• Like
Perseoemedusa
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
Uploaded on

 

More in: Education
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
152
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
3
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Tra dei, eroi e mostri mitologici I MITI GRECI
  • 2. Di cosa parliamo?
    • I miti sono storie inventate dai Greci per spiegare l’origine del mondo o per esporre la vita e le avventure di dei, eroi e altre creature mitologiche
  • 3. Quali sono i personaggi principali?
    • Dei e dee
    • Esseri sovrannaturali che aiutano l’eroe o lo mettono in difficoltà
    • Eroi ed eroine
    • Esseri speciali perché comunicano con gli dei
    • Mostri mitologici
    • Esseri ripugnanti con cui spesso l’eroe deve scontrarsi
  • 4. Il Mito di PERSEO E LA MEDUSA
  • 5. I PERSONAGGI…
    • L’INDOVINO
    • ACRISIO , re di Argo
    • DANAE , figlia di Acrisio
    • GIOVE , padre degli dei
    • PERSEO , figlio di Danae
    • POLIDETTE , re di Serifo
    • MEDUSA , mostro mitologico
    • MERCURIO , messaggero degli dei
  • 6. Una volta un INDOVINO raccomandò ad ACRISIO , re di Argo, di stare attento perché, un giorno, sarebbe stato ucciso da suo nipote…
  • 7. Allora il re Acrisio, preso dalla paura, decise di rinchiudere in prigione la sua unica figlia, DANAE , perché non potesse incontrare mai un uomo e generare così un figlio…
  • 8. Ma GIOVE , che era un dio, poteva entrare nella cella dove si trovava Danae. Perciò, dispiaciuto per la ragazza, le mandò un figlio a cui fu dato il nome di PERSEO …
  • 9. Quando Acrisio si accorse di ciò, decise di rinchiudere madre e figlio in una cassa e di gettarla in mare, in modo che annegassero…
  • 10. Ma Giove fece in modo che la cassa galleggiasse fino ad approdare a Serifo, isola di cui era re POLIDETTE …
  • 11. Polidette s’innamorò subito della bella Danae e, desiderandola avere tutta per sé, escogitò un modo per sbarazzarsi di Perseo. Nel giorno in cui tutti i sudditi lo festeggiavano, chiese al ragazzo, desideroso di fargli un dono, di portargli la testa della Gorgone MEDUSA . Si trattava di un terribile mostro che aveva serpi velenose al posto dei capelli e che trasformava in pietra chiunque la guardasse…
  • 12. Perseo aveva una gran paura al solo pensiero di trovarsi davanti quel terribile mostro. Apparì allora MERCURIO , messaggero degli dei, che gli fece coraggio e gli donò degli oggetti che lo avrebbero reso invincibile: un elmo che lo avrebbe reso invisibile, dei calzari con cui avrebbe potuto volare via, infine uno scudo che lo avrebbe protetto dallo sguardo pietrificante di Medusa…
  • 13. Perseo trovò così il coraggio di penetrare nell’antro dove viveva Medusa con le altre due Gorgoni. Grazie allo scudo donatogli da Mercurio, riuscì nell’impresa di strapparle la testa senza incontrare lo sguardo pietrificante del terribile mostro…
  • 14. Perseo mise la testa di Medusa in una bisaccia e tornò da Polidette che non credeva assolutamente nella riuscita dell’impresa. Allora il giovane tirò fuori la testa del terribile mostro e il re ne rimase pietrificato…
  • 15. Dopo la morte di Polidette, Danae e Perseo decisero di prendere il mare e tornare ad Argo. La notizia si diffuse presto alla corte del re Acrisio che, terrorizzato, scappò via in Tessaglia…
  • 16. Passato molto tempo, Perseo, che intanto era diventato il nuovo re di Argo, decise di recarsi in Tessaglia per prendere parte a delle feste che si tenevano lì. Volle partecipare alla gara del lancio del disco, ma quando fu il suo momento, sbagliò a tirare. Così il disco, invece di cadere in mezzo al campo, cade tra gli spettatori e in particolare andò a ferire gravemente un uomo…
  • 17. Il giovane si avvicinò per vedere chi fosse l’uomo disteso per terra: era Acrisio. Il vecchio re di Argo si rese conto, dunque, che era stato inutile tentare di sfuggire alla legge del destino. La profezia dell’indovino si era avverata.
  • 18. … E D O R A T O C C A A V O I ! ! !