioni di mappe dinamiche cercavano (e cercano tuttora) di porsi in qualche modo come alternativa al navigatore e si prestano ad essere integrate all’interno di un altro servizio, soprattutto legato ai punti di interesse (point of interest). Il software delle mappe dinamiche come Google Maps solitamente non richiede che il dispositivo su cui sono installate sia dotato di GPS. Le applicazioni di questo tipo possono essere accessibili mediante telefoni cellulari, palmari, smartphone che abbiano piattaforme Java, Symbian, Blackberry o Windows mobile e che abbiano la possibilità di collegarsi a internet (mediante Gprs, Umts o Hsdpa o Wi-Fi), per poter scaricare di volta in volta la mappa. 20
    • E’ indubbio il vantaggio che ha l’utente mobile dotato di dispositivo in grado di localizzarlo rispetto a chi non ce l’ha: il primo potrà avere a disposizione una mappa interattiva relativa alla propria posizione al momento della richiesta senza doversi preoccupare di sapere dove si trova. Qualunque sia la tecnologia di cui si dispone, con le mappe dinamiche sarà comunque possibile cercare e visualizzare un percorso, mantenendo l’evidenziazione dello stesso con lo spostamento della mappa stessa. Queste applicazioni si prestano ovviamente ad attivare al loro interno tutta una serie di altri servizi, legati ai punti di interesse e alla ricerca degli stessi. Esempio evidente è proprio Google Maps che al suo interno implementa il servizio relativo alla ricerca di esercizi commerciali, anche sponsorizzati. Nondimeno è vero anche il contrario, ovvero possono essere le mappe a essere inserite all’interno di altri servizi location based, come ad esempio un servizio che permetta di trovare di un albergo nelle vicinanze della propria posizione. 3.1.1 – GOOGLE MAPS 2.0 Le mappe dinamiche di Google sono sbarcate nel mobile già da qualche tempo. Chi ha già scaricato il software per utilizzarle, sa già che grazie a questo servizio può ottenere con una semplice connessione GPRS (più che opportuno avere un piano tariffario dati flat ovviamente!) indicazioni stradali dettagliate, (sia per auto sia se si è a piedi), risultati di ricerca integrati, ovvero gli annunci di esercizi commerciali locali e le relative informazioni di contatto, integrate nella mappa. Inoltre, è possibile ottenere immagini satellitari, per avere una vista dall'alto della località desiderata. All’estero, oltre a ciò, è possibile avere indicazioni sul traffico in tempo reale (questo in molte città statunitensi come Kansas City e New York) e dall’anno scorso si è aggiunta la possibilità di inviare la posizione di un’attività commerciale, individuata attraverso Google Maps direttamente al navigatore delle auto abilitate al servizio BMW Assist. Tutti servizi molto attraenti e interessanti per inserzionisti, per gli utenti e per il mercato che attente l’estensione di tali applicazioni anche in altri paesi, ma la 21
    • novità del 2008 non è sicuramente da meno in termini di rilevanza. Google ha infatti recentemente aggiornato il proprio software, dalla versione 1.66 alla 2.0 introducendo il servizio che consente la geolocalizzazione dell’utente ( denominato La Mia Posizione), per il momento ancora in Beta, ma senza utilizzare la tecnologia GPS. La funzione quot;La mia posizionequot; è disponibile per la maggior parte dei telefoni cellulari abilitati alla navigazione web. Devono supportare il linguaggio Java, Blackberry, Windows Mobile o Nokia/Symbian. Attivando la funzione “La mia posizione”, sulla mappa comparirà un punto blu con un alone azzurro intorno. Il punto blu rappresenta la posizione in cui il sistema localizza l’utente, l’alone azzurro intorno indica un livello di incertezza entro cui ci si potrebbe trovare, questo poiché per individuare l’utente la funzione si basa sulle informazioni ricevute dalle torri di trasmissione vicine. Come si è già detto, non essendo un GPS, il margine d’errore si amplia, ma assicura Google, “La mia posizione” ha comunque un margine mediamente sotto i 1000m. In ogni caso, se si è in possesso di un dispositivo dotato di GPS, il software lo rileva e il punto blu corrisponde esattamente alla posizione dell’utente (o comunque viene rilevata con il grado di precisione dato dal GPS). 3.1.2 – NOKIA MAPS 2.0 22
    • In occasione del Mobile World Congress 2008 di Barcellona Nokia ha presentato Maps 2.0 che renderà possibile fruire di servizi Internet context aware (per smartphone dotati di tecnologia GPS come il nuovo modello Nokia 6120 Navigator presentato insieme a Maps 2.0). I servizi internet context aware offriranno opzioni multimediali e la localizzazione GPS integrata con il collegamento ad Internet, per offrire agli utenti proprio i contenuti e le informazioni che cerca. In Map 2.0 l’utente potrà indicare se sta viaggiando in auto o se sta camminando, e il sistema regolerà la navigazione ad hoc per indicare sempre il percorso più breve. A esempio, se viene impostata la modalità Pedestrian Navigation e c’è un parco nelle vicinanze, Maps 2.0 lo farà attraversare senza passarci intorno. E’ possibile inoltre visualizzare la mappa sia in 3D che da satellite, cosicchè l’utente ha la possibilità di vedere dove si trova rispetto a ciò che c’è intorno. Quando si scatterà una fotografia da un cellulare abilitato a Maps 2.0, saranno aggiunte automaticamente le coordinate GPS del luogo fotografato, che saranno memorizzate in un file di metadati. Oppure, sulla mappa visualizzata sul cellulare saranno automaticamente indicati i luoghi in cui si trovano gli amici dell’utente. Per quanto riguarda la ricezione del segnale GPS, secondo quanto mostrato nella demo presentata a Barcellona sembra essere eccellente: Maps 2.0 si è mostrata in grado di localizzare perfettamente chi si trovava nello stand della fiera (visualizzabile nelle foto da satellite). 23
    • Nokia con questa innovazione riesce a ottenere un vantaggio competitivo nell’intento di far convergere Internet e localizzazione rispetto a Google, che attualmente, oltre a cercare di sfruttare al meglio la rete GSM, è impegnata nella sperimentazione Android, una piattaforma per dispositivi mobili open source, basata sul sistema operativo Linux, ovvero il futuro probabile diretto concorrente del sistema proprietario di Nokia, il Symbian. 3.1.3 – LE MAPPE DI TELE ATLAS Tele Atlas, in occasione del Mobile World Congress 2008 ha presentato la sua prima demo di mappe basate su dati che ha appositamente raccolto pensando alle esigenze dei pedoni, siano essi uomini d’affari alla ricerca del modo più pratico per andare dall’area di parcheggio al luogo di appuntamento o semplicemente viaggiatori in vacanza in una città straniera che devono ritrovare la strada per la fermata del metrò più vicina all’albergo. Sono già disponibili le mappe Tele Atlas con attributi specifici per pedoni in 18 Paesi relative a 117 città d’Europa, con una media di 80km di percorsi e strade percorribili in ogni centro storico, che consentiranno alle persone di raggiungere a piedi la propria destinazione seguendo la via più breve. 3.2 – NAVIGATION APPLICATION E INFOMOBILITA’ Le applicazioni per la navigazione consentono di erogare verso l’utenza mobile una serie di servizi di infomobilità basati sulla loro posizione al momento della richiesta del servizio o sulla loro direzione di percorso. Possono essere implementati nelle mappe dinamiche oppure può essere, ad esempio, possibile abilitare SMS o MMS in occasione di eventi legati alla circolazione in base alla posizione dell’utente: chiusure stradali, cantieri, blocchi traffico, limitazioni alla circolazione, 24
    • manifestazioni, ecc. I servizi di questo tipo possono anche integrare anche informazioni meteo localizzate. Un altro tipo di applicazione legata alla navigazione è la funzione di meno altert. Un esempio viene dall’applicazione RoboCal, un mashup tra Google Calendar e servizi web di Interactive Voice Response. L’applicazione consente di impostare una serie di eventi o note personali legate a punti di interesse. Il sistema avvisa del promemoria impostato ogni volta che la posizione dell’utente mobile è nel raggio di x dal luogo associato all’avviso. Utile per i promemoria personali, l’applicazione può avvalersi della localizzazione tramite cella o della tecnologia GPS. 3.2.1 – ACTIVEPILOT Activepilot della società Jentro Technologies ha vinto nella categoria Navigation Applications agli EMEA e nella categoria Social Networking della sezione Americana del Navteq Global LBS Challenge 2007. Activepilot è un software di navigazione cellulare, funziona sui più comuni cellulari Java- enabled, ed agisce anche come rilevatore dell'intensità di traffico condividendo dati tra gli utenti per monitorare la viabilità Grazie ad informazioni di traffico in tempo reale l'activepilot ri- calcola automaticamente il percorso, proponendone uno alternativo ed appropriato se è disponibile. .Altra funzione molto interessante di activepilot è la capacità di rilevare la presenza delle macchine fotografiche per la rilevazione delle infrazioni e avvertire l’utente. Attivando questa funzione, nello schermo appare un’immagine che rappresenta un radar: se ci sono macchine fotografiche a 500m di distanza compariranno nel raggio del radar. Consente, inoltre, di attivare la modalità Pedestrian, se si vogliono conoscere i percorsi pedonali. Il software viene venduto insieme ad un ricevitore Bluetooth GPS (149,-£ comprensivo di un anno di serivizi), cosicché anche i telefoni sprovvisti di GPS integrato possono utilizzarlo. Basta 25
    • che i device abbiano la funzione Bluetooth per interfacciarsi al ricevitore e la tecnologia Java per il software. Una delle grosse innovazioni di questo prodotto, infatti, sta proprio nel fatto che in questo modo anche i telefoni di fascia medio-bassa possono avere una funzione, quella della navigazione, tipica dei cellulari di fascia alta. Nel Regno Unito viene venduto non solo stand alone, ma anche in bundle con diversi cellulari, dove viene preinstallato. 3.2.2 – NAVIWEATHER NaviWeather di Forca è semifinalista nella categoria Contenuti agli EMEA 200 del Navteq Global LBS Challenge. Consente a qualsiasi apparecchio mobile collegato di avere gli ultimi bollettini meteo in qualsiasi punto del mondo. Basandosi sulle coordinate, è possibile avere i bollettini della propria posizione in automatico, stessa cosa per il percorso che si sta facendo. Da notare che Foreca è una società specializzata nella fornitura di servizi legati al tempo in qualsiasi media, ovvero è sostanzialmente un content provider e non un service provider. La società offre i suoi contenuti a tutte le aziende che desiderano inserire informazioni relative al meteo nei loro servizi, sia nei siti web sia nel mobile o altri media, in maniera tale che questi grazie a questo tipo di contenuti aumentino il numero di utenti. 3.2.3 – PARKWHIZ ParkWhiz è un motore di ricerca per dispositivi mobili, il cui progetto ha vinto la categoria Navigation Application nella sezione Americana del Navteq Global LBS Challenge 2007. Ha vinto il progetto poiché in realtà ParkWhiz attualmente non è ancora in commercio, ma è in fase di sviluppo. Ad oggi si può trovare solo il sito internet della società americana (ParkWhiz Inc., fondata nel 2005) che già operava come motore di ricerca per parcheggi e garage sul web. Quest’ambito più di altri trova un grandissimo miglioramento nel poter sfruttare le tecnologie di localizzazione. Poter contare su un’applicazione che tramite il cellulare (ovviamente dotato di 26
    • GPS) trovi direttamente i parcheggi liberi circostanti è indubbiamente più agevole rispetto alla ricerca tramite un sito web. Per poter usufruire del servizio oggi è necessario possedere dispositivi mobili che abbiano grandi schermi per poter visualizzare il sito correttamente e, inoltre, cosa più importante, è il cliente stesso che deve inserire i dati relativi alla sua posizione per trovare il parcheggio più vicino, con tutti i problemi che questo comporta. Una volta che il servizio per mobile sarà pronto, il cliente di ParkWhiz riceverà direttamente le informazioni sui parcheggi e i garage presenti nell’area circostante, incluso prezzi, distanza esatta, orario d’apertura e numero di spazi riservati ai disabili. Inoltre, è previsto che i gestori che si associano al servizio aggiornino in tempo reale la disponibilità di parcheggio, segnalando quanti posti sono ancora disponibili, cosicché l’utente non perderà più tempo recandosi in garage pieni e avrà anche la possibilità di riservarsi un spazio, prenotando. 3.3 – SOCIAL NETWORKING I servizi basati sulla localizzazione possono aggiungere una nuova dimensione ai servizi di community: gli utenti possono essere messi in contatto in base al loro profilo, ma anche in base alla loro posizione fisica. Il servizio può sfruttare la localizzazione (GSM o GPS) per localizzare gli amici su di una mappa, vedere quali conoscenti sono raggiungibili nell’arco di x minuti o inviare mappe di appuntamento per il ritrovo ad altri utenti della community. In questi servizi è spesso possibile condividere immagini, video, e altre risorse. Inutile dire che i primi a sperimentare la localizzazione applicata a community sono stati gestori o service providers che offrivano servizi di incontri via chat e sms. Avere la possibilità di localizzare la persona con cui si sta chattando o con cui si stanno scambiando messaggi è un elemento di forte appeal per il pubblico di questa tipologia di servizi. Infatti, a questo proposito si nota che già nel 2005 TIM in collaborazione con Autodesk, azienda leader nella fornitura di piattaforme per la localizzazione, era partita con la sperimentazione della localizzazione per il suo servizio di chat. Il servizio di TIM è un sistema di localizzazione basato sugli SMS ed è accessibile da tutti i clienti. Gli abbonati possono decidere se attivare o meno questo servizio e da quel momento riceveranno un SMS non appena una delle persone da 27
    • loro designata si trova nelle vicinanze. Per proteggere la privacy, gli utenti non vengono localizzati se decidono di non attivare il servizio, e possono scegliere di disattivarlo “rendendosi invisibili” in qualsiasi momento. Il servizio di localizzazione offerto da TIM ha incontrato un grande favore tra gli utenti; il sapere che un compagno di chat è nei paraggi ha prodotto un aumento del traffico di SMS, che, a detta dell’azienda, è quasi raddoppiato. Un servizio più semplice, basato sostanzialmente sullo stesso principio, consiste nel dare la possibilità ad un gruppo di amici di aprire, presso un service provider, una cosiddetta “buddy list”, cioè una lista di conoscenti. Una volta membro della buddy list, l’utente potrà avvisare ed essere avvisato circa la vicinanza di persone appartenenti alla stessa lista. Ad esempio un gruppo di soci dello stesso circolo di scacchi potrebbero decidere di creare una loro buddy list. Se per caso due di loro si dovessero trovare, per motivi di lavoro, nella stessa città verrebbero automaticamente avvisati della loro vicinanza, in modo tale da potersi incontrare e giocare tra di loro. Questo servizio, nei paesi dove è già erogato (prevalentemente USA e Nord Europa) raccoglie un notevole interesse da parte soprattutto dei teen-ager, che amano ritrovarsi appena possibile e fare gruppo in ogni circostanza. Qualcuno, ad esempio in Islanda, ha provato anche ad organizzare giochi di ruolo basati sul fatto che, in certe fasi del gioco, le possibili mosse di un giocatore dovessero obbligatoriamente avvenire in una certa zona della città, in modo da favorire l’incontro tra i giocatori e la loro socializzazione. In ogni caso, il mobile social networking sembra un trend destinato a crescere: secondo le ultime ricerche di mercato, in particolare quella di Telephia (fine gennaio 2007), il 4 per cento degli inglesi e il 6 per cento degli americani già fa attività di social networking tramite cellulare, con pubblicazione di blog; video e foto sharing. 3.3.1 – SOCIALIGHT Socialight è semifinalista al Tele Atlas LBS Innovators Series 2008. E’ un sistema di social networking, in cui gli iscritti possono condividere con gli altri iscritti informazioni, note, video e foto relativi a luoghi di cui hanno avuto delle esperienze. I luoghi possono anche essere visualizzati tramite GoogleEarth. Socialight, oltre al social networking online è un servizio 28
    • molto interessante di condivisione delle informazioni localizzate via cellulare. Al momento il servizio funziona solo con telefonini con ricevitore GPS integrato e permette di inserire post-it virtuali, completi di audio/video/testo, che possono poi essere richiamati da chiunque capiti nel luogo specifico in cui il messaggio è stato creato. L’accesso ai messaggi può essere limitato solo al gruppo di contatti o può essere lasciato aperto a tutti. L’inserimento di un nuovo messaggio può avvenire via web o, più comodamente, via cellulare quando ci si trova sul posto. Il servizio promette sviluppi commerciali molto interessanti, ad esempio le agenzie immobiliari potrebbero fornire dettagli sull’immobile in vendita vicino al quale stiamo passando o i possibili utilizzi a scopo culturale (video / audio guide). Il servizio si interfaccia anche con Myspace e Facebook, nei quali è possibile inserire le note e le mappe di Socialight. 3.3.2 – RE!LIVE ReLive! di AtlasCT è vincitore nella categoria Social Networking alla sezione EMEA 2007 del Navteq Global LBS Challenge. ReLive! è un'applicazione di geo-tagging che permette, in viaggio, di fare foto e scrivere note da collegare ad una specifica posizione GPS sulla mappa. In seguito, amici e parenti possono rivivere (da qui deriva il nome reLive!)l'intero viaggio dal sito web di reLive!, guardando percorso, rotte, photo e note sulla mappa nella loro autentica posizione. Serve un cellulare con fotocamera, il software reLive!, un ricevitore GPS anche Bluetooth ed un applicativo o sito web che abbia le mappe. 3.3.3 – LOOPT Loopt è semifinalista nella categoria social networking nella sezione americana del Navteq Global LBS Challenge 2007. Si tratta di un social networking per mobile e per web. Grazie all’applicazione per mobile gli utenti possono essere localizzati dagli anici e localizzare a loro 29
    • voltala la posizione dei loro amici, visualizzandola sulla mappa dal loro cellulare o da web. Se un amico ha lasciato un appunto nella località, è possibile anche sapere cosa sta facendo. Il sistema aggiorna automaticamente la posizione di ogni utente. Un allarme avvisa gli utenti quando un amico è nelle vicinanze e, se entrambi hanno abilitata la funzione che permette di essere localizzati, è possibile scambiare comunicazioni. Si possono scambiare foto e note relative ai luoghi visitati, nonché visualizzare i commenti degli amici relativa a una determinata località. . 3.4 – MOBILE GAMING Le applicazioni di mobile gaming possono integrare la componente di localizzazione spaziale per aumentare il coinvolgimento nell’azione di gioco e abilitare servizi di gaming multiplayer tra utenti. Il calcolo geografico è particolarmente valorizzato da giochi di ruolo, cacce al tesoro e adventure game. I giocatori coinvolti possono essere localizzati su di una mappa virtuale in cui sono impostabili raggi di “pericolo”, aree a “punteggio”, obiettivi da colpire, ecc. Le applicazioni di mobile gaming su cellulare possono usare la localizzazione mediante rete GSM o tecnologia GPS. 3.4.1 – PHONE TAG ELITE Phone Tag Elite di KnowledgeWhere è vincitore del premio come miglior gioco (su cellulare) per il design avanzato agli Independent Games Festival di San Francisco. E’ un videogioco interattivo per cellulare basato su GPS. All'avvio del gioco l'utente si registra ed ottiene un account, sul quale accumulerà punti e dollari virtuali. Appena si inizia a giocare il gioco trasmette sulla mappa la posizione dell'utente e di tutti gli altri giocatori nei paraggi. 30
    • Lo scopo dell'utente è quot;catturarequot; gli altri giocatori muovendosi in strada e agganciando così la loro icona sulla mappa GPS. Appena l’utente è sufficientemente vicino ad un bersaglio dal menù del gioco è possibile attivare alcune opzioni tra cui quot;catturaquot;. Catturando gli avversari si accumulano dollari virtuali spendibili nel gioco per acquistare altri quot;gadgetquot; che offrono nuove funzioni (come la cattura a distanza maggiore o varie altre). Ogni giocatore rientra in una classifica meritocratica, si conteggiano sia le catture effettuate che subite, un bersaglio vale di più se ha un buon ranking, ovvero se ha un buon punteggio. 3.4.2 – JEWEL CHASER Jewel Chaser di TikGames è semifinalista nella categoria Social Networking nella sezione EMEA e vincitore della categoria Entertainment & Leisure del Navteq Global LBS Challenge del 2007, con il nome di “Interpol: Stolen Artifacts”, in seguito modificato. Il gioco è basato sul concetto di caccia al tesoro. In questo gioco l’utente veste i panni di Sherlock Holmes. In città sono stato rubati dei gioielli, l’utente deve catturare i ladri e recuperare gli oggetti. Il giocatore deve muoversi per la città guidato dal GPS e dai vari indizi che vengono sboccati man mano che si raggiunge la località indicata. Ogni indizio La porta più vicino ai ladri e ai gioielli. E’ possibile seguire cacce stabilite, o crearne di nuovi. 3.4.3 – MSCAPE 31
    • Mscape di HP è un mobile game per PDA. Ha il vantaggio di poter contare su una grafica migliore essendo sviluppato per questo tipo di dispositivi. Mediascapes non è solo un gioco, ma una piattaforma sulla quale è possibile creare svariate ambientazioni. Gli ambienti sono giochi, storie e “gite” basate sulla localizzazione tramite dispositivo portatile. Le ambientazioni di mediascapes possono essere create dalla comunità e l’utente può costruirne di sue. Alcune ambientazioni possono essere basate sulla caccia al tesoro, altre sul fatto che gli utenti debbano fronteggiarsi gli uni contro gli altri. In ogni caso, Mscape è quanto di più si avvicina al role playing game, in chiave mobile location based game. 3.5 – INFORMAZIONE E TURISMO La localizzazione consente di sviluppare servizi a valore aggiunto legati al turismo: gli utenti mobile possono accedere a informazioni su arte, attrazioni, ricettività in base alla loro posizione. Quando l’utente accede al servizio, il rilevamento della posizione consente di erogare contenuti in base al luogo e personalizzati in base alla tipologia di utente: impostando un profilo tematico del turista in modo da erogare servizi LBS in base alle preferenze (ristoranti vegetariani, negozi specializzati, attrazioni di interesse, mercatini, ecc.). Per questo sempre più aziende chiedono advertising all’interno dei programmi di navigazione, in particolare point of interest sponsorizzati e nuovi servizi LBS con la possibilità di utilizzare la localizzazione come servizio premium per l’utente finale. Le modalità di business di tutta questa serie di servizi stanno ancora nascendo e consentiranno di sviluppare un nuovo mercato Location Based oriented. In questo gruppo di servizi ovviamente si possono inserire anche quelli che possono essere chiamati yellow pages, ovvero che permettono di trovare delle risorse attraverso una ricerca per categorie. Grazie all’integrazione con le tecnologie di posizionamento, quando si trovano fuori casa, gli utenti possono cercare ciò che interessa loro velocemente fra tutte le opzioni disponibili all’interno di un determinato raggio di distanza e senza l’intermediazione di un operatore. 32
    • 3.5.1 – EUREKA!MOBILE Eureka!Mobile di Astroleap è semifinalista al TeleAtlas LBS Innovators Serie 2007. E’ è un’applicazione per cellulare basata sulla localizzazione GPS che permette di trovare nei pressi della zona in cui ci si trova luoghi di ristorazione (bar, fast food, ristoranti, take away ecc.) i cui gestori abbiano deciso di aderire. 33
    • 34
    • I ristoratori, aderendo, posso usare Eureka!Mobile come canale pubblicitario via cellulare, permettendo ai clienti che si presentano nel locale di avere un coupon di sconto (a scadenza temporale definita) composto da relativo codice a barre; il coupon si trova direttamente nel software, che quindi andrà periodicamente aggiornato. 3.5.2 – HOLLYWOOD USA Hollywood USA di Steve Bull è semifinalista al Tele Atlas LBS Innovators Serie del 2007. E’ un programma per cellulari che associa un database di location in cui sono state girate scene famose dai film americani alle relative posizioni GPS. L'utente può cercare le location più vicine a sé impostando il raggio di ricerca, visualizzare la foto, le informazioni sul film e sulla scena, e impostare la location come meta dell'itinerario. Può anche iniziare la ricerca partendo dal titolo del film stesso, oppure dall'area geografica. 3.5.3 – DISCOVER CITIES 35
    • Al Mobile World Congress 2008 Navteq ha annunciato il lancio mondiale di Discover Cities, il primo pacchetto di dati cartografici e contenuti di localizzazione per cellulare, avente le medesime funzioni di una guida locale. Oltre a comprendere varie città del Nord America, il prodotto è ora disponibile anche per le principali città Europee e verrà successivamente esteso alle metropoli asiatiche e latinoamericane. Il servizio combina i dati sui percorsi pedonali, come marciapiedi, sentieri, gallerie e ponti con informazioni sugli orari del trasporto pubblico, consentendo un calcolo dell'itinerario realmente multi-modale. Chi si muove a piedi in città in Europa e possiede un dispositivo abilitato sarà in grado di spostarsi da un luogo all'altro servendosi dell'opzione di trasporto più rapida e più vicina. Coloro che viaggiano per lavoro così come i turisti potranno a loro volta comprendere meglio ciò che li circonda e orientarsi in città sconosciute, per viaggiare in modo più efficiente. 3.6 – SICUREZZA E SALUTE La salvaguardia della sicurezza personale è un tema particolarmente sentito, soprattutto quando si ha a che fare con bambini, anziani e malati. Sempre più spesso i genitori sono combattuti tra ansie e paure per i propri figli e la necessaria concessione di fiducia e libertà. Inquietanti episodi della cronaca acutizzano il bisogno di strumenti per il “controllo” e la difesa dei bambini. Per non parlare di quanti devono occuparsi di persone non autosufficienti o molto anziane. E’ quindi naturale che fra i servizi di localizzazione già esistenti si trovino anche quelli dedicati alle tematiche di sicurezza e salute. I servizi di teleassistenza, per esempio, hanno subito cercato di integrare il posizionamento nella propria offerta e lo sviluppo di tecniche atte a localizzare terminali mobili, in particolare i telefoni cellulari, ha avuto un forte impulso proprio anche dall’esigenza di garantire servizi d’assistenza ottimali. 36
    • Per questo tipo di servizi, in particolar modo per quelli rivolti alla localizzazione di persone anziani o malate, spesso vengono creati dei dispositivi, che sono una sorta di telefono cellulare “semplificato”. Non è raro trovare offerte che dispongono di questo apparato. Per la stessa esigenza di tempestività vengono sviluppati i sistemi per la localizzazione delle chiamate. Basta pensare all’utilità che ha un servizio di assistenza che localizzi la chiamata in caso di incidete o di un guasto all’auto. In questo modo quando un utente deve inoltrare una richiesta d’aiuto perché la sua auto è guasta e si trova sulla rete autostradale, sulla quale non riesce a precisare in quale punto esatto si trovi, non ha il problema di individuare le coordinate poiché il sistema localizza automaticamente dove egli sia e provvede a inviare tempestivamente il soccorso autostradale. 3.6.1 – UBISAFE Ha destato particolare interesse, per la sua carica innovativa, il caso del servizio Ubisafe dell’azienda italiana UbiEst, vincitrice con questo servizio agli EMEA 2008 del Navteq Global LBS Challenge del 2008. La società, specializzata nello sviluppo di soluzioni basate sulla localizzazione GPS, è riuscita a mettere insieme piccoli dispositivi GPS e una serie di funzionalità di controllo, pensate per essere facilmente usate da tutta la famiglia, direttamente da un telefonino. UbiSafe è stato pensato per il monitoraggio di persone anziane con bisogno di assistenza, per la sicurezza personale (di notte, in zone poco frequentate) o per la sicurezza dei figli. Per ultimo è pensato per gli adolescenti o neo-patentati che possono “godere di maggiori libertà nello spostamento proprio perché la tranquillità dei genitori è garantita da un sistema non invadente e preciso di localizzazione”. 37
    • Attraverso piccoli ricevitori GPS integrati in soluzioni di monitoraggio, Ubisafe consente di tracciare le persone, poiché permette di conoscere con esattezza la posizione e la velocità delle persone che li portano. La società garantisce che i dispositivi sono assolutamente discreti, poiché possono essere portati alla cintura, in tasca o per i più piccoli possono essere camuffati da collanina colorata. Inoltre, se si è provvisti di telefono cellulare dotato di GPS non è necessario il dispositivo: la piattaforma software di UbiSafe è in grado di interfacciarsi anche con questo tipo di cellulare. Questa applicazione a breve sarà commercializzata nel mercato europeo ed il software è compatibile con qualsiasi cellulare in grado di supportare tecnologia Java o Java RIM (come il BlackBerry). Il software non individua solamente la posizione dei sorvegliati, ma consente di ricevere un avviso tramite messaggio sui cellulari indicati in caso di spostamento non previsto del soggetto. Infatti tramite una funzione apposita è possibile fissare un raggio geografico entro il quale la persona non dovrebbe uscire, quando la persona monitorata esce dalla posizione (o zona) prevista, il sistema invia automaticamente un alert via SMS alla lista di cellulari abilitati, che potranno visualizzarne su una mappa la localizzazione esatta. UbiSafe consente facilmente di implementare una serie di regole di geo-fencing (recinti geografici virtuali) che specificano per ciascun utente monitorato quali sono le zone che possono innescare un alert (SMS) su cellulari collegati. Grazie ad un’interfaccia di gestione semplice e flessibile, a cui si può accedere dal sito dedicato al servizio, www.ubisafe.it, è possibile impostare anche regole complesse e/o condizionali (ad es. “se il bambino esce da scuola prima delle 16, avvisami con un SMS”), oltre che monitorare in qualsiasi momento dove si trova la persona. Stesso discorso vale per i limiti di velocità (in questo modo i genitori possono sapere se i figli superano i limiti) in quanto il programma è in grado di segnalare anche il superamento di una soglia impostata. Dall’altra parte, l’apparato consente ai bambini o agli anziani stessi di inviare mediante un semplice pulsante la propria posizione ai cellulari collegati, a cui arriverà un messaggio di alert: in questo modo in caso di emergenza sarà possibile attivare aiuti tempestivi. 38
    • 3.6.2 – WHERE In America, la società uLocate, ha sviluppato un servizio simile a quello sviluppato da UbiEst, basato sul tracking (tracciamento) della localizzazione familiare. Anche in questo caso, ogni membro della famiglia può, accedendo al sito dedicato al servizio (www.where.com), venire a conoscenza dell’attuale localizzazione degli altri membri della stessa famiglia. Inoltre il sistema, se adeguatamente programmato, può tenere traccia degli spostamenti effettuati nell’ultima settimana o nell’ultimo mese, e può avvisare quando un membro della famiglia lascia una determinata localizzazione (ufficio, scuola, casa, ecc.). Nonostante il servizio sia partito da meno di un anno, sono già circa 1000 le famiglie, che lo hanno sottoscritto. 3.6.3 – MERLINO Merlino di Telbios (società specializzata in telemedicina), è una sorta di telefono cellulare dotato di antenna GPS, creato e programmato appositamente per il servizio di la teleassistenza. Ha cinque tasti, di cui quattro sono programmabili per chiamare i quattro numeri predefiniti (ad esempio genitori, figli, parenti, amici). Il quinto, al centro, è il tasto di SOS ed è 39
    • immediatamente collegato con il Centro Servizi di Telemedicina di Telbios attivo 24 ore su 24 e dove si trova un team di operatori specializzati. L’operatore nel caso dovesse riscontrare che c’è effettivamente una problematica che richiede assistenza prede gli opportuni provvedimenti, come ad esempio chiamare un familiare, un parente, un vicino o un servizio di pubblica emergenza. In caso di necessità, se l’utente non sa riferire dove si trova, l’operatore è in grado di localizzare la posizione della persona che ha con sé Merlino. Inoltre, è possibile anche attivare la ricerca di persone on demand: in casi particolari [Alzheimer, minori,…] un parente o persona di riferimento, preventivamente autorizzata all’attivazione del contratto di teleassistenza potrà richiedere la localizzazione dell’utente per verificarne l’esatta ubicazione. Il dispositivo è discreto, date le sue piccole dimensioni, appena 8 cm X 4 cm X 1,8 cm e pesa meno di 70 gr, con una durata di 4 giorni in standby. Oltre all’acquisto dell’apparato, per poter usufruire del servizio di teleassistenza ovviamente viene richiesto un canone mensile. 3.6.4 – FOLLOWYOU FollowYou di Powersoft è un apparato che permette di rintracciare le persone che hanno con sé il dispositivo. Alla pressione del tasto di allarme SOS del dispositivo FollowYou, i cellulari che sono stati programmati riceveranno un SMS contente lo specifico messaggio di richiesta di aiuto completo dell’indirizzo di dove si trova FollowYou ed il link alla mappa da visualizzare sul cellulare. Se invece è il possessore del cellulare, ovviamente preventivamente autorizzato, a voler sapere dov’è la persona con il dispositivo basterà un semplice squillo di richiesta al FollowYou, e si riceverà un SMS contente l’indirizzo di dove si trova ed il link. 40
    • Inoltre, quando FollowYou entra o esce da aree predefinite (attraverso le specifiche funzioni presenti sul sito del prodotto), i cellulari che sono stati programmati riceveranno un SMS contente uno specifico messaggio di ingresso/uscita dall’area, completo di l’indirizzo di dove si trova FollowYou sempre con il relativo link alla mappa. Per ultimo, il dispositivo può essere programmato come antifurto satellitare con la semplice pressione del tasto Parking, che memorizza la posizione: allo spostamento del dispositivo, i cellulari programmati riceveranno un SMS contente lo specifico messaggio di allarme. L’apparato è utilizzabile in parte anche come telefono cellulare: è possibile rispondere alle chiamate in arrivo, e fare chiamate e numeri predefiniti. 3.7 – MOBILE ADVERTISING E MOBILE COMMERCE Un altro settore a cui lo sviluppo di servizi di localizzazione è apparso subito interessantissimo, come a questo punto è facilmente intuibile, è il segmento del “Location Based Advertising”(LBA) . L’ LBA è quel campo del settore pubblicitario che si occupa degli annunci legati alla localizzazione del destinatario del servizio o promozione, in relazione alla localizzazione del committente della campagna informativa promozionale. Un esempio di LBA tradizionale sono i cartelloni turistici informativi che si trovano lungo le autostrade e superstrade, che possono servire ai viaggiatori di passaggio per sapere dove trovare risorse come bar, pompe di benzina o hotel. Gli strumenti legati alla localizzazione dell’utente sono apparsi subito come quelli che più di ogni altro potrebbero far evolvere tale tipologia di advertising mirato e renderla davvero efficace. Gli strumenti possono andare dai sistemi di rilevazione GPS ai sistemi di celle in cui è suddivisa l'area di copertura dei telefoni cellulari che per lo meno fanno capire con buona approssimazione in quale quartiere si trova un determinato utente. A questo punto non è difficile immaginare situazioni in cui gli LBA veicolati da queste tecnologie potrebbero diventare molto efficaci. Basti pensare al caso in cui un utente, che ha 41
    • accettato di ricevere un servizio di LBA relativo alla ristorazione, si trovi in una città estranea per lavoro e si avvicini l’ora di cena. Verso quell’ora, dopo aver trascorso una giornata di lavoro, l’utente si trova a poche centinaia di metri da un importante ristorante della città. Quando si avvicina, il navigatore o il software di navigazione presente sul suo cellulare, tramite un sms o un messaggio sul display lo informa che se vuole cenare in un ottimo ristorante, con cucina tipica della zona, svoltando sulla destra a soli 200 m troverà il posto che fa per lui. La possibilità che l’utente segua il consiglio è indubbiamente molto alta. Se poi a questo aggiungiamo la possibilità di ottenere sconti o promozioni recandosi nell’esercizio consigliato dal servizio, allora la probabilità aumenta ancor di più. Questo tipo di servizio può essere sia di tipo push che di tipologia pull. I servizi di tipo pull vengono richiesti ogni volta dall’utente, quelli di tipo push invece sono tutti quelli che inviano informazioni in automatico, ovviamente previa sottoscrizione prima di iniziare a erogare il servizio stesso. Starà al fornitore di LBA a dover valutare quale modalità si adatta di più al settore merceologico e al target delle aziende per cui fornisce il servizio. In ogni caso, essendo una forma di advertising piuttosto diretta e invasiva, è opportuno eseguire un’attenta profilazione degli utenti, in modo tale da non inviare indiscriminatamente le informazioni pubblicitarie, ma soltanto quelle che siano di supposto interesse dello specifico utente a cui si inviano. In questo modo si limita l' invio di messaggi a coloro che non sono effettivamente in grado di sfruttare tali informazioni e si evitano gli effetti negativi che un' eccessiva comunicazione può comportare, massimizzando inoltre il ritorno dell' investimento pubblicitario. Un altro tipo di servizio attivabile, direttamente collegato al primo, è quello del mobile commerce: l’utente, dopo aver definito una lista di articoli che desidera comprare, può trovare informazioni su dove sia possibile trovarli man mano che si sposti da un luogo ad un altro. In questo modo si eviteranno dispersivi tentativi di trovare ciò che si cerca. Grazie alla localizzazione, il mobile commerce potrebbe trovare nuovi ambiti di sviluppo grazie ad una nuova interconnessione tra compratori e venditori 3.7.1 – SMARTER AGENT 42
    • Smarter Agent, vincitore nella categoria Business Solution agli EMEA 2007 del Navteq Global LBS Challenge è il primo servizio dedicato ai beni immobili. Smart Agent è un'applicazione GPS che racchiude un database di informazioni sulle posizioni di appartamenti in affitto, case in vendita (e vendute nei paraggi, prezzo compreso) e di agenti immobiliari. Di ciascuno di essi sono aggiunte informazioni come numero di telefono, descrizione, foto. Localizzato l’utente attraverso il cellulare (dotato di dispositivo GPS), gli fornisce informazioni particolareggiate sulle case in vendita ed appartamenti in affitto vicino a lui. Smarter Agent è pensato soprattutto per tutte quelle persone che per scelta o per lavoro si trovano spesso a cambiare città. E’ un’occasione per le agenzie e per chi vuole vedere o affittare case per trovare più in fretta i clienti, e per gli utenti è un’opportunità per risparmiare notevolmente tempo e fatica. 3.7.2 – GPSHOPPER GPShopper di Slifter , vincitore del Tele Atlas LBS Innovators Series 2007. GPShopper è un programma che può essere installato su smartphone che permette di cercare i prodotti di cui si ha bisogno e trovarli grazie al GPS. L'utente immette nel campo di ricerca il prodotto desiderato, magari anche il modello che si va cercando e inizia la ricerca. Mettendo in relazione la 43
    • richiesta con l’inventario aggiornato in tempo reale delle attività commerciali il servizio fornisce l’indicazione dei negozi più vicini dove trovare ciò che cerca. .A questo punto può l’utente decidere di vedere il negozio sulla mappa, aggiungere l’oggetto trovato alla lista della spesa (Shopping List) e vedere i dettagli del prodotto (costo nel negozio, caratteristiche ecc), oppure chiamare direttamente il punto vendita. Può inoltre decidere di mandare il risultato ottenuto ad un amico, con tanto di messaggio di testo. 3.7.3 – GEOSMS GeoSMS permette di inviare SMS pubblicitari georeferenziati a un target altamente profilato. Il servizio che WLBS mette a disposizione delle aziende si basa su una base clienti ottenuta tramite un altro servizio gratuito di social networking di questa azienda, chiamato Kitnetwork. Gli utilizzatori di Kitnetwork, un tool di aggregazione che permette di sapere in ogni istante se vi sono amici vicino. Al momento della sottoscrizione del servizio gli utenti devono rispondere a domande relative alle proprie preferenze, abitudini, ecc. e consentendo la ricezione di SMS pubblicitari. Per le aziende che si rivolgono a WLBS per la propria pubblicità, viene dunque presentato un target di utenti consenzienti e profilati. I messaggi pubblicitari vengono inviati solo agli utenti che rispondono a determinati profili e ai quali possa interessare il messaggio stesso, quando questi si trovano all' interno di una determinata area. Le aziende specificano l'indirizzo del proprio negozio o locale, la distanza all' interno della quale vogliono che si trovino i potenziali clienti ed eventuale fascia oraria in cui mandare il messaggio, ad esempio l’orario di apertura negozio o l’orario pasti in caso di una pizzeria. Il sistema continuerà ad inviare SMS agli utenti che soddisfano la profilazione negli intervalli scelti dall’azienda cliente del servizio fino ad esaurimento del pacchetto. 3.8 – BUSINESS SOLUTION Nel settore business, già da diversi anni le società fornitrici di servizi per le aziende hanno cominciato a sviluppare soluzioni legate alla localizzazione, mostrando di comprendere le 44
    • significative potenzialità insite nella mobilità , in termini di knowledge managment, migliore efficienza e ottimizzazione delle risorse. I servizi che possono essere erogati in ambito business attraverso soluzioni LBS sono i più diversi, dalla possibilità di contattare un proprio tecnico inviandogli su un palmare lo schema della rete da riparare, alla gestione ottimizzata di una serie di mezzi di trasporto, alla creazione di percorsi per una realtà logistica. Grande diffusione in questo settore hanno soprattutto i servizi che riguardano la localizzazione automatica dei veicoli (AVL), il monitoraggio dei task , la gestione delle flotte (fleet management) per quelle aziende che hanno molti veicoli da gestire, e le applicazioni di mobile internet per la gestione delle informazioni. Inoltre, particolarmente utili si rivelano quei servizi che permettono una gestione in tempo reale dei tempi di trasferta. Questi permettono di selezionare il percorso più rapido prima della partenza, calcolando il tempo previsto di arrivo e lo stato del traffico, e comunicano il tempo previsto di arrivo alle persone in attesa. Navteq ha condotto un'indagine, in collaborazione con Frost & Sullivan per comprendere i benefici percepiti dalle aziende che implementano soluzioni di navigazione integrata per gestire le proprie flotte. L'indagine è stata svolta attraverso una serie di interviste con le principali aziende attive nei settori della distribuzione e dei servizi che sono riuscite ad aumentare l'indice ROI (ritorno sugli investimenti) grazie alla navigazione integrata. Tra i principali vantaggi, sono stati rilevati la riduzione delle ore di guida del 18%, l'incremento della produttività, il risparmio di carburante del 15%, il miglioramento della soddisfazione del cliente, la riduzione delle percorrenze dell'11%, i risparmi sui costi di comunicazione fino al 40% e la riduzione dei tempi morti per guasti. E’ indubbio che l’utilizzo di servizi geolocalizzati procuri alle aziende un efficientamento della catena produttiva poiché vengono ottimizzati i tempi e le risorse. E’ inoltre possibile avere subito chiaro come sono disposti dipendenti e risorse aziendali sul territorio. Quest’ultima cosa, per esempio, potrebbe rivelarsi particolarmente utile per un’azienda che lavori nel ramo della manutenzione o per il ramo post-vendita. Tramite l’utilizzo di dispositivi PDA o telefoni cellulari equipaggiati di ricevitore GPS, il reparto che riceve le chiamate dei clienti può accedere ad una visione aggiornata della distribuzione del personale su territorio, assegnare nuovi interventi in base alla prossimità e alla disponibilità di un operatore e aggiornare i percorsi assegnati. 45
    • Importante, ovviamente, si dimostra per gli LBS dedicati al mondo business la compatibilità con i sistemi informativi e le risorse già presenti in azienda, in maniera tale che le imprese non debbano sostenere costi eccessivamente alti per integrare i servizi geolocalizzati con i sistemi originari. Per la stessa motivazione essenziale è anche la fruibilità di tali servizi su device già presenti, cosicché questi non debbano essere sostituiti o ne debbano essere acquistati di nuovi. 3.8.1 – INTELLIWHERE Presentata per la prima volta a Cannes al 3GSM World Congress nel 2002 da IBM in partnership con Intergraph azienda operante nel settore GIS, IntelliWhere è una soluzione integrata, basata sulla geolocalizzazione per le aziende. Il successo del servizio ha poi fatto sì che IntelliWhere oltre alla denominazione del pacchetto di servizi diventasse una divisione a sé stante dell’azienda Intergraph. Grazie alla possibilità di localizzare terminali cellulari e PDA del personale impegnato al di fuori dell’azienda, il servizio consente ad un dipendente che opera dentro e fuori dall’azienda stessa di ricevere informazioni relazionate alla propria posizione dalla collocazione di un particolare luogo od oggetto (includendo indicazioni come evitare il traffico e point of interest di varia natura), e ha la possibilità di svolgere analisi di rete complesse (ad esempio l’opportunità di sapere quale valvola chiudere per escludere il gas da una determinata area). Le informazioni che si possono ricevere sono testuali, ad esempio per un indirizzo o un’insieme di istruzioni per identificare un percorso, ma anche informazioni più complesse che richiedano l’uso di mappe, documenti, piani, immagini o indicatori di eventi in tempo reale. Inoltre, le indicazioni possono essere bidirezionali, ovvero permettono non solo al lavoratore di interrogare il sistema informativo ma anche di interagire con esso, fornendo all’azienda in tempo reale il risultato di un intervento o i dati necessari alla fatturazione dello stesso. Per quanto riguarda device e software, si è optato per una soluzione completamente compatibile sia per quanto riguarda la gestione dei dati - il sistema è infatti integrabile con le banche dati 46
    • più diffuse - sia per quanto riguarda l’utilizzo dei dispositivi – IntelliWhere funziona anche con semplici telefoni Wap, GPRS, i-Mode, o attraverso un palmari. 3.8.2 – FLEETNET FleetNet è un fleet management che consente di gestire e monitorare le proprie flotte di automezzi in Italia e oltre i confini nazionali, su gran parte del territorio europeo. La localizzazione degli automezzi avviene grazie all'impiego di terminali GSM/GPRS collegati con ricevitore satellitare GPS e i dati vengono trasmessi via GPRS, dai terminali installati sugli automezzi alla piattaforma Fleet Management. Tutte le funzionalità disponibili sono fruibili via WEB, dal sito TIM Business. Dal sito è possibile conoscere la posizione esatta di ogni automezzo in un determinato istante e visualizzarla sulla mappa della pagina WEB, tracciare un insieme di automezzi, cioè localizzarli e visualizzarli sulla mappa periodicamente, secondo un intervallo temporale indicato, inviare SMS verso un automezzo o verso un altro numero GSM, ad esempio per segnalare la presenza di incidenti stradali e suggerire percorsi alternativi. E’ inoltre possibile visualizzare sulla mappa un indirizzo individuando l'automezzo della flotta più vicino ad esso, massimizzare l'efficacia della propria flotta grazie alla possibilità di memorizzare percorsi predefiniti, visualizzare lo scostamento rispetto alla tabella di marcia ottimale, conoscere il percorso minimo fra due indirizzi o quello ottimale fra più indirizzi e massimizzare l'efficienza degli automezzi visualizzando un elenco di informazioni accessorie (caratteristiche tecniche, interventi di manutenzione, etc.) relative al veicolo monitorato. Infine, con FleetNET è possibile conoscere in ogni momento il dettaglio delle operazioni eseguite, grazie ad una funzionalità di reportistica on line, ed archiviare i report di interesse. Per la fruizione del servizio è necessario installare, all'interno del mezzo monitorato, un apposito terminale dotato di ricevitore GPS e modem GSM integrato. 3.8.3 – BIZMAP 47
    • BizMap di UbiEst è l’applicazione mobile di supporto al personale commerciale che consente l’accesso a informazioni relative al proprio portafoglio clienti, fornitori, interventi, esercizi convenzionati da remoto via GPRS su dispositivi palmari o telefoni cellulari. La localizzazione dell’utente mobile mediante rete GSM o tecnologia GPS consente di attivare una serie di alert automatici in base alla prossimità geografica con selezionati Punti di Interesse aziendali. La consultazione delle informazioni avviene su base geografica: i punti di interesse sul territorio sono selezionabili e filtrabili in base a categorie, anagrafica, area di competenza, fatturato, ecc. Le informazioni sono rappresentate su cartografia interattiva con funzionalità di navigazione. La sede centrale può comunicare in modo automatico variazioni e nuove priorità alle forze sul territorio. 3.9 – SENSITIVE BILLING Grazie alla localizzazione di un utente è già possibile attivare profili tariffari studiati sulla base della sua posizione. Basta pensare alle prime tariffe dei gestori di telefonia mobile che avevano differenze di prezzo per le telefonate in base alla provincia all’interno della quale un utente si trovava al momento della chiamata. Attualmente queste tariffe non esistono più poiché il mercato è andato verso un’altra direzione, ma ancora oggi le tecnologie di posizionamento entrano nel sistema tariffario dei gestori. Infatti, la telefonia mobile e la telefonia fissa che stanno puntando sempre più verso una convergenza, stanno immettendo sul mercato servizi per i quali i telefoni cellulari vengono usati come fossero telefoni cordless collegati alla linea fissa e i cordless si trasformano in telefoni cellulari quando si è fuori casa. Alcuni esempi di questo utilizzo della localizzazione vengono direttamente dal mercato Italiano, basta pensare alle offerte Vodafone Casa e TIM Unica. La prima trasforma il cellulare in un telefono di casa, ovvero si usufruisce di tariffe agevolate e, se si ha attivato anche il numero fisso sul numero del gestore, chi chiama quel numero spende le 48
    • stesse tariffe che spenderebbe chiamando un vero e proprio numero fisso. Tutto questo è legato al fatto che quando si attiva il servizio l’utente fornisce un indirizzo attorno al quale viene stabilita un’area entro sui si usufruisce di questo servizio stesso. Questa zona è chiamata Area Vodafone Casa, viene determinata dalla cella e si può estendere anche fino a 2 km. Per la seconda offerta invece si tratta di un servizio in cui viene integrata la rete GSM con tecnologia Wi-Fi di Alice. I clienti Tim e i clienti Telecom Italia che abbiano attivato l'offerta avranno un solo telefono che in casa si trasforma in un cordless allacciato alla linea Adsl e fuori casa in un cellulare agganciandosi alla rete GSM. 4 – CONCLUSIONI I location based service aprono la strada allo sviluppo di un mercato nuovo da cui potranno trarne un notevole vantaggio sia i numerosi player sia gli utenti finali. I player avranno la possibilità di ampliare o aprire nuovi fronti di offerta, incrementando in maniera anche considerevole i propri introiti. Questo vale sia per settori in qualche modo legati alla mobilità come la telefonia mobile o il location based advertising che, come si è visto, potrebbero ottenere un forte impulso da servizi indubbiamente più mirati e “vicini” alla clientela, sia per settori che apparentemente non sono così strettamente legati alla localizzazione, come possono essere il ramo del mobile gaming e del social networking. Gli utenti, d’altra parte, avranno a disposizione tutta una vasta gamma di servizi che in un contesto di vita sempre più frenetico e dinamico si riveleranno molti utili per trovare risposta alle proprie necessità in maniera veloce e soddisfacente. Le aziende che fanno e faranno uso di servizi location based sempre più avanzati, ugualmente, trarranno un considerevole beneficio in termini di costi e profitti. Si è già visto, infatti, come l’uso di questi servizi provochi un efficientamento dei task e delle procedure aziendali, nonché un risparmio notevole in termini di sfruttamento delle risorse. La telefonia mobile e i suoi player, in ogni caso, insieme alle aziende legate alla navigazione satellitare restano attualmente gli attori più coinvolti e più direttamente partecipi nell’evoluzione dei location based service. Questo indubbiamente poiché il telefono cellulare è il più probabile mezzo attraverso il quale verranno veicolati questi servizi, ma anche per un’altra ragione fondamentale: ossia il fatto che i gestori di telefonia stessa, come pure gli analisti del settore, 49
    • vedono negli LBS una fra le possibili “killer application” per il futuro della telefonia mobile di terza generazione. Allo stato attuale, tuttavia, è piuttosto improbabile che questi servizi possano effettivamente trovare un vasto pubblico in tempi brevi, soprattutto in Italia e in Europa. Nonostante le previsioni ottimistiche degli analisti che prevedono la diffusione di questa tipologia di servizio in un arco di pochi anni, vanno considerati i limiti e le problematiche che ancora si affacciano in questo settore. Innanzitutto, l’impossibilità di utilizzare per molti servizi la localizzazione tramite cella, a causa dell’apprezzabile imprecisione nel posizionamento e l’elevato costo dei device dotati di tecnologia GPS restano due fattori che costituiscono un freno piuttosto rilevante a una diffusione massiccia degli LBS. Se da un lato, inoltre, è nota la ragguardevole propensione alla spesa da parte degli italiani (buona anche per quanto riguarda il resto d’Europa) per quel che riguarda i Vas, dall’altro è indubbio che la crisi economica al momento presente un po’ in tutta Europa potrebbe rallentare lo sviluppo del mercato dei servizi location based. Secondo quanto riportato dal dossier “Location Based Services - Prospettive tecnologiche e di mercato” pubblicato online da San Paolo Imprese, infatti, dal 2001 “il capital venture si è allontanato da tutto ciò che ha sapore di Internet e di Telecomunicazioni, scottato dai bagni di sangue fatti alla fine degli anni ‘90”. Questo dato può essere particolarmente allarmante se si considera che per produrre redditività gli LBS, come la maggior parte dei servizi, necessitano di un elevato numero di utenti, nonché di ingenti investimenti in grado di garantire alcuni anni di sopravvivenza in perdita. Va sottolineato a questo proposito che, per quanto riguarda la situazione italiana, i gestori, a fronte delle ingenti somme spese per le licenze Umts, si trovano ancora a doverne recuperare gli investimenti, poiché tutt’oggi il cambio di tecnologia di rete non ha portato un incremento dei guadagni. Sono pochi, infatti, gli utenti che utilizzano davvero i servizi abilitati dall’Umts. Non c’è da stupirsi, quindi, se i gestori sono poco propensi a fare nel breve periodo ulteriori investimenti di una certa entità. Al fianco delle problematiche di carattere economico, inoltre, le perplessità si affacciano anche per quanto riguarda lo sviluppo e il miglioramento delle tecnologie legate al posizionamento. Gli analisti e gli esperti del settore sembrano propensi a puntare sulla tecnologia A-GPS, ma è tutt’ora da dimostrare l’effettiva precisione e usabilità di questa tecnica. I device in commercio 50
    • in grado di sfruttarla non sono ancora molti e permangono, nonostante gli enormi progressi nella miniaturizzazione dei ricevitori, anche i problemi relativi alla durata delle batterie. In ogni caso, se in tempi brevi la sfida degli LBS potrebbe essere persa, è fortemente probabile che sul medio-lungo periodo questi servizi potranno effettivamente rappresentare la killer application del mercato delle telecomunicazioni. Il vantaggio di implementare servizi localizzati è evidente, resta solo da verificare quando (e se) questo mercato si evolverà in maniera massiccia. Sarà verosimilmente lo sviluppo di tecniche sempre più sofisticate e precise a dare un impulso decisivo agli LBS, così come le sinergie che gli attori coinvolti nelle filiere della creazione, implementazione e distribuzione degli stessi sapranno costituire. Per ultimo, è ragionevole pensare che sarà ancora una volta il mercato americano a evolversi per primo. Tuttavia, fanno ben sperare i segnali lanciati da service providers nazionali ed europei, che si dimostrano in grado di presentare offerte altamente innovative a manifestazioni internazionali come Navteq Global LBS Challenge e il Tele Atlas Innovators Series. Decisivi saranno probabilmente i prossimi anni: se l’Europa riuscirà a superare le difficoltà economiche che attualmente ostacolano uno sviluppo rapido delle tecnologie potrebbe essere in grado di competere addirittura con il mercato americano. 5 – SITOGRAFIA FONDAMENTALE Location Based Services e argomenti correlati http://www.esriitalia.it/lbs/index.htm http://www.pec-forum.com/ http://www.pec-forum.com/convegni/goingwireless.htm 51
    • http://www.lbszone.com/content/view/1111/2/ http://www.mondogis.it/ http://www.geocomm.com/channel/mobile/ http://www.wirelessmanagement.it/200711/rubriche.asp?numero=10 http://www.wirelessmanagement.it/200711/rubriche.asp?numero=5 http://www.navigatorisatellitarigps.it/news/Localizzazione-GPS-tramite-SMS.php http://www.esri.com/industries/locationservices/index.html http://www.mondotechblog.com/category/distribuzione/ http://contenuti.interfree.it/114/IDNotizia6219.htm http://centrosi.isti.cnr.it/progetti/proj_cellulare.html http://www.telemobilityforum.com/it/index.php?option=com_content&task=view&id=207&Itemid=334 http://www.comma3.com/newsletter-comma3/262/web-mobile-cresce-la-passione-per-la-navigazione- via-telefonino-grazie-alla-crescente-diffusione-dellhsdpa.htmlù http://www.gadgetblog.it/post/4974/spectec-presenta-il-gps-bluetooth-via-minisd http://www.mobileblog.it/post/4264/nokia-ld-4w-un-modulo-gps-molto-piccolo http://www.forum.nokia.com/main/resources/technologies/location_based_services/java.html http://www.alfredomartinelli.info/viewart.php?idart=121 http://www.telefonino.net/Tim/Notizie/n3280/ http://www.sanpaoloimprese.com/portalImp/pdf/LocationBased.pdf http://www.largoconsumo.info/072007/PL-0707-005.pdf http://www.esriitalia.it/lbs/lpulls.htm http://www.gsmworld.com/technology/applications/location.shtml http://www.repubblica.it/2006/07/motori/luglio-2006/auto-guida-sola/auto-guida-sola.html http://www.quattroruote.it/news/articolo.cfm?codice=57582 http://www.lbsinsight.com/?id=78 www.ict.cnr.it/documents.php?id=15 www.ict.cnr.it/documents.php?id=15 http://www.forum.nokia.com/main/resources/technologies/location_based_services.html 52
    • http://www.teleatlas.com/Markets/Market-Solutions-and-LBS/index.htm?Lang=IT http://www.lbsinsight.com/?id=962 http://www.cellulari.it/notizie-news-cellulari/global-positioning-system/intelliwhere-ed-ibm-nei-local- based-services-per-le-az.html http://www.psionteklogix.com/public.aspx?s=it&p=News&POid=2998 http://www.identecsolutions.com/automotivemanufacturing.html http://www.identecsolutions.com/fileadmin/user_upload/PDFs/case_studies/Case_Study_- _VOLKSWAGEN_Autostadt_Eng.pdf http://www.nomadis.unimib.it/go/Home/Homepage-IT/Ricerca/Progetti/Navigatore-off-board http://www.shinynews.it/economy/0604-assinform.shtml http://www.discuniroma1.it/telmobile/?page_id=2 Navteq Global LBS Challenge http://cellulare-magazine.it/news.php?id=8299 http://developer.navteq.com/site/global/20_industryreference/113_lbschallenge/2007_contestants/p_ 2007contestants.jsp http://www.meta-fusion.com/kongresse/navteq2008_preview/ http://www.morse.it/contenuti/6511.php http://developer.navteq.com/site/global/lbs_challenge/americas/past_winners/p_w2007americas.jsp http://developer.navteq.com/site/global/lbs_challenge/americas/past_winners/p_w2007americas.jsp http://www.ubisafe.it/index.php?lang_id=2&page_id=6 http://www.ubiest.com/lang_id_1/index.htm http://www.comunicati-stampa.net/com/cs- 25695/UbiEst_presenta_al_Mobile_World_Congress_2008_di_Barcellona_UbiSafe GSMA Mobile World Congress 2008 | Telefonino.net http://www.telefonino.net/GSMA-Mobile-World-Congress-2008/index.html http://www.telefonino.net/Nokia/Notizie/n17668/mwc-live-2008-intervista-elvira-carzaniga-nokia.html http://www.telefonino.net/Nokia/Notizie/n17666/mwc-live-2008-nokia-mobile-maps-20.html http://www.mobileblog.it/post/2648/nokia-6110-navigator-il-navigatore-satellitare-che-telefona http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Tecnologia%20e%20Business/2007/05/nokia.shtml? uuid=abb9ea18-091a-11dc-b16c-00000e25108c&type=Libero 53
    • http://it.youtube.com/watch?v=6TY2VmR3c50 http://it.youtube.com/watch?v=KVLL2XMonow http://www.milanin.com/members/andrey.golub/weblog/ Tele Atlas Innovators Series http://www.teleatlas.com/Markets/Wireless-and-LBS/LBSSeries/index.htm?more=true http://www.teleatlas.com/Markets/Wireless-and-LBS/LBSSeries/AttendeeChoice/index.htm http://www.teleatlas.com/Markets/Wireless-and-LBS/LBSSeries/DowJonesVentureWire/index.htm Servizi attualmente disponibili http://www.smarteragent.com/ http://socialight.com/ https://loopt.com/loopt/sess/index.aspx http://www.where.com/jin/welcome.jin http://www.embience.com/ http://www.slifter.com/ http://www.robocal.com/prod/robocal/main.php http://www.smarteragent.com/ http://www.ubisafe.it/index.php?lang_id=2&page_id=6 http://www.ubiest.it/lang_id_1/page_id_/ctg_cat_id_170-198/prodotto.htm http://www.mscapers.com/ http://www.telbios.it/it/pagineOnline/layoutNew3.jsp?idmenu=994 http://www.google.it/mobile/gmm/index.html http://www.foreca.com/ http://www.eurekamobile.com/ http://www.teleatlas.com/stellent/groups/public/documents/content/ta_ct015682.swf http://www.teleatlas.com/stellent/groups/public/documents/content/ta_ct015681.swf http://www.teleatlas.com/stellent/groups/public/documents/content/ta_ct015680.swf http://www.tikgames.com/lbs/JewelChaserMobile/tabid/67/default.aspx?id_game=174 http://www.tim.it/business/o386/servizio.do 54
    • http://www.wlbs.it/home.htm http://www.visionpost.it/index.asp?C=11&I=2924 http://relive.atlasct.com/ http://www.parkwhiz.com/about/releases/3-23-2007.php http://www.ubiest.it/lang_id_1/page_id_/ctg_cat_id_170-197/prodotto.htm http://www.activepilot.co.uk/ http://www.nokia.com/betalabs/maps/ http://www.morse.it/contenuti/6570.php 55