Presentazione. vienna
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Presentazione. vienna

on

  • 286 views

 

Statistics

Views

Total Views
286
Views on SlideShare
286
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Presentazione. vienna Presentation Transcript

  • 1. GAL ISC MadonieArgentina luglio 2012
  • 2. Il concetto di approccio territoriale Approccio globale Approccio territoriale Risorse Concertazione endogene
  • 3. Identificare il profilo del territorio Risorse fisiche Risorse umaneRelazioni con l’esterno Attività e occupazioneImmagine e percezione Know-how e competenze «Governance» e Cultura democrazia e identità
  • 4. Il capitale territoriale Esterno gli scambi Interno Capitale Passatole interazioni territoriale la storia Futuro il progetto
  • 5. La diagnosi inizialeNon si limita ad una sempliceistantanea della situazione;Ulteriore opportunità percoinvolgere la popolazione emobilitare gli operatori chiave;Utilizzo di metodi partecipativi;Elaborazione di scenari alternativi .
  • 6. Le diagnosi intermedie Aggiornare la diagnosi per: Verificare la pertinenza degli orientamenti iniziali; Individuare gli effetti indotti; Individuare gli squilibri e le sinergie; Se necessario, riorientare il programma.
  • 7. Elaborare una strategia: principi✏ Scegliere un filo conduttore (temacatalizzatore);✏ Concentrarsi sul processo e su unavisione integrata;✏ Scegliere una porta d ’accesso unica oadottare la “strategia del seminatore ”;✏ Ricercare effetti moltiplicatori;✏ Attuare un dispositivo di follow-up eValutazione.
  • 8. Suscitare una dinamicacollettiva intorno al “territorio- progetto”✏ Fare della diagnosi e della preparazione del progetto uno strumento di animazione e di concertazione;✏ Ricercare strategie in cui non vi siano perdenti;✏ Valutare le capacità di intervento.
  • 9. Esempi di linee di intervento strategiche✏ Puntare sulla complementarità✏ Attuare azioni periferiche✏ Sviluppare lintegrazione✏ Consolidare o Diversificare✏ Recuperare e valorizzare✏ Riequilibrare✏ Fornire impulsi, dinamizzare in modo diffuso✏ Attrarre nuovi soggettiSul campo, la strategia territoriale abbina varie linee strategiche
  • 10. Piano di sviluppo locale Madonie Obiettivi  Rafforzare l’identità del territorio  Creare nuove attività  Migliorare la competitività  Accedere ai mercati continua………..
  • 11. …..segue In tal senso è stata elaborata una strategia cosiddetta di “dinamizzazione diffusa” con l’obiettivo di: • attrarre ed accogliere nuovi residenti nelle aree rurali caratterizzate da una scarsa densità demografica; • aumentare l’occupazione e le attività dei giovani e delle donne; • ridurre i costi di transazione (commerciale, conoscitiva, comunicativa, etc.); • accrescere il valore aggiunto dei processi produttivi, attraverso specifiche azioni qualitative legate a funzioni molto diversificate, che non considerino solo gli aspetti della produzione primaria di alimenti, ma che mobilitano e coinvolgono aspetti come l’origine, la qualità del processo, le componenti immateriali legate al contesto ambientale e naturale che il prodotto evoca.
  • 12. Tematiche1) PRINCIPALE Creazione e rafforzamento di microimprese.2) COMPLEMENTARI - Turismo e offerta rurale - Servizi alla popolazione
  • 13. Progetto specifico Creazione di una rete stabile tra microimprese per favorire i processi di integrazione economicaGli Obiettivi strategici principali sono:• innovare i prodotti e/o i processi produttivi nel rispetto della sostenibilità economica, ambientale e sociale, con particolare riferimento alla sicurezza degli alimenti e dei prodotti agroalimentari;• creare e/o rafforzare il coordinamento e lintegrazione delle relazioni tra le imprese della filiera;• valorizzare il rapporto delle produzioni con il contesto territoriale di provenienza;• promuovere il coordinamento e lintegrazione delle relazioni tra le imprese della filiera ed i settori della formazione, della ricerca e dei servizi;• favorire la penetrazione delle produzioni sul mercato regionale, nazionale ed internazionale;• favorire la concentrazione dell’offerta per abbattere i costi di commercializzazione;• incentivare interventi di integrazione verticale finalizzati ad aumentare il valore aggiunto delle produzioni ed il reddito dei produttori, anche attraverso investimenti per la logistica e l’utilizzo delle TIC• incentivare la diversificazione dell’offerta (per esempio quarta e quinta gamma).
  • 14. Convenzione Europea del Paesaggio ... Il paesaggio ha un ruolo essenziale in quanto fattore di equilibrio tra patrimonio naturale e culturale, riflesso dell’identità e della diversità europea. Esso è una risorsaeconomica creatrice diposti di lavoro legata allosviluppo del turismosostenibile. ....
  • 15. Paesaggio Le risorse paesaggistichedei castelli Paesaggioe dei dellaborghi mannamedievali PaesaggioPaesaggio della ceramica agrario e dei feudiPaesaggio della Targa Florio Paesaggio dePaesaggiodelle traccestoriche e dei Paesaggio delbeni sacro e deiarcheologici monumenti Paesaggio dell’acqua e dei mulini Paesaggio della tradizione popolare e del folklore Paesaggio della biodiversità e del geopark
  • 16. PAESAGGIO DEI CASTELLI E DEI BORGHI MEDIEVALI
  • 17. PAESAGGIO DELLA CERAMICA
  • 18. PAESAGGIO DELLA TARGA FLORIO
  • 19. PAESAGGIO DELLE TRACCE STORICHE E DEI BENI ARCHEOLOGICI
  • 20. PAESAGGIO DELL’ACQUA E DEI MULINI
  • 21. PAESAGGIO DELLA BIODIVERSITÀ E DEL GEOPARK
  • 22. PAESAGGIO DELLA TRADIZIONE POPOLARE E DEL FOLKLORE
  • 23. PAESAGGIO DEL SACRO E DEI MONUMENTI
  • 24. PAESAGGIO DELLA CIVILTÀ PASTORALE
  • 25. PAESAGGIO AGRARIO E DEI FEUDI
  • 26. PAESAGGIO DELLA MANNA
  • 27. Schema sintetico delle relazioni della rete ecologica
  • 28. Gruppo di azione Locale delle Madonie Tel 0921/563005 Fax 0921/563006 E-mail:galiscmadonie@gmail.com Sito: www.madoniegal.it