Bozza preliminare di programma delle liste civiche dell'area metropolitana milanese.

  • 199 views
Uploaded on

Perché la città metropolitana è un’occasione …

Perché la città metropolitana è un’occasione
importante anche per le nostre realtà:

Perché i nostri Comuni sono ormai troppo piccoli e
frammentati per rispondere efficacemente alla domanda di
servizi pubblici e di welfare dei nostri concittadini

Perché le infrastrutture necessarie ai nostri territori e le
relative politiche ( i trasporti, la mobilità, le reti idriche ed
energetiche, le reti digitali ei sistemi di informatizzazione e
digitalizzazione, la tutela e valorizzazione del verde agricolo)
vanno pianificate a livello di area vasta

Perché occorrono nuovi strumenti per intervenire sulla
trasformazione e lo sviluppo economico, urbanistico e
ambientale, e per questo occorre consolidare delle aree
omogenee che consentano di governare efficacemente i
nostri territori

More in: News & Politics
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
199
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2

Actions

Shares
Downloads
1
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Le liste civiche dell' area metropolitana milanese verso la costituzione della città metropolitana Roberto Masiero Consigliere, Lista Civica «Insieme per Corsico» aderente alla «Rete del Civismo Lombardo» Email: consigliere.masiero@comune.corsico.mi.it CIVICI VERSO LA CITTA’ METROPOLITANA 25 Luglio 2014 1
  • 2. Perché la città metropolitana è un’occasione importante anche per le nostre realtà • Perché i nostri Comuni sono ormai troppo piccoli e frammentati per rispondere efficacemente alla domanda di servizi pubblici e di welfare dei nostri concittadini • Perché le infrastrutture necessarie ai nostri territori e le relative politiche ( i trasporti, la mobilità, le reti idriche ed energetiche, le reti digitali ei sistemi di informatizzazione e digitalizzazione, la tutela e valorizzazione del verde agricolo) vanno pianificate a livello di area vasta • Perché occorrono nuovi strumenti per intervenire sulla trasformazione e lo sviluppo economico, urbanistico e ambientale, e per questo occorre consolidare delle aree omogenee che consentano di governare efficacemente i nostri territori 2
  • 3. Funzioni della città metropolitana (oltre a quelle già attribuite alle province) • adozione e aggiornamento annuale di un piano strategico triennale del territorio metropolitano • pianificazione territoriale generale, ivi comprese le strutture di comunicazione, le reti di servizi e delle infrastrutture appartenenti alla competenza della comunita' metropolitana • strutturazione di sistemi coordinati di gestione dei servizi pubblici, organizzazione dei servizi pubblici di interesse generale di ambito metropolitano 3
  • 4. Funzioni della città metropolitana (oltre a quelle già attribuite alle province) • mobilita' e viabilita' • promozione e coordinamento dello sviluppo economico e sociale, anche assicurando sostegno e supporto alle attivita' economiche e di ricerca innovative e coerenti con la vocazione della citta' metropolitana come delineata nel piano strategico del territorio • promozione e coordinamento dei sistemi di informatizzazione e di digitalizzazione in ambito metropolitano. 4
  • 5. Le proposte del Patto Civico e della Rete del Civismo Lombardo • Lo Statuto della Città metropolitana di Milano dovrà ispirarsi ai valori del Civismo democratico: legalità, rispetto della dignità di ogni individuo, cultura comunitaria, coesione sociale. • Cittadinanza Metropolitana: rispetto dell’identità dei territori ( noi non siamo il contado di Milano), tutti i cittadini devono poter beneficiare delle stesse opportunità e degli stessi servizi. • Sussidiarietà, semplificare la pluralità di soggetti intermedi che rendono difficile la vita dei nostri concittadini. 5
  • 6. Le proposte del Patto Civico e della Rete del Civismo Lombardo • Sviluppo economico: ridefinire gli ambiti Territoriali Ottimali (ATO) relativi ai servizi pubblici locali • Realizzare una Città Metropolitana policentrica, basata su aree omogenee che valorizzino la collaborazione sovracomunale. • Semplificazione amministrativa, favorendo le Unioni di comuni di minore dimensione demografica, favorendone l’autonomia , i servizi e le funzioni di prossimità. • Ridisegno e ottimizzazione dei servizi ai cittadini, basato su aree omogenee che consenta un nuovo protagonismo dei Comuni e un profondo decentramento del capoluogo 6
  • 7. Il contributo che ci proponiamo di offrire alle principali questioni che riguardano l’intera area metropolitana milanese: • pianificazione territoriale e infrastrutture di supporto; • organizzazione e gestione dei servizi pubblici che riguardano la generalità del territorio metropolitano; • viabilità e aspetti legati alla mobilità urbana ferro-gomma; • un modello di welfare all’avanguardia che rilanci lo sviluppo economico e sociale coinvolgendo anche i livelli distrettuali costituiti dopo la legge 328/2000; • maggiore efficienza con minori costi partendo dalle società partecipate; • maggiore rispetto e attrattività del territorio in cui viviamo; • attuazione immediata dell’agenda digitale; • messa in competenza della Città Metropolitana per i servizi della sicurezza, delle polizie locali, della legalità e della trasparenza; • integrazione tariffaria del sistema dei trasporti; • accorpamento delle reti idriche ed energetiche; • potenziamento e armonizzazione dell’offerta turistica e culturale, del sistema fieristico e congressuale; • tutela e valorizzazione del sistema agricolo metropolitano; • Centri per l’Impiego a sostegno del lavoro. 7
  • 8. I prossimi passi • Occorre garantire una adeguata rappresentanza delle liste civiche del Sud Milano al Consiglio metropolitano. • Per questo proponiamo di costituire un comitato promotore, che assuma poi i ruolo di una «cabina di regia» costituita da rappresentanti delle varie sub-aree che : – Raccolga le esigenze, le vocazioni e le identità dei territori che compongono quest’area ampia, variegata e internamente diversificata – Le trasformi in una serie di proposte e in un programma di sviluppo per il Sud Milano che diventi parte del programma dell’Intera città metropolitana – Consenta in seguito di mettere in piedi le aree omogenee e le entità sovracomunali che dovranno governare la trasformazione del territorio e le politiche dei servizi. • PER QUESTO occorre evitare ad ogni costo una frammentazione tra localismi che ci ridurrebbe all’irrilevanza e garantire il maggior numero possibile di eletti Civici al Consiglio Metropolitano • DUNQUE, incontriamoci con tutte le Liste Civiche o i singoli rappresentanti locali disponibili a condividere le loro situazioni, le problematiche dei loro territori e le loro proposte.. • PERCHE’ C’E’ POCO TEMPO! 8
  • 9. Per contatti: Roberto Masiero Consigliere, Lista Civica «Insieme per Corsico» aderente alla «Rete del Civismo Lombardo» Email: consigliere.masiero@comune.corsico.mi.it Cell. 335-213873 9